Elezioni americane: Trump e Biden, finalmente un dibattito/scontro fatto di idee (VIDEO)

L'ultimo faccia a faccia finisce senza insulti e scoppi, ei candidati discutono proposte concrete. Il presidente promette un vaccino per il coronavirus e Biden, legalizza 11 milioni di immigrati privi di documenti.


Il secondo e ultimo dibattito tra i due candidati alla presidenza degli Stati Uniti è stato, infine, un coerente contrasto di idee che rifletteva due visioni molto diverse dell'immediato futuro del Paese. Ecco allora due scenari o un ritorno alle politiche dell'era di Barack Obama in materia di salute, immigrazione e politica estera o la liquidazione finale di queste politiche con altri quattro anni di governo di Donald Trump, che ha promesso di sradicare i terribili effetti della pandemia.

Quello che è veramente importante, però, è che ieri i candidati hanno rispettato scrupolosamente i turni di parola, risparmiando gli sfoghi, a differenza del primo faccia a faccia, aspro e pieno di insulti. Joe Biden a un certo punto ha apostrofato Trump come "xenofobo" e un "bugiardo",  il presidente ha ascoltato senza battere ciglio e ha lasciato perdere. L'unica volta che Trump ha cercato di interrompere il suo avversario, il suo microfono è stato messo a tacere, come promesso dalla commissione che organizza i dibattiti.

La tendenza dei candidati è stata quella di tornare in alcuni punti ad accuse personali, soprattutto da parte di Trump contro le imprese milionarie del figlio di Biden in Ucraina. Il democratico ha risposto dicendo che molti dei collaboratori del presidente sono pedine della Russia in una strategia per interferire nelle elezioni e destabilizzare il sistema democratico americano. "Siamo di nuovo con la Russia, stai scherzando!", Ha esclamato Trump.

Era ovvio che entrambi i candidati si sono presentati preparati, pronti a trattenersi per non ripetere il doloroso spettacolo del primo dibattito. C'erano promesse concrete. Biden ha detto che se vincerà, legalizzerà 11 milioni di persone oggi senza documenti, un'amnistia in piena regola che creerà sette milioni di posti di lavoro. Trump ha avanzato un nuovo piano di riforma sanitaria, a cui ha resistito negli ultimi quattro anni, e ha annunciato - per l'ennesima volta - un vaccino contro il coronavirus nel giro di poche settimane.

"Tutte le cose che prometti, perché non le hai fatte quando eri al governo per otto anni?", Ha detto Trump all'ex vice presidente Obama. "Parli molto, ma non fai niente", ha aggiunto. Ad un certo punto, Biden aveva le lacrime agli occhi mentre parlava di 50 bambini privi di documenti in custodia governativa i cui genitori non sono ancora stati rintracciati dalle autorità. "Li hanno portati i coyote e i cartelli", ha detto Trump quando gli è stato chiesto di questi minori.

La pandemia ha centrato la parte iniziale del dibattito, e Trump, pressato dal moderatore e dal suo avversario, è stato costretto a dire: "Certo che mi assumo le mie responsabilità, ma non è colpa mia se è venuto qui, è colpa della Cina ". Biden ha ricordato l'elevato numero di morti, più di 200.000, invece il presidente ha criticato le dure misure dei Democratici: "Guarda New York, sembra una città fantasma".

Durante il dibattito, durato più di un'ora e mezza, sono stati delineati due progetti futuri per il Paese: consumare il progetto "trumpista" di forza economica, protezionismo commerciale e isolamento dell'immigrazione, o tornare alle politiche sociali dell'era Obama, il cui nome è uscito, brillante in più occasioni. 

In teoria avrebbero dovuto esserci tre dibattiti, ma dopo il primo, al presidente è stato diagnosticato il coronavirus e il secondo è stato cancellato. Le elezioni si terranno il 3 novembre.

Trump è arrivato sul palco senza maschera. Il motivo è, come ha poi affermato durante il dibattito, che il virus è passato ed è considerato immune. Alla fine del testa a testa, Biden si è messo la maschera. Sul palco sono salite le mogli di entrambi i candidati, entrambe con il volto coperto.

qui l'ultimo battito tra Trump e Biden (VIDEO)

  • Pubblicato in Esteri

L'Istituto Superiore di Sanità esorta gli italiani a "restare a casa perché la situazione è gravissima" Il prof. Bassetti replica sui social

Gli scienziati scrivono a Mattarella per "adottare drastiche soluzioni" al fine di evitare che il virus provochi centinaia di morti al giorno. Intanto oggi è nuovo record di contagi: 19.143 nelle ultime 24 ore, contro i 16.078 di giovedì


Drammatica l'analisi fatta nelle scorse ore dal prestigioso Istituto Superiore di Sanità (ISS): la pandemia in Italia "si sta aggravando rapidamente", con "segnali di criticità" negli ospedali, che rischia di portarli al raggiungimento delle soglie critiche. Di conseguenza, "sono necessarie misure che favoriscano una drastica riduzione delle interazioni fisiche tra le persone e che possano alleviare la pressione sui servizi sanitari, comprese le restrizioni sulle attività non essenziali e le limitazioni alla mobilità. Insomma, si chiama "la popolazione a restare a casa quando possibile", perché il tasso nazionale di trasmissione del virus (Rt) è arrivato a 1,5 e la situazione "è molto grave". Nelle ultime 24 ore ci sono stati 19.143 nuovi contagiati (16.078, giovedì), il che costituisce un record in un solo giorno. Questo venerdì i defunti erano 91 (136 nel giorno precedente). Un centinaio di scienziati scrivono a Mattarella. Questo rapido aumento quotidiano di casi positivi e ricoveri preoccupa la comunità scientifica che non è direttamente coinvolta nella lotta al coronavirus. Per questo 100 professori e scienziati hanno inviato una lettera al Presidente della Repubblica, Sergio Matarella, e al Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, con una forte richiesta: "Adottare misure rigorose e drastiche nei prossimi due o tre giorni", con la obiettivo di "evitare che le cifre del contagio in Italia arrivino inevitabilmente, in assenza di misure correttive efficaci nelle prossime tre settimane, a provocare diverse centinaia di morti al giorno".

Aderiscono così alla richiesta del presidente della prestigiosa Accademia Nazionale dei Lincei, il fisico Giorgio Parisi, le cui stime, basate sul raddoppio dei decessi osservati ogni settimana, indicano che l'Italia potrebbe presto raggiungere i 400-500 morti al giorno. “Stiamo andando verso il disastro più lentamente rispetto a marzo, ma la direzione è la stessa. Se non fermiamo la curva, presto ci saranno 100.000 infetti ogni giorno. Serve un database di grandi dimensioni per evitare di guidare alla cieca", ha scritto nelle scorse ore il professor Giorgio Parisi sull '" Huffington Post ".

Le regioni Lombardia, Campania , le più colpite dal virus, hanno già imposto il coprifuoco dalle 23:00 alle 5:00; mentre la Lazio lo fa dalle 24:00 alle 5:00. Anche in Liguria, Piemonte, Sardegna e in altre regioni più varie città vengono adottate anche misure restrittive. Anche il presidente della Campania, Vincenzo De Luca, si è mostrato disposto a tornare alla reclusione totale in Campania, "per 30-40 giorni". De Luca ha chiesto al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, di ordinare il confino nel Paese: "Mi bastano le mezze misure, non voglio più vedere i camion con le bare". Quella era l'immagine drammatica di Bergamo, a marzo, diffusa in tutto il mondo, trasformata nella fotografia simbolo della pandemia in Italia", ha detto il governatore campano.

Intanto il premier Conte è preoccupato per il rapido aumento dei casi e ritiene che la "situazione sia grave", ma assicura che "va evitata la reclusione generale". Conte avrà senza dubbio tenuto conto del drammatico monito del professor Ranieri Guerra, rappresentante dell'Organizzazione mondiale della sanità che consiglia: “Dobbiamo evitare il confinamento perché provocherebbe disordini armati. Le persone sono esauste per i tre mesi di reclusione. Purtroppo in estate hanno abbassato troppo la guardia, incoraggiati anche dai colleghi che non capiscono molto bene che lavoro fanno. In una dichiarazione al quotidiano "Il Fatto", Ranieri Guerra si è anche espresso sul coprifuoco che le varie regioni stanno imponendo: "È un palliativo non chiudere tutto. Servono anche a limitare il consumo di alcol e altre sostanze che rilassano i freni inibitori, esponendo i giovani a rischi.

Subito la risposta del prof Bassetti che risponde attraverso i social al collega:"

Ho chiesto per mesi di attrezzarci, ma certa stampa ha solo provato a linciarmi e nessuno mi ha ascoltato. Certa stampa e certi colleghi hanno solo tentato di ammazzarmi mediaticamente e di screditarmi. Un vero scandalo che mi ha fatto molto riflettere sul mio futuro professionale in questo paese. Il mio timore era che la gente, allarmata da una comunicazione schizofrenica fatta di terrorismo e di sensazionalismo, in autunno/inverno potesse riversarsi negli ospedali al primo sintomo influenzale per la paura che gli era stata trasmessa. Sapevo che questo avrebbe comportato un grave rischio ai fini della propagazione del virus e del sovraccarico per gli ospedali. Oltre ad attrezzarsi, infatti nei mesi estivi andava spiegato alla gente che l'infezione da Covid, nella stragrande maggioranza dei casi, decorre in maniera lieve e si poteva gestire a casa. Questo non è stato fatto e i risultati si vedono nei nostri ospedali. Si è detto alle persone che il Covid era sempre una malattia devastante, che dava sempre complicazioni perpetue e che buona parte dei contagiati sarebbe finito intubato o morto, così, non appena qualcuno ha un sintomo, corre in ospedale a farsi curare e ricoverare per paura di non avere cure adeguate a casa. Altro che dirmi (come fa qualcuno in malafede...e sono tanti) che non dovevo dire che la malattia era più gestibile.

Che siano loro a farsi un esame di coscienza e a pensare che disastro hanno combinato.
I danni rischiano di essere devastanti.
La politica della paura non serve a nessuno."

  • Pubblicato in Salute

"Temevo un 'Italexit' quando Salvini ha governato"

Enrico Letta, ex Primo Ministro, oggi responsabile Affari internazionali presso il prestigioso Science Po di Parigi, presidente dell'Istituto Jacques Delors, dirige anche il forum Italia-Spagna. In un'intervista al quotidiano ElPais si apre parlando dell'attuale situazione politica Italia ed Europea


In un mondo in crisi, punito dalla pandemia, Italia e Spagna stanno vivendo un'intensa luna di miele. Letta, promotore di questo rinato amore mediterraneo, lo celebra e punta a un'alleanza da cui può emergere l'Europa del futuro.

 

Domanda. Credi che abbiamo imparato la lezione dei mesi di marzo e aprile?

Risposta. Sì, tutti i paesi europei cercano un coordinamento e adottano misure adeguate per proteggere la parte debole della società, ma per evitare un nuovo confinamento totale. Il costo economico è stato immenso, per l'Italia sono 30 punti di debito pubblico. Qualcosa che pagheremo per molti anni. Questo è il motivo per cui è necessario trovare un equilibrio tra il requisito sanitario e l'evitare il confinamento.

D. Quindi non applichereste misure più restrittive di quelle annunciate domenica dall'Italia?

R. La priorità deve essere data alle scuole e al lavoro. Il telelavoro dovrebbe essere sfruttato appieno, ma ciò è possibile solo se le scuole sono aperte e consentono alle persone di lavorare da casa. Ho fiducia in chi prende le decisioni e gestisce i dati. Adesso tutti criticano o suggeriscono cambiamenti, sono tutti allenatori della Nazionale.

P. Temeva che l'UE sarebbe stata toccata?

R. L' Europa stava per morire a marzo. Era un rischio reale e mortale. L'immagine più ovvia è stata l'affermazione di Jacques Delors che lo avverte: ha 95 anni e non parlava da cinque. Ma poi è nata l'Europa della solidarietà, che si esprime nella Next Generation EU. Sono molto ottimista sull'Europa del futuro, nata dalla leadership di Italia e Spagna. Insieme alla Francia, hanno acceso una linea che è stata successivamente accettata dalla Germania e seguita da tutta l'Europa.

P. Alcune risorse messe sul tavolo, soprattutto crediti e Mede (meccanismo europeo di stabilità), sono ancora viste con immenso sospetto. Nessuno sembra volerli toccare.

R. L' Europa ha gestito molto male l'episodio in Grecia e ha causato un grande problema di fiducia nell'opinione pubblica spagnola e italiana. L'immagine era quella di un Paese che nei momenti di difficoltà subiva imposizioni troppo dure e veniva abbandonato. Ciò ha danneggiato l'immagine dell'aiuto europeo.

D. Quindi, quegli aiuti non verranno usati?

R. Dobbiamo fare un passo avanti e riformare i Medi. Cambialo completamente, anche il nome e le regole. Rendilo comunitario e non solo per i paesi dell'euro, oltre a consegnarlo alla Commissione Europea. Altrimenti nessuno lo prenderà.

D. Ora sembra una caramella avvelenata. E in Italia avrebbe un prezzo politico molto alto per prenderlo.

R. La Mede è una cassaforte piena di soldi, ma per ragioni politiche non la usano. L'Italia e la Spagna insieme dovrebbero fare una proposta per riformarla. Ciò eviterà questo paradosso in cui nessuno vuole utilizzare i 400.000 milioni a causa della cattiva reputazione che ha a causa del caso greco. Dovrà chiamarsi altro, qualcosa come il Fondo europeo di solidarietà, e consegnarlo alla Commissione: dal Lussemburgo a Bruxelles.

P. Italia e Spagna si sono sempre guardate con sospetto nonostante condividessero un'agenda e interessi strategici. Cosa è successo in modo che non sia più così?

R. Non ricordo rapporti migliori di adesso, sono ottimi. Quando ero primo ministro, c'erano buoni rapporti con [Mariano] Rajoy, ma oggi sono più profondi. Credo sia dovuto principalmente alla crisi pandemica e alla risposta europea che Italia e Spagna hanno dato insieme. Il fatto di capire che contro i nordici possiamo solo essere uniti. Inoltre, Conte e Sánchez hanno lavorato molto bene per creare quell'intesa che si estende ad altri ministri. Penso che sia una situazione idilliaca.

D. Perché non è successo prima?

R. Per 20 anni la Spagna è stata tentata di immaginarsi come il principale partner mediterraneo dell'asse franco-tedesco. In altre parole, ha voluto sostituire un'Italia sempre in crisi offrendo maggiore affidabilità e un'economia che funzionasse meglio con una politica modulabile. L'Italia, invece, ha sempre ritenuto di avere uno status superiore perché apparteneva al G7. Ma l'unico modo è collaborare per creare un accordo che possa condizionare il resto delle decisioni. L'agenda italiana e spagnola in materia di immigrazione, Africa o Mediterraneo è molto simile.

P. Anche l'addio di Matteo Salvini e della Lega ha contribuito a migliorare i rapporti. E non solo con la Spagna. Temevi per il ruolo dell'Italia nel mondo in quel periodo?

R. Sì, avevo paura di un Italexit . Temevo che sarebbe accaduto un incidente come quello nel Regno Unito. La linea di Salvini in questi anni è stata antieuropea e civettuola con Italexit . Spero che cambi, ma in quell'anno di governo avevo molta paura.

D. Ho sentito dire che l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea presenta dei vantaggi.

R. Sì, naturalmente. E lo dico con tutta la forza: è necessario smettere di piangere dalla Brexit. È stato dimostrato che è positivo per l'Europa. Ora possiamo costruire progetti, come l'Europa sociale, che prima non potevamo fare con loro.

D. Pensa che l'ondata sovranista populista sia passata?

R. L' Europa ha il rischio interno che il denaro promesso contro la recessione non arrivi rapidamente. Molte aspettative si sono create e se i cittadini italiani e spagnoli non vedranno subito quei soldi, il messaggio di Salvini o Vox sarà facilitato. La seconda condizione a tal fine sono le elezioni negli Stati Uniti. Penso che il populismo in Europa sia cresciuto grazie alla legittimità che gli ha dato [Donald] Trump. Se perde, come spero, sarà un duro colpo per il populismo sovrano europeo.

P. In Spagna ultimamente si dice che la politica stia diventando italiana. Succede anche in altri paesi: parlamenti più frammentati, ripetizioni elettorali multiple, un certo caos. Quello che è successo?

R. È un problema di esaurimento delle democrazie occidentali. Ed è legato all'innovazione tecnologica. Grazie a Internet, ogni cittadino è connesso a tutte le decisioni e può esprimersi in un minuto. La democrazia rappresentativa, basata sulla delega di tale potere, ha problemi ad avanzare in questo settore. È molto importante riflettere su come modernizzarlo e Italia e Spagna hanno molto da fare insieme. Non è solo un'italianizzazione della politica europea, è un problema generale più importante.

D. In Spagna c'è un mito su una visita di Giulio Andreotti in piena transizione democratica. Gli hanno chiesto la sua opinione sui contorni della nuova politica. Mi ha risposto che mancava " finezza ", come è maturata in questi anni?

R. Hai vissuto l'impatto della crisi economica, come quella italiana. I toni si sono inaspriti molto perché la povertà è entrata con forza nelle famiglie, nelle strade. La politica è lo specchio del Paese, e anche in questo siamo simili, perché si è trasformata in seguito a questi disordini sociali. Insieme alla crisi della democrazia parlamentare, è un problema che richiede politici con uno sguardo lungo.

 

FONTE: (ELPAIS)

CHI SIAMO E DA DOVE VENIAMO? IL VIAGGIO DELL'ANIMA.

A quasi tutti capita prima o poi nella vita di porsi le famose domande “chi siamo e da dove veniamo?” Le risposte sono molteplici, indotte spesso della tradizione culturale e religiosa da cui proveniamo.


Per fare questo piccolo viaggio è necessario aprirsi al concetto di “anima”.

Ma che cos’è l'anima? L'anima è energia cosmica, “organizzata” in modo individuale e cosciente. Cosa significano questi paroloni? Potremmo fermarci ore, giorni e anche vite a disquisire circa questi concetti, ma in sostanza si può dire che l'anima è pura coscienza che si muove nello spazio-tempo per raccogliere informazioni ed evolvere attraverso la sperimentazione di esperienze. Queste esperienze vengono fatte attraverso i vari contenitori che la possono ospitare e che hanno diverse “forme”, un esempio di “contenitore” è il corpo umano. Essa origina dalla sorgente di pura Luce per poi tornare alla pura Luce dopo ogni esperienza. Questo rientro alla sorgente serve per fare il punto della situazione e riversare le informazioni /esperienze vissute nel campo di coscienza collettivo universale. Condividendole si arricchisce il collettivo, è come se venisse offerta una biblioteca di esperienze a cui chi vuole può accedere. Questa biblioteca viene anche chiamata registro Akashico e teoricamente è a disposizione di tutti, ma per ora ancora in pochi sono capaci di accedervi.

Ogni esperienza potremmo dire che ha una “scadenza”, ciò che noi umani chiamiamo morte, dopo la morte del corpo fisico l'anima torna alla “base”(sorgente) e da li deciderà se trasferirsi in un’altra dimensione e contenitore, oppure tornare a incarnarsi in un corpo umano. Questo dipende da qual’è la cosa più conveniente dal punto di vista evolutivo per lei.

In pratica è come se la vita fosse una grande scuola in cui imparare lezioni, lezioni spirituali ovviamente e il pianeta Terra fosse uno tra i tanti meravigliosi teatri dove poter imparare.

Dunque più un’anima ha viaggiato e più in teoria dovrebbe aver acquisito SAGGEZZA (di cui abbiamo parlato nello scorso articolo https://ilcomizio.it/sai-cosa-ti-dico/societaeprofessioni/2306/un-tempo-per-l-anima-la-saggezza ). Ecco perchè in questo momento intorno a noi, sulla Terra, possiamo notare così tante differenze tra le persone. Esistono molti livelli di coscienza differenti: vi sono anime sagge e antiche che pregano e meditano per elevare la coscienza dell'umanità e altre che sgozzano i propri simili senza nemmeno pensarci. La terra è un pianeta abilitato ad ospitare anime con vari livelli di coscienza, mentre ci sono altri luoghi in cui il livello di coscienza è più omogeneo e adatto dunque a tipi di esperienza diversi da questa.

Quindi il nostro viaggio non è iniziato con questa vita e non finirà con questa vita, è un lungo viaggio in cui l’unico tempo che conta, però, è il tempo presente, il famoso “qui e ora” di cui parleremo prossimamente.

Si dice che riconoscersi come ANIMA sia uno dei passaggi più importanti del “risveglio spirituale”.

Questo dovrebbe aiutarci ad avere meno paura della morte e a pensare di più a come ottimizzare il nostro tempo qui! Impariamo piuttosto a chiederci quali lezioni la vita sta cercando di insegnarci, anche perchè fino a che non lo avremo compreso, continueremo a ripeterle ancora e poi ancora!

 

Carlo Zanni.

 

L'informazione nei social: tra fake news e mezze verità

Come sempre dopo un importante dichiarazione politica o dopo una conferenza stampa, sui social iniziano a circolare foto, dichiarazioni, immagini che mettono in dubbio la veridicità di quello che abbiamo appena visto. Ecco un esempio...


Ieri sera verso le 21.30 il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha presentato in diretta Live streaming e DTT, il nuovo DCPM per contrastare il continuo progredire della diffusione del Coronavirus. Nuove misure per evitare un nuovo lockdown generalizzato, il Paese non se lo può permettere, queste le prime parole di Conte: "Ho appena informato anche i presidenti dei due rami del Parlamento e i leader dell'opposizione delle nuove misure, concordate con gli enti locali e il Cts, per affrontare la nuova ondata di contagi. La strategia non è e non può essere la stessa della primavera: in questi mesi abbiamo lavorato intensamente"...

Al termine della conferenza che potete trovare qui, sui social sono comparse delle foto che mettevano in dubbio il LIVE, adducendo ad un fantomatico accordo del governo con i media per simulare una diretta. Le foto mostravano l'orologio del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, con un cerchio sul quadrante ad evidenziare un presunto orario 17.50... 

Abbiamo allora preso un frame dello stesso video, alzando il contrasto e la definizione è possibile notare che l'orario è 21.30. 

 

Voi che ne pensate?

Cina; con il Covid-19 sotto controllo, l'economia avanza a grandi passi

Le esportazioni sono aumentate e le amministrazioni locali si sono impegnate in progetti di costruzione alimentati dal basso costo del denaro. Anche la spesa dei consumatori è finalmente in ripresa.

 
Mentre la maggior parte del mondo è ancora alle prese con la pandemia da coronavirus, la Cina sta dimostrando ancora una volta che una rapida ripresa economica è possibile, quando il virus è saldamente sotto controllo.
 

L'Ufficio nazionale di statistica del paese ha annunciato che l'economia cinese è aumentata del 4,9% nel trimestre da luglio a settembre rispetto agli stessi mesi dell'anno scorso. La robusta performance riporta la Cina quasi al ritmo di crescita di circa il 6% che registrava prima della pandemia.

Molte delle principali economie mondiali sono uscite dalle profondità di una contrazione la scorsa primavera, quando le interruzioni hanno causato un brusco calo della produzione. Ma la Cina è la prima a segnalare una crescita che supera significativamente il livello dello scorso anno nello stesso periodo. Anche gli Stati Uniti e altre potenze economiche, dovrebbero segnalare un aumento nel terzo trimestre, ma sono ancora indietro o stanno solo raggiungendo i livelli pre-pandemici.

Il vantaggio della Cina potrebbe aumentare ulteriormente nei mesi a venire. Non ha quasi nessuna trasmissione locale del virus, mentre gli Stati Uniti e l'Europa devono affrontare un'altra ondata di casi in accelerazione. 

La vigorosa espansione dell'economia cinese significa che è destinata a dominare la crescita globale, rappresentando almeno il 30 per cento della crescita economica mondiale di quest'anno e degli anni a venire. Le aziende cinesi stanno rappresentando la quota maggiore delle esportazioni mondiali, producendo elettronica di consumo, dispositivi di protezione personale e altri beni richiesti durante la pandemia. Allo stesso tempo, la Cina sta acquistando più ferro dal Brasile, più mais e maiale dagli Stati Uniti e più olio di palma dalla Malesia. Ciò ha in parte invertito il crollo dei prezzi delle materie prime la scorsa primavera e attenuato l'impatto della pandemia su alcuni settori. Tuttavia, la ripresa della Cina ha aiutato il resto del mondo meno che in passato, perché le sue importazioni non sono aumentate così tanto come le esportazioni. Questo modello ha creato posti di lavoro in Cina, ma ha frenato la crescita altrove.

La ripresa economica della Cina dipende da mesi anche da enormi investimenti in autostrade, linee ferroviarie ad alta velocità e infrastrutture. E nelle ultime settimane, con la ripresa della libera circolazione, il Paese ha visto l'inizio di una ripresa anche dei consumi interni.

L'attività sta riprendendo ora anche in luoghi come Wuhan, la città centrale della Cina dove è emerso per la prima volta il nuovo coronavirus.  

 

La crescita economica della Cina negli ultimi tre mesi è stata leggermente inferiore alle previsioni degli economisti, al 5,2% anziché al 5,5%, ma la performance è ancora forte, infatti i mercati azionari di Shanghai, Shenzhen e Hong Kong vedono un continuo e costante aumento del livello delle contrattazioni. Le vendite al dettaglio sono aumentate del 3,3% il mese scorso rispetto a un anno fa, mentre la produzione industriale è aumentata del 6,9%. Il modello cinese per ripristinare la crescita può essere efficace, ma potrebbe non essere attraente per altri paesi. Determinata a mantenere la trasmissione locale del virus uguale o prossima allo zero, la Cina è ricorsa a un monitoraggio cellulare completo della sua popolazione, blocchi per settimane di quartieri e città e costosi test di massa in risposta anche alle più piccole epidemie.

 
 
 
Il rimbalzo della Cina è accompagnato anche da alcune debolezze, in particolare un aumento del debito complessivo quest'anno di un importo pari a un terzo della produzione complessiva dell'economia. Gran parte del debito extra è costituito da prestiti da parte dei governi locali e delle imprese statali per pagare nuove infrastrutture o da mutui contratti da famiglie e aziende per pagare appartamenti e nuovi edifici. Il governo è consapevole del rischio di lasciare che il debito si accumuli rapidamente. Ma frenare il nuovo credito danneggerebbe l'attività immobiliare, un settore che rappresenta fino a un quarto dell'economia cinese.

Un altro rischio per la ripresa della Cina è la sua forte dipendenza dalle esportazioni. L'impennata delle esportazioni negli ultimi tre mesi, insieme ai prezzi più bassi per le importazioni di materie prime, ha rappresentato una fetta considerevole della crescita economica. Le esportazioni rappresentano ancora oltre il 17% dell'economia cinese, più del doppio di quelle che costituiscono l'economia americana.

I leader cinesi riconoscono che le esportazioni del paese sono sempre più vulnerabili alle tensioni geopolitiche, comprese le mosse che l'amministrazione Trump, mette in campo per sciogliere le relazioni commerciali tra Stati Uniti e Cina. I cambiamenti nella domanda globale potrebbero anche minacciare le esportazioni, poiché la pandemia colpisce le economie d'oltremare.

  

Xi Jinping, ha sempre più enfatizzato l'autosufficienza, con una strategia che richiede l'espansione delle industrie dei servizi e l'innovazione nella produzione industriale, oltre a consentire ai residenti di spendere di più.

"Dobbiamo fare dei consumatori il pilastro della nostra economia", ha detto Qiu Baoxing, consigliere di governo che è anche un ex vice ministro dell'edilizia abitativa. "Concentrandoci sulla circolazione domestica, stiamo effettivamente migliorando la nostra capacità di recupero". Ma responsabilizzare i consumatori è stata a lungo una sfida in Cina. In circostanze normali, la maggior parte dei cinesi è costretta a risparmiare per l'istruzione, l'assistenza sanitaria e la pensione a causa di una rete di sicurezza sociale debole. Il rallentamento economico e la pandemia hanno comportato la perdita di posti di lavoro, aggravando il problema, in particolare per i lavoratori a basso reddito e i residenti rurali.

 
 

 

I governi occidentali hanno sperimentato la fornitura di assegni di disoccupazione extra-large, pagamenti una tantum e persino pasti sovvenzionati nei ristoranti. Queste azioni sono state finalizzate ad aiutare le famiglie a sostenere un tenore di vita minimo durante la pandemia, che a sua volta ha alimentato la domanda di importazioni dalla Cina. Assisteremo a una recrudescenza del conflitto commerciale, e non solo tra gli Stati Uniti e la Cina, ma a livello globale.

  • Pubblicato in Esteri

Il nuovo DCPM voluto fortemente dalla UE e dall'OMS

Le istituzioni europee hanno insistono fortemente sull'inasprimento delle restrizioni per evitare una chiusura totale


Dopo più di sei mesi di tentativi di dominare il coronavirus, l'attuale aumento dei casi in tutta Europa non è solo una minaccia per la salute, ma anche economica e sociale. Un mese fa, il 15 settembre, il Centro europeo per il controllo delle malattie (ECDC) aveva registrato 2,3 milioni di diagnosi di infezione da Covid-19 in Europa; i nuovi numeri, riportati dalla stessa agenzia mercoledì scorso, erano saliti a 4,3 milioni, l'87% in più. “Siamo interessati ai dati dall'Europa; ora è il momento di mettere misure restrittive ”, ha detto giovedì il direttore per l'Europa dell'OMS, Hans Kluge. "La Commissione europea è d'accordo: dobbiamo agire con decisione adesso, ma gradualmente, per evitare di dover arrivare a chiusure come quelle all'inizio della prima ondata. Il confinamento dovrebbe essere l'ultima alternativa e può essere evitato". Anche il commissario Ue alla Salute, Stella Kyriakides, ha trasmesso giovedì un "messaggio di allarme" agli Stati membri, "stiamo finendo il tempo, dobbiamo agire, tutti devono fare tutto il possibile per evitare effetti negativi sulla salute". Le restrizioni per contenere la pandemia si stanno irrigidendo e moltiplicando in tutto il continente, da Parigi a Roma e da Barcellona ad Amsterdam.

Il presidente dell'Oms Europa non ha voluto entrare in misure concrete. Ha insistito solo su un uso generalizzato ed estensivo della mascherina e un controllo rigoroso sui gruppi sociali e se ciò fosse fatto rigorosamente, ha detto Kluge, si eviterebbero più di 280.000 nuovi decessi nel continente (finora, i dati dell'ECDC, dall'inizio della pandemia ci evidenziano 255.000 decessi). Da lì, le misure devono essere graduali, anche se Kluge non ha optato per nessuna in particolare. Ha chiarito che i confini come quelli all'inizio della pandemia, "che portano alle chiusure totali", ha detto il rappresentante dell'OMS, "devono essere l'ultima soluzione. Dobbiamo trovare un equilibrio tra il beneficio per la salute e quello che possiamo chiamare il danno collaterale". Tra questi danni, ha citato anche quelli economici, spiegando che è necessario mantenere i servizi di salute mentale, l'assistenza alle vittime di violenza di genere, i bambini con bisogni speciali o quelli con malattie croniche o acute, come il cancro, malattie cardiovascolari e mantenere anche programmi di vaccinazione.

Un'altra attività vitale che deve essere preservata è quella educativa. "Devi dare la priorità alle scuole e tenerle aperte il più possibile", ha detto Catherine Sherwood, responsabile delle emergenze presso l'OMS Europa.

I responsabili dell'organizzazione hanno fatto riferimento anche ad un altro aspetto: la stanchezza della popolazione dopo aver visto che la pandemia non è stata superata dopo mesi di sforzi. Per fare questo, Kluge ha sottolineato l'importanza di offrire dati affidabili e solidi e di cercare soluzioni creative per mantenere la vita sociale in modo sicuro.

Il commissario europeo per la Salute ha fatto riferimento alle recenti conversazioni con l'OMS e ritiene che siano in sintonia: “Vogliamo evitare di andare in un confino generalizzato. Non vogliamo interrompere la vita sociale, la vita lavorativa, l'educazione dei cittadini. E questo è il motivo per cui dobbiamo prendere misure di contenimento ”. Alla domanda sulle soglie da mantenere e in particolare sull'opportunità di chiudere bar e ristoranti, ha risposto: "Gli Stati membri, a seconda della loro epidemiologia, stanno adottando misure diverse e non commenterò se devono chiudere o meno bar e ristoranti ”.

Kyriakides ha rilasciato il suo messaggio di nuova emergenza durante la presentazione di una proposta di "strategia di vaccinazione congiunta per i Ventisette stati europei". La proposta, avanzata dalla Commissione, rappresenta un ulteriore passo nella risposta coordinata che Bruxelles intende dare nel momento in cui arriveranno, se dovessero arrivare, i quasi un miliardo di dosi che l'Ue ha già predisposto di acquistare. Finora sono stati firmati accordi di acquisto con tre laboratori e si sono tenuti “colloqui esplorativi” con altri tre.

Sebbene l'esecutivo comunitario non fornisca ancora date specifiche, il Commissario Kyriakides ha accennato alla possibilità che le dosi possano essere disponibili all'inizio del 2021. In ogni caso, la loro offerta non arriverà immediatamente a tutti i cittadini ma sarà inizialmente limitata. La Commissione afferma di voler dare la priorità alla vaccinazione di diversi gruppi come gli operatori sanitari, le persone di età superiore ai 60 anni, la popolazione vulnerabile a causa di malattie croniche, i lavoratori essenziali che non sono nel settore sanitario, le comunità in cui non è fattibile mantenere le distanze sociali (come le carceri), i lavori in cui si verifica lo stesso (come i macelli) e i gruppi socioeconomici vulnerabili.

Il commissario alla Salute ha evitato di soffermarsi sulla percentuale della popolazione da vaccinare: "Dobbiamo ancora sapere quale vaccino avremo e come funzionerà", ha detto. La strategia presentata questo giovedì invita gli Stati a iniziare a pianificare come eseguire l'efficace distribuzione dei vaccini, affrontando problemi di logistica e distribuzione.

 

Satelliti per monitorare il cambiamento climatico

Grazie all'era del satellite siamo in una posizione migliore per comprendere le complessità del nostro pianeta, in particolare rispetto al cambiamento globale.


La necessità di informazioni dai satelliti sta crescendo a un ritmo sempre maggiore. L'ESA è leader mondiale nell'osservazione della Terra e continua a dedicarsi allo sviluppo di una tecnologia spaziale all'avanguardia per comprendere ulteriormente il pianeta, migliorare la vita quotidiana, sostenere la definizione di politiche efficaci per un futuro più sostenibile e avvantaggiare le imprese e l'economia.

Avanzare la conoscenza

Nuove visioni della Terra dinamica
Nuove visioni della Terra dinamica

Le missioni Earth Explorer sono progettate per migliorare la nostra comprensione della Terra. Usano tecnologie spaziali all'avanguardia per saperne di più sulle interazioni tra l'atmosfera, la biosfera, l'idrosfera, la criosfera e l'interno della Terra, essenziali per il funzionamento della Terra come sistema. È importante sottolineare che affrontano questioni scientifiche che aiutano a prevedere gli effetti del cambiamento climatico e affrontano questioni scientifiche che hanno un impatto diretto sulle questioni sociali che l'umanità dovrà probabilmente affrontare nei prossimi decenni. Sebbene queste missioni soddisfino il loro compito originale, stanno tutte superando le aspettative con i loro dati che trovano una moltitudine di usi nelle applicazioni del mondo reale per migliorare la vita quotidiana.

Migliorare la vita quotidiana

Famiglia Sentinel
Famiglia Sentinel

Le missioni Sentinel sono sviluppate specificamente per il programma Copernicus dell'Unione europea, il più grande programma di monitoraggio ambientale al mondo. Fornendo una serie di servizi di informazione chiave per un'ampia gamma di applicazioni pratiche, il programma sta cambiando radicalmente il modo in cui gestiamo l'ambiente, comprendiamo e affrontiamo gli effetti del cambiamento climatico e salvaguardiamo la vita quotidiana. Ogni missione Sentinel utilizza una tecnologia all'avanguardia per fornire un flusso di immagini e dati complementari su misura per le esigenze di Copernicus. Questi dati sono gratuiti e aperti agli utenti di tutto il mondo, il che non solo facilita il compito essenziale di monitorare l'ambiente, ma aiuta anche a stimolare l'impresa, creando nuovi posti di lavoro e opportunità di business.

Guardando il tempo

I vantaggi economici e sociali di previsioni meteorologiche accurate sono enormi; ci consentono di prendere decisioni informate, sia che si tratti di raccogliere un raccolto prima che piova, spianare le strade per prevenire incidenti, indirizzare gli aerei e il traffico marittimo per evitare condizioni avverse o semplicemente pianificare le attività quotidiane. Grazie alla collaborazione tra ESA ed Eumetsat, l'Europa dispone di una flotta di satelliti meteorologici , sia in orbita geostazionaria che polare, per fornire informazioni essenziali per le previsioni meteorologiche. Le informazioni provenienti da questi satelliti vengono utilizzate anche per comprendere il cambiamento climatico.

Oltre una missione satellitare

L'ESA è stata anche determinante nella creazione di una serie di iniziative come l'Iniziativa sul cambiamento climatico e la Carta internazionale "Spazio e grandi catastrofi" . L'iniziativa sul cambiamento climatico fa pieno uso delle risorse spaziali di osservazione della Terra europee per generare set di dati a lungo termine sugli indicatori chiave del cambiamento climatico. Queste "variabili climatiche essenziali" forniscono all'Europa un potente strumento per monitorare il sistema climatico e aiutare a prevedere gli effetti del cambiamento. La Carta internazionale fornisce un rapido accesso ai dati satellitari per aiutare le autorità di gestione dei disastri in caso di disastri come alluvioni, terremoti o eruzioni vulcaniche.

 

FONTE: (ESA INTERNATIONAL)

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS