Bollette di luce e gas, si potranno pagare in dieci rate. Il piano del governo sui rincari: le misure per piccole imprese, artigiani e bar

Avantgardia

Le famiglie potranno rateizzare in 10 rate le bollette di luce e gas in arrivo con le fatture emesse da gennaio ad aprile 2022. Lo prevede l’emendamento del governo alla Manovra. In caso di inadempienza dei clienti domestici, si legge, le imprese saranno tenute ad offrire un piano di rateizzazione senza interessi. L’Arera dovrà definire, nel limite di 1 miliardo, gli anticipi da riversare alle imprese per compensare le rate

Azzerare il caro bollette per le famiglie più povere. Il governo mette sul piatto 900 milioni con l’obiettivo di potenziare il bonus sociale per i nuclei in difficoltà mentre le piccole e medie imprese potrebbero pagare il conto di luce e gas a rate. Dopo l’intesa siglata in Cdm, le misure saranno tradotte in un emendamento alla Manovra atteso nelle prossime ore.

Ci sono 1,8 miliardi per annullare gli oneri generali di sistema per le utenze della luce fino a 16kwh, a beneficio di famiglie e piccole imprese, come bar e artigiani. Altri 600 milioni servono ad abbassare al 5% l’Iva per il gas (ora al 10% per le utenze domestiche, al 22% per le altre). Con mezzo miliardo si tagliano poi gli oneri sul gas. Fondi che si aggiungono ai due miliardi già stanziati nella legge di bilancio.

L’aumento dei costi del gas potrebbe però non essere contingente e, come ha spiegato il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, il governo valuta “come aumentare la quota di produzione nazionale del gas, a parità di consumi interni, riducendo le importazioni”, usando di più giacimenti chiusi “che possono essere riaperti in un anno”. La geopolitica conta non poco sul dossier energia e “l’Italia, assieme alla Francia, alla Spagna e ad altri Paesi, propone di muoversi insieme – ha detto il sottosegretario agli Affari Ue Enzo Amendola -, di avere un comune approccio non solo sul calmieramento dei prezzi ma anche per avere progetti comuni come quello sullo stoccaggio”.

Il tema dei prezzi energetici sarà sul tavolo del summit dei leader Ue giovedì, quando al Senato si vivranno ore calde sul fronte di una manovra che corre contro il tempo. Con qualche tensione sulle cartelle. Forza Italia ha alzato il tiro pretendendo una proroga (da 150 a 180 giorni) nell’emendamento atteso mercoledì con le nuove aliquote Irpef ma il Pd ha alzato un muro. Più che altro, per una questione di “reciprocità politica”, visto che gli azzurri una decina di giorni fa hanno stoppato il contributo di solidarietà a carico dei redditi più alti proposto dal premier Mario Draghi e sostenuto dai dem, impedendo di modificare l’intesa sul taglio delle tasse. Se non si poteva modificare allora, non si può fare ora, è il ragionamento del Pd, pronto a presentare subemendamenti davanti a un’eventuale proroga.

Oltre a fisco e bollette, l’esecutivo interverrà sulla scuola, con altri 200 milioni o poco meno, destinati all’organico del personale Ata, al supporto psicologico e all’adeguamento degli stipendi degli insegnanti. Un altro emendamento del governo è pensato per le città metropolitane in pre-dissesto, Napoli, Palermo, Torino, Reggio Calabria, ma anche Catania e Messina. La norma, in sintesi, prevede un contributo straordinario pluriennale dallo Stato, in cambio di impegni su fiscalità, riscossione, patrimonio e personale.

Ci sono poi le modifiche proposte dai partiti, dal superbonus alla tassa sui tavolini, dall’Ape social ai lavori usuranti: 600 i milioni a disposizione e nella loro destinazione si sta pesando anche la rappresentanza di chi avanza gli emendamenti. Anche per questo, l’iter è tutt’altro che rapido. In calendario la discussione della manovra in Aula al Senato inizierà martedì 21 dicembre: si annuncia una maratona con sedute notturne per votare la fiducia il 23. Quindi toccherà alla Camera, tra Natale e Capodanno, a un passo dall’esercizio provvisorio.

Source:tgcom24
Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

0

Your Cart