updated 10:37 AM UTC, Jan 25, 2021

L'UE conclude nuovi accordi commerciali con la Cina

  • Scritto da Zonca2020
  • Pubblicato in Esteri

Il controverso accordo mira a migliorare l'accesso delle aziende europee al mercato cinese


L'Unione europea ha finalmente chiuso un accordo di investimento con la Cina, un accordo tanto atteso e controverso. Dopo sette anni di trattative, Bruxelles è riuscita a convincere Pechino ad impegnarsi nel porre fine ai divieti per le aziende europee di accedere al suo mercato o ad introdurre pratiche discriminatorie per escluderle. Il patto, tuttavia, non genera solo timori a Washington. Il presidente della delegazione del Parlamento europeo per le relazioni con la Cina, Reinhard Bütikofer (Verdi), ha definito l'accordo un "errore strategico" dell'Ue. 

Non c'erano grandi atti. Solo una conferenza stampa in videoconferenza, come imposto dai tempi di pandemia. Il patto di investimenti tra UE e Cina è stato chiuso a mezzogiorno, a seguito di una videoconferenza tra il presidente Xi Jinping e le controparti europee. I capi del Consiglio europeo, Charles Michel, e della Commissione, Ursula von der Leyen, e il cancelliere tedesco, Angela Merkel, a sua volta presidente dell'Ue, sono stati raggiunti dal presidente francese Emmanuel Macron, una delle voci più popolari e critiche nei confronti dell'accordo.

L'accordo ha tre temi principali; una maggiore trasparenza nel sistema di sussidi stabilito da Pechino per le sue aziende, una maggiore parità di condizioni tra le imprese cinesi ed europee e il rallentamento del trasferimento tecnologico. “Dobbiamo essere realistici: questo accordo non risolverà tutte le sfide legate alla Cina, che dobbiamo affrontare. Tuttavia, collega la Cina con impegni significativi che vanno nella giusta direzione", ha affermato il vicepresidente della Commissione europea, Valdis Dombrovskis.

Bruxelles sottolinea soprattutto l'apertura di nuovi mercati che l'accordo comporta, soprattutto nel settore manifatturiero, che rappresenta più della metà degli investimenti dell'UE in Cina. Secondo la Commissione UE, Pechino si impegna a dare alle imprese europee l'accesso, su un piano di parità in settori che fino ad ora aveva considerato con riserva: servizi cloud, finanza, sanità privata, ambiente e trasporto. "L'accordo fornirà un accesso senza precedenti al mercato cinese per gli investitori europei, consentendo alle nostre aziende di crescere e creare posti di lavoro", ha affermato Von der Leyen.

Dombrovskis ha spiegato che l'accordo elimina anche l'obbligo di creare alleanze o società a capitale misto - europeo e cinese - per accedere ad alcuni settori. Lo stesso verrà fatto, anche se progressivamente, nel settore automobilistico, che rappresenta il 28% di tutti gli investimenti dell'UE nel gigante asiatico. L'accordo, infatti, era di particolare interesse per Berlino, che lo aveva inserito tra le priorità della sua attuale presidenza Ue.

Bruxelles ha anche evidenziato le concessioni che aveva preso dalla Cina in materia di ambiente e diritti dei lavoratori. Secondo la Commissione, Pechino si è impegnata ad adottare gradualmente tutte le convenzioni dell'Organizzazione internazionale del lavoro, compresa quella che vieta il lavoro forzato. Se lo facesse, sarebbe una svolta, soprattutto vista la preoccupazione generata dalle denunce degli attivisti sullo sfruttamento lavorativo della minoranza Uigura nello Xinjiang, cosa che la Cina da sempre nega.

L'Ue ha detto che definirà la corretta strategia delle relazioni con la Cina, sotto la presidenza francese del 2022. In ogni caso, ha nuovamente affermato nella dichiarazione post-riunione, la sua "grave preoccupazione" per la situazione dei diritti umani, anche a Hong Kong. L'accordo deve essere approvato dal Consiglio e dal Parlamento europeo, dove il processo sembra più complicato. Per ora il presidente della delegazione che si occupa della Cina, Reinhard Bütikofer, ha attaccato tramite il suo account Twitter il patto e lo ha definito un "errore strategico".

Ultima modifica ilGiovedì, 31 Dicembre 2020 14:39

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.