updated 3:03 PM UTC, Jun 22, 2021

Stop alle vendita di auto diesel e benzina, l'Ue pensa al 2035. L'indiscrezione che fa discutere

Nel pacchetto clima del 14 luglio, la Commissione europea potrebbe proporre il 2035 come l'ultimo anno in cui sarà possibile vendere auto a benzina o diesel in Europa. Secondo le indiscrezioni che circolano a Bruxelles, riportate da diversi media, nella proposta sui nuovi standard CO2 la Commissione potrebbe non fermarsi a fissare target per il 2030.
In un'intervista all'Ansa il direttore generale clima della Commissione Mauro Petriccione, aveva menzionato la possibilità di un target al 2030 di 40 grammi di CO2 al chilometro, che significherebbe una riduzione delle emissioni per le auto nuove del 60% rispetto a oggi. Aggiungere un target del 100% al 2035 significherebbe la fine dei motori diesel e benzina.
Per la neutralità climatica al 2050 "secondo l'Agenzia Internazionale per l'Energia tutte le nuove auto immesse sul mercato globale dovranno essere a emissioni zero entro il 2035 - spiega il presidente della Commissione ambiente dell'Europarlamento Pascal Canfin - e i produttori europei hanno bisogno di un chiaro segnale politico". "Sono solo indiscrezioni - è il commento da Acea, l'associazione Ue dei costruttori - aspettiamo la proposta". 

 

(Fonte: Ansa)

Il discorso di Putin allo SPIEF, il 24° forum economico internazionale di San Pietroburgo

L'attuale forum è uno degli eventi più ambiziosi dall'inizio della pandemia. Il motto del forum di quest'anno è "Di nuovo insieme per l'economia di una nuova realtà".


Capi di stato e di governo di paesi stranieri, capi di grandi associazioni russe e internazionali, aziende e banche, esperti di spicco e politici hanno preso parte allo SPIEF, sia di persona sia in videoconferenza. Nuove regole e nuove aperture economiche dovranno regolare i prossimi decenni. Maggiori cooperazioni internazionali, Green e forte ripresa dopo la grave recessione dello scorso anno, questi i temi principali temi su cui si è soffermato anche il Presidente russo Vladimir Putin, nel suo discorso di chiusura dei lavori. 

 

Così il presidente ha voluto salutare i presenti: 

"Saluto tutti i partecipanti e gli ospiti del 24° Forum economico internazionale di San Pietroburgo. Sapete che, infatti, dall'inizio dello scorso anno, a causa della pandemia di coronavirus, gli incontri in molte sedi tradizionali sono stati cancellati o tenuti a distanza. E siamo lieti che dopo una pausa così lunga e forzata, sia qui, in Russia, che si sta svolgendo il primo grande evento internazionale di affari, nell'ambito del quale i rappresentanti della comunità imprenditoriale globale, possono comunicare tra loro non solo attraverso i moderni strumenti di comunicazione, ma anche direttamente, come si dice, dal vivo. Allo stesso tempo, ovviamente, abbiamo cercato di fare di tutto per garantire la sicurezza dei partecipanti, tenendo conto dei requisiti sanitari più severi. Ma, ripeto, il fatto stesso che si svolga un forum così rappresentativo è senza dubbio un segnale positivo, un'ulteriore prova che le partnership, i contatti tra imprenditori, investitori ed esperti stanno gradualmente riacquistando la loro forma familiare e normale. Stiamo assistendo alle stesse tendenze positive nell'economia globale. Nonostante la profondità della recessione dello scorso anno, che secondo gli esperti si è rivelata la più grande dalla seconda guerra mondiale, è già sicuro affermare che l'economia globale sta tornando alla normalità. Anche quest'anno si prevede che la crescita del PIL globale sarà insolitamente elevata, la più alta dagli anni '70 del secolo scorso: gli esperti parlano di una crescita del 6%. Questo, ovviamente, è stato influenzato dalle decisioni straordinarie e su larga scala prese dalle autorità economiche di tutto il mondo. Inoltre, la pratica ha dimostrato che le tradizionali misure di politica monetaria da sole non sarebbero sufficienti per superare l'attuale crisi. La politica di bilancio, che per la prima volta è stata così attivamente sostenuta dalle banche centrali dei paesi in via di sviluppo, svolge un ruolo chiave nella rapida ripresa economica. È chiaro che le principali economie hanno molte più risorse e strumenti per stimolare l'attività imprenditoriale. I numeri parlano da soli: se nei paesi sviluppati l'anno scorso l'aumento dei deficit di bilancio è stato in media del 10 per cento del PIL, nei paesi in via di sviluppo è stato di circa il 5 per cento. E sappiamo che sono proprio questi deficit che sono in gran parte responsabili del finanziamento delle soluzioni anticrisi. Il fatto che queste decisioni esistano, che siano finanziate è ovviamente positivo, è indubbiamente positivo, ma purtroppo ci sono anche aspetti negativi. Di conseguenza, vediamo che l'economia globale si sta riprendendo in modo non uniforme, tenendo conto delle diverse capacità dei diversi paesi. Ciò è irto di squilibri crescenti, che ampliano il divario nel tenore di vita sia all'interno dei singoli paesi che tra di essi. E questo comporta gravi rischi politici, economici e sociali per lo sviluppo del mondo moderno interconnesso, per la sicurezza comune". 

 

Altro tema non sottovalutato da Putin è quello della difficile diffusione a livello mondiale dei vaccini e la conseguente diffusione della pandemia, che prosegue a velocità diverse: 

"Un buon esempio è la lotta contro l'epidemia. Fino a quando non garantiremo un accesso ampio e onnipresente ai vaccini contro il coronavirus in tutti i continenti, il pericolo di un'epidemia e dei suoi nuovi focolai non scomparirà, rappresentando una minaccia per l'intero pianeta. Tuttavia, cosa vediamo ora? Secondo l'FMI, i paesi ad alto reddito, che ospitano il 16% della popolazione mondiale, rappresentano ora la metà dei vaccini contro il coronavirus prodotti. Di conseguenza, fino ad oggi, solo il 10% circa della popolazione mondiale è stato completamente vaccinato o ha ricevuto il primo componente della vaccinazione, mentre centinaia di milioni di persone semplicemente non hanno accesso a un vaccino a causa del fatto che questi paesi non lo producono. Non dispongono della tecnologia, della capacità produttiva o dei fondi per acquistare vaccini. E l'assistenza a questi paesi da parte di coloro che potrebbero farlo è ancora trascurabile. Ci sono divieti politicamente motivati ​​all'acquisto di vaccini testati, efficaci e provati.  Come sapete, la Russia sta contribuendo alla lotta contro il coronavirus. "Sputnik V" è già stato registrato in 66 paesi del mondo, dove vivono più di tre miliardi e duecento milioni di persone. Vorrei sottolineare: non solo abbiamo creato tecnologie uniche e stabilito rapidamente la produzione di vaccini in Russia, ma abbiamo anche aiutato i nostri partner stranieri a sviluppare tale produzione nei loro siti. Finora, ad eccezione della Russia, nessuno lo sta ancora facendo. Oggi, ogni cittadino adulto della Russia ha l'opportunità di vaccinarsi, volontariamente e gratuitamente. L'efficacia del nostro vaccino è superiore al 96 percento. E, secondo i nostri studi, non c'è stata una sola morte per l'uso del vaccino. Inoltre, chiedo al governo, alle regioni e alle imprese di elaborare insieme i problemi della vaccinazione delle persone che vengono in Russia per lavoro. Molti di questi specialisti sono impiegati con noi nei settori dell'edilizia, del commercio e dei servizi comunali. L'industria farmaceutica nazionale è pronta ad aumentare ulteriormente la produzione di vaccini, ovvero non solo soddisfiamo pienamente le nostre esigenze, ma possiamo anche fornire un'opportunità ai cittadini stranieri di venire in Russia e farsi vaccinare qui. So che, data l'efficacia dei nostri vaccini, questa domanda è piuttosto alta. Inoltre, la pratica si è diffusa quando persone di diversi paesi, inclusi uomini d'affari, capi di grandi aziende europee e di altro tipo, vengono appositamente in Russia per vaccinarsi contro il coronavirus. A tal proposito, chiedo al Governo di analizzare tutti gli aspetti della questione entro la fine del mese in modo che, tenendo conto delle esigenze di sicurezza, del controllo sanitario, si organizzino le condizioni corrette per i cittadini stranieri al fine che possano vaccinarsi a pagamento e in modo sicuro."

 

Altro punto toccato dal presidente il gasdotto Nord stream2, la tratta che dalla Russia alla Germania distribuirà il prezioso elemento in tutta l'Europa.

"Sono lieto di annunciare che oggi, esattamente due ore e mezza fa, si è conclusa con successo la posa delle tubazioni per la prima stringa del gasdotto Nord Stream 2. Il lavoro sulla seconda linea continua. L'intera opera lineare, compresa la sezione offshore, è completata. Anche dal lato tedesco l'opera si sta concludendo e prevedo che nel giro di poche settimane, le due tratte saranno collegate e ben saldate tra loro. Gazprom è pronta a riempire di gas il Nord Stream 2. Questa rotta collegherà direttamente i sistemi di trasporto del gas della Russia e della Repubblica federale di Germania e, come Nord Stream 1, servirà la sicurezza energetica dell'Europa e un approvvigionamento affidabile per i consumatori europei in generale. Aggiungo che questo progetto è molto conveniente e rispetta pienamente gli standard ambientali e i requisiti tecnici più rigorosi. Siamo pronti a continuare a realizzare progetti high-tech simili con i nostri partner europei e altri e speriamo che la logica del mutuo vantaggio prevalga inevitabilmente su ogni sorta di barriere artificiali dell'attuale ambiente politico."

 

L'ultimo punto veramente sentito dal premier russo è quello del cambiamento climatico. Putin nel suo discorso sottolinea quanto sia importante una cooperazione internazionale, smettendola con le distorsioni delle verità, tutti gli stati devono essere coinvolti in egual misura e con le stesse intenzioni:

"Serve una cooperazione internazionale per superare le conseguenze socio-economiche dell'epidemia. Inoltre, occorre unire gli sforzi di fronte a sfide comuni, sistemiche e di lungo periodo, che non dipendono dalle condizioni di mercato, dalle controversie politiche e dagli allineamenti, ma determinano in modo decisivo il futuro dell'intera civiltà. Di cosa sto parlando ora, cosa intendo? Prima di tutto, stiamo parlando dell'agenda per il clima. Secondo gli scienziati, a causa dell'attività economica umana, nell'atmosfera terrestre si sono accumulate oltre due trilioni di tonnellate di gas serra. Ogni anno, il loro volume aumenta di 50 miliardi di tonnellate, riscaldando gradualmente il pianeta. Abbiamo sentito spesso parlare del fatto che la Russia, non sia molto interessata a risolvere i problemi ambientali globali. Questa è una sciocchezza, questo è un mito, o addirittura una vera e propria distorsione. Come altri paesi, sentiamo i rischi e le minacce in quest'area, tra cui la desertificazione, l'erosione del suolo e lo scioglimento del permafrost. Molti dei presenti in sala conoscono e lavorano nell'Artico: abbiamo intere città lì, nell'Artico, costruite sul permafrost. Se tutto inizierà a sciogliersi, quali saranno le conseguenze per la Russia? Naturalmente, siamo preoccupati per questo. Sosteniamo costantemente l'attuazione della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, del Protocollo di Kyoto e dell'Accordo di Parigi. Vorrei sottolineare: non esiste un clima russo, europeo, asiatico o americano separato. Tutti i nostri paesi hanno una responsabilità comune per il mondo moderno, per la vita delle generazioni future. È necessario mettere da parte le divergenze politiche e di altro tipo, per non trasformare il passaggio alla “carbon neutrality” in uno strumento di concorrenza sleale quando, con il pretesto di una falsa strategia per l'interesse specifico di qualcuno, si cerca di rimodellare gli investimenti e il commercio limitando l'accesso alla tecnologia avanzata "verde" a tutti. Come vediamo il contributo del nostro Paese alla soluzione del problema del cambiamento climatico? Sono fiducioso che, a causa delle dimensioni, della posizione e del ruolo della Russia nel mondo, i progetti ambientali e climatici nel nostro paese svolgeranno un ruolo di primo piano negli sforzi globali per preservare il clima per molti decenni. Abbiamo fissato un obiettivo: nei prossimi 30 anni, il volume accumulato di emissioni nette di gas serra in Russia dovrebbe essere inferiore a quello in Europa. Sono convinto che si tratti di un compito ambizioso ma risolvibile, e chiedo al governo di elaborare un piano d'azione dettagliato al riguardo entro il 1° ottobre di quest'anno. Ma discuteremo questo problema in una riunione separata. A proposito, sulla base dell'industria nucleare, la Russia sta già creando un'infrastruttura per la produzione di idrogeno, che verrà utilizzata come materia prima, combustibile, vettore energetico, anche nella metallurgia, nella produzione di cemento e nei trasporti. La Russia ha un colossale potenziale di assorbimento di Co2 con le foreste, la tundra, i terreni agricoli, le paludi, il nostro paese rappresenta un quinto delle foreste del mondo, che occupano quasi 10 milioni di chilometri quadrati. Secondo esperti, scienziati, già adesso assorbono miliardi di tonnellate di anidride carbonica ogni anno".

 

Infine il presidente ha voluto personalmente ringraziare e salutare le delegazioni presenti al Forum, partendo dall'ospite d'onore...

"Cari colleghi, concludendo il mio intervento, vorrei ribadire che, nonostante tutte le prove legate alla pandemia globale, la vita sta gradualmente tornando alla normalità. Un esempio lampante di ciò, lo ripeto ancora una volta, è il nostro incontro a San Pietroburgo. E la prossima settimana la Russia ospiterà sei gare della fase a gironi, un quarto di finale proprio qui a San Pietroburgo. A questo proposito desidero rivolgere i miei migliori auguri al nostro grande amico, l'Emiro del Qatar. Ieri era il suo compleanno. Ci congratuliamo con voi, vostra altezza. Sono fiducioso che il Qatar ospiterà il Campionato mondiale di calcio il prossimo anno con grande successo. Questi grandi eventi e il forum uniscono davvero e avvicinano persone provenienti da diversi paesi. I rappresentanti delle imprese, numerosi in sala, sanno bene che è una comunicazione diretta basata sulla fiducia reciproca che, per molti aspetti, porta avanti progetti e iniziative imprenditoriali, e quindi l'intera economia mondiale. La Russia creerà tutte le opportunità per tale comunicazione, per lo scambio di esperienze, per la dimostrazione dei risultati più avanzati della scienza e della tecnologia. Grazie per la vostra pazienza, attenzione e vi auguro il successo."

        

Fonte: Camera di Commercio Italo-Russa (CCIR)

          Arch. Giuseppe De Gaetano; Direttore CCIR di Novara Italia

          Dott. Maxim Ospovat; Direttore CCIR di San Pietroburgo Russia

Auto elettriche meno care di benzina e diesel entro il 2027. La mobilità sostenibile passa anche dai costi

Lo studio di Bloomberg: determinanti il calo del prezzo delle batterie e una più stringente normativa europea sulle emissioni di CO2. La svolta green, insomma, ha bisogno di forti indirizzi e non può essere caricata solo sulle tasche dei consumatori


Misure volte a favorire la mobilità elettrica nel 2019: incentivi auto  elettriche e non solo - e-Station

Entro il 2027 in Ue i veicoli elettrici avranno un prezzo inferiore rispetto a quelli con motore a combustibili fossili. E' quanto prevede un rapporto stilato da Bloomberg, secondo cui auto e furgoni elettrici saranno in grado di coprire il 100% delle vendite nel territorio dell'Unione entro il 2035, anche in assenza di tassazioni agevolate o di eventuali incentivi economici all'acquisto.

Fondamentali saranno, secondo il report, la diminuzione del costo delle batterie e una più stringente normativa comunitaria sulle emissioni di CO2.

Nel dettaglio, rileva lo studio commissionato dalla Federazione europea Transport & Environment, il primo segmento di veicoli elettrici a diventare più convenienti di quelli tradizionali sarà quello dei commerciali leggeri, già nel 2025.

Seguiranno, l'anno successivo, le berline elettriche (segmenti C e D) e i SUV di tutte le dimensioni. Le ultime a raggiungere la parità, fra sei anni, saranno le auto più piccole (segmento B).

Secondo gli analisti, la diminuzione dei costi di produzione e l'aumento di attrattività per i consumatori sono strettamente connessi con l'incremento dei volumi di produzione e vendite di veicoli elettrici. Molto dipende - ricorda ancora lo studio - anche dal costo delle nuove batterie, previsto in diminuzione del 58% entro il 2030.

Senza forti politiche di indirizzo, conclude la ricerca, le auto elettriche a batteria raggiungeranno invece una quota di mercato dell'85% e i furgoni solo l'83% entro il 2035. 

 

(Fonte: Ansa)

Auto elettrica, la scelta più sostenibile e conveniente: lo studio che lo dimostra. Altroconsumo: "Necessario potenziare le infrastrutture di ricarica e mantenere gli incentivi per qualche anno"

Un recente studio elaborato dal BEUC e i suoi partner, fra cui Altroconsumo in Italia, e finanziato dalla European Climate Foundation, ha calcolato i costi totali da sostenere per il possesso di varie tipologie di mezzi in base al tipo di alimentazione: benzina, diesel, ibrida, ibrida ricaricabile, elettrica e futuribile idrogeno. Ecco i risultati


Colonnine di ricarica per le auto elettriche — Comune di Maranello

Uno degli argomenti maggiormente discussi degli ultimi anni è la costante e rapida trasformazione del settore della mobilità che, guidato anche dai cambiamenti ambientali in atto e dagli incentivi messi a disposizione, si orienta sempre di più verso scelte maggiormente sostenibili. Al centro di questo dibattito si trovano le auto elettriche, tipologia di veicoli in forte espansione che risulta essere la migliore scelta in termini di sostenibilità ambientale e convenienza per i consumatori.

A dimostrarlo è il recente studio elaborato dal BEUC e i suoi partner, fra cui Altroconsumo in Italia, e finanziato dalla European Climate Foundation, in cui si è andati a calcolare i costi totali da sostenere per il possesso di varie tipologie di mezzi in base al tipo di alimentazione: benzina, diesel, ibrida, ibrida ricaricabile, elettrica e futuribile idrogeno.  
Per andare ad individuare il costo complessivo di ogni tipo di veicolo sono state analizzate diverse voci: la svalutazione nel tempo (incentivi inclusi), l’iva, i rifornimenti di carburante o ricariche di elettricità, le tasse, i costi di assicurazione e di manutenzione ordinaria.

Tenendo conto di questi criteri, l’auto elettrica si piazza al primo posto in termini di convenienza e si stima che lo possa mantenere anche con l’andare del tempo (prossimi 10 anni). Il suo costo medio di possesso è, infatti, pari a circa 74mila euro. Segue l’ibrido ricaricabile (a condizione di effettuare ricariche elettriche frequenti) a 77mila euro, poi il diesel (oltre 78mila euro) e, infine, la benzina (85mila euro). Le analisi sono state effettuate su tre segmenti (auto piccole, compatte e grandi) ma i risultati si presentano omogenei in ogni caso dimostrando che a fare la differenza reale è il tipo di alimentazione e non la grandezza del veicolo. In particolare, i grafici sotto riportati si riferiscono al segmento delle auto “compatte”, o “medie.

Altroconsumo ha, inoltre, analizzato le differenze di costo anche per il mercato dell’usato. Emerge che l’auto elettrica è una scelta che conviene anche se di seconda o terza mano, in quanto presenta valori minori o simili ad alte opzioni più inquinanti e garantisce comunque un risparmio nel tempo con costi delle ricariche più bassi, tasse più leggere e costi di manutenzione minori. 

"La svolta verso una mobilità più sostenibile è un cambiamento fondamentale da attuare per ridurre le emissioni di CO2, e questo studio dimostra come tale transizione sia, non solo possibile ma anche conveniente. Per guidare i consumatori verso le opzioni più green come le auto elettriche, risulta, tuttavia, fondamentale attuare dei cambiamenti a monte e lungo tutta la filiera al fine di rendere più facile, economico e sostenibile l’adozione di questi mezzi", dichiara Federico Cavallo, Responsabile Relazioni Esterne di Altroconsumo "In primis è necessario un potenziamento delle infrastrutture di ricarica ancora non sufficientemente diffuse sul territorio. Importante anche puntare sulla produzione di energia da fonti rinnovabili così da ridurre le emissioni prodotte per i rifornimenti e non potenziare un altro problema ambientale. E’ anche importante che, almeno per qualche anno, vengano mantenuti gli incentivi all’acquisto di vetture elettriche, in modo da stimolare l’acquisto, facendo sì che il parco vetture circolante raggiunga quote di elettrificazione significative, con benefici sia ambientali sia economici, anche a lungo termine per il mercato dell’usato, come mostra lo studio".

 

(Fonte: greencity.it)

Vendite auto elettriche, sarà boom mondiale: fino a 230 milioni nel 2030

La previsione sull'andamento del mercato dei veicoli elettrici è dell'Agenzia internazionale dell'energia (Aie) nel rapporto Global Electric Vehicle Outlook 2021"


Colonnine di ricarica per le auto elettriche — Comune di Maranello

Le vendite di veicoli elettrici possono avere una grossa spinta nel prossimo decennio: in base alle tendenze e alle politiche attuali, a livello mondiale nel 2030 potrebbero raggiungere quota 145 milioni. Ma la flotta elettrica di auto, furgoni, autocarri pesanti e autobus potrebbe arrivare anche a 230 milioni "se i governi accelerassero gli sforzi per raggiungere gli obiettivi internazionali in materia di clima ed energia", ovvero zero emissioni di gas serra entro il 2050. La previsione sull'andamento del mercato dei veicoli elettrici é dell'Agenzia internazionale dell'energia (Aie) nel rapporto"Global Electric Vehicle Outlook 2021".
   

Secondo il Report, tre milioni di nuove auto elettriche sono state immatricolate nel 2020, con un aumento del 40% delle vendite sul 2019, portando il totale delle vetture sulle strade del mondo a 10 milioni. A queste vanno aggiunti un milione di autocarri e bus elettrici.
   

L'anno scorso, a causa della pandemia, il mercato automobilistico globale ha invece subito una contrazione del 16%. Per la prima volta, nel 2020, l'Europa con 1,4 milioni di immatricolazioni (raddoppiate sul 2019) ha superato la Cina che ne ha registrate 1,2 milioni (+9%) e il vecchio continente è diventato il centro del mercato globale delle auto elettriche.
   

Nel primo trimestre 2021, spiega la Iea, é proseguito lo slancio del settore con le vendite che sono state "due volte e mezzo il livello dello stesso periodo dell'anno precedente".
   

Nel 2020 la spesa dei consumatori per le auto elettriche è aumentata di un altro 50% raggiungendo 120 miliardi di dollari, ricorda l'Agenzia osservando che nel contempo gli incentivi del governo hanno raggiunto 14 miliardi di dollari, il quinto anno consecutivo in cui sono diminuiti come quota della spesa totale.
   

Questo dimostra, secondo l'Aie, che "anche se gli stimoli statali restano importanti per la diffusione dei veicoli elettrici, le vendite aumentano soprattutto per scelta dei consumatori". Le case automobilistiche hanno offerto 370 modelli di auto elettriche nel 2020, con un aumento del 40% su base annua. Diciotto dei 20 maggiori produttori di auto (che rappresentano il 90% delle vendite mondiali di auto) hanno annunciato l'intenzione di aumentare ulteriormente il numero di modelli disponibili e la produzione di veicoli elettrici leggeri.
 

Il Global Electric Vehicle Outlook 2021 rileva che i governi l'anno scorso hanno contribuito a tamponare la recessione per le auto elettriche con politiche di sostegno. I veicoli elettrici su strada più diffusi sono a due e tre ruote, dunque motocicli o ciclomotori, con oltre 25 milioni di unità vendute, la maggior parte in Asia. Anche gli autobus urbani elettrificati si stanno diffondendo rapidamente mentre gli autocarri pesanti stanno da poco prendendo piede, proprio per le migliori prestazioni delle batterie. 

 

(Fonte: Ansa)

"Vietare auto diesel e benzina, solo elettrico entro il 2035". L'appello dei grandi marchi

Vietare la vendita di auto diesel, benzina, e anche ibride, entro il 2035. Per quella data soltanto mezzi elettrici. Questo l'obiettivo dell'appello rivolto alla commissione Europea, al Parlamento europeo e ai governi dei Paesi membri Ue, sottoscritto da 27 grandi aziende - tra cui Coca-Cola, Ikea, Sky, Uber, Volvo, e le italiane Enel X e Novamont - insieme con 6 associazioni di automotive, energia, sanità, finanza. Nell'appello - aperto a nuovi ingressi - si fa presente che, fissando "un obiettivo di CO2 per i costruttori di veicoli a 0 grammi per chilometro", si potrebbe inaugurare "una nuova era di mobilità a zero emissioni".

La crisi silenziosa del pesce italiano: i nostri pescherecci ridotti a sole 12mila unità

L'analisi analisi della Coldiretti Impresapesca diffusa in occasione della Giornata del Mare che si è celebrata l'11 aprile. Tra invenduto, crollo prezzi e chiusura dei ristoranti le perdite ammontano a 500 milioni di euro. Gli effetti delle importazioni selvagge di prodotto straniero. Pesa anche l'impatto dei cambiamenti climatici


Sequestrati pescherecci italiani. Spari dalle motovedette libiche -  IlGiornale.it

È s.o.s. per il pesce italiano con la flotta tricolore che negli ultimi 35 anni ha perso quasi il 40% delle imbarcazioni e un impatto devastante su economia e occupazione di un settore cardine del Made in Italy, ora ulteriormente aggravato dall’emergenza Covid. È quanto emerge da una analisi della Coldiretti Impresapesca diffusa in occasione della Giornata del Mare che si celebra l’11 aprile per valorizzare l'oro blu come risorsa culturale, scientifica, ricreativa ed economica. 

Gli effetti combinati dei cambiamenti climatici, delle importazioni selvagge di prodotto straniero e di una burocrazia sempre più asfissiante hanno ridotto il numero dei pescherecci italiani ad appena 12 mila unità – denuncia Coldiretti – mettendo a rischio il futuro del comparto ma anche la salute dei cittadini poiché con la riduzione delle attività di pesca viene meno anche la possibilità di portare in tavola pesce Made in Italy, favorendo gli arrivi dall’estero di prodotti ittici che non hanno le stesse garanzie di sicurezza di quelle tricolori.

Il calo dei consumi

A peggiorare ulteriormente la situazione ha contribuito – spiega Coldiretti - la pandemia con il crollo di oltre il 30% degli acquisti di pesce da parte della ristorazione dall’inizio dell’emergenza sanitaria, peraltro reso più pesante dalle chiusure di aprile. 

Il risultato è un crac da 500 milioni di euro tra produzione invenduta, crollo dei prezzi e chiusura dei ristoranti. Senza dimenticare l’aggravio di costi per garantire il rispetto delle misure di distanziamento e sicurezza a bordo delle imbarcazioni, con i pescatori che hanno continuato a uscire in mare per assicurare le forniture di pesce fresco ai consumatori.

Un calo che non è stato compensato dall’aumento degli acquisti domestici del 6,7%, secondo un’analisi Coldiretti su dati Ismea relativi all’anno 2020. 

Ad essere premiati sono stati soprattutto i consumi di prodotto surgelato, cresciuti del 17,6% rispetto al +2,3% del pesce fresco, inferiore anche rispetto alle conserve (tonno ecc.) in salita del 5,8% e a quelli essiccati o affumicati, che guadagnano un +11,1%.

Peraltro proprio il prodotto surgelato è quello che dà minori garanzie rispetto all’origine, considerato che in 9 casi su 10 arriva dall’estero.

Alla difficoltà economiche aggravate dalla pandemia – continua Coldiretti – si aggiungono quelle legate alla drastica riduzione dell’attività di pesca imposte dalla dalle normative europee e nazionali. Le giornate di effettiva operatività a mare sono scese per alcuni segmenti di flotta a poco meno di 140 di media all’anno, rendendo non più sostenibile l’attività di pesca per una buona fetta della flotta nazionale considerata anche l’assenza di ammortizzatori e di valide politiche di mercato capaci di compensare le interruzioni.

L'effetto dei cambiamenti climatici

Ma a pesare è anche l’impatto dei cambiamenti climatici – rileva Coldiretti - che ha profondamente mutato la disponibilità di pescato. Sono apparse nuove specie non comuni nel Mediterraneo e stanno diventando rare specie fino a ieri comuni nei nostri mari.

Pesci, come ad esempio le alacce o la lampuga, sino a qualche anno fa scarsamente presenti a certe latitudini, sono oggi diffusamente presenti nelle acque del centro-nord Adriatico e del Tirreno, mentre sono andate in sofferenza specie tradizionali come le sardine o le alici, messe in crisi dall’innalzamento delle temperature.

Il consumo pro capite degli italiani è di circa 28 kg di pesce all’anno – conclude Coldiretti -, superiore alla media europea ma decisamente basso se confrontato con quello di altri Paesi che hanno un’estensione della costa simile, come ad esempio il Portogallo, dove se ne mangiano quasi 60 kg, praticamente il doppio.

 

(Fonte: Ansa)

Smart working, brutte sorprese in bolletta: +22% di spese per il riscaldamento nel 2020

Continuano gli studi sugli effetti per lavoratori e famiglie del cosiddetto "lavoro agile" svolto a casa anziché in ufficio. Le ricadute sono sociali, pscilogiche, ma anche economiche. Ecco cosa emerge da un'indagine di Tado, azienda specializzata nella climatizzazione domestica


Lo smart working ha fatto lievitare la spesa degli italiani per il riscaldamento. Secondo i dati diffusi da Tado, azienda specializzata nella climatizzazione domestica, lo scorso inverno nelle case italiane è stato avviato il riscaldamento diurno il 22% in più rispetto al precedente. 

Lo studio, basato su un campione di circa 300.000 case europee, di cui 32.000 italiane, ha rilevato che le famiglie italiane e spagnole hanno dovuto affrontare i maggiori aumenti del riscaldamento domestico: un fenomeno derivante dal cambio delle abitudini a causa delle restrizioni imposte per arginare l'epidemia.

Dallo studio emerge che gli italiani hanno vissuto molto di più la casa anche nelle giornate feriali, dopo aver introdotto il lavoro da casa come nuova abitudine. In Danimarca e in Svezia gli aumenti sono stati i più bassi in Europa, ma solo perché l'inverno appena trascorso è stato in media 0,6 gradi più caldo rispetto al precedente.

In Europa la climatizzazione degli edifici e dell'industria rappresentano la metà del consumo energetico e il riscaldamento e l'acqua calda costituiscono circa i tre quarti del consumo energetico di una casa.   

Ci sono molti modi per risparmiare sul riscaldamento e sull’acqua calda. Una soluzione semplice è quella di abbassare il riscaldamento: anche solo 1 grado in meno consente un risparmio in bolletta di circa il 6%. Utilizzare il riscaldamento e l'acqua calda solo quando è necessario permette di risparmiare in modo notevole. Inoltre, il passaggio a un termostato intelligente può garantire che solo le abitazioni e gli ambienti occupati siano riscaldati, consentendo al contempo ulteriori risparmi grazie all'adattamento alle condizioni atmosferiche, al rilevamento delle finestre aperte e ad altre funzionalità. Gli studi hanno indicato che usare il termostato intelligente può ridurre la bolletta del riscaldamento fino al 31% senza che né il proprietario dell’abitazione né l'inquilino sacrifichi la propria comodità.

 

(Fonte: Agi)

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS