updated 3:10 PM UTC, Oct 25, 2020

Le balene arenate nel South Australia aumentano a più di 470

In evidenza Le balene arenate nel South Australia aumentano a più di 470

Le balene si trovano a Macquarie Bay, al largo della costa occidentale della Tasmania, dove martedì le autorità hanno segnalato oltre 270 balene spiaggiate, di cui un terzo è morto e purtroppo ad oggi solo 25 sono state salvate.


Mercoledì scorso, i servizi di soccorso hanno scoperto altri 200 nuovi globicefali arenati nell'Australia meridionale, portando a circa 470 cetacei che sono rimasti intrappolati nei banchi di sabbia vicino alla costa.

"Dall'alto sembra che la maggior parte delle balene scoperte di recente siano morte, ma una barca del servizio di controllo dei parchi naturali, si sta dirigendo lì per condurre una valutazione direttamente dal mare", ha detto Nic Deka, direttore del Servizio, in un comunicato.

Le balene si trovano nella baia di Macquarie, sulla costa occidentale della Tasmania, dove martedì le autorità hanno denunciato 270 balene spiaggiate, di cui un terzo è morto e solo 25 sono state salvate.

"Continueremo il salvataggio da dove l'avevamo interrotto ieri, quindi seguiremo la stessa strategia. Ora siamo più efficienti. Ci concentriamo sugli animali ancora vivi. La mortalità è aumentata, ma il numero di esemplari vivi è significativo", ha spiegato Deka.

Le autorità hanno indicato che stanno lavorando per fornire dati precisi sul numero di cetacei salvati e su quelli che sono morti, pur riconoscendo che è difficile prevenire tali incidenti. Nelle foto e nei video realizzati si possono vedere delle balene lunghe fino a sette metri con un peso di circa tre tonnellate, nelle zone vicino alla riva, alcune sono state trascinate dalle barche in alto mare ma dopo poche ore sono tornate sulla spiaggia.

Kris Carlyon, biologo del Program for Marine Conservation, ha evidenziato la difficoltà nel comprendere il motivo per cui le balene sono rimaste arenate e ha indicato l'ipotesi che questi cetacei potrebbero essersi avvicinati alla costa in cerca di cibo.

Il gruppo sarebbe stato guidato da "uno o due" globicefali leader e il resto di questi animali che vivono in grossi gruppi sociali, li avrebbe seguiti fino a rimanere bloccati sui banchi di siabbia vicino a riva.

Non è la prima volta che diverse balene si arenano sulle spiagge della Tasmania, in particolare a Macquarie Bay, dove l'ultimo incidente di massa è avvenuto circa un decennio fa. La differenza è che nei precedenti incidenti, la comunità scientifica ha valutato la possibilità che balene fossero arrivate fino a riva attirate dai sonar di grandi navi o guidate dalla balena pilota disorientata a causa di una malattia.

Alcuni esperti ritengono che queste balene, siano animali sociali e se la balena pilota commette l'errore di avventurarsi in acque poco profonde, gli altri tendono a seguirla e non la abbandonano.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.