updated 9:03 AM UTC, Mar 8, 2021

Conseguenza per il lavoratore che si rifiuta di sottoporsi a vaccinazione anti covid-19

Una prima messa a fuoco della difficile problematica nel contrasto tra il diritto di ogni persona a non essere sottoposto a trattamenti obbligatori e il dovere di non procurare danni o rischi ad altri con il proprio comportamento.


Le decisioni che i lavoratori prendono sulla propria vita e saluta, hanno motivazioni individuali e non collettive, per contro la vaccinazione è uno strumento di protezione allo stesso tempo individuale e collettivo e impone quindi un approccio diverso da tutte le altre proposte di prevenzione. In questa mancanza di legislazioni oggettive, l'Avvocato Giuslavorista Davide Pollastro fa chiarezza su quello che, anche in tale assenza, un lavoratore potrebbe rischiare sul posto di lavoro.

Crisi Italia, povertà assoluta per oltre 2 milioni di famiglie (5,6 milioni di persone): il triste record degli ultimi 15 anni

Azzerati i miglioramenti registrati nel 2019 dopo quattro anni consecutivi di aumento. Consumi indietro di 20 anni: la spesa media mensile torna ai livelli del 2000


Secondo le stime preliminari, nel 2020 le famiglie in povertà assoluta sono oltre 2 milioni (il 7,7% del totale, da 6,4% del 2019, +335mila) per un numero complessivo di individui pari a circa 5,6 milioni (9,4% da 7,7%, ossia oltre 1milione in più rispetto all'anno precedente). E' quanto emerge dai dati preliminari Istat contenuti in Statistica today, in cui viene sottolineato che i dati sono i peggiori dal 2005.

Nell'anno della pandemia si azzerano così i miglioramenti registrati nel 2019. Dopo 4 anni consecutivi di aumento, si erano infatti ridotti in misura significativa il numero e la quota di famiglie (e di individui) in povertà assoluta, pur rimanendo su valori molto superiori a quelli precedenti la crisi del 2008.
 

L'aumento della povertà assoluta si inquadra nel contesto di un calo record della spesa per consumi delle famiglie (su cui si basa l'indicatore di povertà). Secondo le stime infatti, nel 2020 la spesa media mensile torna ai livelli del 2000 (2.328 euro; -9,1% rispetto al 2019). Rimangono stabili solo le spese alimentari e quelle per l'abitazione mentre diminuiscono drasticamente quelle per tutti gli altri beni e servizi (-19,2%). 

Avvocati Rispondono; la cassa integrazione Covid

Con il prolungamento dello stato di emergenza è stata prorogata anche la cassa integrazione Covid, in questo articolo vediamo come sono regolati i principi della rotazione e il pagamento diretto da parte dell'INPS


Anche nella cassa integrazione Covid è possibile applicare il diritto dei lavoratori alla rotazione, questo nonostante l'assenza di specifiche normative in argomento.  Per avere accesso alla cig Covid, nello specifico, le aziende hanno ancora circa un mese, il 31 marzo 2021 viene definito come termine ultimo per la presentazione e l’invio delle istanze. Vengono anche confermati i requisiti per poter accedere alle domande, secondo cui la proroga verrà riconosciuta a tutte le imprese che hanno registrato un calo del fatturato a seguito o a causa dell’epidemia da Covid-19 in Italia.

Quali sono i diritti e i doveri dei lavoratori posti in cassa integrazione Covid-19? non ci sono specifiche norme in merito, per poter far luce bisognerebbe pensare di applicare la normativa contrattuale collettiva relativa ai criteri di rotazione in Cigo, Cigs e Cig in deroga...  un diritto dovrebbe essere quello alla rotazione, in una recente sentenza la corte di cassazione suprema, a seguito di un ricorso di una lavoratrice che non era stata soggetta alla rotazione, si è così espressa:

"...qualora il datore di lavoro lasci in condizione di inattività il dipendente non solo viola l’art. 2103 c.c. ma lede il fondamentale diritto al lavoro, inteso soprattutto come mezzo di estrinsecazione della personalità di ciascun cittadino, nonché dell’immagine e della professionalità del dipendente, ineluttabilmente mortificate dal mancato esercizio delle prestazioni tipiche della qualifica di appartenenza; tale condotta costituisce lesione di un bene immateriale per eccellenza, qual è la dignità professionale del lavoratore..."  (Cass., sez. Lavoro, 28 settembre 2020, n. 20466)

Altro tema complesso è quello relativo all'anticipo dei ratei da parte dell'INPS. Il decreto Rilancio, modificando il decreto Cura Italia, ha disposto che l’INPS possa anticipare una parte dei trattamenti di integrazione salariale in deroga. Il datore di lavoro può chiedere che l’Istituto provveda al pagamento diretto della prestazione. L’obiettivo della norma è che il lavoratore possa avere una disponibilità economica nel più breve tempo possibile. A tal fine l’Istituto autorizza le domande e dispone l'anticipazione del trattamento entro 15 giorni dal ricevimento delle domande stesse.

Sentiamo nel merito l'Avvocato Giuslavorista Davide Pollastro.

Meloni: "Basta Dpcm, si ritorni alla normalità della democrazia. Nei contenuti Draghi molto simile a Conte"

La leader di Fratelli d'Italia al Corriere della Sera: "Bene la sostituzione di Arcuri, ma la discontinuità non è una semplice nomina, si vede nei fatti. Noi a disposizione con le nostre proposte"


Giorgia Meloni: "Senza noi all'opposizione l'Italia come la Corea del Nord"

"Basta Dpcm, si torni alla normalità della democrazia". E' questo il pensiero di Giorgia Meloni dopo il varo del nuovo Dpcm del governo Draghi con le misure anti Covid valide dal 6 marzo al 6 aprile.

“Accolgo il segnale positivo e ribadisco che saremo a disposizione con le nostre proposte. Ma per ora nei contenuti quello che Draghi sta facendo mi sembra molto simile a quello che faceva Conte. A partire dall’ennesimo Dpcm che tutti speravamo di non vedere più. La discontinuità non è una semplice nomina, si vede nei fatti", dice la leader di Fratelli d'Italia in un’intervista al Corriere della Sera.

Meloni plaude alla sostituzione di Domenico Arcuri, dicendo che "è stata tra le prime cose che ho chiesto al capo del governo. Noi mandammo subito a Draghi documenti e dossier sull’opacità e i disservizi della gestione commissariale, che ha avuto punte surreali come sul caso delle mascherine ma anche con lo scandalo dei padiglioni vaccinali con i fiori, che giustamente Draghi ha bocciato. Benissimo, ma è il minimo sindacale".

"So che ci vuole tempo, e apprezzo che qualche passo si sia compiuto", riconosce Meloni, che riguardo le nomine del nuovo capo della Protezione Civile Curcio, di quello per l’emergenza, il generale Figliuolo, e di Gabrielli ai servizi afferma che “la provenienza non è di per sé garanzia di successo per ruoli così delicati, ma le persone scelte sono certamente di assoluta rilevanza nel proprio campo e siamo a loro disposizione. Speriamo possano rompere finalmente i ponti col passato”.

“Vedo ancora segnali preoccupanti – rimarca -. Agire ancora con Dpcm come si è appena fatto anziché coinvolgere il Parlamento è il contrario di ciò che ci aspettavamo. Ormai l’emergenza dopo un anno è diventata quasi ‘normalità’. Bisogna tornare alle procedure ordinarie in democrazia. È presto, ma nei fatti per ora, domina la continuità con le politiche di Conte. D’altronde se si confermano ministri del precedente governo in posti chiave, come Speranza alla Salute, che scarto ci si può attendere? Mi aspettavo e mi aspetto ancora che si cambi la politica surreale delle chiusure a cena dei ristoranti aperti a pranzo mentre si consente che gli anziani si accalchino in file vergognose per il vaccino anziché prevedere un servizio efficiente a domicilio, visto che sono la categoria più fragile e colpita. Mi aspetto che si affronti il tema che poniamo da un anno dei mezzi pubblici strapieni, vero vettore di contagio, altro che le palestre. Mi aspetto trasparenza sui dati del Cts, che limitano le libertà individuali. E che si cambi quello che non ha funzionato, visto che dopo un anno stiamo ancora in emergenza come nel marzo scorso”.

Vaccino anti-Covid, ora gli Stati europei scavalcano l'Ue. Danimarca e Austria guardano a Israele

Danimarca e Austria non vogliono più fare affidamento solo sull'Unione europea nella lotta contro il Coronavirus e si propongono di lavorare insieme a Israele per fare ricerca e produrre vaccini. Per questo, il cancelliere austriaco Sebastian Kurz e il primo ministro danese Mette Frederiksen prevedono di incontrare il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu giovedì prossimo. Lo riferisce il quotidiano austriaco Merkur.

 

  • Pubblicato in Salute

Vaccino Johnson & Johnson efficace al 72%

Secondo il regolatore americano FDA (il nostro ISS), il vaccino Johnson & Johnson protegge bene da patologie gravi e da morte per Covid-19, dimostra un'efficacia al 72% ed è molto funzionale anche nel rallentarne la trasmissibilità.


In Sud Africa, dove circola una variante più contagiosa, il vaccino è efficace al 64%, ha affermato la FDA nel suo rapporto. Invece negli Stati Uniti, i risultati dei test dimostrano un'efficacia pari all'86%, contro le gravi patologie legate al virus, in Sud Africa, dove circola una variante moto più aggressiva e pericolosa, la percentuale si riduce all'82. Secondo il quotidiano New York Times ciò significa che, una persona vaccinata ha molte meno probabilità di finire in ospedale o morire per Covid-19, stessa probabilità di non diffondere il virus.

La FDA potrebbe già approvare l'uso del vaccino negli Stati Uniti già questo fine settimana.

Il vaccino Johson & Johson può essere conservato a temperatura di 2 gradi, a differenza di quello di Moderna o di Pfizer/BioNTech. Inoltre, è necessaria una sola dose per vaccinare completamente una persona e questo potrebbe essere un vantaggio visti i continui rallentamenti della campagna vaccinale. 

 

  • Pubblicato in Salute

Bar e ristoranti chiusi, il terribile massacro della filiera agroalimentare Made in Italy: cibi e vini invenduti per 11,5 miliardi

Il triste bilancio della Coldiretti: "Si stima che 300 milioni di chili di carne bovina, 250 milioni di chili di pesce e frutti di mare e circa 200 milioni di bottiglie di vino non siano mai arrivati nell'ultimo anno sulle tavole dei locali costretti ad un logorante stop and go senza la possibilità di programmare gli acquisti anche per prodotti fortemente deperibili"


Antipasti, dalla loro antica storia alle tavole d'oggi nel nord Italia

Il crollo delle attività di bar, trattorie, ristoranti, pizzerie e agriturismi travolge a valanga interi settori dell'agroalimentare Made in Italy con vino e cibi invenduti per un valore stimato in 11,5 miliardi dall'inizio della pandemia. È quanto emerge dal primo bilancio della Coldiretti sull'impatto sulla filiera agroalimentare delle chiusure a singhiozzo della ristorazione a un anno dall'inizio della pandemia Covid, in occasione del Consiglio nazionale con la partecipazione del Ministro delle politiche Agricole Stefano Patuanelli.

"Si stima che 300 milioni di chili di carne bovina, 250 milioni di chili di pesce e frutti di mare e circa 200 milioni di bottiglie di vino - sottolinea la Coldiretti - non siano mai arrivati nell'ultimo anno sulle tavole dei locali costretti ad un logorante stop and go senza la possibilità di programmare gli acquisti anche per prodotti fortemente deperibili".

"Numeri dietro i quali - precisa la Coldiretti - ci sono decine di migliaia di agricoltori, allevatori, pescatori, viticoltori e casari che soffrono insieme ai ristoratori. Chiusure forzate, limitazioni negli orari di apertura, divieti agli spostamenti, drastico calo delle presenze turistiche e la diffusione capillare dello smart working hanno devastato i bilanci dei servizi di ristorazione e tagliato drammaticamente i livelli occupazionali ma le conseguenze si fanno anche sentire direttamente sui fornitori".

La drastica riduzione dell'attività pesa infatti sulla vendita di molti prodotti agroalimentari, dal vino alla birra, dalla carne al pesce, dalla frutta alla verdura che trovano nel consumo fuori casa un importante mercato di sbocco. "In alcuni settori come quello ittico e vitivinicolo la ristorazione - precisa la Coldiretti - rappresenta addirittura il principale canale di commercializzazione per fatturato ma ad essere stati piu' colpiti sono i prodotti di alta gamma dal vino ai salumi, dai formaggi fino ai tartufi".

"Anche alla luce dell'avanzare della campagna di vaccinazione sarebbe importante consentire le aperture serali che valgono quasi l'80% del fatturato dei locali della ristorazione" afferma il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel sottolineare peraltro che "con l'arrivo del bel tempo le chiusure favoriscono paradossalmente gli assembramenti all'aperto sulle strade, nelle piazze e sul lungomare".

"Nei locali della ristorazione sono state invece adottate importanti misure di sicurezza, quali - conclude Prandini - il distanziamento dei posti a sedere facilmente verificabile, il numero strettamente limitato e controllabile di accessi, la registrazione dei nominativi di ogni singolo cliente ammesso".

"Nell'attività di ristorazione - rileva la Coldiretti - sono coinvolti circa 360mila tra bar, mense, ristoranti e agriturismi nella Penisola ma le difficoltà si trasferiscono a cascata sulle 70mila industrie alimentari e 740mila aziende agricole lungo la filiera impegnate a garantire le forniture per un totale di 3,6 milioni di posti di lavoro. Si tratta di difendere la prima ricchezza del Paese con la filiera agroalimentare nazionale che vale 538 miliardi pari al 25% del Pil nazionale ma è anche una realtà da primato per qualità, sicurezza e varietà a livello internazionale". 

 

(Fonte: Agi)

Meloni: "Rendere pubblici i dati del Cts. Se incidi sulla vita delle persone devi dire sulla base di quale evidenze lo fai"

La leader di Fratelli d'Italia sulle decisioni prese in ossequio alle valutazioni del Comitato tecnico scientifico: "Il problema delle chiusure per come sono state fatte è che sono irragionevoli"


"Vorremmo sapere e leggere i dati del Cts. Il fatto che Fratelli d'Italia abbia dovuto fare ricorso il Tar contro la decisione del governo di pubblicare solo i dati del Cts che decideva, dopo che ci era stata bocciata la proposta di renderli pubblici in Aula, è una follia, perché se incidi sulla vita delle persone, mi devi dire sulla base di quale evidenze lo fai, non puoi tenerlo per te". Lo ha sottolineato Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d'Italia, ospite di 'Non stop news' su Rtl 102.5

"Se un ristoratore può tenere aperto a pranzo rispettando determinate prescrizioni, perché - ha ribadito la leader di Fdi - quelle prescrizioni non diventano più efficaci a cena? Il problema delle chiusure per come sono state fatte è che sono irragionevoli. Le palestre possono restare aperte con protocolli che gli dà il governo".

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS