updated 2:03 PM UTC, Apr 14, 2021

Europarlamento, il partito di Orban lascia il Ppe: "Non permetteremo che i nostri deputati vengano messi a tacere". Cosa sta succedendo nel centrodestra (in Europa e da noi)

Viktor Orban, premier ungherese Viktor Orban, premier ungherese

Il gruppo del Partito popolare europeo ha approvato le nuove regole sulle sospensioni. Nel mirino c'è da tempo proprio Fidesz, il partito del leader conservatore dell'Ungheria, che ora se ne va sbattendo la porta. Entrerà nel raggruppamento della Meloni? Lo sostituirà Salvini alle prese con la svolta "euro-moderata"?


UE: Orban si congratula con Meloni, "in Europa servono combattenti  coraggiosi" | La Voce del Patriota

Fidesz, il partito conservatore del premier ungherese Viktor Orban, annuncia il ritiro della propria delegazione dal Partito popolare europeo (Ppe). L'annuncio giunge in concomitanza del voto sulla revisione dello statuto dei Popolari europei che, secondo gli osservatori, potrebbe portare all'esclusione del partito magiaro, già sospeso a suo tempo dal Ppe. Il primo ministro ungherese Viktor Orban ha informato che il suo partito lascerà il gruppo del Ppe al Parlamento europeo, in risposta al voto dei deputati su una riforma dello statuto che spiana la strada all'esclusione. "Vi informo che i membri di Fidesz si stanno ritirando dal gruppo Ppe" con "effetto immediato", scrive

il leader in una lettera al presidente del Ppe, Manfred Weber,  postata su Twitter da uno dei suoi ministri, denunciando un approccio "antidemocratico, ingiusto e inaccettabile". Prima dell'annuncio di Orban del ritiro dei suoi eurodeputati, il gruppo del Ppe al Parlamento europeo aveva approvato il  nuovo regolamento con 148 voti favorevoli, 28 contrari e 4 astensioni, così come aveva annunciato su Twitter Pedro Lopez de Pablo, il capo ufficio stampa del gruppo. Il nuovo regolamento interno aggiorna le norme esistenti in vigore dall'ottobre 2013: le nuove regole specificano le procedure relative all'appartenenza al gruppo e a quali condizioni possono avvenire sospensioni ed esclusioni. sullo sfondo c'era proprio il caso del partito del premier  ungherese Fidesz.

La reazione degli ungheresi, ad una mossa che evidentemente non è arrivata inattesa, è stata fulminea: il primo ministro magiaro ha scritto al presidente del gruppo dei Popolari, il bavarese Manfred Weber, annunciando che gli eurodeputati lasceranno il gruppo Ppe "immediatamente", dato che le nuove regole sono "chiaramente una mossa ostile a Fidesz e ai suoi elettori". Il partito resta sospeso dal Ppe, ma era fino a oggi membro a tutti gli effetti del gruppo parlamentare. 

"Non permetteremo che i nostri deputati al Parlamento europeo vengano messi a tacere o limitati nella loro capacità di rappresentare i nostri elettori. Affrontare la pandemia e salvare vite umane rimane la nostra priorità numero uno. Pertanto, a seguito dell'adozione delle nuove regole del gruppo del Ppe Fidesz ha deciso di lasciare il Gruppo". Lo scrive su Twitter Katalin Novak, ministra ungherese. 

Ultima modifica ilMercoledì, 03 Marzo 2021 15:41

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.