updated 10:48 AM UTC, Jul 23, 2021

Antonio Rossi colpito da infarto: dalla paura al sollievo per l'ex canoista campione olimpico oggi sottosegretario con delega allo Sport della Lombardia

Dopo lo spavento per il malore accusato domenica in Veneto, il ricovero e l'operazione all'ospedale Sant'Anna di Como, l'ex campione olimpico ci scherza su: "Mi hanno rimesso a nuovo. Sono stato sottoposto ad angioplastica, è andato tutto bene. Ora che dovrò stare a riposo, mi godrò tutte le gare degli azzurri"


A Sabaudia nasce il Parco Fiamme Gialle: Antonio Rossi tra i testimonial

Momenti di grande apprensione, ma paura passata per Antonio Rossi. L'ex canoista azzurro, vincitore di 5 medaglie olimpiche, è stato colto da un infarto durante una corsa podistica, domenica scorsa. Dopo i primi soccorsi è stato trasferito all'ospedale Sant'Anna di Como, dove opera il suo cardiologo di fiducia. Ora è fuori pericolo e nei prossimi giorni dovrebbe essere dimesso. "Fatto il tagliando dei 50 anni, ora sono come nuovo", ha scherzato.

Rossi, attualmente sottosegretario ai Grandi eventi sportivi della Regione Lombardia con delega alle Olimpiadi invernali del 2026, stava partecipando a una mezza maratona in Veneto, quando è stato colto da un malore improvviso. L'ex portabandiera azzurro (a Pechino 2008) ha comunque voluto rassicurare tutti: "Sono stati tutti bravissimi, giovedì dovrei tornare a casa - le sue parole riportate dal Corriere della Sera -. Grazie a chi si è preoccupato per me e alle tante persone che mi hanno inondato di messaggi di affetto".

IL SOLLIEVO DI ROSSI: "MI HANNO RIMESSO A NUOVO, ORA MI GODO LE OLIMPIADI"

"Mi hanno rimesso a nuovo. Sono stato sottoposto ad angioplastica, è andato tutto bene - ha spiegato successivamente a LaPresse - Rimarrò in osservazione in ospedale fino a giovedì come minimo. Ho sentito sia il presidente del Coni, Malagò, sia il segretario generale Mornati e ho fatto loro un grosso in bocca al lupo per le Olimpiadi. Ora che dovrò stare a riposo, mi godrò tutte le gare degli azzurri".

Covid, tra 4-5 giorni in Lombardia "immunità di comunità"

La vicepresidente e assessore al Welfare, Letizia Moratti: "Sono 4.554.741 i cittadini che hanno completato il ciclo vaccinale, il 96% degli aderenti ha ricevuto almeno una dose di vaccino, il 65,7% ha la copertura completa"


In queste classi di 30-40 anni dopo ritrovarsi uniti per la vaccinazione
Tra martedì e mercoledì 21 luglio la Lombardia potrà raggiungere la cosiddetta "immunità di comunità". Dai dati dalla Direzione Welfare di Regione Lombardia, dato che la media giornaliera delle prenotazioni degli ultimi sette giorni è di 14.848 persone, per arrivare a 7 milioni di persone, il 70% della popolazione coperta (quota fissata per il raggiungimento dell'immunità di gregge) occorrono in media ancora 4,7 giorni. Nel frattempo, come fa sapere la vicepresidente e assessore al Welfare della Regione, Letizia Moratti, "sono 4.554.741 i cittadini che hanno completato il ciclo vaccinale, il 96% degli aderenti ha ricevuto almeno una dose di vaccino, il 65,7% ha la copertura completa".

Classifica dei governatori, risale il lombardo Fontana: +2,7% rispetto all'anno scorso

Nella classifica pubblicata da Il Sole 24 Ore il presidente della Regione Lombardia scala le posizioni (decimo) dopo la difficile battaglia contro la pandemia che ha duramente colpito il territorio che amministra e una lunga campagna di discredito nei suoi confronti. Tra i sindaci perde consensi il milanese Beppe Sala che scende sotto il 50% risultando 89ensimo su scala nazionale. Bene il primo cittadino di Bergamo, Giorgio Gori, che guadagna il 5,7% ed è terzo


  Teatro alla Scala, l'attacco di Sala a Fontana: "La smetta di giocare a  nascondino" - la Repubblica

Aumenta i consensi nell'indice di gradimento dei presidenti delle Regioni pubblicata oggi da Il Sole24Ore del lunedì, commissionata dal quotidiano economico a Noto Sondaggi, il governatore della Lombardia, Attilio Fontana. Nella 'Governance Poll', Fontana guadagna il 2,7% rispetto all'indagine dello scorso anno, ed è in decima posizione col 48% dei consensi. Fontana "si riavvicina - si legge - ai livelli che nel 2018 l'avevano portato a succedere a Palazzo Lombardia al suo collega di partito, e concittadino varesino, Roberto Maroni.

L'indice di "gradimento dei sindaci, che confronta il consenso con il risultato delle elezioni alla carica ricoperta, vede, tra quelli lombardi, la conferma al terzo posto di Giorgio Gori che a Bergamo, città martoriata dalla pandemia, guadagna il 5,7%.


Il primo cittadino di Milano, Beppe Sala, così come tanti altri sindaci di grandi città, registra un calo, -2,7 dei consensi, scendendo sotto il 50%. Risulta 89/esimo col 49%.
Tra i primi altri tre sindaci lombardi, Mattia Palazzi (Mantova), che rispetto all'elezione, perde però l'11,8% (da 70,8% a 59%) ed è decimo, il primo cittadino di Sondrio Marco Scaramellini, che perde il 2.4% (da 60,4 a 58%) ed è 15/esimo e la sindaca di Lodi, simbolico epicentro della pandemia, 22/esima col 57% guadagnando lo 0,6. 

 

Fonte: Ansa)

Lombardia in zona bianca da lunedì. Fontana: "Grazie a tutte le persone che si sono vaccinate"

La Lombardia si prepara ad entrare in zona bianca da lunedì 14 giugno insieme a Lazio, Piemonte, Emilia-Romagna, Puglia e provincia di Trento. Un passaggio che è stato reso possibile dai dati delle ultime settimane e che segnano il ritorno di una normalità simile a quella del passato. La soddisfazione del governatore Attilio Fontana


"Anche questa settimana i dati in Regione Lombardia sono da zona bianca. L'indice di incidenza è di 23 su 100mila, è la terza settimana che vengono confermati buoni dati di questo tipo, quindi da lunedì, saremo in zona bianca".

Lo ha detto il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, a margine della presentazione del bando 'La Lombardia è dei Giovani 20/21". Se sarà zona bianca, ha aggiunto Fontana, "lo dobbiamo anche alla partecipazione di tutte le persone che si sono sottoposte alla vaccinazione". 

"L'Italia - ha aggiunto Fontana - deve partire con la massima sollecitudine" sul green pass che ha avuto il via libera dal Parlamento Europeo. "In quanto Paese attrattivo e meta turistica, abbiamo bisogno di questa opportunità che dà una libertà in più a chi sceglie di venire da noi per le vacanze".

"Noi fin dal primo momento abbiamo detto che se ci danno una disponibilità aggiuntiva di dosi da destinare ai turisti, siamo pronti ad offrire il servizio. E' chiaro - ha aggiunto - che è una cosa complessa, ma la macchina organizzativa che abbiamo in campo - ha assicurato - può gestirla. Si tratta di far comunicare tra loro le anagrafi vaccinali delle regioni, la nostra è già informatizzata e pronta".

Quanto all'uso del vaccino AstraZeneca anche per le fasce più giovani della popolazione, Fontana ha rivendicato non non aver "mai fatto vax Day dedicati ai giovani, quindi il problema per noi non si è posto. Noi seguiamo le indicazioni e dato che le indicazioni suggeriscono di non utilizzare AstraZeneca sotto una certa età noi non lo utilizziamo. Abbiamo in questo momento altri vaccini che utilizziamo. Comunque noi siamo sempre rispettosi delle indicazioni che ci vengono date dal commissario e dal Cts nazionale". 

Covid, Moratti: "La Lombardia sarà la prima regione a raggiungere l'immunità di comunità"

Ottimi risultati in tutte le fasce di età per i vaccini nella regione più colpita dal virus. Parla la vicepresidente e assessore al Welfare della Regione Lombardia, Letizia Moratti: "Dati importanti e un segno fondamentale. Obbligo vaccinale? Difficile, ma si può pensare a incentivi e disincentivi"


"Saremo la prima regione a raggiungere l’immunità di comunità. In Lombardia somministriamo regolarmente più di 100mila vaccini al giorno". Così la vicepresidente e assessore al Welfare della Regione Lombardia, Letizia Moratti, ospite di ‘Mattino Cinque’ su Canale 5.

"Abbiamo un’adesione del 52% sul totale della popolazione" dei 12-29enni in Lombardia, "è un segno fondamentale che va in due direzioni: da una parte la loro libertà e dall'altro la consapevolezza che proteggendo loro stessi proteggono anche le loro famiglie. E poi si va verso un’apertura in sicurezza delle scuole, con la possibilità di tornare in presenza. Il dato di adesione dei giovanissimi è veramente molto importante", ha detto ancora.

"E’ difficile pensare di poter mettere un obbligo, ma è possibile mettere incentivi e disincentivi, come il green pass", per invogliare la popolazione a vaccinarsi contro il Covid, ha poi sottolineato Moratti aggiungendo: "Bisogna ascoltare i medici e i loro consigli. I vaccini offerti sono tutti sicuri perché hanno ottenuto il vaglio dell’Ema e dell’Aifa e i medici sono molto bravi a spiegare".

In vista del ritorno in zona bianca di molte regioni italiane "ci vuole sempre prudenza, bisogna usare le mascherine e gli igienizzanti. Bisogna continuare ad avere responsabilità individuale, ma sono certa che anche con la paura di tornare a periodo chiusura tutti saranno prudenti", ha concluso.

  • Pubblicato in Salute

In Lombardia tira una brutta Aria: Fontana caccia i vertici dell'agenzia regionale. L'incapacità di burocrati vestiti da manager e la mediocrità di scalda-cadrega dal posto fisso: così anche la Pubblica amministrazione del Nord rischia il naufragio

Sulle recenti e clamorose difficoltà nella campagna vaccinale il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, dice: "Disservizi informatici hanno creato disagi e inficiato lavoro di tutti gli operatori, sanitari e non". I casi imbarazzanti di Como, Cremona e Brianza hanno portato il governatore a decisioni drastiche: "Ho chiesto ai membri del Cda della società Aria di fare un passo indietro. In caso contrario disporrò l'azzeramento dello stesso, affidando al direttore generale Lorenzo Gubian, di recente nomina, la guida della società". Basterà?


“I disservizi informatici che si sono registrati nel corso della campagna vaccinale (recentemente a Como, Cremona e in Brianza) hanno creato disagi a molti nostri cittadini e hanno inficiato il lavoro di tutti gli operatori – sanitari e non – che stanno lavorando con grande impegno e professionalità nei diversi Centri vaccinali”. Lo ha detto il presidente della Regione LombardiaAttilio Fontana, incontrando la stampa.

Chiesto a membri Cda un passo indietro

“È questo il motivo – ha aggiunto – per cui ho chiesto ai membri del Cda della società Aria di fare un passo indietro. In caso contrario disporrò l’azzeramento dello stesso, affidando al direttore generale Lorenzo Gubian, di recente nomina, la guida della società”.

Totale vaccinazioni oltre quota 1,2 milioni

“Situazioni di criticità, come quelle verificatesi del fine settimana – ha continuato – offrono una immagine distorta dei risultati già oggi raggiunti: il totale delle vaccinazioni in Lombardia è 1.231.413; quelle somministrate agli over 80 sono 322.568, più 60.000 nelle Rsa. Quindi, la percentuale di chi ha ricevuto una dose degli over 80 che hanno aderito (circa 600.000), supera di gran lunga il 50%, in linea con ciò che accade nel resto del Paese”.

Sabato 20 marzo in Lombardia un quarto dei vaccini nazionali

“Piu in generale, a titolo di esempio – ha concluso il governatore – in tutta Italia sabato sono state inoculate 120.000 dosi. Di queste, in Lombardia ne sono state fatte 30.000 che, in percentuale, corrisponde a un quarto di tutte le vaccinazioni nel Paese. Il nostro obiettivo è quello di vaccinare tutti i lombardi ammesso che arrivino le dosi necessarie dato che a fine mese le scorte a disposizione saranno esaurite”.

 

(Fonte: Lombardia Nozie online)

Bertolaso candidato sindaco di Roma, Salvini insiste: "Si vota in autunno, quando avrà terminato il lavoro sui vaccini in Lombardia"

"Si vota in autunno e noi ci stiamo preparando: stamattina ho parlato con Bertolaso. E' certo che se riuscirà a mettere in sicurezza la salute dei lombardi, in autunno si può occupare della vita dei cittadini della Capitale"."Guido Bertolaso da persona seria qual è diceva che se si sarebbe votato a maggio, essendo già impegnato in Lombardia, non avrebbe potuto fare due cose insieme. Ma se il piano vaccinale si conclude presto, con lui possiamo andare avanti su Roma. Poi non voglio forzarlo. Abodi persona stimabile, ma mi permetterò di insistere con Bertolaso, una personalità concreta e rapida". Così il il leader della Lega, Matteo Salvini, ribadendo la sua volontà di candidare Guido Bertolaso a sindaco di Roma. 

Milano, weekend in zona gialla e assembramenti, Sala striglia i milanesi: "Comportatevi bene, rafforzeremo i controlli" (VIDEO)

L'invito lanciato via social dal sindaco è a rispettare le regole: "Era previsto l'arrivo di questa terza ondata ed è successo. Alcuni nostri comportamenti l'hanno favorita. Più ce ne approfittiamo, più paghiamo pegno" - (VIDEO)


Beppe Sala

Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha lanciato un appello su Facebook a tutti i milanesi, affinché rispettino le regole nell'ultimo fine settimana in zona gialla, prima del passaggio della Regione Lombardia in arancione da lunedì. "Siamo in arancione da lunedì ma avendo davanti un week-end di giallo e bel tempo vi chiedo di tenere un comportamento corretto, fatelo per la nostra salute e per chi negli ospedali sta lavorando a ritmi che speravamo non necessari. Fatelo anche per tutti quelli che non possono lavorare, vi prego comportatevi in modo adeguato al difficile momento" le parole di Sala.

"Era previsto l'arrivo di questa terza ondata ed è successo - ha aggiunto Sala - Alcuni nostri comportamenti l'hanno favorita. Ci sono immagini che tutti abbiamo in testa: i tifosi fuori da San Siro prima del derby, i Navigli pieni, che ormai sono diventati il set ideale per catturare immagine di gente assembrata ma la verità è che a volte il rispetto delle regole manca davvero. Ieri sera ho fatto un giro per la città e ho visto troppi gruppetti di persone a chiacchierare con la mascherina abbassata".

I gruppi, ha osservato ancora il sindaco, "sono talmente tanti che diventano incontrollabili dalle forze dell'ordine. Detto ciò oggi rafforzeremo i controlli. Ne ho parlato con il questore, ho chiesto un intervento più deciso per questo weekend e così sarà. Capisco che siamo tutti stanchi di questa situazione, lo sono anche io. Ma c'è almeno una cosa che dovremmo aver imparato: più ce ne approfittiamo, e più paghiamo pegno".

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS