Il politically correct piomba su Disneyland: il bacio del Principe a Biancaneve "non è consensuale"

Disneyland California ha riaperto dopo il lockdown, ma il risveglio non è stato certo "da favola". La stampa Usa si è scagliata contro il più famoso dei baci immaginari: "Può essere di vero amore solo se una persona sa che cosa sta succedendo". Che dire? Ci hanno rotto... l'incantesimo


La gioia dopo la riapertura post lockdown, a Disneyland California, è durata poche ore. A inghiottirla è arrivata l'onda del politically correct che ha travolto l'attesa nuova attrazione, Snow White’s Scary Adventure, un parco giochi interattivo dedicato alla mitica Biancaneve e al suo immaginario . Inopportuno perché non consensuale, il bacio che il Principe le dà sul finale per risvegliarla dall'incantesimo. Sul piede di guerra la stampa americana. Il San Francisco Gate tuona: "Un bacio può essere di vero amore solo se una persona sa che sta succedendo”.

"Non siamo già d’accordo sul fatto che il consenso nei primi film Disney sia una questione importante? Che insegnare ai bambini a baciarsi, quando non è stato stabilito se entrambe le parti sono disposte a impegnarsi, non va bene?”, ha continuato il giornale.

”È difficile capire perché la Disneyland del 2021 scelga di aggiungere una scena con idee così antiquate su ciò che un uomo può fare a una donna, soprattutto considerando l’attuale enfasi della società sulla rimozione di scene problematiche da giostre come Jungle Cruise e Splash Montagna. Perché non reimmaginare un finale in linea con lo spirito del film e il posto di Biancaneve nel canone Disney? ” ha concluso il giornale.

Jungle Cruise aveva suscitato polemiche per alcune rappresentazioni ambigue di popolazioni indigene. 

(Fonte: Tgcom24)

Scuola, la previsione del ministro Bianchi: "Tra 10 anni 1,4 milioni di studenti in meno" (VIDEO)

Il ministro dell'Istruzione, Patrizio Bianchi, in audizione in commissioni Cultura congiunte: "Abbiamo bisogno di prof per avere classi più piccole e aumentare il tempo a scuola". Il grosso problema della dispersione - (VIDEO)


Dati e supercalcolo nella transizione economica. Intervista a Patrizio  Bianchi - Pandora Rivista

Le Commissioni riunite Cultura di Camera e Senato, presso la Sala del Mappamondo, svolgono l'audizione del ministro dell'Istruzione, Patrizio Bianchi, sulle linee programmatiche del suo dicastero

"Il ministero così come è oggi, non è più in grado di organizzare la specificità e la complessità dei compiti. Stiamo ampliando l'età dell'educazione dai 0 anni fino alla formazione continua: serve un dipartimento che si occupi di formazione tecnica superiore, dobbiamo mettere mano all'organizzazione del ministero e degli organi decentrati", ha detto il ministro dell'Istruzione.

Il ministro ha parlato della necessità di una riforma del ministero dell'Istruzione e della governance complessiva. "Poi vanno rafforzate le strutture del sistema scolastico: il Piano di ripresa e resilienza ci aiuta moltissimo basta pensare agli investimenti per la fascia dei più piccoli", ha aggiunto.

"Il Mef ci ha riconosciuto gli organici del passato e ha dato qualcosa in più. Nei prossimi 10 anni avremo 1 milione e 400 mila ragazzi in meno, avremmo quindi dovuto avere tanti insegnanti in meno. Abbiamo bisogno di prof per avere classi più piccole e aumentare il tempo scuola. Dobbiamo uscire dalla meccanica lineare tot docenti-tot studenti. Abbiamo bisogno anche di più dirigenti. I dirigenti hanno una funzione fondamentale, non abbiamo dato il giusto peso alla gravosità degli impegni che hanno avuto, va e andrà riconosciuto di più nel confronto contrattuale".

"La pandemia come choc esterno ha esasperato le diversità e messo a nudo delle situazioni non più sostenibili come il diritto allo studio: abbiamo un indice insostenibile di dispersione scolastica. C'è una dispersione esplicita, di chi non riesce a raggiungere titolo di studio, e chi lo consegue ma non ha le competenze adeguate. Dobbiamo iniziare fin dall'estate a fare un ponte verso l'anno prossimo usando fondi già in carico al ministero, 150 milioni. Altri 320 milioni li metteremo a disposizione per una struttura di supporto che dall'estate si proietti all'anno prossimo: inizieremo ad avere una scuola più aperta e interattiva col territorio, come parte di una nuova fase di scuola. Altri 40 milioni li dedichiamo alla povertà educativa" con progetti che "si rivolgono alle aree periferiche e marginali: è una azione che va vista nella logica di un riequilibrio". 

"Abbiamo il tema del transitorio: come recuperare coloro che hanno accumulato esperienza e che hanno bisogno di stabilità - ha detto il ministro dell'Istruzione -, su quasi 500 mila posti comuni, abbiamo oltre 200 mila docenti a tempo determinato con situazioni diverse: la cosa sbagliata e trattarli tutti allo stesso modo, sono persone con esperienze, titoli e esperienze diverse. Stiamo ragionando col Mef per capire come riconoscere titoli e merito diversi e permettere di far confluire queste persone all'interno di una visione stabile per far partire la macchina di una assunzione regolare e continua". 

"Bisogna programmare - ha detto Bianchi - le uscite degli insegnanti: con l'Inps siamo riusciti ad avere per tempo le previsioni di uscita di quest'anno e dei prossimi 10 anni e ci vuole anno per anno la possibilità di reclutamento che tenga conto delle uscite per garantire continuità e stabilità nei processi di reclutamento. Inoltre la professione del docente va riconosciuta anche in termini salariali, servono carriere più articolate per i docenti e tutto il personale delle scuole". 

 

(Fonte: Ansa)

Scuola, da lunedì 26 aprile in classe quasi il 90% degli alunni italiani

Da lunedì 26 aprile almeno 7,6 milioni di alunni saranno in classe (l’89,5%). In base alla capienza delle scuole e al 'colore' delle Regioni, il numero di alunni in presenza per tutti gli ordini di scuola sarà compreso in una forchetta tra 7,6 e 8,5 milioni. In particolare dal 26 aprile il numero degli alunni in classe potrebbe oscillare complessivamente – secondo le stime di Tuttoscuola – tra 7.611.372 e 8.506.765, cioè tra l’89,5% e il 100% dell’intera popolazione scolastica delle scuole statali e paritarie. La variabilità riguarda le superiori. In ogni caso si registrerà un significativo incremento rispetto ai 6 milioni e 850mila alunni (l’80,5%) a scuola in questa settimana.

Instagram per bambini, famiglie in rivolta. Cento gruppi di difesa dell'infanzia scrivono a Zuckerberg

Fa discutere l'idea del social network che sta valutando il lancio di una versione della piattaforma dedicata agli under 13. Mobilitazione in Nord America, Europa, Africa e Australia


Instagram Storie: come guardare di nascosto senza visualizzare

Quasi 100 gruppi di difesa dell'infanzia e dei consumatori di Nord America, Europa, Africa e Australia hanno rivolto un appello a Mark Zuckerberg perché abbandoni i piani di una versione di Instagram orientata verso i pre-adolescenti.

Instagram "sfrutta la paura dei giovani di perdersi e il desiderio di approvazione da parte dei pari", sostiene la lettera, firmata tra gli altri da Commercial-free Childhood and the Electronic Privacy Information Center.

"L'attenzione incessante della piattaforma sull'aspetto, l'auto-presentazione e il marchio presenta sfide per la privacy e il benessere degli adolescenti", sottolinea la lettera, in cui si manifestano preoccupazioni su predatori, bulli e contenuti inappropriati.

Instagram sta valutando l lancio di una versione del social network incentrato sull'immagine per i bambini sotto i 13 anni, con controllo genitori. Il social, di proprietà di Facebook, come la società madre consente solo a chi ha più di 13 anni di aderire, ma la verifica dell'età su Internet rende difficile cogliere tutti gli infrangere le regole. "La realtà è che i bambini sono online", ha detto la portavoce di Facebook Stephanie Otway, contattata dall'AFP per un commento sulla lettera.

I minorenni, ha aggiunto Otway, "vogliono entrare in contatto con la loro famiglia e gli amici, divertirsi e imparare, e noi vogliamo aiutarli a farlo in un modo che sia sicuro e adatto all'età".

Facebook sta lavorando con esperti di sviluppo infantile e salute mentale per dare priorità alla sicurezza e alla privacy, secondo Otway. Instagram, che ha più di un miliardo di utenti, ha recentemente svelato una tecnologia volta a impedire ai bambini di creare account e agli adulti di contattare i giovani utenti che non conoscono.

La piattaforma sta anche cercando modi per rendere più difficile per gli adulti che hanno mostrato "comportamenti potenzialmente sospetti" interagire con gli adolescenti.

Ma, obiettano i gruppi firmatari della lettera a Zuckerberg, "la lunga esperienza di Facebook nello sfruttamento dei giovani e nel metterli a rischio rende l'azienda particolarmente inadatta come custode di un sito di condivisione di foto e di messaggistica sociale per bambini", affermano, e avvertono che "un sito Instagram per bambini sottoporrà i bambini piccoli a una serie di gravi rischi e offrirà pochi vantaggi alle famiglie".

 

(Fonte: Agi)

Per chi suona la campanella: 5,6 milioni di alunni sono tornati a scuola. La carica dei più piccoli contro l'emergenza

Due studenti su tre di nuovo in classe, anche in zona rossa. Lombardia, Lazio, Veneto e Campania le regioni più interessate dalle riaperture. Il ministro Bianchi: "Luogo sicuro ma non campana di vetro, serve responsabilità dentro e fuori"


E' suonata la campanella stamattina per circa 5,6 milioni di alunni che sono ritornati a seguire le lezioni in presenzaquasi il 66% degli 8,5 milioni di alunni iscritti nelle scuole statali e paritarie, due su tre. Tra loro sono 2,7 milioni gli alunni più piccoli della scuola dell'infanzia e del primo ciclo, ammessi a scuola dal DL 44, anche se si trovano in regioni classificate in zona rossa. Per le stesse ragioni nelle regioni in zona rossa potranno accedere ai servizi per la prima infanzia (asili nido, 0-3 anni) anche 212 mila bambini.

Sono 2,9 milioni gli studenti che rimangono con la didattica a distanza. Con riferimento ai diversi settori scolastici, seguiranno le attività didattiche a scuola complessivamente 1.393.010 bambini delle scuole dell'infanzia (il 100%), 2.605.865 alunni della primaria (il 100%), 1.019.904 alunni della scuola secondaria di I grado (il 59,5%) e parzialmente in alternanza al 50% 549.929 studenti delle superiori (il 19,7%).

"Tornano a scuola i bambini più piccoli, anche in zona rossa, e questo è un grande segno di fiducia nel Paese. I ragazzi vanno al 50% nelle zono arancioni ma stiamo lavorando tutti moltissimo perché possano tornare anche loro nelle loro scuole il prima possibile", ha affermato il ministro dell'Istruzione, Patrizio Bianchi, intervenuto ieri al TG3. "La scuola - ha aggiunto - è sicura ma non è sotto una campana di vetro. Quindi quel grado di responsabilità che tutti dobbiamo avere, non deve essere soltanto dentro la scuola ma deve essere dappertutto, fuori e dentro questa grande comunità".

Papà Francesco e la Via Crucis con bambini in una piazza San Pietro deserta (VIDEO)

Papa Francesco ha presieduto la Via Crucis, che si è tenuta il Venerdì Santo in una piazza San Pietro deserta. La cerimonia si svolgeva solitamente intorno al Colosseo illuminato di Roma dal 1964, ma a causa delle restrizioni del Covid-19 si è svolta in piazza San Pietro, per il secondo anno consecutivo, al fine di evitare il raduno di grandi folle. Al fianco del Pontefice bambini e ragazzi, protagonisti di questo Venerdì Santo, a cui sono stati affidati i testi delle meditazioni e delle preghiere.

Scuola, l'allarme terza ondata riporta la Dad: col nuovo Dpcm da lunedì lezioni da casa possibili per sei milioni di studenti

Le elaborazioni di Tuttoscuola sugli effetti delle nuove misure. Il ministro dell'Istruzione, Patrizio Bianchi, ribadisce: "La scuola non chiude, non ha mai chiuso. Gli insegnanti sono sempre stati presenti"


Da lunedì 8 marzo oltre 6 milioni di studenti potrebbero seguire le lezioni da casa, se i governatori regionali disporranno la sospensione delle attività in presenza dove vi siano più di 250 contagi settimanali ogni 100mila abitanti. E' la conseguenza di quanto disposto dal nuovo Dpcm in vigore dal prossimo 6 marzo.

 La proiezione del numero di alunni costretti alla didattica a distanza, la fa la rivista specializzata Tuttoscuola e potrebbe portare quindi a un raddoppio rispetto agli oltre 3 milioni di alunni che dallo scorso 1° marzo risultano in DaD. 

Bianchi ribadisce, la scuola non chiude - "La scuola non chiude, non ha mai chiuso. Gli insegnanti sono sempre stati presenti". Lo ha detto il ministro dell'Istruzione, Patrizio Bianchi, a Rainews24. "La parola Dad non mi piace, non è didattica a distanza ma di avvicinamento e la facciamo solo in situazioni estreme. Ora dobbiamo passare la piena" dell'emergenza.

Gelmini: scuole aperte dove possibile, bene lo sforzo Azzolina - "Abbiamo provato a tenere aperte le scuole ovunque sia possibile, non esiste divisione tra chi le vorrebbe aperte e chi chiuse. Sono un servizio essenziale, se viene tolto è una perdita per ragazzi e per le famiglie. Non ho condiviso molte cose della ministra Azzolina, ma ho apprezzato il suo sforzo per tenerle aperte più possibile". Così la ministra degli Affari regionali Mariastella Gelmini in Commissione parlamentare.

 

(Fonte: Ansa)

La censura antirazzista stavolta colpisce i pupazzi: Disney+ mette il bollino rosso anche a "The Muppet Show"

Dopo Dumbo, Peter Pan e Gli Aristogatti tocca alla serie statunitense che ha per protagonisti i simpatici pupazzi animati capitanati da "Kermit la rana". La piattaforma in streaming ha inserito un disclaimer che viene mostrato per 12 secondi in 18 episodi: "Questo programma include rappresentazioni negative e/o trattamenti errati nei confronti di persone o culture...". Ecco perché


Here Are the 12 Best Episodes of The Muppet Show – /Film

Sulla scia di quelli già presi per "Dumbo", "Peter Pan" e "Gli Aristogatti", Disney+ prende provvedimenti anche contro "The Muppet Show". La piattaforma streaming ha infatti inserito un messaggio d'apertura in ben 18 episodi della serie cult per bambini in cui esclude la sua responsabilità e avvisa della presenza di scene razziste: "Questo programma include rappresentazioni negative e/o trattamenti errati nei confronti di persone o culture...".

La decisione arriva mentre sulla piattaforma streaming in abbonamento di Disney, sono disponibili tutte e cinque le stagioni della famosa serie televisiva ideata dallo statunitense Jim Henson, andata in onda dal 1976 al 1981 e che ha per protagonisti i simpatici pupazzi animati capitanati da Kermit la rana.

In ben 18 episodi però sono state ravvisate scene "razziste" e così Disney ha deciso di inserire l'ormai noto disclaimer che recita: "Il programma include rappresentazioni negative e/o trattamenti errati nei confronti di persone o culture. Questi stereotipi e comportamenti erano sbagliati allora e lo sono oggi. La rimozione del contenuto negherebbe l’esistenza di pregiudizi e il loro impatto dannoso sulla società. Scegliamo, invece, di trarne insegnamento per stimolare il dialogo e creare insieme un futuro più inclusivo”.

Nell'episodio 14 della quinta stagione, ad esempio, il cantante Johnny Cash è di fronte alla cosiddetta confederate flag, il vessillo degli stati schiavisti degli Stati Uniti che, nei tempi moderni, è strettamente associata ai movimenti nazionalisti e suprematisti bianchi. In un altro episodio l’attore Jonathan Winters imita un nativo americano esibendosi con un cappello con le piume e così via. Episodi che rafforzerebbero pregiudizi errati, sempre più difficili da estirpare.

Due episodi dell'ultima stagione sono stati addirittura completamente rimossi: in uno era protagonista Chris Langham, giudicato colpevole nel 2007 di essere in possesso di materiale pedopornografico, nell'altro, che aveva come protagonista Brooke Shields, la rimozione è avvenuta  per motivi relativi a diritti musicali.

 

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS