updated 9:54 AM UTC, Oct 26, 2020

Londra pensa di mettere reti nella Manica per impedire l'arrivo di immigrati

  • Scritto da Zonca2020
  • Pubblicato in Esteri

Il governo Boris Johnson sta valutando la possibilità di mettere delle reti in mare per fermare le barche con gli immigrati in arrivo sulle sue coste


In un'intervista al "Sunday Telegraph" Dan O'Mahoney, il comandante speciale nominato in agosto dal ministro dell'Interno Priti Patel per sovrintendere alle operazioni anti-immigrazione, ha dichiarato, "Siamo decisamente molto, molto vicini a poter mettere in pratica una tattica d'intervento sulle barche degli immigrati, riportandoli a bordo delle nostra nave in Francia. Bloccheremo le piccole imbarcazioni con delle reti per bloccare le eliche dei loro motori. Una tattica che nulla farà alle barche di più grandi dimensioni. Tuttavia, il comandante ha chiarito che "il problema attualmente è che i francesi non accetteranno il rimpatrio sul loro territorio".

L'idea del networking fa parte di un piano per affrontare il problema della migrazione illegale attraverso la Manica, gli sbarchi hanno raggiunto i 400 arrivi in ​​al giorno. Secondo i dati ufficiali, solo nelle prime tre settimane di settembre almeno 1.892 migranti ha attraversato la Manica dalla Francia, un numero superiore a quello raggiunto in tutto il 2019. Quell'anno, almeno il 30% degli ingressi di immigrati privi di documenti nel Regno Unito è avvenuto via mare, numero che è salito al 70% durante il 2020. Così, con il suo nuovo piano, il Governo intende fermare il flusso di immigrati che dall'Africa e dal Medio Oriente attraverso il nord della Francia, cercano di raggiungere l'Inghilterra, ridurre il numero di persone che si imbarcano, impedire l'ingresso nel Regno Unito e riformare il sistema di asilo.

O'Mahoney, un ex alto ufficiale dei Royal Marines e veterano delle guerre in Iraq e Kosovo, ha spiegato che l'Esecutivo sta lanciando misure come campagne sui social network per sollecitare potenziali immigrati dall'Africa e dal Medio Oriente a presentare domanda di asilo, nel primo paese sicuro di arrivo,  piuttosto che rischiare di morire in un "viaggio incredibilmente pericoloso" per raggiungere illegalmente il Regno Unito.

"La maggioranza delle persone che cercano rifugio nel Regno Unito sono veri richiedenti asilo. E provengono da paesi con condizioni difficili nel loro paese", ha detto O'Mahoney, "quindi non si tratta di riportarli al loro luogo di origine, ma di chiedere asilo nel primo paese in cui calpestano ed evitare anche di nutrire le mafie pagando per i loro viaggi". Il comandante ha osservato che, oltre a proteggere i confini, la sua priorità è prevenire ulteriori morti in mare.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.