updated 5:11 PM UTC, Oct 21, 2021

Covid e vaccini, gli obiettivi di Figliuolo: 8 italiani su 10 immunizzati a settembre, superamento degli hub e somministrazioni delocalizzate. Feste, discoteche, green pass: cosa potrebbe cambiare

Superati i 13 milioni di vaccinati, quasi un italiano su 4 (il 24,01%), con oltre 22milioni di dosi in arrivo a giugno e la soglia delle somministrazioni stabile sopra le 500mila al giorno, il commissario per l'emergenza Francesco Figliuolo indica il piano per l'autunno


Vaccini Italia, in arrivo 5 milioni di dosi. I target di Figliuolo Regione  per Regione - Cronaca

L'80% degli italiani vaccinato entro settembre. Poi l'addio ai grandi hub per tornare alla gestione ordinaria delle somministrazioni attraverso centri capillari, con un maggiore coinvolgimento di medici di base, pediatri e farmacie. Nel frattempo, via all'organizzazione per l'ipotesi della terza dose da somministrare a tutti. Sono gli obiettivi della nuova fase della campagna vaccinale indicati dal commissario per l'emergenza Francesco Figliuolo.

Superati i 13 milioni di vaccinati, quasi un italiano su 4 (il 24,01%), con oltre 22milioni di dosi in arrivo a giugno e la soglia delle somministrazioni stabile sopra le 500mila al giorno, il Commissario Figliuolo indica il piano per l'autunno. L'occasione di fare il punto sui primi tre mesi alla guida della struttura commissariale e tracciare le linee di quelli che verranno dopo l'estate, la offre l'audizione alla Camera in Commissione Bilancio, dove è in discussione il decreto Sostegni.

L'obiettivo del generale Figliuolo

Entro il 30 settembre, dice il generale, avremo vaccinato l'80% della popolazione, vale a dire 54,3 milioni di italiani compresi quelli nella fascia tra 12 e 15 anni, per i quali al  momento è autorizzato solo il vaccino di Pfizer, con Moderna che ha chiesto oggi all'Ema l'autorizzazione anche per gli adolescenti. Per raggiungere l'obiettivo di fine settembre, sottolinea però il Commissario, è necessario proseguire sulla strada intrapresa: collaborazione con le Regioni, il cui coinvolgimento è di "vitale importanza", procedure "flessibili" per le prenotazioni ad agosto, mantenere target di almeno 500mila punture al giorno, continuare a "privilegiare" le somministrazioni agli over 60 e ai fragili.

In autunno il superamento degli hub

Con l'autunno servirà invece una nuova strategia. Che parta dal superamento della gestione emergenziale della pandemia. La "poderosa e complessa" macchina della struttura commissariale dovrà "condurre gradualmente" a una gestione ordinaria delle attività sanitarie da parte  delle amministrazioni centrali e locali competenti. Il generale non indica una data ma fa capire la sua idea: un progressivo assorbimento della struttura commissariale nella Protezione Civile, che si occuperà di approvvigionamenti, logistica e distribuzione dei dispositivi e dei vaccini, e restituzione ai territori della gestione di tutti gli aspetti sanitari. 

L'ipotesi di una terza dose

La gestione ordinaria si porta dietro anche il superamento degli hub. Ci sarà, in sostanza, un "graduale ma necessario" passaggio dalle vaccinazioni effettuate in maniera centralizzata ad un sistema di "vaccinazioni delocalizzate, molto più capillare e prossimo ai cittadini", utilizzando medici di famiglia, pediatri e farmacie. L'ordinarietà va considerata anche alla luce della possibilità di dover procedere ad una terza dose del vaccino. Al momento, la convinzione della maggior parte degli scienziati è che l'immunità abbia una durata di circa un anno e, quindi, è necessario "organizzarci per i richiami" dice il generale, anche alla luce delle varianti che continuano a mutare il virus. 

Sì alle feste private in 7 Regioni

Da oggi, intanto, si allentano ulteriormente le restrizioni anti-Covid. Si torna a far festa in altre quattro Regioni, ora in tutto sette. Ma resta comunque vietato organizzare party in casa o ballare nelle discoteche, che rimangono chiuse almeno per tutto il mese di giugno. Nel rebus delle nuove misure in zona bianca, l'ultima trattativa sul tavolo della politica riguarda la ripartenza del divertimento del popolo della notte. Dopo lo slittamento del coprifuoco a mezzanotte nelle zona gialle, a dividere adesso è il tema del divertimento nella fascia di rischio più bassa.

Attesa sulle discoteche

Nelle prossime ore il Sindacato italiano dei locali da ballo (Silb) incontrerà al ministero della Salute il sottosegretario Andrea Costa, al quale aveva chiesto di essere ascoltato. Stessa richiesta è arrivata dai gestori delle discoteche di 'Asso Intrattenimento' di Confindustria, che potrebbero incontrare Costa nei giorni successivi. Sul tema il ministro Speranza - il quale aveva pur mostrato un'apertura in vista di future valutazioni - resta cauto e non si è ancora pronunciato, ma il pressing del centrodestra, oltre a quello del settore, sale.

"Sì al green pass, ma senza mascherine"

"Proponiamo di ripartire da luglio - spiega il presidente di Asso Intrattenimento, Luciano Zanchi - ma sia chiaro che il nostro lavoro è l'assembramento. La gente viene in discoteca per socializzare perché sono luoghi atti ad accogliere le persone quindi non e' possibile tenere la mascherina in pista, dove si balla e si suda. Siamo assolutamente favorevoli all'entrata con green pass e al tracciamento, quindi entrerebbero nei locali solo persone con anticorpi o comunque risultate negative. E' per questo che sarebbe impossibile rendere obbligatorio l'utilizzo della mascherina".

 

(Fonte: tgcom24)

Covid, Moratti: "La Lombardia sarà la prima regione a raggiungere l'immunità di comunità"

Ottimi risultati in tutte le fasce di età per i vaccini nella regione più colpita dal virus. Parla la vicepresidente e assessore al Welfare della Regione Lombardia, Letizia Moratti: "Dati importanti e un segno fondamentale. Obbligo vaccinale? Difficile, ma si può pensare a incentivi e disincentivi"


"Saremo la prima regione a raggiungere l’immunità di comunità. In Lombardia somministriamo regolarmente più di 100mila vaccini al giorno". Così la vicepresidente e assessore al Welfare della Regione Lombardia, Letizia Moratti, ospite di ‘Mattino Cinque’ su Canale 5.

"Abbiamo un’adesione del 52% sul totale della popolazione" dei 12-29enni in Lombardia, "è un segno fondamentale che va in due direzioni: da una parte la loro libertà e dall'altro la consapevolezza che proteggendo loro stessi proteggono anche le loro famiglie. E poi si va verso un’apertura in sicurezza delle scuole, con la possibilità di tornare in presenza. Il dato di adesione dei giovanissimi è veramente molto importante", ha detto ancora.

"E’ difficile pensare di poter mettere un obbligo, ma è possibile mettere incentivi e disincentivi, come il green pass", per invogliare la popolazione a vaccinarsi contro il Covid, ha poi sottolineato Moratti aggiungendo: "Bisogna ascoltare i medici e i loro consigli. I vaccini offerti sono tutti sicuri perché hanno ottenuto il vaglio dell’Ema e dell’Aifa e i medici sono molto bravi a spiegare".

In vista del ritorno in zona bianca di molte regioni italiane "ci vuole sempre prudenza, bisogna usare le mascherine e gli igienizzanti. Bisogna continuare ad avere responsabilità individuale, ma sono certa che anche con la paura di tornare a periodo chiusura tutti saranno prudenti", ha concluso.

  • Pubblicato in Salute

Il discorso di Putin allo SPIEF, il 24° forum economico internazionale di San Pietroburgo

L'attuale forum è uno degli eventi più ambiziosi dall'inizio della pandemia. Il motto del forum di quest'anno è "Di nuovo insieme per l'economia di una nuova realtà".


Capi di stato e di governo di paesi stranieri, capi di grandi associazioni russe e internazionali, aziende e banche, esperti di spicco e politici hanno preso parte allo SPIEF, sia di persona sia in videoconferenza. Nuove regole e nuove aperture economiche dovranno regolare i prossimi decenni. Maggiori cooperazioni internazionali, Green e forte ripresa dopo la grave recessione dello scorso anno, questi i temi principali temi su cui si è soffermato anche il Presidente russo Vladimir Putin, nel suo discorso di chiusura dei lavori. 

 

Così il presidente ha voluto salutare i presenti: 

"Saluto tutti i partecipanti e gli ospiti del 24° Forum economico internazionale di San Pietroburgo. Sapete che, infatti, dall'inizio dello scorso anno, a causa della pandemia di coronavirus, gli incontri in molte sedi tradizionali sono stati cancellati o tenuti a distanza. E siamo lieti che dopo una pausa così lunga e forzata, sia qui, in Russia, che si sta svolgendo il primo grande evento internazionale di affari, nell'ambito del quale i rappresentanti della comunità imprenditoriale globale, possono comunicare tra loro non solo attraverso i moderni strumenti di comunicazione, ma anche direttamente, come si dice, dal vivo. Allo stesso tempo, ovviamente, abbiamo cercato di fare di tutto per garantire la sicurezza dei partecipanti, tenendo conto dei requisiti sanitari più severi. Ma, ripeto, il fatto stesso che si svolga un forum così rappresentativo è senza dubbio un segnale positivo, un'ulteriore prova che le partnership, i contatti tra imprenditori, investitori ed esperti stanno gradualmente riacquistando la loro forma familiare e normale. Stiamo assistendo alle stesse tendenze positive nell'economia globale. Nonostante la profondità della recessione dello scorso anno, che secondo gli esperti si è rivelata la più grande dalla seconda guerra mondiale, è già sicuro affermare che l'economia globale sta tornando alla normalità. Anche quest'anno si prevede che la crescita del PIL globale sarà insolitamente elevata, la più alta dagli anni '70 del secolo scorso: gli esperti parlano di una crescita del 6%. Questo, ovviamente, è stato influenzato dalle decisioni straordinarie e su larga scala prese dalle autorità economiche di tutto il mondo. Inoltre, la pratica ha dimostrato che le tradizionali misure di politica monetaria da sole non sarebbero sufficienti per superare l'attuale crisi. La politica di bilancio, che per la prima volta è stata così attivamente sostenuta dalle banche centrali dei paesi in via di sviluppo, svolge un ruolo chiave nella rapida ripresa economica. È chiaro che le principali economie hanno molte più risorse e strumenti per stimolare l'attività imprenditoriale. I numeri parlano da soli: se nei paesi sviluppati l'anno scorso l'aumento dei deficit di bilancio è stato in media del 10 per cento del PIL, nei paesi in via di sviluppo è stato di circa il 5 per cento. E sappiamo che sono proprio questi deficit che sono in gran parte responsabili del finanziamento delle soluzioni anticrisi. Il fatto che queste decisioni esistano, che siano finanziate è ovviamente positivo, è indubbiamente positivo, ma purtroppo ci sono anche aspetti negativi. Di conseguenza, vediamo che l'economia globale si sta riprendendo in modo non uniforme, tenendo conto delle diverse capacità dei diversi paesi. Ciò è irto di squilibri crescenti, che ampliano il divario nel tenore di vita sia all'interno dei singoli paesi che tra di essi. E questo comporta gravi rischi politici, economici e sociali per lo sviluppo del mondo moderno interconnesso, per la sicurezza comune". 

 

Altro tema non sottovalutato da Putin è quello della difficile diffusione a livello mondiale dei vaccini e la conseguente diffusione della pandemia, che prosegue a velocità diverse: 

"Un buon esempio è la lotta contro l'epidemia. Fino a quando non garantiremo un accesso ampio e onnipresente ai vaccini contro il coronavirus in tutti i continenti, il pericolo di un'epidemia e dei suoi nuovi focolai non scomparirà, rappresentando una minaccia per l'intero pianeta. Tuttavia, cosa vediamo ora? Secondo l'FMI, i paesi ad alto reddito, che ospitano il 16% della popolazione mondiale, rappresentano ora la metà dei vaccini contro il coronavirus prodotti. Di conseguenza, fino ad oggi, solo il 10% circa della popolazione mondiale è stato completamente vaccinato o ha ricevuto il primo componente della vaccinazione, mentre centinaia di milioni di persone semplicemente non hanno accesso a un vaccino a causa del fatto che questi paesi non lo producono. Non dispongono della tecnologia, della capacità produttiva o dei fondi per acquistare vaccini. E l'assistenza a questi paesi da parte di coloro che potrebbero farlo è ancora trascurabile. Ci sono divieti politicamente motivati ​​all'acquisto di vaccini testati, efficaci e provati.  Come sapete, la Russia sta contribuendo alla lotta contro il coronavirus. "Sputnik V" è già stato registrato in 66 paesi del mondo, dove vivono più di tre miliardi e duecento milioni di persone. Vorrei sottolineare: non solo abbiamo creato tecnologie uniche e stabilito rapidamente la produzione di vaccini in Russia, ma abbiamo anche aiutato i nostri partner stranieri a sviluppare tale produzione nei loro siti. Finora, ad eccezione della Russia, nessuno lo sta ancora facendo. Oggi, ogni cittadino adulto della Russia ha l'opportunità di vaccinarsi, volontariamente e gratuitamente. L'efficacia del nostro vaccino è superiore al 96 percento. E, secondo i nostri studi, non c'è stata una sola morte per l'uso del vaccino. Inoltre, chiedo al governo, alle regioni e alle imprese di elaborare insieme i problemi della vaccinazione delle persone che vengono in Russia per lavoro. Molti di questi specialisti sono impiegati con noi nei settori dell'edilizia, del commercio e dei servizi comunali. L'industria farmaceutica nazionale è pronta ad aumentare ulteriormente la produzione di vaccini, ovvero non solo soddisfiamo pienamente le nostre esigenze, ma possiamo anche fornire un'opportunità ai cittadini stranieri di venire in Russia e farsi vaccinare qui. So che, data l'efficacia dei nostri vaccini, questa domanda è piuttosto alta. Inoltre, la pratica si è diffusa quando persone di diversi paesi, inclusi uomini d'affari, capi di grandi aziende europee e di altro tipo, vengono appositamente in Russia per vaccinarsi contro il coronavirus. A tal proposito, chiedo al Governo di analizzare tutti gli aspetti della questione entro la fine del mese in modo che, tenendo conto delle esigenze di sicurezza, del controllo sanitario, si organizzino le condizioni corrette per i cittadini stranieri al fine che possano vaccinarsi a pagamento e in modo sicuro."

 

Altro punto toccato dal presidente il gasdotto Nord stream2, la tratta che dalla Russia alla Germania distribuirà il prezioso elemento in tutta l'Europa.

"Sono lieto di annunciare che oggi, esattamente due ore e mezza fa, si è conclusa con successo la posa delle tubazioni per la prima stringa del gasdotto Nord Stream 2. Il lavoro sulla seconda linea continua. L'intera opera lineare, compresa la sezione offshore, è completata. Anche dal lato tedesco l'opera si sta concludendo e prevedo che nel giro di poche settimane, le due tratte saranno collegate e ben saldate tra loro. Gazprom è pronta a riempire di gas il Nord Stream 2. Questa rotta collegherà direttamente i sistemi di trasporto del gas della Russia e della Repubblica federale di Germania e, come Nord Stream 1, servirà la sicurezza energetica dell'Europa e un approvvigionamento affidabile per i consumatori europei in generale. Aggiungo che questo progetto è molto conveniente e rispetta pienamente gli standard ambientali e i requisiti tecnici più rigorosi. Siamo pronti a continuare a realizzare progetti high-tech simili con i nostri partner europei e altri e speriamo che la logica del mutuo vantaggio prevalga inevitabilmente su ogni sorta di barriere artificiali dell'attuale ambiente politico."

 

L'ultimo punto veramente sentito dal premier russo è quello del cambiamento climatico. Putin nel suo discorso sottolinea quanto sia importante una cooperazione internazionale, smettendola con le distorsioni delle verità, tutti gli stati devono essere coinvolti in egual misura e con le stesse intenzioni:

"Serve una cooperazione internazionale per superare le conseguenze socio-economiche dell'epidemia. Inoltre, occorre unire gli sforzi di fronte a sfide comuni, sistemiche e di lungo periodo, che non dipendono dalle condizioni di mercato, dalle controversie politiche e dagli allineamenti, ma determinano in modo decisivo il futuro dell'intera civiltà. Di cosa sto parlando ora, cosa intendo? Prima di tutto, stiamo parlando dell'agenda per il clima. Secondo gli scienziati, a causa dell'attività economica umana, nell'atmosfera terrestre si sono accumulate oltre due trilioni di tonnellate di gas serra. Ogni anno, il loro volume aumenta di 50 miliardi di tonnellate, riscaldando gradualmente il pianeta. Abbiamo sentito spesso parlare del fatto che la Russia, non sia molto interessata a risolvere i problemi ambientali globali. Questa è una sciocchezza, questo è un mito, o addirittura una vera e propria distorsione. Come altri paesi, sentiamo i rischi e le minacce in quest'area, tra cui la desertificazione, l'erosione del suolo e lo scioglimento del permafrost. Molti dei presenti in sala conoscono e lavorano nell'Artico: abbiamo intere città lì, nell'Artico, costruite sul permafrost. Se tutto inizierà a sciogliersi, quali saranno le conseguenze per la Russia? Naturalmente, siamo preoccupati per questo. Sosteniamo costantemente l'attuazione della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, del Protocollo di Kyoto e dell'Accordo di Parigi. Vorrei sottolineare: non esiste un clima russo, europeo, asiatico o americano separato. Tutti i nostri paesi hanno una responsabilità comune per il mondo moderno, per la vita delle generazioni future. È necessario mettere da parte le divergenze politiche e di altro tipo, per non trasformare il passaggio alla “carbon neutrality” in uno strumento di concorrenza sleale quando, con il pretesto di una falsa strategia per l'interesse specifico di qualcuno, si cerca di rimodellare gli investimenti e il commercio limitando l'accesso alla tecnologia avanzata "verde" a tutti. Come vediamo il contributo del nostro Paese alla soluzione del problema del cambiamento climatico? Sono fiducioso che, a causa delle dimensioni, della posizione e del ruolo della Russia nel mondo, i progetti ambientali e climatici nel nostro paese svolgeranno un ruolo di primo piano negli sforzi globali per preservare il clima per molti decenni. Abbiamo fissato un obiettivo: nei prossimi 30 anni, il volume accumulato di emissioni nette di gas serra in Russia dovrebbe essere inferiore a quello in Europa. Sono convinto che si tratti di un compito ambizioso ma risolvibile, e chiedo al governo di elaborare un piano d'azione dettagliato al riguardo entro il 1° ottobre di quest'anno. Ma discuteremo questo problema in una riunione separata. A proposito, sulla base dell'industria nucleare, la Russia sta già creando un'infrastruttura per la produzione di idrogeno, che verrà utilizzata come materia prima, combustibile, vettore energetico, anche nella metallurgia, nella produzione di cemento e nei trasporti. La Russia ha un colossale potenziale di assorbimento di Co2 con le foreste, la tundra, i terreni agricoli, le paludi, il nostro paese rappresenta un quinto delle foreste del mondo, che occupano quasi 10 milioni di chilometri quadrati. Secondo esperti, scienziati, già adesso assorbono miliardi di tonnellate di anidride carbonica ogni anno".

 

Infine il presidente ha voluto personalmente ringraziare e salutare le delegazioni presenti al Forum, partendo dall'ospite d'onore...

"Cari colleghi, concludendo il mio intervento, vorrei ribadire che, nonostante tutte le prove legate alla pandemia globale, la vita sta gradualmente tornando alla normalità. Un esempio lampante di ciò, lo ripeto ancora una volta, è il nostro incontro a San Pietroburgo. E la prossima settimana la Russia ospiterà sei gare della fase a gironi, un quarto di finale proprio qui a San Pietroburgo. A questo proposito desidero rivolgere i miei migliori auguri al nostro grande amico, l'Emiro del Qatar. Ieri era il suo compleanno. Ci congratuliamo con voi, vostra altezza. Sono fiducioso che il Qatar ospiterà il Campionato mondiale di calcio il prossimo anno con grande successo. Questi grandi eventi e il forum uniscono davvero e avvicinano persone provenienti da diversi paesi. I rappresentanti delle imprese, numerosi in sala, sanno bene che è una comunicazione diretta basata sulla fiducia reciproca che, per molti aspetti, porta avanti progetti e iniziative imprenditoriali, e quindi l'intera economia mondiale. La Russia creerà tutte le opportunità per tale comunicazione, per lo scambio di esperienze, per la dimostrazione dei risultati più avanzati della scienza e della tecnologia. Grazie per la vostra pazienza, attenzione e vi auguro il successo."

        

Fonte: Camera di Commercio Italo-Russa (CCIR)

          Arch. Giuseppe De Gaetano; Direttore CCIR di Novara Italia

          Dott. Maxim Ospovat; Direttore CCIR di San Pietroburgo Russia

Il sottosegretario Costa: "Entro fine luglio via le mascherine all'aperto". La svolta grazie ai vaccini. Ristoranti e discoteche, cosa cambierà

Si viaggia verso i 70 milioni di dosi e finalmente si allentano le restrizioni per avvicinarsi alla tanto agognata "normalità". Il punto del sottosegretario alla Salute, Andrea Costa


Sottosegretario di Stato alla Salute Andrea Costa a Savona in visita  all'ASL2

Ad oggi in Italia sono state somministrate 36 milioni di dosi di vaccino e "con questo ritmo supereremo tra giugno e luglio i 70 milioni, molti dei quali con monodose". E' quanto afferma il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, aggiungendo: "Per questo giugno sarà un mese di svolta. Mantenendo questo trend entro fine luglio si arriverà a poter togliere le mascherine all'aperto".

"Per ristoranti all'aperto si tolga limite 4 a tavola"

"Dobbiamo dare assolutamente delle prospettive ai cittadini e bisogna considerare in maniera diversa le zona gialle da quelle bianche. Almeno per i ristoranti all'aperto in zona bianca - si augura Costa - si arrivi a togliere il vincolo del limite massimo di quattro persone al tavolo: sarebbe un primo segnale di distensione. Per i locali al chiuso credo si possa anche prevedere una restrizione iniziale, ci può stare purché sia graduale".

"Discoteche riaprano per ballare - "Questione discoteche. "Tra i temi rimasti da affrontare c'è quello delle discoteche: non possiamo permetterci di approcciare il problema come lo scorso anno. Dobbiamo essere coerenti e seri, le discoteche vanno riaperte per poter andare a ballare e socializzare". E aggiunge il sottosegretario: "Se si aprono le discoteche, non bisogna tener conto di restrizioni sul distanziamento, il criterio dovrà essere quello di monitorare e tracciare chi entra. Sull'obbligatorietà delle mascherine bisogna invece ragionarci, ma mi sembra al momento prematuro toglierle. Il Cts sta comunque esaminando un protocollo".

 

(Fonte: tgcom24)

Covid, il virologo italiano negli Usa: "Origine naturale o da laboratorio entrambe plausibili"

Parla Guido Silvestri, docente alla Emory University di Atlanta, negli Stati Uniti. Secondo lui è un argomento "non solo alquanto spinoso dal punto di vista tecnico, ma anche prono ad essere contaminato da considerazioni di tipo politico" 


Un laboratorio de Londres paga £3.500 a voluntarios para infectarse de  coronavirus | El Ibérico

"Le due ipotesi, origine 'naturale' e virus 'di laboratorio'", per il coronavirus sono al momento "entrambe plausibili, e chiunque dica che una delle due è 'certa', oppure che è certamente sbagliata, fa un'affermazione non giustificata dalle attuali conoscenze". Lo precisa il virologo italiano Guido Silvestri, docente negli Usa alla Emory University di Atlanta, che in un lungo post su Facebook prova a fare chiarezza su un argomento che è "non solo alquanto spinoso dal punto di vista tecnico, ma anche prono ad essere contaminato da considerazioni di tipo politico".

"Per quanto mi riguarda - afferma l'esprto - io condivido parola per parola quanto scritto su 'Science' solo alcuni giorni fa da un gruppo di giganti della virologia, tra cui Pam Bjorkman, Ralph Baric, David Relman, Ruslan Medzhitov, Michael Worobey: 'Dobbiamo prendere sul serio sia l'ipotesi dell'origine naturale che quella dell'origine di laboratorio. Una indagine valida deve essere trasparente, oggettiva, basata sui dati, fatta da esperti di varie discipline, soggetta a revisione indipendente, e gestita in modo tale da limitare i conflitti di interesse. Agenzie di salute pubblica e laboratori di ricerca devono aprire i loro archivi al pubblico'".

Silvestri premette che spiegare gli elementi oggi a disposizione della scienza per sciogliere il dubbio sull'origine del patogeno pandemico "non è cosa facile, ma ci provo lo stesso, perché purtroppo su questo tema - sottolinea - c'è tanta confusione a causa di gente che parla e straparla senza capire niente di virologia".

"In particolare - scrive Silvestri su Fb - parlerò brevemente della 'misteriosa' sequenza di 12 nucleotidi presenti nel genoma di Sars-CoV-2 a cui ho accennato" in un'intervista televisiva andata in onda domenica 30 maggio durante la trasmissione 'Mezz'ora in più' su Rai3. "Mi riferisco al sito di clivaggio della furina (un enzima proteolitico) che è presente tra la subunità 1 (S1) e la subunità 2 (S2) della Spike (S) di Sars-CoV-2. Si tratta 4 residui amino-acidici, Prra (prolina-arginina-arginina-alanina), corrispondenti appunto a 12 nucleotidi (quindi 4 codoni, CCT-CGG-CGG-GCA), inseriti in una posizione strategica tra la serina 680 e l'arginina 681 della proteina Spike. Questo prendendo come referenza il virus del pipistrello Rhinolophus affinis RatG13, visto che si tratta del virus più vicino filogeneticamente a Sars-CoV-2".

"Secondo l'ipotesi dell'origine naturale' (il famoso salto di specie dal pipistrello all'uomo, con o senza un ospite intermedio) - dettaglia il virologo - questa sequenza di 12 nucleotidi potrebbe essersi inserita come risultato di una mutazione casuale (evento estremamente improbabile per una serie di motivi legati alla biologia della replicazione del Rna nei coronavirus che non posso approfondire in questa sede), oppure a seguito di un evento di ricombinazione che potrebbe essere avvenuto in un animale infettatosi contemporaneamente con due virus diversi (evento invece molto più probabile). Al contrario, secondo l'ipotesi del virus da laboratorio, la sequenza sarebbe stata inserita artificialmente come parte di un esperimento di manipolazione del genoma virale in vitro, fatto per studiare i meccanismi patogenetici dei coronavirus umani".

"Se ci si muove nell'ambito dell'ipotesi dell'origine naturale, la cosa curiosa che si nota a proposito del furin-cleavage site - evidenzia Silvestri - è che le 2 arginine (R-R) sono sintetizzate a partire da 2 codoni CGG-CGG che, come tali, non sono mai stati identificati (almeno per quanto io ne sappia al momento) in ogni altra coppia di arginine che facciano parte di un furin-cleavage site di altri coronavirus conosciuti con cui RaTG13 si sarebbe ricombinato per formare Sars-CoV-2. In altre parole, il virus che avrebbe fornito la sequenza nucleotidica specifica corrispondente al Prra non è al momento conosciuto. Da notare che è possibilissimo che un giorno questo virus venga identificato, perché di coronavirus in natura ce ne sono moltissimi, ma per ora questo virus non lo abbiamo scoperto".

"Se volete - prosegue lo scienziato - a questo punto sta ad ognuno di noi decidere, da buoni seguaci di Guglielmo di Occam, quale ipotesi sia più parsimoniosa. Quella dell'origine naturale postula la presenza di un virus in natura che abbia la sequenza di 12 nucleotidi del sito di clivaggio per la furina con i 2 codoni appaiati CGG-CGG, e richiede una spiegazione di come il virus sia partito dalla provincia di Yunnan, dove stanno i pipistrelli a migliaia di km da Wuhan, per far partire l'epidemia nel mercato del pesce di Huanan, che sta ad un tiro di schioppo dal Wuhan Institute of Virology (dove si studiano, appunto, i coronavirus umani). Tuttavia nemmeno l'ipotesi del virus da laboratorio è molto occamista, in quanto al momento non c'è assolutamente alcuna prova che dei ricercatori, a Wuhan o altrove, abbiano creato e inserito dentro RaTG13 la sequenza di 12 nucleotidi di cui sopra". Da qui la conclusione: al momento nessuna delle due ipotesi è certa, ma entrambe sono plausibili e vanno indagate.

 

(Fonte: Adnkronos)

  • Pubblicato in Salute

Vaccini anti-Covid, il generale Figliuolo vuole vincere la guerra entro l'estate: "In arrivo 3,5 mln dosi di Pfizer. A giugno la spallata"

Speranza: "Mai più tagli al servizio sanitario. Fase nuova, serve un patto. Il Paese sta per uscire dalla crisi"


"Stiamo distribuendo 3,5 milioni di Pfizer che ci darà modo di partire a giugno. Lo ha detto il commissario per l'emergenza Francesco Figliuolo inaugurando l'hub vaccinale nella sede di Confindustria a Roma.

"A giugno - ha aggiunto - daremo la spallata" al virus con l'arrivo di oltre 20 milioni di dosi. 

"Non dobbiamo sprecare questa crisi, dobbiamo assumere impegni per il futuro di questo paese e questo significa difendere il Servizio sanitario nazionale con tutte le forze, chiudere la stagione dei tagli e aprire una e di grandi investimenti". Così il ministro della Salute Roberto Speranza all'inaugurazione dell'hub vaccinale nella sede di Confindustria a Roma. "Lo sviluppo economico e sociale del paese - aggiunge - ha nella vittoria della battaglia sanitaria la sua premessa".

Bisogna unire l'Italia, "serve un patto Paese che declini e gestisca questa fare, che speriamo sia l'ultima di un'epidemia che ci ha fatto perdere tante vite umane. Si apre la possibilità di trasformare una crisi in una grande opportunità di ripartenza". Lo dice il ministro della Salute Roberto Speranza intervenendo all'inaugurazione dell'hub nella sede di Confindustria a Roma. "Nessuno ce la fa da solo, non il governo, non il commissario, non un ministro, non le regioni - ha aggiunto - dobbiamo ripartire insieme"

 

(Fonte: Ansa)

  • Pubblicato in Salute

Italia verso la zona bianca, tre Regioni già da oggi. Decessi ai minimi da ottobre, campagna vaccinale al galoppo: si ricomincia a respirare

Zona bianca da oggi 31 maggio per Sardegna, Friuli Venezia Giulia e Molise, senza coprifuoco e con regole per le riaperture secondo le linee guida del Cts. Entra in vigore l'ordinanza del ministro della Salute, Roberto Speranza, dopo una giornata caratterizzata da 2.949 contagi e 44 morti, il dato più basso per quanto riguarda i decessi dal mese di ottobre. Non sono state registrate vittime nelle province autonome di Bolzano e Trento, in Valle d’Aosta, Abruzzo e Basilicata. Cala anche l'occupazione delle terapie intensive, con 1.061 pazienti ricoverati (-34)


Accelera il conto alla rovescia verso la normalità nel Ponte del 2 giugno, un assaggio di vacanze ormai quasi vere per milioni di italiani. Oggi tocca a Friuli Venezia Giulia, Sardegna e Molise - le prime tre regioni che diventano 'bianche' - dire addio al coprifuoco e salutare le riaperture di ristoranti e bar al chiuso, piscine coperte, parchi tematici, sale giochi, wedding, fiere, sagre, circhi, corsi di formazione, convegni.

L'1 giugno si potrà mangiare nei locali al chiuso ed assistere agli eventi sportivi al coperto (con capienza al 25%) in tutta Italia. Il 7 giugno il coprifuoco slitta alle 24 a livello nazionale (uscita libera, invece, per le regioni bianche).

La corsa alle riaperture è spinta dalla campagna vaccinale - anche ieri sopra le 500mila somministrazioni giornaliere dopo il record di venerdì - e dal continuo calo di contagi e vittime: ieri i morti sono stati 44, il numero più basso dallo scorso 14 ottobre. In continua diminuzione i ricoverati in terapia intensiva (sono 1.061), che si avviano a scendere sotto quota mille dopo mesi. In risalita il tasso di positività, all'1,8% (+0,5% rispetto a ieri) Il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, sparge ottimismo. "Non dobbiamo preoccuparci - assicura - dell'aumento di contagi in Inghilterra: lì ci sono stati seimila casi di variante indiana, di cui 5mila da persone non vaccinate. In Italia la variante indiana è all'1%. Noi dobbiamo correre con la vaccinazione, completare le seconde dosi, continuare con mascherine e distanze e insieme, noi e la popolazione, ci lasceremo questa situazione alle spalle". Intanto, il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato la proroga dell'ordinanza, fino al 21 giugno, che vieta l'ingresso in Italia per chi proviene da India, Bangladesh e Sri Lanka. Le tre regioni bianche, dunque, oggi dicono addio a mesi di restrizioni (la Sardegna, in effetti, era diventata bianca già a fine febbraio ma poi era tornata rossa): continuano ad essere in vigore gli obblighi di mascherina e distanziamento, ma ripartono tutte le attività che erano state sospese dalla pandemia. Resta lo stop, invece, per le discoteche come attività di ballo. E Sileri si augura che "possano riaprire presto con il green pass e diventare un punto dove ci si possa anche vaccinare e raggiungere così i giovani che a volte sono più refrattari alle vaccinazioni".

Dal 7 giugno saranno in bianco - secondo l'attuale andamento dei contagi - anche Abruzzo, Liguria, Umbria e Veneto, mentre dal 14 dovrebbe toccare a Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Piemonte, Puglia e alla provincia di Trento.
Le ultime sette regioni ancora gialle potrebbero cambiare colore dal 21 giugno, con l'inizio dell'estate. Il calendario delle riaperture prevede (per le regioni non bianche) il via libera dal 15 giugno ai matrimoni con cerimonia, parchi tematici e congressi; dal 21 giugno via il coprifuoco; dall'1 luglio riprendono infine corsi di formazione, centri benessere, sale giochi, eventi sportivi al chiuso, piscine coperte. Per quest'ultima attività Anna Maria Bernini (Forza Italia) invita il Governo a valutare "con grande attenzione l'appello del presidente della Federazione Nuoto Paolo Barelli, che chiede di anticipare la riapertura". Sul fronte vaccini, giovedì prossimo si archivia definitivamente il sistema delle fasce di età (già bypassato in alcune Regioni dai vari open day organizzati) : chiunque, dai dodicenni in su, potrà vaccinarsi.

Per la fascia dei ragazzi tra i 12 ed i 15 anni l'Aifa (Agenzia italiana del farmaco) entro oggi dovrebbe esprimersi, dopo l'ok arrivato dall'Ema. "Pensare agli adolescenti e ai bambini - ha spiegato il presidente dell'Aifa, Giorgio Palù - è importante perchè sappiamo che se vogliamo limitare la catena della trasmissione questo è il meccanismo".

Le somministrazioni totali sono 34.234.814, le persone immunizzate sono 11.785.375 (un italiano su 5). E a giugno sono attese oltre 20 milioni di dosi. Mentre parte la vaccinazione 'universale' c'è il problema di raggiungere i soggetti in età vulnerabile finora sfuggiti alle punture: si tratta in primo luogo di 375mila over 80 (poco più dell'8% della popolazione complessiva di quella fascia d'età); poi 1 milione e 97mila tra i 70 ed i 79 anni (il 18%) e 2 milioni e 345mila tra i 60 ed i 69 anni (il 31%). Sempre dal 3 giugno, infine, le somministrazioni potranno avvenire anche nelle aziende: nelle scorse settimane oltre 700 avevano dato disponibilità.

 

(Fonti: Adnkronos e Ansa)

Covid, la retromarcia del professor Galli: "Numeri in netto miglioramento, sono stupito". Poi la butta in politica: "Io catastrofista? Etichetta attaccatami addosso dai giornali di destra"

Parla Massimo Galli, direttore delle Malattie Infettive dell'Ospedale Sacco di Milano: "I vaccini stanno facendo da scudo per morti e ricoveri, hanno spostato gli equilibri più velocemente di quanto mi aspettassi"


Coronavirus, l'annuncio del primario Massimo Galli: "Basta tv per almeno  una settimana, la situazione è tale che non ho più tempo" - Il Fatto  Quotidiano

"Il mio è un compiaciuto stupore perché in Italia i numeri dell'epidemia sono in netto miglioramento, al di là delle più rosee aspettative. Con le riaperture c'era un 10% di probabilità che le cose seguissero questa via, ma alla fine è andata bene e ne sono davvero felice". Lo dice Massimo Galli, direttore delle Malattie Infettive dell'Ospedale Sacco di Milano. "La campagna vaccinale - sottolinea - ha comportato una svolta, che non sarà temporanea".

"I vaccini stanno facendo da scudo per morti e ricoveri, hanno spostato gli equilibri più velocemente di quanto mi aspettassi e lo zoccolo dei vaccinati sta crescendo ulteriormente", dice ancora Galli al Corriere della Sera. "Inoltre l'immunizzazione ha funzionato meglio nel nostro Paese rispetto altrove, in proporzione ai vaccini fatti. Merito anche degli anziani e dei fragili che hanno fatto in modo di esporsi il meno possibile al virus. E mi permetta, merito anche dei costanti inviti alla prudenza, senza assumere posizioni facilone".

"Io catastrofista? Respingo questa definizione. Direi che per motivi molto politici e poco nobili questa etichetta - chiarisce l'infettivologo - è stata appiccicata addosso a me e ad altri miei colleghi dai giornali di destra. Ma tra l'essere ottimisti per piacere, in assenza di dati (li chiamo riduzionisti), e raccontare come stanno davvero i numeri passando per catastrofisti c'è differenza". 

 

(Fonte: tgcom24)

  • Pubblicato in Salute
Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS