Benessere emotivo; come coltivare un atteggiamento mentale positivo

Avantgardia

Il potere del pensiero positivo

Ecco una notizia che scalda il cuore: le persone con una storia familiare di malattie cardiache che mantengono una visione positiva della loro condizione, hanno un terzo di probabilità in meno di avere un infarto o altri eventi cardiovascolari entro cinque-25 anni rispetto a chi ha una visione più negativa, sicuramente un benessere da non sottovalutare.

Questo è quanto scoperto da Lisa R. Yanek, MPH, della Johns Hopkins, e dai suoi colleghi. La scoperta è valida anche per chi ha i maggiori fattori di rischio per malattie coronariche. Inoltre, le persone positive nella popolazione nel suo generale, hanno il 13% in meno di probabilità di avere un infarto rispetto alle loro controparti negative.

Yanek e il suo team hanno utilizzato un sondaggio per valutare la positività delle persone, considerando fattori come l’allegria, il livello di energia, l’ansia e la soddisfazione per la salute e la vita in generale. Tuttavia, Yanek afferma che non serve un sondaggio per capire il proprio livello di positività: “Penso che le persone tendano sempre a sapere come stanno e qual’è il loro livello di benessere fisico e mentale”.

Il legame tra salute e positività non è ancora del tutto chiaro, ma i ricercatori sospettano che le persone più positive possano essere meglio protette contro i danni infiammatori dello stress. Un’altra ipotesi è che la speranza e la positività, aiutino a prendere decisioni migliori per la salute e a concentrarsi sugli obiettivi a lungo termine. È noto che le emozioni negative possono indebolire la risposta immunitaria.

È evidente, però, che esiste un forte legame tra positività e salute. Studi hanno dimostrato che un atteggiamento positivo migliora i risultati e la soddisfazione di vita e benessere in varie condizioni, tra cui lesioni cerebrali traumatiche, ictus e tumori cerebrali. Un’indagine dell’Università del Kansas ha scoperto che sorridere, anche se in modo forzato, riduce la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna durante situazioni stressanti. Quindi, la prossima volta che saremo in coda o arrabbiati per qualcosa, dovremo pensare a qualcosa di divertente. Invece di stressarci per un ingorgo, dobbiamo apprezzare il fatto che possiamo permetterci un’auto e goderci qualche minuto in più di musica o notizie, accettando il fatto che nulla possiamo fare per ridurre il traffico.

Rafforzare la resilienza

La resilienza è la capacità di adattarsi a situazioni stressanti o negative. Gli esperti suggeriscono alcuni modi per costruirla:

  • Mantenere buoni rapporti con la famiglia e gli amici.
  • Accettare che il cambiamento fa parte della vita.
  • Affrontare i problemi invece di sperare che scompaiano da soli.

Tendi a vedere il lato positivo o ti aspetti sempre il peggio? Un numero crescente di ricerche suggerisce che avere una prospettiva positiva può migliorare la tua gestione dello stress e la tua salute fisica. Gli scienziati finanziati dal NIH stanno cercando di capire meglio i collegamenti tra il tuo atteggiamento e il tuo corpo, trovando prove che il benessere mentale può essere migliorato sviluppando determinate abilità.

Avere una prospettiva positiva non significa non provare mai emozioni negative, come tristezza o rabbia, afferma la dott.ssa Barbara L. Fredrickson, psicologa ed esperta di benessere emotivo.

“Tutte le emozioni, positive o negative, sono adattive nelle giuste circostanze. La chiave è trovare un equilibrio tra le due. Le emozioni positive espandono la nostra consapevolezza e ci aprono a nuove idee, permettendoci di crescere e migliorare”, spiega Fredrickson. “Ma abbiamo bisogno anche delle emozioni negative per affrontare situazioni difficili. Tuttavia, se ci soffermiamo troppo su di esse, possono diventare dannose”.

Gli esperti affermano che le persone emotivamente sane hanno meno emozioni negative e si riprendono più velocemente dalle difficoltà. Questa qualità è chiamata resilienza. Un altro segno di benessere emotivo è la capacità di trattenere più a lungo le emozioni positive e apprezzare i bei momenti. Sviluppare un senso di significato e scopo nella vita contribuisce anche al benessere mentale.

La ricerca ha trovato un legame tra uno stato mentale positivo e una salute migliore, tra cui una pressione sanguigna più bassa, un rischio ridotto di malattie cardiache, livelli di zucchero nel sangue migliori e una vita più lunga. Tuttavia, molti studi non riescono a determinare se le emozioni positive portino a una salute migliore o viceversa.

“Mentre le precedenti ricerche suggeriscono un’associazione tra emozioni positive e salute ma non rivelano i meccanismi sottostanti”, afferma il dott. Richard J. Davidson, neuroscienziato. “Per comprendere i meccanismi, è fondamentale capire quali circuiti cerebrali vengono coinvolti”.

Utilizzando l’imaging cerebrale, Davidson ha scoperto che le emozioni positive possono attivare percorsi di “ricompensa” nel cervello, in un’area chiamata striato ventrale.

“Le persone che riescono a godere delle emozioni positive hanno un’attivazione duratura nello striato ventrale”, afferma Davidson. “Più a lungo dura l’attivazione, maggiori sono le sensazioni di benessere fisico. Questa attivazione è stata collegata a cambiamenti salutari nel corpo, come livelli più bassi di ormoni dello stress”.

Le emozioni negative, invece, possono attivare l’amigdala, una regione del cervello associata alla paura e all’ansia.

“Abbiamo dimostrato che la rapidità con cui l’amigdala si riprende dopo una minaccia, varia da individuo a individuo”, afferma Davidson. “Coloro che si riprendono più lentamente potrebbero essere più a rischio di salute”.

Tra coloro che sembrano più resilienti e capaci di trattenere emozioni positive ci sono persone che praticano la meditazione guidata. Prove crescenti suggeriscono che tecniche come la meditazione, la terapia cognitiva e l’auto-riflessione possono aiutare a sviluppare le competenze necessarie per apportare cambiamenti positivi.

“La ricerca sottolinea l’importanza di certi tipi di allenamento che possono alterare i circuiti cerebrali in modo da promuovere risposte positive”, afferma Davidson. “Il benessere può essere considerato un’abilità di vita. Se ti alleni, puoi migliorarti”.

In uno studio, Davidson e i suoi colleghi hanno scoperto cambiamenti nei circuiti cerebrali correlati alla ricompensa dopo che alcuni soggetti sottoposti allo studio, si sono allenati per due settimane in una semplice forma di meditazione, incentrata sulla compassione e la gentilezza. Questi cambiamenti sono stati collegati a un aumento di comportamenti sociali positivi, come una maggiore generosità.

Inoltre, il gruppo che ha praticato la meditazione ha mostrato un miglioramento nel funzionamento di un nervo che aiuta a controllare la frequenza cardiaca. “Questi risultati suggeriscono che dedicare del tempo ad apprendere come generare emozioni positive può renderci versioni più sane, sociali e resilienti”, afferma Fredrickson.

La dottoressa Emily Falk, neuroscienziata presso l’Università della Pennsylvania, sta oggi invece esplorando un approccio diverso. Sta studiando come l’autoaffermazione, ovvero riflettere su ciò che è più importante per noi, possa influenzare il cervello e portare a comportamenti più salutari. Il suo team ha scoperto che quando le persone pensano a cose significative per la loro vita, si attiva una regione del cervello che riconosce le informazioni personalmente rilevanti. Questo può cambiare il modo in cui il cervello risponde agli stimoli dati da un cambiamento dello stato di salute fisica.

“In generale, se dici alle persone che devono cambiare il loro comportamento, possono diventare difensive e trovare scuse”, spiega Falk. “Ma se prima riflettono su ciò che è importante per loro, i percorsi di ricompensa del cervello si attivano e si  abbassano i muri. Questo tipo di autoaffermazione può aiutare anche le persone meno attive a diventare più dinamiche. Nel nostro recente studio, gli adulti inattivi che hanno riflettuto sui loro valori prima di ricevere consigli sulla salute sono diventati più attivi fisicamente rispetto a quelli che non lo hanno fatto. Questo dimostra come possiamo aprire il cervello al cambiamento positivo e aiutare le persone a raggiungere i loro obiettivi”, afferma Falk.

Essere aperti al cambiamento positivo è fondamentale per il benessere emotivo. “A volte le persone pensano che le emozioni siano come il meteo, che accadano e basta”, dice Fredrickson. “Ma la ricerca suggerisce che possiamo avere un certo controllo sulle emozioni che proviamo. Avere una mentalità positiva potrebbe anche migliorare la salute fisica”.

Le persone con un atteggiamento mentale positivo tendono ad attirare gli altri. Sono ottimisti, edificanti e non si lasciano abbattere nemmeno nei momenti peggiori. Ma qual è il loro segreto? Chiunque può sviluppare una mentalità positiva, o ci si nasce? La verità è che tutti possono adottare un atteggiamento mentale più positivo. Anche se non garantisce il successo, un orientamento positivo può migliorare l’umore, le relazioni e la soddisfazione nella vita e nel lavoro. La ricerca ha dimostrato che una prospettiva positiva ha un impatto reale anche sulla salute fisica.

Cos’è un atteggiamento mentale positivo?

Pensare positivo non significa semplicemente sorridere o forzare la felicità. Un atteggiamento mentale positivo (APM) significa affrontare ogni situazione con ottimismo. L’autore Napoleon Hill ha introdotto questo concetto nel suo libro del 1937 “Pensa e arricchisci te stesso”. Hill spiega che la giusta mentalità attrae circostanze positive e aumenta le possibilità di successo. Successivamente, ha ampliato l’argomento nel libro “Success Through A Positive Mental Attitude”, insegnando che salute, felicità e successo dipendono dalla mentalità e dall’atteggiamento. Secondo questa filosofia, una mentalità positiva è sinonimo di speranza, ottimismo, coraggio e gentilezza. Significa non cedere alla negatività e alla disperazione, anche in situazioni difficili. Quando le cose si mettono male, una persona con un atteggiamento mentale positivo affronta le proprie emozioni in modo costruttivo. Una mentalità positiva è una scelta. Promette che scegliendo di vedere il lato positivo della vita e di trarre il meglio da ogni situazione, creerai una realtà migliore per te stesso.

Perché è importante avere un atteggiamento mentale positivo?

La mente è uno strumento potentissimo. Avere una mentalità positiva aiuta a liberare il pieno potenziale e a raggiungere gli obiettivi. Chi ha un atteggiamento mentale positivo si pone obiettivi ambiziosi, è sicuro di poterli raggiungere e vede le sfide come opportunità.

Il nostro atteggiamento mentale può influenzare la nostra salute fisica, le prestazioni nelle sfide cognitive e fisiche, la capacità di relazionarci con gli altri e, in ultima analisi, i risultati della nostra vita. Napoleon Hill, nel suo libro “Pensa e arricchisci te stesso”, ha affermato: “Qualunque cosa la tua mente possa concepire e credere, può realizzarla”. Anche se questa affermazione può sembrare esagerata, il nocciolo della questione è vero, il pensiero positivo, combinato con il lavoro e la pianificazione, può portare al successo.

Uno studio della Stanford University su 240 bambini ha concluso che una mentalità positiva influenza il successo scolastico tanto quanto il QI. I bambini con un atteggiamento positivo avevano una memoria migliore e migliori capacità di risoluzione dei problemi.

Avere un atteggiamento mentale positivo rafforza anche la tua capacità di gestire l’incertezza e la gestione dello stress. Scegliendo consapevolmente di avere una prospettiva positiva, si diventa più resilienti e si rafforza la forma fisico/mentale, permettendo di superare situazioni difficili con maggiore facilità.

Caratteristiche di una Mentalità Positiva

Come si manifesta una mentalità positiva? Ecco cinque tratti che le persone con un atteggiamento mentale positivo incarnano:

  1. Resilienza: La resilienza è la capacità di riprendersi da eventi stressanti e difficili. Le persone resilienti affrontano le situazioni difficili con facilità e non cedono alle emozioni negative. Durante la pandemia di Covid-19, coloro che hanno prosperato avevano una prospettiva costantemente positiva e si sono adattati rapidamente al nuovo ambiente.
  2. Coraggio: Il coraggio permette di perseguire ciò che si desidera senza temere il fallimento o il rifiuto. Invece di temere il fallimento, le persone coraggiose lo vedono come un’opportunità per imparare. Questa mentalità aiuta a raggiungere gli obiettivi e a crescere sia personalmente che professionalmente.
  3. Ottimismo: L’ottimismo è il pilastro principale di un atteggiamento mentale positivo. Non significa ignorare i problemi, ma sfidare i pensieri negativi e riformularli in positivi. Uno studio di Harvard ha scoperto che l’ottimismo ha aumentato del 30% i tassi di sopravvivenza delle donne con gravi malattie, dimostrando che una prospettiva ottimistica migliora la salute e il benessere.
  4. Gratitudine: Le persone grate per le piccole gioie della vita sono più felici e sane. Mostrano apprezzamento per le cose belle della loro vita, come la famiglia, la buona salute o una giornata di sole. Tenere un diario della gratitudine è un’abitudine comune tra chi ha una mentalità positiva.
  5. Accettazione: Siamo naturalmente portati a giudicare le situazioni come buone o cattive. Ma cosa succederebbe se smettessimo di giudicarle e le accettassimo semplicemente per quello che sono? Questo è il concetto dell’accettazione radicale, accettare le cose così come sono. Questa mentalità ti permette di intraprendere la migliore linea d’azione in ogni situazione, senza un atteggiamento negativo quando le cose vanno male.

 Esempi di atteggiamenti positivi

Possiamo coltivare una mentalità positiva attraverso il modo in cui pensiamo e agiamo. Ecco alcuni esempi di atteggiamenti positivi in azione:

  1. Cambiare la prospettiva: La tua prospettiva ha un’enorme influenza sulla tua vita e felicità. Le attività quotidiane possono essere viste come un’opportunità o un peso. Ad esempio, se stasera devi cucinare la cena per la tua famiglia, potrebbe sembrare una seccatura. Ma cosa succederebbe se riformulassi quel pensiero? Invece di dire “Devo preparare la cena”, prova a dire “Posso preparare la cena”. Considera questo momento come un privilegio, hai una famiglia con cui puoi trascorrere del tempo.
  2. Sorridere ed essere gentili con gli altri: Le persone positive fanno amicizia facilmente e vanno d’accordo con gli altri. Sono attratte da loro per il loro comportamento amichevole e la loro integrità. Ad esempio, un leader con un atteggiamento mentale positivo sorride e tratta i suoi dipendenti con rispetto, anche in una giornata difficile. La sua gentilezza verso gli altri non dipende dalle circostanze.
  3. Praticare l’autocompassione: Essere gentili con se stessi è importante quanto mostrare gentilezza verso gli altri. Impegnarsi in pratiche di self-care che migliorano il tuo benessere olistico è fondamentale. Ad esempio, iniziare la giornata con affermazioni positive come “Sono sicuro di me” o “Sono orgoglioso di me stesso”. Queste frasi rafforzano l’autostima e influenzano positivamente la mente subconscia.
  4. Non prendere le cose sul personale: Avere un atteggiamento positivo significa non prendere le cose sul personale. Le parole e le azioni degli altri riflettono chi sono loro, non chi sei tu. Come disse Eleanor Roosevelt: “Nessuno può farti sentire inferiore senza il tuo consenso”. Ad esempio, se un collega ti saluta con un atteggiamento ostile, non prenderla sul personale. Forse sta avendo una brutta giornata o ha ricevuto brutte notizie. Il suo atteggiamento riflette solo il suo stato d’animo.
  5. Essere felici per il successo degli altri: Chi ha una mentalità positiva non compete con gli altri. Capisce di essere in un viaggio unico e personale, e il successo di qualcun altro non compromette il proprio. Ad esempio, se un amico trova il lavoro dei suoi sogni prima di noi, dobbiamo esserne contenti sinceramente. La sua vittoria dovrebbe motivare, non rendere gelosi.

Come un atteggiamento mentale positivo può aiutare sul lavoro

Perché è importante lasciare la negatività fuori dalla porta e portare un atteggiamento mentale positivo al lavoro? Le prestazioni e il benessere sul posto di lavoro dipendono molto da questo atteggiamento. Ecco perché entrare ogni giorno in ufficio con un atteggiamento positivo è fondamentale:

  • Aumentare il coinvolgimento e le prestazioni: I dipendenti ottimisti con una visione positiva hanno maggiori probabilità di avere successo e di essere coinvolti nel loro lavoro. La Dr. Beth Cabrera spiega che esiste una forte correlazione tra ottimismo e performance sul lavoro. Uno studio recente ha scoperto che i dipendenti sono più propensi a impegnarsi al massimo e a sentirsi più felici al lavoro quando adottano una mentalità ottimistica.
  • Costruire relazioni più forti: La positività è contagiosa. Sorridere, essere autentici e incoraggiare i colleghi aiuterà a costruire connessioni più forti e a promuovere un ambiente di lavoro inclusivo. Buoni rapporti di lavoro aumentano la soddisfazione lavorativa e rafforzano la cultura aziendale.
  • Aiutare a sperare le sfide con facilità: Il lavoro può essere stressante e impegnativo. I dipendenti positivi sfruttano lo stress a loro favore e mantengono il controllo delle circostanze. Ad esempio, gli studi dimostrano che i dipendenti con una mentalità positiva sulla gestione dello stress sanno come gestire un carico di lavoro elevato. La loro resilienza e il loro ottimismo aumentano le loro prestazioni e la loro resistenza, soprattutto durante situazioni di forte pressione.
    Il successo e il benessere dipendono dalla mentalità con cui si affronta la vita. Un atteggiamento mentale positivo al lavoro può far emergere il meglio, potenziando le prestazioni, le relazioni lavorative e la resilienza. La buona notizia è che un atteggiamento mentale positivo può essere coltivato.Se riconosciamo di aver bisogno di un cambiamento di mentalità per gestire il nostro benessere ma non sappiamo da dove iniziare, non dobbiamo sentirci soli, cerchiamo dentro noi stessi la forza e la mentalità giusta, sicuramente vedremo la vita con occhi diversi.
Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *