Dal 2035 stop alla vendita di auto con motori diesel, benzina e gpl: il Parlamento europeo accelera sulla transizione ecologica nella mobilità

Avantgardia

Primo sì (non proprio unanime) dalla Commissione Ambiente al progetto che rientra nel pacchetto “Fit for 55” il cui scopo è tagliare del 55% le emissioni di Co2 nell’atmosfera

Con una timida maggioranza di 46 voti a favore e 40 contrari, la commissione Ambiente del Parlamento europeo ha dato il primo ok alla proposta che dal 2035 vieta la vendita di auto e camion alimentati a benzina, diesel e gpl. Lo scopo del progetto, il cui testo passerà ora al vaglio della plenaria del Parlamento nel mese di giugno, è quello di favorire il mercato di mezzi a emissione zero.

La proposta, che ora ha valicato il primo step della sua formalizzazione, rientra nel pacchetto di misure legate alla sostenibilità, sia economica che ambientale, “Fit for 55 “che mira a ridurre del 55% le emissioni di anidride carbonica, per allinearsi con le nuove politiche climatiche dell’Unione Europea entro il 2030. Tra gli emendamenti che si trovano sulla stessa lunghezza d’onda, ne troviamo uno per finanziamenti mirati a garantire una transizione concreta nel settore automobilistico, e un altro per definire una metodologia comune in tutti i paesi Ue per valutare l’intero ciclo di vita delle emissioni di mezzi immessi sul mercato comunitario.

Nel frattempo lo schieramento ambientalista del parlamento europeo ha suggerito alcune tappe intermedie che ci dovranno guidare all’obbiettivo.

Dal 2025 stop del 25% di auto e del 20% di furgoni; dal 2027 si passa al 45% per le auto e al 40% per i furgoni, per poi concludere, nel 2030, col blocco del 75% delle auto e il 70% dei furgoni. C’è chi anche, seppur pochi a causa della quasi infattibilità della proposta, ha suggerito di abbandonare i veicoli con motore a combustione interna già dalla fine del decennio.

.

Source:Tgcom24
Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

0

Your Cart