updated 2:25 PM UTC, Feb 25, 2021

Biden subito al lavoro e parte "cancellando" Trump: obbligo di mascherina, stop al muro col Messico e via il bando contro l'immigrazione dai paesi islamici nemici

Biden subito al lavoro: firmati 17 provvedimenti Biden subito al lavoro: firmati 17 provvedimenti

Come primo atto il nuovo inquilino della Casa bianca ha firmato 17 ordini esecutivi: gli Stati Uniti ritornano negli accordi di Parigi sulla lotta al cambiamento climatico e nell'Oms


Joe Biden e il corteggiamento ai cattolici. Qualche volta sui generis »  Caffestoria

"Non c'è momento migliore per iniziare che l'oggi". Così Joe Biden ha commentato con i giornalisti nello Studio Ovale il fatto di aver voluto firmare già nel primo giorno 17 "coraggiosi" ordini esecutivi, tra i quali quello che impone l'uso della mascherina in tutte le proprietà federali ed altre misure tese, ha detto, a mantenere le sue promesse fatte agli americani tra cui quella per l'eguaglianza razziale. "Credo che con la situazione in cui si trova la nazione non ci sia tempo da perdere, dobbiamo metterci subito al lavoro" ha detto Biden. "Alcune delle azioni esecutive che firmo oggi aiuteranno il corso della crisi del Covid e a combattere i cambiamenti climatici in modi che finora non abbiamo usato", ha detto ancora il presidente che ha definito queste azioni dei "buoni punti di partenza". "Ma dobbiamo ancora fare tanta strada, queste sono azioni esecutive, ma abbiamo bisogno di leggi per molte delle cose che vogliamo fare".

Tra i 17 provvedimenti quello per fermare il processo avviato da Trump di ritiro della dall'Oms, un'organizzazione definita "essenziale" nel contrasto alla pandemia. Con un'altra misura poi si avvierà il rientro nell'accordo di Parigi, sempre rovesciando una politica di Trump. L'atto sarà depositato già oggi presso le Nazioni Unite e gli Stati Uniti ne faranno ufficialmente di nuovo parte tra un mese.

Continuando poi nelle azioni simboliche di ripudio delle politiche di Trump, un altro ordine esecutivo mette fine al cosiddetto 'muslim ban', controverso architrave della politica anti-immigranti dell'ex presidente repubblicano. La misura attualmente in vigore limita l'accesso negli Usa per motivi di sicurezza ai cittadini provenienti da Iran, Libia, Somalia, Siria e Yemen, oltre a quelli provenienti dal Venezuela e dalla Corea del Nord.

Ma forse il gesto simbolicamente più importante è quello dello stop alla costruzione del muro anti-migranti al confine con il Messico con la cessazione immediata della dichiarazione di emergenza nazionale che fu usata come "pretesto" per finanziare il muro.

 

(Fonte: Adnkronos)

Ultima modifica ilGiovedì, 21 Gennaio 2021 15:02

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.