Crisi ucraina, l’euro-figuraccia di Borrell: fa lo spiritoso con un tweet sulle sanzioni ai russi poi lo deve cancellare. Salvini: “Siamo al ridicolo. O forse al tragico”

Avantgardia

Le sanzioni alla Russia? “Niente più shopping a Milano, feste a Saint Tropez e diamanti ad Anversa“. Così il rappresentante per la politica estera Ue, Josep Borrell, ironizzava ieri sera su Twitter sulle personalità russe che non potranno più fare la bella vita nell’Ue dopo la decisione di sanzionare il Paese da parte di Ue e Usa. Il tweet di Borrell, al centro di diverse polemiche e di decine di commenti in rete, è stato poi rimosso dal profilo ufficiale.

Scoppia la polemica per un tweet di ieri dell’Alto Rappresentante Ue Josep Borrell. “Niente più shopping a Milano, festa a Saint Tropez, diamanti ad Anversa”, è la sintesi nel tweet sul futuro dei destinatari delle sanzioni decise dalla Ue contro il riconoscimento delle repubbliche di Donetsk e Lugansk da parte della Russia.

“Abbiamo convenuto – scrive Borrell – all’unanimità di rispondere in maniera robusta alle azioni illegali della Russia contro l’Ucraina. Il pacchetto di sanzioni Ue colpirà 351 membri della Duma russa che hanno votato per il riconoscimento delle cosiddette Repubbliche popolari di Lugansk e di Donetsk”.

“Perché – scrive in una interrogazione l’eurodeputato leghista Zanni – questa uscita sconsiderata, e poi il passo indietro? Purtroppo non è la prima volta che, nei riguardi della questione russa ucraina, Borrell commette leggerezze e tutti quanti abbiamo ancora vivido il ricordo dell’umiliazione da lui subita a Mosca, maltrattato dal ministro Lavrov”. “Per il capo della politica estera dell’Unione Europea, le sanzioni contro la Russia servono a bloccare lo shopping dei russi a Milano e i loro party a Saint Tropez… Siamo al ridicolo. O forse al tragico”, dice Matteo Salvini.

“Ministro le chiedo di protestare ufficialmente a a nome dell’Italia con Borrell, responsabile della politica estera europea, che si permette di fare tweet idioti con le sanzioni per i russi che non andranno a fare shopping a Milano. Lì la gente sta morendo, lì la gente combatte e noi abbiamo un pagliaccio che dice niente shopping a Milano”, dice Giovanbattista Fazzolari di FdI in Aula, rivolgendosi al ministro degli Esteri Luigi Di Maio, che ha tenuto la sua informativa sulla crisi Ucraina. Il parlamentare viene ripreso dalla presidente Anna Rossomando, con un invito a “moderare i termini”. “Lei faccia la presidente…”, controbatte Fazzolari.

Source:Agenzie stampa
Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

0

Your Cart