updated 10:37 AM UTC, Jan 25, 2021

Il Congresso conferma la vittoria di Biden dopo la rivolta dei "pro Trump"

  • Scritto da Zonca2021
  • Pubblicato in Esteri

Alla fine di una giornata caotica che ha causato quattro morti il presidente Trump si impegna per un "normale" passaggio di potere...


I sondaggi e le istituzioni hanno dato il colpo di grazia all'era Trump, giovedì mattina dopo una giornata sfortunata per la storia degli Stati Uniti, il Congresso ha confermato la vittoria del democratico Joe Biden.

Poche ore prima il Congresso era stato aggredito da una folla di sostenitori del presidente repubblicano, agitati dalle sue accuse di frode elettorale. I gravi disordini, in cui sono morte quattro persone, hanno costretto a sospendere la seduta e a dispiegare la Guardia Nazionale, ma il Campidoglio si è riunito di nuovo nella stessa notte, in una determinata dimostrazione di fermezza e ha rispettato la Costituzione. Alle 3:40 (ora di Washington City), il vicepresidente Mike Pence ha dichiarato Biden vincitore dopo giorni di pressioni. 

Biden entrerà in carica e lancerà un governo con un ampio margine di manovra, poiché i Democratici controlleranno la Casa Bianca, la Camera dei Rappresentanti e, dopo le elezioni di martedì in Georgia, anche il Senato. Inizierà quindi il duro lavoro per chiudere le ferite di quest'ultimo periodo. I leader di tutto il mondo hanno condannato gli ultimi avvenimenti in quello che è orgoglioso essere, un paese di riferimento per la democrazia e la forza istituzionale.

"Finiremo esattamente ciò che abbiamo iniziato e certificheremo il vincitore delle elezioni presidenziali del 2020, il comportamento criminale non dominerà mai il Congresso degli Stati Uniti", ha affermato il leader repubblicano del Senato Mitch McConnell. L'attuale capo della minoranza conservatrice ha definito la rivolta una “insurrezione fallita” e ha proclamato con orgoglio: “Gli Stati Uniti e questo Congresso hanno affrontato minacce molto più grandi della folle folle di oggi. Non ci hanno scoraggiato prima e non ci scoraggeranno ora. Hanno cercato di rompere la nostra democrazia e hanno fallito ”. Il vicepresidente, Mike Pence, aveva aperto la seduta pochi istanti prima affermando: "Non hai vinto, la violenza non vince mai, vince la libertà". Discorsi che davano l'idea di una terapia di gruppo.

Sostenitori di Trump all'interno del Campidoglio.

In questa giornata nuvolosa del 2021 gli americani si sono imbattuti in un mostro dall'aspetto inquietante, una folla che ha rotto le finestre del suo grande tempio democratico, ne ha scalato le mura, ha fatto irruzione nelle sale plenarie e ha presieduto la presidenza del Senato. La democrazia ha prevalso, ma il sistema, forse non così perfetto, è stato danneggiato.

La miccia si era accesa in mattinata, dopo un comizio convocato da Trump davanti alla Casa Bianca, proprio in occasione della seduta per certificare la vittoria democratica alle elezioni presidenziali. "Dopo questo, andremo a piedi in Campidoglio e faremo il tifo per i nostri coraggiosi senatori e membri del Congresso", ha detto a una folla di migliaia di persone venute da tutto il paese. "Non recupererai mai il tuo paese con la debolezza, devi mostrare forza", ha aggiunto. Alla fine i Trumpisti hanno marciato verso il Campidoglio e, dopo aver rotto il cordone di polizia, sono scoppiate le violenze.

I manifestanti si scontrano con gli agenti di polizia davanti al Campidoglio di Washington.
I legislatori sono corsi in cerca di rifugio e Pence è stato evacuato, mentre i manifestanti hanno marciato all'interno dell'edificio, alcuni con bandiere confederate e altri sotto mentite spoglie, lasciando una nota tragicomica alla giornata. Uno sedeva sulla sedia occupata dal presidente del Senato; un altro, nell'ufficio della presidente della Camera dei rappresentanti, Nancy Pelosi, alla quale, secondo l'Associated Press, avrebbe lasciato un messaggio con la scritta: "Non ci tireremo indietro". Quattro persone sono state uccise.
Il vicepresidente degli Stati Uniti Mike Pence annuncia l'elezione del presidente e del vicepresidente.
I membri del Congresso corrono in salvo, dopo che i manifestanti hanno preso d'assalto il Campidoglio.

 

In totale, il dramma è durato quasi 15 ore, non era la prima volta che il Campidoglio veniva attaccato, nel 1954 un gruppo di nazionalisti portoricani sparò alla Camera dei Rappresentanti e ferì diversi membri del Congresso e nel 1998 un uomo uccise due poliziotti, ma non c'era mai stata una folla che assediava il Chambers dall'attacco britannico, guidato dal generale Robert Ross nel 1814, dopo la battaglia di Bladensburg. 

Che quello che stava accadendo non fosse un colpo di stato lo ha intuito la Borsa di New York, che è salita dell'1,4% ed era più consapevole degli stimoli economici che hanno portato a un nuovo Senato controllato dai Democratici, che del tumulto che gli investitori hanno guardato in televisione. Ma le persone sono morte, hanno avuto paura, Washington ha guardato nell'abisso. 

 
Ultima modifica ilGiovedì, 07 Gennaio 2021 15:38

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.