updated 10:37 AM UTC, Jan 25, 2021

Trump escluso dai social, parla il fondatore di Twitter: "Precedente pericoloso, un fallimento da parte nostra nel promuovere una sana conversazione"

Jack Dorsey, fondatore di Twitter, riflette sul ban del presidente Usa dai social network Jack Dorsey, fondatore di Twitter, riflette sul ban del presidente Usa dai social network

Le riflessioni di Jack Dorsey: "Questo tipo di misure ci dividono. Limitano le possibilità di spiegare, di riscattarsi, di imparare". Intanto anche Snapchat ha bandito permanentemente il presidente americano dal social network


Il fondatore di Twitter, Jack Dorsey, considera "giusta" la decisione di bannare il presidente americano Donald Trump dalla piattaforma. Ma allo stesso tempo spiega che è comunque un "fallimento" e che "stabilisce un precedente pericoloso" nell'ambito del potere detenuto dalle grandi aziende. Intanto anche Snapchat ha bandito permanentemente il tycoon dal social network.

E' un "fallimento da parte nostra nel promuovere una sana conversazione", ha twittato Dorsey in una serie di messaggi in cui riconsidera la decisione del social network di bandire a tempo indeterminato Trump. Questo tipo di misure "ci dividono. Limitano le possibilità di spiegare, di riscattarsi, di imparare", continua. "E crea un precedente che penso sia pericoloso: il potere che un individuo o un'azienda ha su parte della conversazione pubblica globale".

Twitter era il principale strumento di comunicazione del tycoon, che lo utilizzava quotidianamente per raggiungere direttamente i suoi 88 milioni di follower. E' stato anche sospeso da Facebook, Snapchat e Twitch. E per una settimana anche da YouTube. Ma la decisione di Twitter di gran lunga la più iconica. Dorsey sottolinea che l'equilibrio del potere è stato rispettato fintanto che "le persone potevano semplicemente rivolgersi a un altro servizio se le nostre regole e la nostra applicazione delle regole non le soddisfacevano". Ma "questo concetto è stato messo in discussione la scorsa settimana quando anche diversi altri fornitori di strumenti internet essenziali hanno deciso di non ospitare ciò che ritenevano pericoloso", ammette.

 

(Fonte:tgcom24)

Ultima modifica ilGiovedì, 14 Gennaio 2021 13:53

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.