La Francia espelle cinque membri di una famiglia bosniaca per aver umiliato la loro figlia adolescente

  • Scritto da Zonca2020
  • Pubblicato in Esteri

La ragazza mussulmana bosniaca, aggredita dai componenti dalla sua famiglia, umiliata, picchiata e rasata a zero, perché colpevole di aver iniziato una relazione con un suo coetaneo serbo cristiano. 


La Francia ha espulso sabato cinque bosniaci, membri della famiglia di un'adolescente musulmana che è stata picchiata e rasata a zero allo scopo di umiliarla e renderla impotente, lo scorso agosto per punizione a causa della sua relazione con un ragazzo serbo cristiano.

Il ministro dell'Interno, Gérald Darmanin, ha spiegato in una nota che l'espulsione è conseguenza del "comportamento inammissibile di questa famiglia" contro "una adolescente innamorata di un giovane serbo di un'altra confessione religiosa".

Darmanin ha precisato che i cinque membri della famiglia sono stati rispediti a Sarajevo e che i servizi sociali francesi si prenderanno cura della ragazza (che ha 17 anni), fino al raggiungimento della maggiore età, quando le sarà concessa la cittadinanza francese.

La decisione del ministro arriva il giorno dopo che il tribunale correttivo di Besançon, ha condannato i genitori e gli zii della ragazza a pene detentive ed espulsione dalla Francia, con esecuzione immediata, all'uscita dal tribunale gli imputati sono stati portati all'aeroporto militare e caricati su un cargo diretto a Sarajevo.

Il ministro dell'Interno aveva già annuncia alla famiglia della giovane bosniaca, arrivati in Francia nel 2016, a cui era stato concesso anche lo status di rifugiati, che "non avrebbero avuto più nessun rapporto con lo stato francese” e che sarebbero stati espulsi al termine. la procedura giudiziaria.

La ragazza aveva detto agli investigatori che i suoi parenti l'avevano seviziata, presa a pugni e calci perché si opponevano alla sua intenzione di sposare il suo fidanzato serbo, un accanimento solo  per "motivi religiosi", una tesi negata dagli imputati durante il processo.

La notizia dell'espulsione arriva a seguito di una sequenza di gesti decisi del governo francese contro il fondamentalismo islamico dopo l'attacco jihadista del 16 ottobre. Quel giorno un insegnante, Samuel Paty, fu decapitato da un giovane ceceno, vicino alla scuola dove insegnava. L'insegnante era stato vittima di una violenta campagna di odio sui social network, perché durante una lezione, dedicata alla libertà d'espressione, aveva mostrato ai suoi studenti le controverse vignette che ritraevano il profeta Maometto.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.