Cop-26, Obama a Glasgow: “Il mondo deve muoversi ora”

Avantgardia

“Non siamo nemmeno vicini a dove dovevamo essere, oltre all’Europa, abbiamo bisogno anche di Cina, Russia e America”, così è iniziato il polemico discorso dell’ex presidente americano.

Obama ha parlato in coscienza con i negoziatori alla conferenza delle Nazioni Unite sul clima . Oggi è lecito chiedersi se nei prossimi giorni verranno compiuti veramente progressi decisivi contro il cambiamento climatico.

Nella lotta contro la crisi climatica, il mondo non è dove dovrebbe essere. La seconda settimana è iniziata con i negoziati a livello ministeriale ed è lecito chiedersi se al vertice di quest’anno, si realizzeranno progressi decisivi contro il cambiamento climatico: i primi punti pubblicati per la dichiarazione finale sono stati oggetto di aspre critiche da parte degli ambientalisti. Il capo di Greenpeace Jennifer Morgan ha descritto i punti come “estremamente deboli”. Ha anche espresso preoccupazione per il fatto che la dichiarazione finale potrebbe essere ancora peggiore visto che la prima bozza non contiene e nulla che menzioni l’eliminazione graduale del carbone. Spesso tali dichiarazioni finali vengono annacquate piuttosto che rafforzate dagli ultimi negoziati. Altri osservatori hanno anche criticato i punti pubblicati dalla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, visti come deboli e vaghi.

Critiche sono arrivate anche dall’organizzazione ambientalista austriaca Global 2000: finora hanno chiamato la conferenza “whitewashing” e “greenwashing”. “I dubbi sulla di neutralità climatica in un lontano futuro non devono sostituire azioni concrete”, ha sottolineato il portavoce dell’organizzazione per il clima, Johannes Wahlmüller. 

La bozza – definita “non cartacea” nel gergo tecnico del vertice – rimane vaga su molti argomenti. Non ci sono specifiche per l’eliminazione graduale del motore a combustione interna o le date finali per l’eliminazione graduale di carbone, petrolio e gas, sebbene il Primo Ministro Britannico Boris Jhonson abbia dichiarato “carbone, automobili, denaro e alberi” come priorità principali di tutte le nazioni più sviluppate. Il presidente della COP Alok Sharma si è difeso: “L’obiettivo è raggiungere un consenso”. Il capo delle Nazioni Unite per il clima Patricia Espinosa, ha dichiarato di sperare in “più ambiziose” discussioni nei prossimi giorni.

Le delegazioni di circa 200 paesi hanno ancora molto lavoro da fare prima della fine di venerdì. L’obiettivo dichiarato è limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi entro quanto fisicamente possibile. Finora, i piani non sono neanche lontanamente sufficienti. Inoltre, non è chiaro come i progressi debbano essere monitorati in modo comparabile e con quali intervalli gli Stati siano obbligati ad apportare miglioramenti.

Durante i colloqui, si evidenzia un divario tra i paesi ricchi industrializzati, responsabili di gran parte delle emissioni dannose per il clima e i paesi più poveri, particolarmente colpiti dai cambiamenti climatici. Questi ultimi chiedono un sostegno finanziario concreto per i danni già avvenuti.

I paesi in via di sviluppo stanno già pagando il conto di una crisi che non hanno causato, ha affermato Tracy Carty, capo della delegazione di Oxfam. I paesi industrializzati hanno ora tempo fino a venerdì per dimostrare alle persone in prima linea sul fronte del cambiamento climatico, che non saranno lasciate sole.

Le richieste, tuttavia, trovano resistenza nel nord. Al momento non ci sono piani per istituire un fondo aggiuntivo per danni e perdite, ha affermato Jürgen Zattler, che dirige il dipartimento per la protezione del clima nel ministero dello sviluppo tedesco. Finora i paesi industrializzati si sono impegnati solo a pagare per la protezione del clima e l’adattamento alle conseguenze del cambiamento climatico. In realtà, dal 2020, 100 miliardi di dollari l’anno confluiscono nei paesi più poveri.

Le aspettative di successo a Glasgow sono alte. Solo nel fine settimana decine di migliaia di persone in numerose città sono scese in strada per la speranza in una politica climatica più ambiziosa. Obama ha avvertito i giovani di non mollare la lotta in tale senso, “Voglio che tu rimanga arrabbiato! Voglio che tu rimanga frustrato!”, Ha detto il 60enne. L’ex presidente sa, per esperienza personale, che i governi hanno bisogno di sentirsi pressati per non mollare…

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

0

Your Cart