updated 3:03 PM UTC, Jun 22, 2021

Green pass europeo al via il primo luglio: ecco come funziona

Arriva la firma finale delle istituzioni Ue sul regolamento che istituisce il certificato digitale Covid Ue, noto anche come digital green pass, per facilitare gli spostamenti all'interno dell'Unione e contribuire alla ripresa economica. Il certificato sarà rilasciato dalle autorità nazionali, in formato digitale o cartaceo e riporterà un codice Qr che consentirà di verificarne l'autenticità in tutta Europa


Green pass: per chi è gratuito e per chi no

I presidenti delle istituzioni Ue (David Sassoli per il Parlamento, Ursula von der Leyen per la Commissione e Antonio Costa per il Consiglio Ue) hanno firmato a Bruxelles il regolamento che istituisce il certificato Covid digitale Ue, o Green Pass, a partire dal prossimo primo luglio.

Il certificato aiuterà i viaggiatori all'interno dell'Ue che lo detengono ad evitare di essere sottoposti a test e/o quarantene quando viaggiano all'interno dell'Unione, contribuendo così al graduale ripristino della libertà di circolazione in Europa, di fatto coartata dalle restrizioni introdotte dagli Stati per ragioni di salute pubblica.

Dal primo luglio, quando entrerà in vigore il regolamento, il Pass sarà un diritto per tutti i cittadini Ue che abbiano i requisiti: vale per chi è stato vaccinato, per chi è guarito dalla Covid-19 e per chi si sottopone a un test e risulta negativo.

Il certificato sarà rilasciato dalle autorità nazionali gratuitamente, in formato digitale o cartaceo e riporterà un codice Qr che consentirà di verificarne l'autenticità in tutta Europa: per i certificati già emessi da Stati o regioni, è previsto un periodo di 6 settimane perché possano essere resi compatibili con il modello Ue (i Paesi membri avevano chiesto mesi di tempo, il Parlamento ha spinto per abbreviare questo periodo).

Il Gateway, la piattaforma informatica Ue che rende possibile il Pass e che fornisce le chiavi digitali che consentono la validità transfrontaliera, è operativo da inizio mese e alcuni Paesi hanno già iniziato a rilasciare certificati: finora ne sono stati emessi oltre un milione. Se ottenere il Pass sarà un diritto, il suo utilizzo potrà però variare in qualche misura da Stato a Stato. Con queste avvertenze, ecco i dettagli.

VACCINATI - Il Pass sarà valido a partire da quattordici giorni dopo l'ultima dose di vaccino anti-Covid. A partire da quel giorno, le persone pienamente vaccinate, cioè con due dosi per AstraZeneca, Pfizer/BioNTech e Moderna e con una dose per Janssen (J&J), che detengono il certificato, dovrebbero essere esentate, in viaggio, da test e quarantene. Lo stesso deve valere per le persone che sono guarite e che hanno ricevuto una sola dose di vaccino, considerata sufficiente per essere protetti dalla malattia.

Un Paese è libero di scegliere di riconoscere e rilasciare il Pass anche dopo la prima dose, ma ogni Stato può decidere di comportarsi come crede, in questo caso: quindi, per esempio, l'Italia può rilasciare il Pass dopo la prima dose, ma la Danimarca è libera di non riconoscerlo e di chiedere un test.

Se uno Stato membro accetta una prova di vaccinazione per rimuovere le restrizioni all'interno dopo la prima dose, allora deve accettare anche i pass Ue per i vaccini, alle stesse condizioni. Il pass vale per i cittadini Ue vaccinati con vaccini autorizzati dall'Ema; gli Stati possono decidere di riconoscere altri vaccini, autorizzati a livello nazionale e non a livello Ue (come il siero russo Sputnik in Ungheria).

GUARITI - Le persone guarite dalla Covid-19 dovrebbero essere esentate da test e/o quarantene nei 180 giorni successivi al test Pcr positivo, che attesta l'avvenuta infezione (la validità del certificato è a partire dall'undicesimo giorno dopo il test, una volta terminato il periodo di contagiosità).

TEST - Per chi non è vaccinato né guarito, allora resta il test, che il pass certifica e che viene così riconosciuto anche all'estero, a differenza di quanto accade oggi. Per i test viene proposto un periodo di validità standard (oggi ogni Paese stabilisce la validità autonomamente): per i test Pcr o molecolari la validità è di 72 ore, mentre per quelli rapidi antigenici è di 48 ore. Quelli rapidi, considerati sempre più affidabili, vengono raccomandati, ma gli Stati sono liberi di scegliere se accettarli o no ai fini del Pass.

Mentre i test si pagano, i vaccini sono gratuiti: questo elemento di discriminazione oggettiva non è stato rimosso nei negoziati tra Parlamento e Consiglio, a causa della ferma opposizione del secondo ad imporre la gratuità dei test, come chiedeva l'Aula. La Commissione ha stanziato 100 mln di euro aggiuntivi per aiutare gli Stati a dotarsi di test rapidi e abbassarne così il prezzo. Il certificato non viene rilasciato in presenza dell'esito di un test fai-da-te.

FAMIGLIE CON MINORI - Per evitare di separare i nuclei familiari alla frontiera, i minorenni che viaggiano con genitori esentati dall'obbligo di quarantena, per esempio perché sono vaccinati, dovrebbero essere esentati anche loro dalla quarantena. I bambini sotto i 6 anni di età sono esentati anche dai test: quelli dai 6 anni in su, però, dovranno sottoporsi a test per ottenere il pass.

FRENO D'EMERGENZA - Viene previsto un meccanismo di freno d'emergenza: gli Stati dell'Ue non potranno imporre ulteriori restrizioni di viaggio ai titolari di certificati, come quarantena, autoisolamento o test, "a meno che non siano necessarie e proporzionate per salvaguardare la salute pubblica".

Si dovrà tenere conto delle prove scientifiche, "compresi i dati epidemiologici pubblicati dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc)". Le misure dovranno essere notificate, se possibile, con 48 ore di anticipo agli altri Stati membri e alla Commissione, mentre il pubblico dovrà ricevere un preavviso di appena 24 ore.

 

(Fonte: Adnkronos)

 

Scatta l'ora della zona bianca, via il coprifuoco in Lombardia e Lazio: tutte le regole che cambiano (in meglio)

Da oggi si allarga a 13 regioni la fascia più bassa di rischio Covid. Vi entrano anche Piemonte, Emilia Romagna, Puglia e Trento. Restano l'obbligo di mascherina e il divieto di assembramenti


Zona bianca da oggi - lunedì 14 giugno - per Lombardia, Lazio, Piemonte, Emilia Romagna, Puglia e provincia autonoma di Trento. Con questi ultimi cambi di colore diventano 13 le regioni nella fascia più bassa di rischio covid, con regole meno rigide e niente coprifuoco. Zona bianca, quindi, per circa due terzi degli italiani: oltre 40 milioni di persone. Anche in questa fascia rimane l'obbligo della macherina sia all'aperto sia al chiuso e il divieto di assembramento. Regole meno vincolanti per i ristoranti: nessun limite alle presenze al tavolo all'aperto, 6 commensali al tavolo se il locale è al chiuso. I locali pubblici potranno osservare orari liberi.

REGOLE ZONA BIANCA

Se nella zona gialla c'è ancora il coprifuoco dalle 24 alle 5, per chi si trova in fascia bianca il coprifuoco viene abolito immediatamente. Ciò vuol dire che non è più necessario rientrare a casa entro una certa ora: ci si può insomma spostare senza limiti di orario. In questa zona i bar, i ristoranti e le altre attività di ristorazione sono aperti ed è possibile consumare cibi e bevande al loro interno, senza limiti orari.

Sono consentite senza restrizioni anche la vendita con asporto di cibi e bevande e la consegna a domicilio, che deve comunque avvenire nel rispetto delle norme sul confezionamento e sulla consegna dei prodotti. Le nuove regole prevedono che in zona bianca all’aperto non ci siano limiti di persone ai tavoli (tra i quali deve esserci comunque il distanziamento di un metro), mentre nei bar e nei ristoranti al chiuso potranno sedere allo stesso tavolo massimo sei persone salvo che siano tutti conviventi. Resta invece il divieto di assembramento e l'obbligo di mascherina, sia all'aperto sia al chiuso.

SPERANZA: "GIORNO IMPORTANTE, INSISTERE COI VACCINI"

Con l'Rt stabile a 0.68 e il valore medio nazionale dell'incidenza dei casi di Covid che scende ancora, attestandosi a 26 casi per 100.000 abitanti, a fine mese tutte le regioni potrebbero passare in zona bianca. Una svolta in arrivo soprattutto grazie al buon andamento della campagna vaccinale, come sottolineato dal ministro della Salute Roberto Speranza:

"Vorrei riaffermare con forza che la campagna vaccinale è un'arma fondamentale per superare questa fase", ha detto il ministro, sottolineando che quello di oggi "è un giorno importante per il nostro paese perché arriveremo a due terzi degli italiani che saranno in zona bianca. E' una notizia molto buona che testimonia il positivo andamento della campagna di vaccinazione. Siamo ormai a 42 milioni di dosi somministrate con un italiano su due che ha avuto la prima dose. Dobbiamo insistere su questo terreno e continuare con ogni energia la campagna di vaccinazione, arma vera per provare ad aprire una fase diversa".

 

(Fonte: Adnkronos)

La città più vivibile al mondo? E' la neozelandese Auckland. Osaka al secondo posto, crolla Vienna, Damasco ultima

Aucland premiata "per il suo approccio vincente nel contenimento della pandemia di Covid-19, che ha consentito di mantenere le attività aperte". La capitale austriaca finisce dodicesima dopo aver guidato la classifica per anni. L'australiana Adelaide conquista il "bronzo". La pandemia ha danneggiato l'Europa, mentre guerre, violenza e povertà fanno la differenza in negativo per luoghi come Lagos, Algeri, Caracas e Tripoli


Auckland City Tour - Book Online at Civitatis.com

Auckland è stata nominata città più vivibile al mondo nel 2021 nella classifica stilata dall'Intelligence Unit dell'Economist (Eiu).

La città della Nuova Zelanda si è aggiudicata il primato "per il suo approccio vincente nel contenimento della pandemia di Covid-19, che ha consentito di mantenere le attività aperte", spiega l'Eiu.

In seconda posizione si è collocata la città giapponese di Osaka, mentre la terza classificata è l'australiana Adelaide. Da notare che in quarta posizione si trova la capitale della Nuova Zelanda: Wellington.

"In tutto il mondo le città sono adesso molto meno vivibili di quanto lo erano prima della pandemia e abbiamo osservato che regioni come l'Europa sono state particolarmente colpite" dal Covid, sottolinea l'Eiu precisando che "le città europee sono andate particolarmente male nell'edizione di quest'anno".

Vienna, per esempio, è passata dal primo posto al dodicesimo. La capitale austriaca aveva guidato la classifica per diversi anni.

L'Eiu evidenzia che è stata la pandemia a modificare profondamente la classifica, danneggiando in particolar modo le città del Vecchio Continente. La capitale siriana, Damasco, rimane invece la città del mondo dove la vita è più difficile a causa della guerra civile che continua. Fra le altre città in basso alla classifica spiccano Lagos, Algeri, Caracas e Tripoli.

 

(Fonte: Agi)

  • Pubblicato in Esteri

Economia oltre la pandemia, un altro sorriso: la produzione industriale cresce oltre i livelli pre-Covid

Rivelazione Istat: ad aprile aumento dell'1,8% con rimbalzo del 79,5% nel confronto annuo con il lockdown


Ad aprile 2021 si stima che l'indice destagionalizzato della produzione industriale aumenti dell'1,8% rispetto a marzo: si tratta del quinto mese consecutivo di crescita congiunturale e il livello "supera i livelli prepandemici di febbraio 2020". Lo comunica l'Istat, indicando anche il fortissimo rimbalzo tendenziale.

Nel confronto annuo e corretto per gli effetti di calendario l'indice complessivo aumenta infatti del 79,5%, "in ragione del dato eccezionalmente basso di aprile 2020", quando ebbero luogo le maggiori restrizioni all'attività produttiva per il contenimento del Covid, con il lockdown.

Nella media del periodo febbraio-aprile, indica inoltre l'Istat, il livello della produzione industriale cresce dell'1,9% rispetto ai tre mesi precedenti.

L'indice destagionalizzato mensile mostra aumenti congiunturali in tutti i raggruppamenti principali di industrie: variazioni positive caratterizzano, infatti, i beni strumentali (+3,1%), l'energia (+2,4%), i beni intermedi (+1,1%) e, in misura meno rilevante, i beni di consumo (+0,5%). Nel confronto annuo, incrementi "straordinariamente ampi" caratterizzano tutti i comparti: l'aumento, meno pronunciato per l'energia (+14,2%), risulta elevatissimo per i beni strumentali (+119,5%), i beni intermedi (+98,1%) e quelli di consumo (+62,2%). Tutti i principali settori di attività economica registrano aumenti su base tendenziale, ad esclusione della produzione di prodotti farmaceutici di base (-3,2%). La crescita più ampia caratterizza i settori delle industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (+363,2%), della fabbricazione di mezzi di trasporto (+327,3%), delle altre industrie (+160,9%), della fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche (+149,3%) e della metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (+132,8%).

 

(Fonte: Ansa)

Economia oltre la pandemia: riparte la domanda di lavoro, a giugno oltre i livelli pre-Covid

E' quanto mostra il bollettino mensile del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e Anpal. Manifatturiero, turismo, commercio e costruzioni i settori trainanti


Come diventare consulente del lavoro

Riparte la domanda di lavoro: sono oltre 560mila le opportunità offerte dalle imprese a giugno che salgono a quasi 1,3 milioni avendo come orizzonte l'intero trimestre giugno-agosto. Sebbene con dinamiche eterogenee a livello settoriale e territoriale, le imprese provano a ripartire, tanto che la ricerca di personale dovrebbe superare questo mese anche quella registrata a giugno 2019, in epoca pre-Covid.

E' quanto mostra il bollettino mensile del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e Anpal. Manifatturiero, turismo, commercio e costruzioni i settori trainanti. 

Secondo il bollettino del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e Anpal, in particolare, l'industria programma a giugno 163mila entrate (36mila assunzioni in più rispetto al mese scorso) e 378 mila nel trimestre; circa 397mila i contratti di lavoro che saranno offerti dal settore dei servizi nel mese in corso (+134mila assunzioni) e oltre 900mila quelli previsti per il trimestre. Si tratterà nel 56% dei casi di contratti a tempo determinato, nel 19% a tempo indeterminato, nel 10% in somministrazione e nel 5% in apprendistato; altre tipologie riguarderanno il restante 10% dei contratti. Aumenta anche la quota di imprese che programmano assunzioni passando dal 12% di maggio al 15% di giugno.

A trainare la domanda di lavoro sono i principali comparti dell'industria manifatturiera con circa 106mila entrate complessive programmate per giugno: le industrie alimentari (67mila entrate, +60,1% sul mese scorso), le industrie metallurgiche e dei prodotti in metallo (55mila entrate, +49,1%) e le industrie meccaniche ed elettroniche (52mila entrate, +15,4%), tra i comparti più dinamici. In decisa ripresa anche la filiera turistica con 99mila entrate (+48,2% sul mese precedente), grazie anche ai contratti stagionali da attivare per il periodo estivo, il commercio, che prevede 84mila assunzioni (+83,2% in un mese), i servizi alle persone con 73mila assunzioni (+46,6%) e le costruzioni con 58mila ingressi programmati (+25,6%).

Con le previsioni sul recupero dell'economia italiana, il quadro - viene sottlineato - favorisce "un cambio di passo" nei programmi di assunzione che arrivano a superare anche i livelli pre-Covid: rispetto a giugno 2019 sono 87mila le entrate complessive programmate in più (pari a +18,4%). Fanno però eccezione le imprese del turismo che formulano previsioni ancora lontane dai livelli occupazionali pre-crisi (-26mila ingressi a giugno) e -77mila nel trimestre giugno-agosto) e quelle della comunicazione (-2mila assunzioni a giugno e -6mila nel trimestre). A livello territoriale sono le regioni del Nord Ovest a mostrare un maggior dinamismo (+31.110 entrate programmate rispetto a giugno 2019), seguite dal Nord Est (+20.290), Sud e isole (+18.650) e Centro (+16.860).

 

(Fonte: Ansa)

Covid e vaccini, gli obiettivi di Figliuolo: 8 italiani su 10 immunizzati a settembre, superamento degli hub e somministrazioni delocalizzate. Feste, discoteche, green pass: cosa potrebbe cambiare

Superati i 13 milioni di vaccinati, quasi un italiano su 4 (il 24,01%), con oltre 22milioni di dosi in arrivo a giugno e la soglia delle somministrazioni stabile sopra le 500mila al giorno, il commissario per l'emergenza Francesco Figliuolo indica il piano per l'autunno


Vaccini Italia, in arrivo 5 milioni di dosi. I target di Figliuolo Regione  per Regione - Cronaca

L'80% degli italiani vaccinato entro settembre. Poi l'addio ai grandi hub per tornare alla gestione ordinaria delle somministrazioni attraverso centri capillari, con un maggiore coinvolgimento di medici di base, pediatri e farmacie. Nel frattempo, via all'organizzazione per l'ipotesi della terza dose da somministrare a tutti. Sono gli obiettivi della nuova fase della campagna vaccinale indicati dal commissario per l'emergenza Francesco Figliuolo.

Superati i 13 milioni di vaccinati, quasi un italiano su 4 (il 24,01%), con oltre 22milioni di dosi in arrivo a giugno e la soglia delle somministrazioni stabile sopra le 500mila al giorno, il Commissario Figliuolo indica il piano per l'autunno. L'occasione di fare il punto sui primi tre mesi alla guida della struttura commissariale e tracciare le linee di quelli che verranno dopo l'estate, la offre l'audizione alla Camera in Commissione Bilancio, dove è in discussione il decreto Sostegni.

L'obiettivo del generale Figliuolo

Entro il 30 settembre, dice il generale, avremo vaccinato l'80% della popolazione, vale a dire 54,3 milioni di italiani compresi quelli nella fascia tra 12 e 15 anni, per i quali al  momento è autorizzato solo il vaccino di Pfizer, con Moderna che ha chiesto oggi all'Ema l'autorizzazione anche per gli adolescenti. Per raggiungere l'obiettivo di fine settembre, sottolinea però il Commissario, è necessario proseguire sulla strada intrapresa: collaborazione con le Regioni, il cui coinvolgimento è di "vitale importanza", procedure "flessibili" per le prenotazioni ad agosto, mantenere target di almeno 500mila punture al giorno, continuare a "privilegiare" le somministrazioni agli over 60 e ai fragili.

In autunno il superamento degli hub

Con l'autunno servirà invece una nuova strategia. Che parta dal superamento della gestione emergenziale della pandemia. La "poderosa e complessa" macchina della struttura commissariale dovrà "condurre gradualmente" a una gestione ordinaria delle attività sanitarie da parte  delle amministrazioni centrali e locali competenti. Il generale non indica una data ma fa capire la sua idea: un progressivo assorbimento della struttura commissariale nella Protezione Civile, che si occuperà di approvvigionamenti, logistica e distribuzione dei dispositivi e dei vaccini, e restituzione ai territori della gestione di tutti gli aspetti sanitari. 

L'ipotesi di una terza dose

La gestione ordinaria si porta dietro anche il superamento degli hub. Ci sarà, in sostanza, un "graduale ma necessario" passaggio dalle vaccinazioni effettuate in maniera centralizzata ad un sistema di "vaccinazioni delocalizzate, molto più capillare e prossimo ai cittadini", utilizzando medici di famiglia, pediatri e farmacie. L'ordinarietà va considerata anche alla luce della possibilità di dover procedere ad una terza dose del vaccino. Al momento, la convinzione della maggior parte degli scienziati è che l'immunità abbia una durata di circa un anno e, quindi, è necessario "organizzarci per i richiami" dice il generale, anche alla luce delle varianti che continuano a mutare il virus. 

Sì alle feste private in 7 Regioni

Da oggi, intanto, si allentano ulteriormente le restrizioni anti-Covid. Si torna a far festa in altre quattro Regioni, ora in tutto sette. Ma resta comunque vietato organizzare party in casa o ballare nelle discoteche, che rimangono chiuse almeno per tutto il mese di giugno. Nel rebus delle nuove misure in zona bianca, l'ultima trattativa sul tavolo della politica riguarda la ripartenza del divertimento del popolo della notte. Dopo lo slittamento del coprifuoco a mezzanotte nelle zona gialle, a dividere adesso è il tema del divertimento nella fascia di rischio più bassa.

Attesa sulle discoteche

Nelle prossime ore il Sindacato italiano dei locali da ballo (Silb) incontrerà al ministero della Salute il sottosegretario Andrea Costa, al quale aveva chiesto di essere ascoltato. Stessa richiesta è arrivata dai gestori delle discoteche di 'Asso Intrattenimento' di Confindustria, che potrebbero incontrare Costa nei giorni successivi. Sul tema il ministro Speranza - il quale aveva pur mostrato un'apertura in vista di future valutazioni - resta cauto e non si è ancora pronunciato, ma il pressing del centrodestra, oltre a quello del settore, sale.

"Sì al green pass, ma senza mascherine"

"Proponiamo di ripartire da luglio - spiega il presidente di Asso Intrattenimento, Luciano Zanchi - ma sia chiaro che il nostro lavoro è l'assembramento. La gente viene in discoteca per socializzare perché sono luoghi atti ad accogliere le persone quindi non e' possibile tenere la mascherina in pista, dove si balla e si suda. Siamo assolutamente favorevoli all'entrata con green pass e al tracciamento, quindi entrerebbero nei locali solo persone con anticorpi o comunque risultate negative. E' per questo che sarebbe impossibile rendere obbligatorio l'utilizzo della mascherina".

 

(Fonte: tgcom24)

Covid, Moratti: "La Lombardia sarà la prima regione a raggiungere l'immunità di comunità"

Ottimi risultati in tutte le fasce di età per i vaccini nella regione più colpita dal virus. Parla la vicepresidente e assessore al Welfare della Regione Lombardia, Letizia Moratti: "Dati importanti e un segno fondamentale. Obbligo vaccinale? Difficile, ma si può pensare a incentivi e disincentivi"


"Saremo la prima regione a raggiungere l’immunità di comunità. In Lombardia somministriamo regolarmente più di 100mila vaccini al giorno". Così la vicepresidente e assessore al Welfare della Regione Lombardia, Letizia Moratti, ospite di ‘Mattino Cinque’ su Canale 5.

"Abbiamo un’adesione del 52% sul totale della popolazione" dei 12-29enni in Lombardia, "è un segno fondamentale che va in due direzioni: da una parte la loro libertà e dall'altro la consapevolezza che proteggendo loro stessi proteggono anche le loro famiglie. E poi si va verso un’apertura in sicurezza delle scuole, con la possibilità di tornare in presenza. Il dato di adesione dei giovanissimi è veramente molto importante", ha detto ancora.

"E’ difficile pensare di poter mettere un obbligo, ma è possibile mettere incentivi e disincentivi, come il green pass", per invogliare la popolazione a vaccinarsi contro il Covid, ha poi sottolineato Moratti aggiungendo: "Bisogna ascoltare i medici e i loro consigli. I vaccini offerti sono tutti sicuri perché hanno ottenuto il vaglio dell’Ema e dell’Aifa e i medici sono molto bravi a spiegare".

In vista del ritorno in zona bianca di molte regioni italiane "ci vuole sempre prudenza, bisogna usare le mascherine e gli igienizzanti. Bisogna continuare ad avere responsabilità individuale, ma sono certa che anche con la paura di tornare a periodo chiusura tutti saranno prudenti", ha concluso.

  • Pubblicato in Salute

Il discorso di Putin allo SPIEF, il 24° forum economico internazionale di San Pietroburgo

L'attuale forum è uno degli eventi più ambiziosi dall'inizio della pandemia. Il motto del forum di quest'anno è "Di nuovo insieme per l'economia di una nuova realtà".


Capi di stato e di governo di paesi stranieri, capi di grandi associazioni russe e internazionali, aziende e banche, esperti di spicco e politici hanno preso parte allo SPIEF, sia di persona sia in videoconferenza. Nuove regole e nuove aperture economiche dovranno regolare i prossimi decenni. Maggiori cooperazioni internazionali, Green e forte ripresa dopo la grave recessione dello scorso anno, questi i temi principali temi su cui si è soffermato anche il Presidente russo Vladimir Putin, nel suo discorso di chiusura dei lavori. 

 

Così il presidente ha voluto salutare i presenti: 

"Saluto tutti i partecipanti e gli ospiti del 24° Forum economico internazionale di San Pietroburgo. Sapete che, infatti, dall'inizio dello scorso anno, a causa della pandemia di coronavirus, gli incontri in molte sedi tradizionali sono stati cancellati o tenuti a distanza. E siamo lieti che dopo una pausa così lunga e forzata, sia qui, in Russia, che si sta svolgendo il primo grande evento internazionale di affari, nell'ambito del quale i rappresentanti della comunità imprenditoriale globale, possono comunicare tra loro non solo attraverso i moderni strumenti di comunicazione, ma anche direttamente, come si dice, dal vivo. Allo stesso tempo, ovviamente, abbiamo cercato di fare di tutto per garantire la sicurezza dei partecipanti, tenendo conto dei requisiti sanitari più severi. Ma, ripeto, il fatto stesso che si svolga un forum così rappresentativo è senza dubbio un segnale positivo, un'ulteriore prova che le partnership, i contatti tra imprenditori, investitori ed esperti stanno gradualmente riacquistando la loro forma familiare e normale. Stiamo assistendo alle stesse tendenze positive nell'economia globale. Nonostante la profondità della recessione dello scorso anno, che secondo gli esperti si è rivelata la più grande dalla seconda guerra mondiale, è già sicuro affermare che l'economia globale sta tornando alla normalità. Anche quest'anno si prevede che la crescita del PIL globale sarà insolitamente elevata, la più alta dagli anni '70 del secolo scorso: gli esperti parlano di una crescita del 6%. Questo, ovviamente, è stato influenzato dalle decisioni straordinarie e su larga scala prese dalle autorità economiche di tutto il mondo. Inoltre, la pratica ha dimostrato che le tradizionali misure di politica monetaria da sole non sarebbero sufficienti per superare l'attuale crisi. La politica di bilancio, che per la prima volta è stata così attivamente sostenuta dalle banche centrali dei paesi in via di sviluppo, svolge un ruolo chiave nella rapida ripresa economica. È chiaro che le principali economie hanno molte più risorse e strumenti per stimolare l'attività imprenditoriale. I numeri parlano da soli: se nei paesi sviluppati l'anno scorso l'aumento dei deficit di bilancio è stato in media del 10 per cento del PIL, nei paesi in via di sviluppo è stato di circa il 5 per cento. E sappiamo che sono proprio questi deficit che sono in gran parte responsabili del finanziamento delle soluzioni anticrisi. Il fatto che queste decisioni esistano, che siano finanziate è ovviamente positivo, è indubbiamente positivo, ma purtroppo ci sono anche aspetti negativi. Di conseguenza, vediamo che l'economia globale si sta riprendendo in modo non uniforme, tenendo conto delle diverse capacità dei diversi paesi. Ciò è irto di squilibri crescenti, che ampliano il divario nel tenore di vita sia all'interno dei singoli paesi che tra di essi. E questo comporta gravi rischi politici, economici e sociali per lo sviluppo del mondo moderno interconnesso, per la sicurezza comune". 

 

Altro tema non sottovalutato da Putin è quello della difficile diffusione a livello mondiale dei vaccini e la conseguente diffusione della pandemia, che prosegue a velocità diverse: 

"Un buon esempio è la lotta contro l'epidemia. Fino a quando non garantiremo un accesso ampio e onnipresente ai vaccini contro il coronavirus in tutti i continenti, il pericolo di un'epidemia e dei suoi nuovi focolai non scomparirà, rappresentando una minaccia per l'intero pianeta. Tuttavia, cosa vediamo ora? Secondo l'FMI, i paesi ad alto reddito, che ospitano il 16% della popolazione mondiale, rappresentano ora la metà dei vaccini contro il coronavirus prodotti. Di conseguenza, fino ad oggi, solo il 10% circa della popolazione mondiale è stato completamente vaccinato o ha ricevuto il primo componente della vaccinazione, mentre centinaia di milioni di persone semplicemente non hanno accesso a un vaccino a causa del fatto che questi paesi non lo producono. Non dispongono della tecnologia, della capacità produttiva o dei fondi per acquistare vaccini. E l'assistenza a questi paesi da parte di coloro che potrebbero farlo è ancora trascurabile. Ci sono divieti politicamente motivati ​​all'acquisto di vaccini testati, efficaci e provati.  Come sapete, la Russia sta contribuendo alla lotta contro il coronavirus. "Sputnik V" è già stato registrato in 66 paesi del mondo, dove vivono più di tre miliardi e duecento milioni di persone. Vorrei sottolineare: non solo abbiamo creato tecnologie uniche e stabilito rapidamente la produzione di vaccini in Russia, ma abbiamo anche aiutato i nostri partner stranieri a sviluppare tale produzione nei loro siti. Finora, ad eccezione della Russia, nessuno lo sta ancora facendo. Oggi, ogni cittadino adulto della Russia ha l'opportunità di vaccinarsi, volontariamente e gratuitamente. L'efficacia del nostro vaccino è superiore al 96 percento. E, secondo i nostri studi, non c'è stata una sola morte per l'uso del vaccino. Inoltre, chiedo al governo, alle regioni e alle imprese di elaborare insieme i problemi della vaccinazione delle persone che vengono in Russia per lavoro. Molti di questi specialisti sono impiegati con noi nei settori dell'edilizia, del commercio e dei servizi comunali. L'industria farmaceutica nazionale è pronta ad aumentare ulteriormente la produzione di vaccini, ovvero non solo soddisfiamo pienamente le nostre esigenze, ma possiamo anche fornire un'opportunità ai cittadini stranieri di venire in Russia e farsi vaccinare qui. So che, data l'efficacia dei nostri vaccini, questa domanda è piuttosto alta. Inoltre, la pratica si è diffusa quando persone di diversi paesi, inclusi uomini d'affari, capi di grandi aziende europee e di altro tipo, vengono appositamente in Russia per vaccinarsi contro il coronavirus. A tal proposito, chiedo al Governo di analizzare tutti gli aspetti della questione entro la fine del mese in modo che, tenendo conto delle esigenze di sicurezza, del controllo sanitario, si organizzino le condizioni corrette per i cittadini stranieri al fine che possano vaccinarsi a pagamento e in modo sicuro."

 

Altro punto toccato dal presidente il gasdotto Nord stream2, la tratta che dalla Russia alla Germania distribuirà il prezioso elemento in tutta l'Europa.

"Sono lieto di annunciare che oggi, esattamente due ore e mezza fa, si è conclusa con successo la posa delle tubazioni per la prima stringa del gasdotto Nord Stream 2. Il lavoro sulla seconda linea continua. L'intera opera lineare, compresa la sezione offshore, è completata. Anche dal lato tedesco l'opera si sta concludendo e prevedo che nel giro di poche settimane, le due tratte saranno collegate e ben saldate tra loro. Gazprom è pronta a riempire di gas il Nord Stream 2. Questa rotta collegherà direttamente i sistemi di trasporto del gas della Russia e della Repubblica federale di Germania e, come Nord Stream 1, servirà la sicurezza energetica dell'Europa e un approvvigionamento affidabile per i consumatori europei in generale. Aggiungo che questo progetto è molto conveniente e rispetta pienamente gli standard ambientali e i requisiti tecnici più rigorosi. Siamo pronti a continuare a realizzare progetti high-tech simili con i nostri partner europei e altri e speriamo che la logica del mutuo vantaggio prevalga inevitabilmente su ogni sorta di barriere artificiali dell'attuale ambiente politico."

 

L'ultimo punto veramente sentito dal premier russo è quello del cambiamento climatico. Putin nel suo discorso sottolinea quanto sia importante una cooperazione internazionale, smettendola con le distorsioni delle verità, tutti gli stati devono essere coinvolti in egual misura e con le stesse intenzioni:

"Serve una cooperazione internazionale per superare le conseguenze socio-economiche dell'epidemia. Inoltre, occorre unire gli sforzi di fronte a sfide comuni, sistemiche e di lungo periodo, che non dipendono dalle condizioni di mercato, dalle controversie politiche e dagli allineamenti, ma determinano in modo decisivo il futuro dell'intera civiltà. Di cosa sto parlando ora, cosa intendo? Prima di tutto, stiamo parlando dell'agenda per il clima. Secondo gli scienziati, a causa dell'attività economica umana, nell'atmosfera terrestre si sono accumulate oltre due trilioni di tonnellate di gas serra. Ogni anno, il loro volume aumenta di 50 miliardi di tonnellate, riscaldando gradualmente il pianeta. Abbiamo sentito spesso parlare del fatto che la Russia, non sia molto interessata a risolvere i problemi ambientali globali. Questa è una sciocchezza, questo è un mito, o addirittura una vera e propria distorsione. Come altri paesi, sentiamo i rischi e le minacce in quest'area, tra cui la desertificazione, l'erosione del suolo e lo scioglimento del permafrost. Molti dei presenti in sala conoscono e lavorano nell'Artico: abbiamo intere città lì, nell'Artico, costruite sul permafrost. Se tutto inizierà a sciogliersi, quali saranno le conseguenze per la Russia? Naturalmente, siamo preoccupati per questo. Sosteniamo costantemente l'attuazione della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, del Protocollo di Kyoto e dell'Accordo di Parigi. Vorrei sottolineare: non esiste un clima russo, europeo, asiatico o americano separato. Tutti i nostri paesi hanno una responsabilità comune per il mondo moderno, per la vita delle generazioni future. È necessario mettere da parte le divergenze politiche e di altro tipo, per non trasformare il passaggio alla “carbon neutrality” in uno strumento di concorrenza sleale quando, con il pretesto di una falsa strategia per l'interesse specifico di qualcuno, si cerca di rimodellare gli investimenti e il commercio limitando l'accesso alla tecnologia avanzata "verde" a tutti. Come vediamo il contributo del nostro Paese alla soluzione del problema del cambiamento climatico? Sono fiducioso che, a causa delle dimensioni, della posizione e del ruolo della Russia nel mondo, i progetti ambientali e climatici nel nostro paese svolgeranno un ruolo di primo piano negli sforzi globali per preservare il clima per molti decenni. Abbiamo fissato un obiettivo: nei prossimi 30 anni, il volume accumulato di emissioni nette di gas serra in Russia dovrebbe essere inferiore a quello in Europa. Sono convinto che si tratti di un compito ambizioso ma risolvibile, e chiedo al governo di elaborare un piano d'azione dettagliato al riguardo entro il 1° ottobre di quest'anno. Ma discuteremo questo problema in una riunione separata. A proposito, sulla base dell'industria nucleare, la Russia sta già creando un'infrastruttura per la produzione di idrogeno, che verrà utilizzata come materia prima, combustibile, vettore energetico, anche nella metallurgia, nella produzione di cemento e nei trasporti. La Russia ha un colossale potenziale di assorbimento di Co2 con le foreste, la tundra, i terreni agricoli, le paludi, il nostro paese rappresenta un quinto delle foreste del mondo, che occupano quasi 10 milioni di chilometri quadrati. Secondo esperti, scienziati, già adesso assorbono miliardi di tonnellate di anidride carbonica ogni anno".

 

Infine il presidente ha voluto personalmente ringraziare e salutare le delegazioni presenti al Forum, partendo dall'ospite d'onore...

"Cari colleghi, concludendo il mio intervento, vorrei ribadire che, nonostante tutte le prove legate alla pandemia globale, la vita sta gradualmente tornando alla normalità. Un esempio lampante di ciò, lo ripeto ancora una volta, è il nostro incontro a San Pietroburgo. E la prossima settimana la Russia ospiterà sei gare della fase a gironi, un quarto di finale proprio qui a San Pietroburgo. A questo proposito desidero rivolgere i miei migliori auguri al nostro grande amico, l'Emiro del Qatar. Ieri era il suo compleanno. Ci congratuliamo con voi, vostra altezza. Sono fiducioso che il Qatar ospiterà il Campionato mondiale di calcio il prossimo anno con grande successo. Questi grandi eventi e il forum uniscono davvero e avvicinano persone provenienti da diversi paesi. I rappresentanti delle imprese, numerosi in sala, sanno bene che è una comunicazione diretta basata sulla fiducia reciproca che, per molti aspetti, porta avanti progetti e iniziative imprenditoriali, e quindi l'intera economia mondiale. La Russia creerà tutte le opportunità per tale comunicazione, per lo scambio di esperienze, per la dimostrazione dei risultati più avanzati della scienza e della tecnologia. Grazie per la vostra pazienza, attenzione e vi auguro il successo."

        

Fonte: Camera di Commercio Italo-Russa (CCIR)

          Arch. Giuseppe De Gaetano; Direttore CCIR di Novara Italia

          Dott. Maxim Ospovat; Direttore CCIR di San Pietroburgo Russia

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS