updated 2:03 PM UTC, Apr 14, 2021

Crisi Italia, povertà assoluta per oltre 2 milioni di famiglie (5,6 milioni di persone): il triste record degli ultimi 15 anni

Azzerati i miglioramenti registrati nel 2019 dopo quattro anni consecutivi di aumento. Consumi indietro di 20 anni: la spesa media mensile torna ai livelli del 2000


Secondo le stime preliminari, nel 2020 le famiglie in povertà assoluta sono oltre 2 milioni (il 7,7% del totale, da 6,4% del 2019, +335mila) per un numero complessivo di individui pari a circa 5,6 milioni (9,4% da 7,7%, ossia oltre 1milione in più rispetto all'anno precedente). E' quanto emerge dai dati preliminari Istat contenuti in Statistica today, in cui viene sottolineato che i dati sono i peggiori dal 2005.

Nell'anno della pandemia si azzerano così i miglioramenti registrati nel 2019. Dopo 4 anni consecutivi di aumento, si erano infatti ridotti in misura significativa il numero e la quota di famiglie (e di individui) in povertà assoluta, pur rimanendo su valori molto superiori a quelli precedenti la crisi del 2008.
 

L'aumento della povertà assoluta si inquadra nel contesto di un calo record della spesa per consumi delle famiglie (su cui si basa l'indicatore di povertà). Secondo le stime infatti, nel 2020 la spesa media mensile torna ai livelli del 2000 (2.328 euro; -9,1% rispetto al 2019). Rimangono stabili solo le spese alimentari e quelle per l'abitazione mentre diminuiscono drasticamente quelle per tutti gli altri beni e servizi (-19,2%). 

Bar e ristoranti chiusi, il terribile massacro della filiera agroalimentare Made in Italy: cibi e vini invenduti per 11,5 miliardi

Il triste bilancio della Coldiretti: "Si stima che 300 milioni di chili di carne bovina, 250 milioni di chili di pesce e frutti di mare e circa 200 milioni di bottiglie di vino non siano mai arrivati nell'ultimo anno sulle tavole dei locali costretti ad un logorante stop and go senza la possibilità di programmare gli acquisti anche per prodotti fortemente deperibili"


Antipasti, dalla loro antica storia alle tavole d'oggi nel nord Italia

Il crollo delle attività di bar, trattorie, ristoranti, pizzerie e agriturismi travolge a valanga interi settori dell'agroalimentare Made in Italy con vino e cibi invenduti per un valore stimato in 11,5 miliardi dall'inizio della pandemia. È quanto emerge dal primo bilancio della Coldiretti sull'impatto sulla filiera agroalimentare delle chiusure a singhiozzo della ristorazione a un anno dall'inizio della pandemia Covid, in occasione del Consiglio nazionale con la partecipazione del Ministro delle politiche Agricole Stefano Patuanelli.

"Si stima che 300 milioni di chili di carne bovina, 250 milioni di chili di pesce e frutti di mare e circa 200 milioni di bottiglie di vino - sottolinea la Coldiretti - non siano mai arrivati nell'ultimo anno sulle tavole dei locali costretti ad un logorante stop and go senza la possibilità di programmare gli acquisti anche per prodotti fortemente deperibili".

"Numeri dietro i quali - precisa la Coldiretti - ci sono decine di migliaia di agricoltori, allevatori, pescatori, viticoltori e casari che soffrono insieme ai ristoratori. Chiusure forzate, limitazioni negli orari di apertura, divieti agli spostamenti, drastico calo delle presenze turistiche e la diffusione capillare dello smart working hanno devastato i bilanci dei servizi di ristorazione e tagliato drammaticamente i livelli occupazionali ma le conseguenze si fanno anche sentire direttamente sui fornitori".

La drastica riduzione dell'attività pesa infatti sulla vendita di molti prodotti agroalimentari, dal vino alla birra, dalla carne al pesce, dalla frutta alla verdura che trovano nel consumo fuori casa un importante mercato di sbocco. "In alcuni settori come quello ittico e vitivinicolo la ristorazione - precisa la Coldiretti - rappresenta addirittura il principale canale di commercializzazione per fatturato ma ad essere stati piu' colpiti sono i prodotti di alta gamma dal vino ai salumi, dai formaggi fino ai tartufi".

"Anche alla luce dell'avanzare della campagna di vaccinazione sarebbe importante consentire le aperture serali che valgono quasi l'80% del fatturato dei locali della ristorazione" afferma il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel sottolineare peraltro che "con l'arrivo del bel tempo le chiusure favoriscono paradossalmente gli assembramenti all'aperto sulle strade, nelle piazze e sul lungomare".

"Nei locali della ristorazione sono state invece adottate importanti misure di sicurezza, quali - conclude Prandini - il distanziamento dei posti a sedere facilmente verificabile, il numero strettamente limitato e controllabile di accessi, la registrazione dei nominativi di ogni singolo cliente ammesso".

"Nell'attività di ristorazione - rileva la Coldiretti - sono coinvolti circa 360mila tra bar, mense, ristoranti e agriturismi nella Penisola ma le difficoltà si trasferiscono a cascata sulle 70mila industrie alimentari e 740mila aziende agricole lungo la filiera impegnate a garantire le forniture per un totale di 3,6 milioni di posti di lavoro. Si tratta di difendere la prima ricchezza del Paese con la filiera agroalimentare nazionale che vale 538 miliardi pari al 25% del Pil nazionale ma è anche una realtà da primato per qualità, sicurezza e varietà a livello internazionale". 

 

(Fonte: Agi)

Bce, Lagarde sulla cancellazione del debito da Covid: "Inconcepibile, violerebbe uno dei pilastri fondamentali dell'Euro". Poi benedice Draghi: "Ha tutte le qualità richieste"

La presidente della Banca centrale europea boccia l'ipotesi di venire finanziariamente incontro agli Stati membri in difficoltà e commenta positivamente il fatto che il suo predecessore abbia accettato la sfida "di fare uscire l'Italia dalla crisi economica e sociale"


Risultato immagini per lagarde draghi

Christine Lagarde boccia categoricamente l'ipotesi della cancellazione del debito da Covid da parte della Bce. "E' inconcepibile e sarebbe una violazione del trattato europeo che vieta strettamente il finanziamento monetario degli Stati", dice la presidente Bce. "Questa regola costituisce uno dei pilastri fondamentali dell'euro" e bisognerebbe discutere piuttosto "su quali settori investire e come incidere sulla spesa pubblica", conclude. 

Utilizzo del debito - Secondo la Lagrde "se l'energia spesa per chiedere la cancellazione del debito da parte della Bce fosse dedicata a un dibattito sull'utilizzo di questo debito, sarebbe molto più utile. A cosa sarà destinata la spesa pubblica? In quali settori del futuro investire? Questo è l'argomento essenziale oggi", ha detto.

Draghi è un'opportunità - Nella stessa intervista al Journal du Dimanche, la Lagarde ha poi valutato molto positiviamente il fatto che Mario Draghi abbia accettato la sfida "di fare uscire l'Italia dalla crisi economica e sociale, mentre è il Paese più colpito dalla pandemia nell'area dell'euro". Si tratta, ha aggiunto, di "un'opportunità per l'Italia e per l'Europa". Draghi "ha tutte le qualità richieste, la competenza, il coraggio, l'umiltà necessaria per rilanciare l'economia italiana con il sostegno dell'Europa", ha concluso.

Nonno welfare, paradosso italiano: quando i pensionati sostengono economicamente le famiglie

Il report dell'Istat "Condizioni di vita dei pensionati anni 2018-2019" fotografa molto bene una condizione che riguarda sempre più famiglie nel nostro Paese. E fa riflettere


L'Istat calcola che ci sono pensionati in una famiglia su due in Italia, il 46,4%. E spesso da loro arriva un sostegno economico, tanto che, per le famiglie con pensionati, il rischio di povertà è minore di un terzo rispetto alle altre famiglie, fino al 15,9% nel 2018 (come anche nel 2017).

Le famiglie con pensionati hanno, inoltre, un reddito netto medio più alto delle altre di 60 euro, pari a 2.670 euro netti al mese. Più in dettaglio, metà delle famiglie con pensionati ha un reddito netto inferiore ai 24.780 euro (2.065 euro mensili), un valore mediano che scende a 21.445 euro nel Mezzogiorno, mentre raggiunge circa 27.800 euro nel Centro e a 25.830 euro nel Nord.

Il report dell'Istituto di statistica "Condizioni di vita dei pensionati anni 2018-2019" rileva, inoltre, che oltre un terzo dei pensionati vive in coppia senza figli (35,6%) e più di un quarto da solo (28,2%).

Allo stesso tempo, secondo l'Istat, aumentano i pensionati che percepiscono anche un reddito da lavoro. Nel 2019 erano 420 mila, (+3,6% rispetto al 2018) ma in decisa diminuzione rispetto al 2011 (-18,5%). La loro età media sale a 69 anni (dai 66 anni del 2011) con oltre il 77% che ha almeno 65 anni (53,7% nel 2011) e il 41,7% che ne ha almeno 70 (25,0% nel 2011). I pensionati che lavorano sono principalmente uomini (in oltre tre casi su quattro), residenti nelle regioni settentrionali (in due casi su tre) e lavoratori non dipendenti (in circa l'85% dei casi). Circa la metà dei pensionati occupati ha al massimo la licenza media (è il 30,4% per il complesso degli occupati), tre su dieci possiedono un diploma mentre il segmento dei laureati rappresenta oltre un quinto del totale.

Tra gli altri numeri chiave indicati nel rapporto ci sono: i 301 miliardi di euro spesi nel 2019 in prestazioni pensionistiche, il 2,5% in più rispetto al 2018; il numero di pensionati stabile a poco più di 16 milioni; l'importo della pensione media di 13.194 euro annui.   

Affitti e pandemia, cosa posso fare se non riesco a pagare? Risponde l'avvocato (VIDEO)

Un tema di scottante attualità quello della difficoltà di adempiere agli obblighi contrattuali nei rapporti di locazione. Che diritti ha chi non riesce temporaneamente a pagare l'affitto. E a cosa è tenuto il proprietario? Lo abbiamo chiesto all'avvocato Carlo Bortolotti, civilista di Milano, esperto della materia - (VIDEO)


Ristoranti in crisi: i consumi fuori casa sono in picchiata
 
STUDIO LEGALE BORTOLOTTI
C.so Buenos Aires, 45 - 20124 MILANO
tel. 02.39562104 - fax 02.45485345
Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Nuovo Dpcm, Toti: "Colpiti sempre i soliti, la protesta rischia di crescere"

Secondo il presidente della Regione Liguria il rischio "è che il prezzo più salato di questa seconda ondata lo paghino ristoratori, proprietari e lavoratori di bar e locali"


"Colpiti sempre i soliti e la protesta rischia di crescere". Il governatore della Liguria Giovanni Toti si dice “preoccupato dallo sviluppo della pandemia e dalla mole di pazienti negli ospedali” e in un’intervista a Repubblica dichiara: “La pressione sulle terapie intensive non è emergenziale e il tasso di mortalità è più basso” ma “alla fine il rischio è che il prezzo più salato di questa seconda ondata lo paghino sempre gli stessi: ristoratori, proprietari e lavoratori di bar e locali”.

E aggiunge: “Si fa presto a dire cancelliamo il superfluo”. In una seconda intervista alla Stampa, Toti osserva: “Resto convinto che sarebbero più utili misure per proteggere o lasciare a casa le persone più fragili, gli anziani e chi convive con varie patologie” e a tale proposito propone di “segmentare la popolazione per proteggere quelle persone” come se si facessero dei lockdown a carattere anagrafico. Ma ammette: “Non siamo mai arrivati a questo punto di discussione”.

Cina; con il Covid-19 sotto controllo, l'economia avanza a grandi passi

Le esportazioni sono aumentate e le amministrazioni locali si sono impegnate in progetti di costruzione alimentati dal basso costo del denaro. Anche la spesa dei consumatori è finalmente in ripresa.

 
Mentre la maggior parte del mondo è ancora alle prese con la pandemia da coronavirus, la Cina sta dimostrando ancora una volta che una rapida ripresa economica è possibile, quando il virus è saldamente sotto controllo.
 

L'Ufficio nazionale di statistica del paese ha annunciato che l'economia cinese è aumentata del 4,9% nel trimestre da luglio a settembre rispetto agli stessi mesi dell'anno scorso. La robusta performance riporta la Cina quasi al ritmo di crescita di circa il 6% che registrava prima della pandemia.

Molte delle principali economie mondiali sono uscite dalle profondità di una contrazione la scorsa primavera, quando le interruzioni hanno causato un brusco calo della produzione. Ma la Cina è la prima a segnalare una crescita che supera significativamente il livello dello scorso anno nello stesso periodo. Anche gli Stati Uniti e altre potenze economiche, dovrebbero segnalare un aumento nel terzo trimestre, ma sono ancora indietro o stanno solo raggiungendo i livelli pre-pandemici.

Il vantaggio della Cina potrebbe aumentare ulteriormente nei mesi a venire. Non ha quasi nessuna trasmissione locale del virus, mentre gli Stati Uniti e l'Europa devono affrontare un'altra ondata di casi in accelerazione. 

La vigorosa espansione dell'economia cinese significa che è destinata a dominare la crescita globale, rappresentando almeno il 30 per cento della crescita economica mondiale di quest'anno e degli anni a venire. Le aziende cinesi stanno rappresentando la quota maggiore delle esportazioni mondiali, producendo elettronica di consumo, dispositivi di protezione personale e altri beni richiesti durante la pandemia. Allo stesso tempo, la Cina sta acquistando più ferro dal Brasile, più mais e maiale dagli Stati Uniti e più olio di palma dalla Malesia. Ciò ha in parte invertito il crollo dei prezzi delle materie prime la scorsa primavera e attenuato l'impatto della pandemia su alcuni settori. Tuttavia, la ripresa della Cina ha aiutato il resto del mondo meno che in passato, perché le sue importazioni non sono aumentate così tanto come le esportazioni. Questo modello ha creato posti di lavoro in Cina, ma ha frenato la crescita altrove.

La ripresa economica della Cina dipende da mesi anche da enormi investimenti in autostrade, linee ferroviarie ad alta velocità e infrastrutture. E nelle ultime settimane, con la ripresa della libera circolazione, il Paese ha visto l'inizio di una ripresa anche dei consumi interni.

L'attività sta riprendendo ora anche in luoghi come Wuhan, la città centrale della Cina dove è emerso per la prima volta il nuovo coronavirus.  

 

La crescita economica della Cina negli ultimi tre mesi è stata leggermente inferiore alle previsioni degli economisti, al 5,2% anziché al 5,5%, ma la performance è ancora forte, infatti i mercati azionari di Shanghai, Shenzhen e Hong Kong vedono un continuo e costante aumento del livello delle contrattazioni. Le vendite al dettaglio sono aumentate del 3,3% il mese scorso rispetto a un anno fa, mentre la produzione industriale è aumentata del 6,9%. Il modello cinese per ripristinare la crescita può essere efficace, ma potrebbe non essere attraente per altri paesi. Determinata a mantenere la trasmissione locale del virus uguale o prossima allo zero, la Cina è ricorsa a un monitoraggio cellulare completo della sua popolazione, blocchi per settimane di quartieri e città e costosi test di massa in risposta anche alle più piccole epidemie.

 
 
 
Il rimbalzo della Cina è accompagnato anche da alcune debolezze, in particolare un aumento del debito complessivo quest'anno di un importo pari a un terzo della produzione complessiva dell'economia. Gran parte del debito extra è costituito da prestiti da parte dei governi locali e delle imprese statali per pagare nuove infrastrutture o da mutui contratti da famiglie e aziende per pagare appartamenti e nuovi edifici. Il governo è consapevole del rischio di lasciare che il debito si accumuli rapidamente. Ma frenare il nuovo credito danneggerebbe l'attività immobiliare, un settore che rappresenta fino a un quarto dell'economia cinese.

Un altro rischio per la ripresa della Cina è la sua forte dipendenza dalle esportazioni. L'impennata delle esportazioni negli ultimi tre mesi, insieme ai prezzi più bassi per le importazioni di materie prime, ha rappresentato una fetta considerevole della crescita economica. Le esportazioni rappresentano ancora oltre il 17% dell'economia cinese, più del doppio di quelle che costituiscono l'economia americana.

I leader cinesi riconoscono che le esportazioni del paese sono sempre più vulnerabili alle tensioni geopolitiche, comprese le mosse che l'amministrazione Trump, mette in campo per sciogliere le relazioni commerciali tra Stati Uniti e Cina. I cambiamenti nella domanda globale potrebbero anche minacciare le esportazioni, poiché la pandemia colpisce le economie d'oltremare.

  

Xi Jinping, ha sempre più enfatizzato l'autosufficienza, con una strategia che richiede l'espansione delle industrie dei servizi e l'innovazione nella produzione industriale, oltre a consentire ai residenti di spendere di più.

"Dobbiamo fare dei consumatori il pilastro della nostra economia", ha detto Qiu Baoxing, consigliere di governo che è anche un ex vice ministro dell'edilizia abitativa. "Concentrandoci sulla circolazione domestica, stiamo effettivamente migliorando la nostra capacità di recupero". Ma responsabilizzare i consumatori è stata a lungo una sfida in Cina. In circostanze normali, la maggior parte dei cinesi è costretta a risparmiare per l'istruzione, l'assistenza sanitaria e la pensione a causa di una rete di sicurezza sociale debole. Il rallentamento economico e la pandemia hanno comportato la perdita di posti di lavoro, aggravando il problema, in particolare per i lavoratori a basso reddito e i residenti rurali.

 
 

 

I governi occidentali hanno sperimentato la fornitura di assegni di disoccupazione extra-large, pagamenti una tantum e persino pasti sovvenzionati nei ristoranti. Queste azioni sono state finalizzate ad aiutare le famiglie a sostenere un tenore di vita minimo durante la pandemia, che a sua volta ha alimentato la domanda di importazioni dalla Cina. Assisteremo a una recrudescenza del conflitto commerciale, e non solo tra gli Stati Uniti e la Cina, ma a livello globale.

  • Pubblicato in Esteri

Occupazione, un anno molto duro ma a luglio torna a crescere. Cosa dice l'Istat sulla situazione del lavoro in Italia

"Da febbraio 2020 il livello dell'occupazione è sceso di quasi 500 mila unità e le persone in cerca di lavoro sono cresciute di circa 50 mila, a fronte di un aumento degli inattivi di quasi 400 mila". Lo scrive l'Istat nelle statistiche flash su occupati e disoccupati a luglio

"In quattro mesi, - continua l'Istituto - il tasso di occupazione perde oltre un punto, mentre quello di disoccupazione, col dato di luglio, torna sopra ai livelli di febbraio". L'ultimo anno ha visto un'emorragia di dipendenti a termine (calati del -16,2% a luglio sui 12 mesi, -498mila) e lavoratori indipendenti (-4,5% pari a -239 mila). Il calo degli occupati registrato dall'Istat, non riguarda invece i lavoratori permanenti, che sono tutelati anche dal blocco dei licenziamenti per il Covid-19 e sono cresciuti dell'1,2% (+181 mila).

 

LO SCATTO DI LUGLIO  - A luglio, dopo quattro mesi di flessioni consecutive, l'occupazione "torna a crescere". L'Istat registra un aumento dell'occupazione su base mensile (+0,4% pari a +85mila unità) che coinvolge le donne (+0,8% pari a +80mila), i dipendenti (+0,8% pari a +145mila) e tutte le classi d'età, ad eccezione dei 25-34enni. Gli uomini occupati risultano sostanzialmente stabili, mentre diminuiscono gli indipendenti. Nel complesso, il tasso di occupazione sale al 57,8% (+0,2 punti percentuali). Rispetto a luglio 2019 gli occupati diminuiscono di 556.000 unità e il tasso di occupazione perde 1,3 punti percentuali.


10 rivendicazioni perchè salute e sicurezza dei lavoratori non vengano più  sacrificate alla produttività e al profitto

A luglio, dopo quattro mesi di flessioni consecutive, l’occupazione torna a crescere mentre, a fronte del calo dell’inattività, prosegue l’aumento del numero di persone in cerca di lavoro. E' quanto rileva l'Istat.

L’aumento dell’occupazione su base mensile (+0,4% pari a +85mila unità) coinvolge le donne (+0,8% pari a +80mila), i dipendenti (+0,8% pari a +145mila) e tutte le classi d’età, ad eccezione dei 25-34enni; gli uomini occupati risultano sostanzialmente stabili, mentre diminuiscono gli indipendenti. Nel complesso, il tasso di occupazione sale al 57,8% (+0,2 punti percentuali). La rilevante diminuzione nel numero di inattivi (-1,6% pari a -224mila unità) riguarda uomini, donne e tutte le classi d’età. Il tasso di inattività diminuisce, attestandosi al 35,8% ( 0,6 punti).

Il confronto tra il trimestre maggio-luglio 2020 e quello precedente (febbraio-aprile 2020) segnala comunque un livello di occupazione inferiore dell’1,2%, corrispondente a -286mila unità. Nel trimestre crescono, invece, sia le persone in cerca di occupazione (+10,4% pari a +218mila), sia gli inattivi tra i 15 e i 64 anni (+0,3% pari a +39mila unità).

Le ripetute flessioni congiunturali registrate a partire da marzo 2020 hanno contribuito a una rilevante contrazione dell’occupazione rispetto al mese di luglio 2019 (-2,4% pari a -556mila unità), che ha coinvolto uomini e donne di qualsiasi età, così come dipendenti (-317mila) e autonomi (-239mila); unica eccezione sono gli over50 con un incremento di occupati (+153mila) che, tuttavia, è dovuto esclusivamente alla componente demografica. Il tasso di occupazione scende in un anno di 1,3 punti.

A luglio 2020 il numero di ore pro capite effettivamente lavorate, calcolato sul complesso degli occupati, prosegue nella tendenza all’aumento. Il livello di luglio, pari a 33,1 ore, è solo di 1,2 ore inferiore a quello registrato a luglio 2019. Per i dipendenti il gap rispetto a luglio 2019 è ancora più ridotto (-0,8 ore).

Nell’arco dei dodici mesi, le persone in cerca di lavoro diminuiscono (-1,8%, pari a 44mila unità), mentre aumentano gli inattivi tra i 15 e i 64 anni (+3,6%, pari a +475mila).

A luglio il tasso di disoccupazione sale al 9,7% (+0,5 punti) e, tra i giovani, raggiunge il 31,1% (+1,5 punti). E' quanto rileva l'Istat, nell'evidenziare come il dato sia cresciuto per via "dell'aumento consistente" delle persone in cerca di lavoro nel mese preso in esame (+5,8% pari a +134mila unità). Aumento che, precisa l'istituto di statistica, è diffuso per genere ed età.

"Dopo quattro mesi di flessione, a luglio 2020, il numero di occupati torna a crescere, soprattutto tra le donne e i lavoratori con più di 35 anni; continua il recupero delle ore lavorate pro capite e l’espansione del segmento di persone in cerca di lavoro. Ciononostante, da febbraio 2020 il livello dell’occupazione è sceso di quasi 500 mila unità e le persone in cerca di lavoro sono cresciute di circa 50 mila, a fronte di un aumento degli inattivi di quasi 400 mila". E' quanto spiega l'Istat nel diffondere i dati sull'occupazione di luglio.

"In quattro mesi, il tasso di occupazione perde oltre un punto, mentre quello di disoccupazione, col dato di luglio, torna sopra ai livelli di febbraio", ricorda ancora l'istituto di statistica.

 

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS