Log in

La maledizione di Tutankhamon, dalla fantasia alla realtà

Il successo della leggenda è attribuito all'immaginazione di Arthur Conan Doyle, creatore di Sherlock Holmes e scrittore di grande influenza ai suoi tempi


Il filosofo scientifico Jorge Wagensberg aveva scritto in uno dei suoi aforismi che le lacune nella conoscenza sono solitamente piene di solide convinzioni. Una di quelle "credenze solide" è quella della maledizione di Tutankhamon, per la quale, chiunque si avvicini alla tomba di un faraone egizio sarà condannato a morire in breve tempo.

Tutto iniziò quando, nel novembre 1922, l'egittologo Howard Carter scoprì la tomba di Tutankhamon nella Valle dei Re. Da quel momento in poi, le persone legate alla scoperta hanno cominciato a morire. Il caso più famoso è quello di Lord Carnarvon, il mecenate che finanziò lo scavo, morto dopo essere stato punto da una zanzara sulla guancia. Sembra che durante una rasatura, la puntura della zanzara si sia infettata, portando alla morte il mecenate. La morte di Carnarvon fu solo la prima di una strana sequenza. Suo fratello, Aubrey Herbert, suo assistente durante l'apertura della tomba morì in strane circostanze. Non si salvò neanche l'uomo che diede l'ultimo colpo al muro che blindava la camera dove era stato ritrovato il sarcofago. Allo stesso modo anche l'uomo che fece la prima radiografia alla mummia di Tutankhamon, non si salvò dalla maledizione . Si dice che al momento di fare l'autopsia, alla mummia sia stata trovata una ferita sulla stessa guancia dove Lord Carnarvon fù morso dalla zanzara.
In breve, la credenza nella maledizione di Tutankhamon divenne sempre più solida e i tabloid dell'epoca diffusero la leggenda per tutti gli anni '20, continuando fino ad oggi. Il successo di tale convinzione è attribuito all'immaginazione di Arthur Conan Doyle, creatore di Sherlock Holmes e scrittore di grande influenza in quei tempi.

Era il 2012 quando la maledizione colpì di nuovo duramente. Un virus trasmesso agli esseri umani attraverso i dromedari si stava muovendo lentamente ma inesorabilmente attraverso il Medio Oriente. Era una malattia simile alla SARS (sindrome respiratoria acuta grave segnalata per la prima volta in Asia nel 2003) e che stava causando il caos, diffondendosi in Arabia Saudita e lasciando dietro di sé una scia di morti. Si trattava di MERS, causata da un coronavirus tipico dei pipistrelli che popolano le tombe egizie. Ancora una volta, la maledetta leggenda delle mummie faraoniche stava guadagnando forza.

La MERS (Middle East Respiratory Syndrome), è una malattia respiratoria virale provocata da un coronavirus, per così dire, è cugina di quella che oggi sta causando la pandemia da covid-19. Tuttavia, la differenza tra covid-19 e MERS risiede nella capacità di adattarsi alla trasmissione umana. Mentre la MERS implica un contatto intimo, il COVID viene trasmesso molto più facilmente.

La cosa importante di tutto questo è che una credenza come la maledizione di Tutankhamon, nata negli anni '20, non ha trovato posto nel nostro secolo. Scartando le teorie magiche, la ricerca scientifica ha portato alla scoperta della MERS e con essa, alla scoperta del pipistrello come serbatoio naturale per la maggior parte dei coronavirus esistenti.

Sulla base di questo fatto fondamentale, si stanno compiendo progressi nell'attivazione dei diversi vaccini per alleviare l'epidemia che oggi sta devastando le nostre vite. Il segreto di questa epidemia sta nel nostro rapporto con l'ambiente, con l'habitat naturale degli animali, con un luogo sacro che abbiamo profanato senza riguardo.. Questa è la vera maledizione!.

L'Italia al voto, l'Italia divisa

La maggioranza degli elettori italiani sono chiamati al voto oggi e lunedì, per scrivere un "SI" oppure un "NO" al referendum a favore della legge già approvata dal parlamento, per la soppressione di 230 seggi alla Camera dei deputati e 200 al Senato. Secondo i sondaggi, anche una parte dell'attuale maggioranza al governo (sia parte del PD, sia parte M5S), voterà contro quella che viene definita la svolta costituzionale del secolo, sostenendo il mantenimento degli attuali 945 parlamentari. 

La divisione all'interno di ciascuno dei partiti al governo è totale e ancor di più se si tiene conto che è stato lo stesso M5S a proporre la riforma, con l'obiettivo di "semplificare" il potere legislativo e risparmiare denaro, una cifra stimata di circa 57 milioni di euro all'anno. Lo stipendio mensile di ogni deputato è di 12.000 euro, oltre ad altri vantaggi tra cui il viaggio gratuito e un buono di affitto per i non residenti a Roma.

"Basta con i dinosauri", ha gridato Beppe Grillo, fondatore del M5S e favorevole alla riduzione del numero dei parlamentari, così come favorevole è Luigi di Maio, attuale ministro degli Esteri. La riforma ha anche l'appoggio del segretario generale del PD, Nicola Zingaretti. 

"E 'fondamentale riconoscere l'importanza dei cittadini e il modo in cui partecipano alla vita politica", ha detto Riccardo Fraccaro, sottosegretario alla Presidenza del M5S e primo firmatario della riforma costituzionale. Fraccaro si riferisce a quella che definisce "democrazia diretta" , come avviene per le decisioni all'interno del partito anti-sistema, che vengono prese attraverso il voto effettuato online, dei suoi membri.

A proposito di questa procedura, nota come piattaforma Rousseau, il suo fondatore Roberto Casaleggio disse,  "il superamento della democrazia rappresentativa è inevitabile, attualmente esistono strumenti di partecipazione decisamente più democratici ed efficaci, in termini di rappresentanza popolare di qualsiasi modello di governo del Novecento". 

"La democrazia non è un clic", sostengono, invece, coloro che criticano questo sistema. 

"Vattene, tu e le tue bugie", ha scritto a sorpresa lo scrittore Roberto Saviano, rivolgendosi a chi, come Grillo, difende la riforma costituzionale. 

Marco Damiano, direttore di "Espresso", altro critico, ha posto sulla copertina del periodico uscito il 30 agosto, la foto di Di Maio, che appare seduto su una poltrona dorata in stile "ancien régime". "Il referendum è un contributo per smantellare un altro pezzo di istituzioni ", si afferma. 

Gli oppositori alla riforma sostengono che abbassare il livello di rappresentanza in Parlamento riduce lo spettro democratico. Il Congresso italiano conta 630 deputati (350 in Spagna, 577 in Francia) e ciascuno rappresenta 96.006 abitanti, che diverrebbero 151.210 con la riforma.

I ricercatori giapponesi scoprono un tipo di luce ultravioletta che uccide il coronavirus

In Giappone un gruppo di ricercatori ha scoperto una luce ultravioletta in grado di distruggere il Coronavirus in pochi secondi. A differenza dei fasci luminosi usati oggi per sanificare gli ambienti, non è dannosa per l'uomo


Uno studio condotto dai ricercatori dell'Università di Hiroshima (Giappone) ha dimostrato che l'uso della luce ultravioletta C con una lunghezza d'onda di 222 nanometri (nm), riesce ad eliminare "efficacemente" il SARS-CoV-2, il virus che causa malattia nota come Covid-19.

Già precedenti studi, sempre in Giappone, hanno coinvolto questo tipo di luce ultravioletta, ma avevano solo esaminato la sua potenza nel distruggere i coronavirus stagionali che sono strutturalmente simili al SARS-CoV-2, ma non il virus che causa lo stesso COVID-19. Detto questo, i ricercatori giapponesi, il cui lavoro è stato pubblicato sull '"American Journal of Infection Control", hanno sviluppato un esperimento in vitro che ha dimostrato che il 99,7 per cento della coltura virale SARS-CoV-2 è morto dopo un'esposizione di 30 secondi a un'irradiazione di luce ultravioletta di 222 nm a 0,1 mW / cm 2. Questa lunghezza d'onda non può penetrare nello strato esterno dell'occhio e nella pelle delle persone, quindi gli esperti hanno assicurato che non danneggerà le cellule viventi sottostanti. "Questo lo rende un'alternativa più sicura ma altrettanto potente alle lampade utilizzate per disinfettare tutt'oggi gli impianti sanitari", hanno concluso i ricercatori.

Tuttavia, gli esperti hanno evidenziato la necessità di un'ulteriore valutazione della sicurezza e dell'efficacia dell'irradiazione di questa luce per uccidere il coronavirus sulle superfici nel mondo reale, poiché le loro ricerche hanno avuto riscontri positivi solo sull'efficacia in vitro.

  • Pubblicato in Salute

Covid, la Gran Bretagna pronta a un nuovo lockdown: già scattati provvedimenti restrittivi per 10 milioni di cittadini. Linea dura in Israele e aumento dei contagi in Russia

In Gran Bretagna potrebbe essere imposto un nuovo lockdown nazionale come ''ultima linea di difesa'' rispetto all'aumento di casi di coronavirus registrati nel Paese. Lo ha dichiarato il ministro della Salute britannica, Matt Hancock, evitando di spiegare nel dettaglio come verranno adottate le nuove restrizioni. Il governo ''farà quello che serve per garantire la sicurezza delle persone'', ha dichiarato


Coronavirus, Usa: oltre 1.300 morti in 24 ore | Teleborsa.it

Un altro lockdown nazionale in Inghilterra è "l'ultima linea di difesa" da adottare se necessario. Lo ha detto il ministro della salute Matt Hancock, avvertendo che il Regno Unito si trova in una "situazione molto grave". Intervenendo ad una programma della Bbc, nel giorno in cui sono entrati in vigore dei blocchi locali nel nord dell'Inghilterra, il ministro ha rilevato che nelle ultime settimane si è verificata una "accelerazione" nei casi. "È fondamentale che le persone seguano le regole", così "possiamo evitare di dover prendere altre serie misure". Allo stesso tempo, ha sottolineato, i lockdown nazionali possono "mantenere le persone al sicuro".

"Occorre agire", ha sottolineato Hancock. "E 'assolutamente fondamentale che le persone seguano le regole", ha detto, ricordando l'importanza della nuova "regola dei sei" in Inghilterra, ossia il tetto al numero di persone che possono riunirsi, l'utilizzo della mascherina e il distanziamento. Il ministro ha spiegato che i blocchi locali, come quello che entra in vigore oggi per milioni di persone nel nord-est dell'Inghilterra, sono di vitale importanza. Ed ha riferito che potrebbero esserci nuovi provvedimenti a breve.

Intanto, però, nel Paese è già scattato un 'lockdown bis' per 10 milioni di persone: dalla mezzanotte di oggi, infatti, sono entrati in vigore i provvedimenti relativi a circa 2 milioni di abitanti del nordest dell'Inghilterra che non potranno avere contatti con altri nuclei familiari e dovranno rispettare il coprifuoco fissato per le 22. Le norme riguardano gli abitanti delle aree di Newcastle, Northumberland, North Tyneside, South Tyneside, Gateshead, County Durham e Sunderland. Tali restrizioni si aggiungono a quelle già in vigore per altre zone del paese: come sottolinea il Guardian, i provvedimenti riguardano nel complesso 10 milioni di cittadini, circa il 15% della popolazione complessiva di Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord.

Sono stati intanto 5.238 i contagi nelle ultime 24 in Israele dove dalle 14 (ora locale) è scattato il secondo lockdown nazionale che resterà in vigore almeno tre settimane. Migliaia di agenti e soldati in strada con l'obiettivo di far rispettare il blocco. Il lockdown avviene a poche ore dall'inizio del Capodanno ebraico. I fedeli potranno seguire le preghiere all'aperto oppure all'interno delle sinagoghe in un numero ridotto. E le infezioni di ieri hanno anche portato a 577 i malati gravi e, di questi, 153 in rianimazione: un picco rispetto a ieri. Le vittime, da inizio pandemia, sono salite a 1.169. Il premier Benyamin Netanyahu ha ammonito che se le restrizioni imposte non verranno rispettate e le infezioni non diminuiranno "non ci sarà altra strada" che allungare il lockdown. Unica modifica introdotta - ieri sera - dal governo alle regole è stata quella che ha visto aumentare da 500 metri ad 1 chilometro il raggio entro il quale gli israeliani possono allontanarsi da casa.

Aumentano i casi di Covid-19 in Russia. Stando ai dati ufficiali, nelle ultime 24 ore si sono registrati 5.905 nuovi contagi, la cifra più alta dal 20 luglio. Secondo le autorità, le persone decedute a causa del morbo sono 134 nel corso dell'ultima giornata e 19.195 in tutto. Il totale dei contagi accertati sale a 1.091.186, il quarto al mondo in termini assoluti.

Il Pakistan ha registrato 752 nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore, la crescita più alta dal 9 agosto scorso, mentre i decessi sono stati nove. Lo comunica il ministero della Sanità. Il numero totale dei contagi dall'inizio della pandemia sale così a oltre 304.000 e quello dei morti a 6.408. Tra i pazienti attualmente malati, 579 sono in condizioni critiche. 

Più di 200 nuovi casi di coronavirus si sono registrati nell'affollata prigione libanese di Rumie, vicino Beirut, dove le condizioni igienico-sanitarie sono considerate insufficienti a garantire l'incolumità degli oltre 4mila detenuti e delle guardie carcerarie. E' la denuncia del presidente dell'Ordine libanese dei medici, Sharaf Abu Sharaf, secondo cui sono più di 200 le persone risultare positive al Covid. Non si precisa quante di queste persone sono detenuti e quante guardie carcerarie. Nei giorni scorsi una rivolta di alcune ore era scoppiata nel famigerato Braccio B della prigione di Rumie proprio dopo che si era sparsa la notizia di decine di nuovi casi di coronavirus. Le autorità affermano che la situazione è sotto controllo e che le persone risultate positive sono state trasferite in un edificio adibito a luogo per la quarantena. Dal canto loro i detenuti, che pubblicano sui social network video amatoriali e appelli, affermano di esser stati lasciati "da soli" e di rischiare di "morire" in carcere.

  • Pubblicato in Salute

Noel Gallagher no mask: "La mascherina non la metto, se prendo il virus sono fatti miei". Ecco cosa gli è successo in treno

"È tutta una stronzata. Ci sono troppe libertà del ca**o che ci stanno togliendo". Parola di Noel Gallagher. "La mascherina? Non è una legge. Troppe fottute libertà ci vengono negate, io scelgo di non indossarla. Se mi prendo il virus, riguarda me e nessun altro... Non serve...". L'ex Oasis non ha nessuna intenzione di indossare le mascherine e di rispettare la norma anti-Covid. Il musicista, come ha raccontato al podcast di Matt Morgan su Radio X, non ha usato la protezione sul treno e nei negozi. "Stavo andando a Manchester l'altra settimana e un tizio ha cominciato 'Si metta la mascherina, i controllori verranno e le faranno una multa da 1000 sterline. Non deve indossarla se sta mangiando'... Io ho replicato 'Bene, questo virus killer che si sposta sul treno arriverà e mi attaccherà. Ma vedrà che sto mangiando un panino e se ne andrà se mangio?'".

Covid-19: l'Antartide è l'unico continente senza casi

Nel gelido continente del Polo Sud, non c'è un solo caso di Covid-19 tra le varie squadre di scienziati e militari che monitorano la vita nel deserto polare


L'Antartide è attualmente l'unico continente senza alcun caso di Coronavirus, la popolazione vive senza maschere e osserva lo svolgersi della pandemia da migliaia di chilometri di distanza. In questo momento, mentre quasi un migliaio di scienziati e altri professionisti che lavorano in quel territorio vedono il sole per la prima volta da settimane o mesi, c'è una mobilitazione generale per cercare di garantire che i nuovi colleghi che stanno per arrivare non portino il virus con loro. Dalla stazione di ricerca britannica "Rothera Research Station", sulla penisola antartica che si estende verso il confine del Sud America, la guida sul campo Rob Taylor ha spiegato all'Associated Press (AP) com'è vivere in ciò che lui descrive come: "La nostra piccola bolla sicura".

Prima della pandemia, l'isolamento a lungo termine, l'autosufficienza e la pressione psicologica erano di norma per le squadre in Antartide, mentre il resto del mondo vedeva le vite di questi professionisti come estremamente affascinanti. Tuttavia, oggi molto è cambiato, "In generale, la libertà che abbiamo oggi è maggiore di quella degli abitanti del Regno Unito al culmine della loro reclusione", ha detto Taylor, arrivato in Antartide a ottobre saltando completamente gli effetti della pandemia. "Possiamo sciare, socializzare normalmente, correre, andare in palestra, fare tutto entro limiti ragionevoli", ha aggiunto.

Come i team sparsi in tutta l'Antartide, incluso il Polo Sud, Taylor e i suoi 26 colleghi, devono essere in grado di svolgere tutti i tipi di compiti in un ambiente remoto e comunitario, con poco margine di errore. Hanno i turni in cucina, fanno osservazioni meteorologiche e "un sacco di cucito", ha detto. Le buone connessioni Internet esistenti, hanno permesso loro di monitorare da vicino l'andamento della pandemia nel resto del pianeta. E se, fino ad oggi, le conversazioni con i colleghi ​​si erano concentrate sulla preparazione dei nuovi arrivati ​​per quanto li attendeva, ora sembra che la situazione si sia ribaltata, la preoccupazione non è più avvisare i nuovi su quanto li aspetterà, ma capire se la loro provenienza è da zone ad alto tasso di infezioni da Coronavirus e capire come comportarsi al rientro nella civiltà. “Sono sicuro che possono dirci molto per aiutarci ad adattarci alla nuova normalità. Non abbiamo ancora alcuna pratica in termini di distanza sociale! ”, Afferma Taylor. Alla base di Scott in Nuova Zelanda, le gare di minigolf e le proiezioni cinematografiche sono stati i momenti salienti dell'inverno nell'emisfero meridionale, che si è concluso per il team Scott, quando hanno visto il sole venerdì scorso, "Non lo vedevano da aprile. Penso che ci sia un po di dissociazione, riguardo a com'è monitorare la pandemia a distanza. A livello razionale siamo consapevoli di ciò che sta accadendo, ma penso che non siamo realmente consapevoli dell'instabilità emotiva che deve causare", ", ha detto ad AP, Rory O'Connor, medico della squadra e coordinatore invernale delle missioni.

Secondo O'Connor, le squadre di terra in Antartide dovranno effettuare i test covid-19, quando i colleghi inizieranno ad arrivare. Ogni caso positivo farà scattare un “allarme rosso”, ha garantito, con attività che si sposteranno sul riscaldamento, approvvigionamento idrico, energia e cibo.

Quando il mondo ha iniziato il confinamento, i programmi antartici hanno convenuto che la pandemia avrebbe potuto causare un vero disastro nel continente di ghiaccio. Con i venti più forti e le temperature più basse del mondo, il continente, le cui dimensioni sono simili a quelle degli Stati Uniti e del Messico assieme, la diffusione del virus diverrebbe molto pericolosa per i lavoratori delle 40 basi permanenti presenti sul territorio.

"Un nuovo virus altamente contagioso significherebbe mortalità e morbilità nell'ambiente estremo e austero dell'Antartide, che, insieme alle limitate risorse disponibili a livello medico e di salute pubblica, rappresenterebbe un rischio elevato, con conseguenze potenzialmente catastrofiche", afferma un documento del COMNAP citato dall'Associated Press.

Qualche settimana fa, alla stazione McMurdo, i lavoratori hanno fatto un finto test per provare una realtà che il resto del mondo conosce già fin troppo bene, l'uso di una mascherina e la distanza sociale. "Sarà difficile non correre ad abbracciare gli amici" quando arrivano, ammette il direttore della stazione Erin Heard. Secondo l'AP, Heard e il resto del team della stazione inizieranno a indossare una mascherina due giorni prima dell'arrivo dei loro colleghi, al fine di "guadagnare memoria muscolare". Le maschere che hanno sono state realizzate da loro stessi, con tessuti immagazzinati alla stazione McMurdo e realizzate sulla base di modelli cercati "online".

 "Sarà molto strano rientrare nelle città, ad essere onesti, sarà come arrivare da quello che sembra essere un altro pianeta."

Covid e scuola, dai pediatri parole rassicuranti: "Se si rispettano le regole il rischio è quasi zero. Il problema è ciò che avviene fuori"

Il presidente della Società Italiana di Pediatria (Sip), Alberto Villani, è intervenuto su Sky Tg24, nel giorno in cui sono riprese le lezioni per 5,6 milioni di studenti italiani


CORONAVIRUS: SCUOLA, a SETTEMBRE cambierà TUTTO! Ecco COME saranno  ORGANIZZATI gli SPAZI » ILMETEO.it

Per arginare il rischio che possa esserci un eventuale contagio in classe, l'unico modo è "il rispetto delle regole. Se si evitano gli assembramenti, se si rispetta il distanziamento, l'uso della mascherina e il lavaggio frequente delle mani, anche nell'ipotesi che un compagno di classe risulti positivo, il rischio concreto di contagio è pressoché zero". Lo ha spiegato il presidente della Società Italiana di Pediatria (Sip), Alberto Villani, intervenendo su Sky Tg24, nel giorno in cui sono riprese le lezioni per 5,6 milioni di studenti italiani.

 "La scuola - ha precisato Villani, che dirige l'Unità Operativa Complessa di Pediatria e Malattie Infettive dell'Ospedale Bambino Gesù - è uno dei luoghi più sicuri, perché ci sono delle regole precise e c'è chi le fa rispettare. Il problema è ciò che avviene fuori. E' molto più facile che il virus entri nella scuola piuttosto che esca da scuola".

D'altronde, "bambini e ragazzi sono molto più ossequiosi delle regole rispetto agli adulti". Anzi, come si è visto per la raccolta differenziata che, dopo tante campagne pubblicitarie non fruttuose, venne portata realmente all'interno delle famiglie quando fu insegnata a scuola, "lo stesso avverrà in questo caso, cioè i saranno i bambini a diventare diffusori di un nuovo modo di relazionarci".

Rispetto ai consigli concreti ai genitori, che dovranno misurare la temperatura ai figli prima di portarli a scuola, ha ribadito Villani: "si considera febbre sopra i 37,5 gradi, quindi 37,2 non è febbre. Ma soprattutto, il genitore saprà riconoscere il bambino sta bene o se c'è qualcosa che merita attenzione. Nessuno meglio di lui sa valutare se il figlio sta per iniziare ad avere qualcosa". Quindi, il consiglio è approcciarsi con "piena serenità e tranquillità". 

 

(Fonte: Ansa)

  • Pubblicato in Salute

Berlusconi lascia il San Raffaele dopo 12 giorni: "Superata la prova più pericolosa della mia vita". Ringraziamenti e appello alla responsabilità (VIDEO)

L'ex premier Silvio Berlusconi ha lasciato il San Raffaele di Milano dove era ricoverato da giovedì 3 settembre dopo essere risultato positivo al test Covid-Sars2. Appena uscito dal padiglione D, Silvio Berlusconi ha ricevuto diversi applausi da alcuni sostenitori che lo hanno atteso in cortile. Ai cronisti ha detto: "Ognuno di noi è esposto al rischio di contagiare gli altri, rinnovo a tutti l'appello alla massima responsabilità personale e sociale"


"Ho superato quella che considero la prova più pericolosa della mia vita". Sono le parole di Silvio Berlusconi, che ha lasciato l'ospedale San Raffaele. Il leader di Forza Italia è stato ricoverato dopo la riscontrata positività al covid. "Mi dico con soddisfazione anche questa volta te la sei scampata bene", dice Berlusconi all'esterno dell'ospedale.

"Rivolgo un grazie dal profondo del cuore a tutti coloro che mi hanno manifestato la loro vicinanza, il loro affetto e la loro partecipazione in questi giorni. Ringrazio la mia famiglia ovviamente, i miei amici e tanti conoscenti. E moltissime persone che non conosco personalmente, tanti sostenitori ma anche tanti avversari politici, tanti rappresentanti delle istituzioni a cominciare dal presidente Mattarella e tantissimi cittadini del tutto estranei alla famiglia", dice ancora. "L'affetto che ho sentito attorno a me mi hanno dato la forza per superare i momenti più difficili, i primi 3 giorni sono stati molto difficili, in una malattia grave e insidiosa. Credo lo sappiate, ma l'80% dei malati oltre gli 80 anni non ce l'hanno fatta", afferma.

"Il mio pensiero va in questo momento prima di tutto ai tanti malati di covid e alle loro famiglie. Ho condiviso angoscia e sofferenza di chi sta male, dei familiari, di chi ha perduto una persona cara. Il mio pensiero va anche ai medici, al personale sanitario in prima linea contro questo morbo davvero pericoloso, molti di loro hanno dato la vita e tutti si sono esposti al contagio per fare il loro dovere, salvando tante vite umane", sottolinea. "Nelle scorse settimane, prima di ammalarmi, avevo lanciato numerosi appelli a non sottovalutare il pericolo e a tenere alta la soglia di attenzione -sottolinea-. A riprendere dopo le vacanze la vita quotidiana rispettando rigorosamente regole e prescrizioni sanitarie, è un dovere verso noi stessi e verso la collettività. Ho provato in prima persona che, finché la circolazione di questo virus non sarà debellata, ognuno di noi pur agendo con la più grande prudenza è esposto al rischio di essere contagiato e di contagiare gli altri. E questo è tanto più grave per le persone fragili per età e per condizioni di salute. Per questo rinnovo a tutti l'appello alla massima responsabilità personale e sociale".

"Oggi è anche il giorno in cui milioni di bambini e di ragazzi tornano a scuola. E' una notizia positiva, un segno importante del ritorno alla normalità. Ma è anche un passaggio delicatissimo. Per questo voglio rivolgere a tutti gli studenti un affettuoso in bocca al lupo per l'anno scolastico che comincia ma anche un forte richiamo al rispetto rigoroso di comportamenti corretti e delle regole sanitarie. Fatelo per voi stessi, per i vostri amici, per i vostri insegnanti, per i vostri genitori, per i vostri nonni che potreste contagiare", dice ancora. "Bisogna andare avanti, l'Italia non può restare ferma, sarebbe una catastrofe sanitaria ed economica senza precedenti. Evitarlo dipende da tutti noi. Rivolgo a tutti i miei più calorosi auguri di buona salute e di benessere economico in questa terribile crisi che stiamo vivendo. Grazie dal profondo del cuore a tutti coloro che mi sono stati vicino, speriamo che Dio ci dia una mano a risolvere presto queste situazioni", conclude.

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS