updated 11:20 AM UTC, Sep 24, 2021

Eastern Economic Forum 2021, i mercati emergenti sostituiscono l'Europa

Oggi sull'isola Russkiy parte della città più ad est della Russia, ovvero Vladivostok, il presidente Putin aprirà il Forum Economico del Est che durerà  fino al 4 settembre.


Un prestigioso evento di importanza mondiale, a cui parteciperanno le delegazioni di alto livello provenienti da ben 51 nazioni, Italia compresa. In questo “Davos Asiatico” saranno prese decisioni ed accordi che  influenzeranno i destini sia del continente asiatico (sconvolto e inginocchiato dalla recente pandemia da Covid-19 e dai tristi avvenimenti come quelli visti in Afganistan), sia di tutto il cosi detto vecchio mondo. 

     

L'economia russa sta mostrando stabilità, nonostante le sanzioni occidentali, la cui introduzione ha solo favorito la sostituzione delle importazioni con lo sviluppo della produzione interna russa.

Le società europee e americane che hanno abbandonato il mercato russo a causa delle sanzioni e sono state sostituite con successo dalle società asiatiche, principalmente cinesi. Allo stato dell'arte sarà molto difficile per gli europei tornare in Russia e riconquistare le posizioni perdute.

Anche l'Italia ha perso molto in termini economici e di mercato, dopo il sostegno di Roma alle sanzioni contro Mosca, basta ricordare le cospicue perdite in tema di esportazione, dal comparto agroalimentare, perdite dovute all'embargo introdotto dalla Russia, come la risposta ai sanzioni occidentali. Allo stesso tempo, l'Italia è uno dei pochi paesi che, nonostante la politica ufficiale di sostegno alle restrizioni alla cooperazione con Mosca, si sforza nello sviluppo dell'interazione con i partner russi, come dimostra il lavoro attivo di Enel nello stato russo.

Il Forum economico del Est sarà di enorme importanza per lo sviluppo dell'economia nell'era post-covid, specialmente per paesi asiatici.

Tutti i giorni del forum saranno aperte mostre uniche per importanza e bellezza, aperte sia ai residenti che agli ospiti di Vladivostok. Tante le opere esposte nella Primorsky State Art Gallery, la mostra sarà realizzata con l'esposizione di opere di pittori paesaggisti come Canaletto, Francesco Guardi, Michele Marieschi e Hendrik France van Lint. Tra le tante si potrà ammirare “Sotto il cielo di Venezia, vedute del XVIII secolo, dalla collezione privata di Intesa Sanpaolo. Le opere presentate sono tra le più significative della collezione di pittura veneziana conservata nelle gallerie d'Italia. 

Tale progetto è stato realizzato grazie ad un accordo di cooperazione tra Italia e Russia, firmato dal Presidente del Consiglio di Amministrazione di Banca Intesa Sanpaolo, Professor Antonio Fallico e dalla Primorskaya Art Gallery nel 2014, nonché con il supporto del Fondazione Roscongress. La mostra resterà aperta fino al 7 novembre.

Per l'occasione verrà presentata anche il prototipo di limousine presidenziale made in russia, la Aurus un auto completamente ad IDROGENO. La presentazione verrà anticipata dalla firma di uno storico accordo con il colosso cinese Gelly per costruire di una grande fabbrica di auto elettriche in Russia.

 L'Oceano Pacifico è famoso per le sue piovre giganti, il lungomare di Vladivostok per l'occasione diverrà una mostra a cielo aperto in cui verranno esposte le più belle sculture che raffigurano questi magnifici animali. 

Dopo il Forum il presidente Putin ispezionerà il nuovo cosmodromo russo “Vostochniy”,  dove si sta preparando il lancio del nuovissimo razzo spaziale russo ultra-pesante “Angara” che diverrà il protagonista del programma lunare russo. A Putin verrà anche presentato il nuovissimo caccia russo di 5 generazione “Sukhoi 57”, oggi fiore all'occhiello dell'aviazione russa.

Ultima modifica ilGiovedì, 02 Settembre 2021 00:31

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.