Log in
updated 4:52 PM UTC, Jul 6, 2020

Intanto crolla un altro ponte tra Liguria e Toscana. Coinvolti due furgoni, un autista ferito. C'era una crepa, ma si disse che non sussistevano "condizioni di pericolosità" (VIDEO)

In evidenza Il ponte crollato ad Aulla, in provincia di Massa Carrara, sulla strada provinciale 70 ilComizio.it Il ponte crollato ad Aulla, in provincia di Massa Carrara, sulla strada provinciale 70

E' accaduto ad Aulla, sulla strada provinciale 70, coinvolti due furgoni. Il 3 novembre sopralluogo per una crepa sull'asfalto ingrandita dalle abbondanti piogge. Fu dichiarato che non sussistevano "condizioni di pericolosità". La ministra delle infrastrutture, Paola De Micheli chiede una dettagliata relazione all'Anas. Le prime impressionanti immagini: "Scappate, c'è odore di gas" - (VIDEO)


Un ponte è crollato stamane sulla Sp70 in località Albiano, ad Aulla (Massa Carrara). I veicoli in transito coinvolti sono due furgoni che sarebbero rimasti comunque sopra la carreggiata collassata. Uno dei conducenti sarebbe rimasto illeso e si sarebbe messo in salvo da solo, mentre un altro autista avrebbe subito un trauma toracico, ma non sarebbe in pericolo di vita. Il ponte collega Albiano Magra in provincia di Massa Carrara e Santo Stefano Magra, tra Toscana e Liguria.

L'infrastruttura crollata questa mattina, intorno alle 8, negli ultimi mesi era stata al centro di polemiche dopo che, lo scorso novembre, in seguito a un'ondata di maltempo, si era formata una crepa notata anche da molti automobilisti. Ma dopo un intervento di riparazione e dopo il sopralluogo dei tecnici Anas era stato dato il via libera alla circolazione senza limiti al traffico.

I due conducenti dei furgoni, soccorsi dal 118 e dai vigili del fuoco, sono stati trasportati in ospedale entrambi in codice giallo. Il primo (il corriere di un'azienda di trasporti e consegne) all'ospedale di Pisa e il secondo al Sant'Andrea della Spezia. Nella caduta entrambi i mezzi sarebbero rimasti sopra una delle solette d'asfalto del ponte, crollato su se stesso e abbattutosi sul letto del fiume Magra. Al momento i vigili del fuoco in ricognizione stanno controllando tutta l'area coinvolta per scongiurare la presenza di eventuali ulteriori persone coinvolte. La prima chiamata di soccorso era arrivata al 118 intorno alle 10.20. Sul posto sono stati inviati l'automedica da Aulla, due ambulanze della Croce rossa di Albiano, un'ambulanza di da Aulla, l'elisoccorso da Massa e un altro mezzo del 118 da Vezzano nello spezzino.

I carabinieri del Comando provinciale di Massa Carrara stanno effettuando sopralluogo e accertamenti sul crollo. Presente sul posto anche personale di Italgas che sta bloccando una fuga di gas in seguito alla rottura di una condotta. Alla base dei piloni, sul fiume sottostante, stanno conducendo un sopralluogo i Vigili del fuoco.

 

Il 3 novembre scorso al ponte crollato stamani ad Albiano Magra (Massa Carrara) ci fu un sopralluogo dei tecnici Anas, da cui dipende l'infrastruttura, dopo che era stata rilevata una crepa sull'asfalto, ingrandita dalle abbondanti piogge. Ma dai controlli fu dichiarato che non sussistevano "condizioni di pericolosità". A riferirlo è Gianni Lorenzetti, presidente della Provincia di Massa Carrara che alcuni anni fa ha ceduto la struttura ad Anas.

Il sopralluogo, ricorda, fu fatto alla presenza anche dell'assessore comunale di Aulla e della polizia. Lo stesso Comune rassicurò i cittadini con un post sulla pagina istituzionale informando che "il traffico non avrebbe subito limitazioni". "Il ponte - aggiunge Lorenzetti - è importantissimo per la popolazione dell'alta Lunigiana, punto di collegamento sia con i primi territori della Liguria sia con il resto della Toscana".

"Ho inviato ben tre lettere all'Anas negli ultimi mesi per segnalare criticità sulla stabilità del ponte ora crollato": lo ha detto il sindaco di Aulla Roberto Valettini. "E' collassato su stesso" ha aggiunto il sindaco descrivendo la situazione del ponte. Il ponte è lungo circa 400 metri e alto 7-8 mtri circa.

La ministra delle infrastrutture e dei trasporti, Paola De Micheli, sta seguendo la vicenda riguardante il crollo del ponte sul fiume Magra e - secondo una nota del Mit - ha contattato il sindaco del Comune, Roberto Valettini, per accertarsi delle condizioni di salute della persona coinvolta che, stando alle prime informazioni, sembra avere riportato lievi ferite. La ministra ha inoltre chiesto immediatamente una dettagliata relazione ad Anas, la società che nel 2018 è diventata gestore dell'ex strada provinciale 70, acquisendo la gestione dalla Provincia di Massa Carrara. Gli accertamenti sono in corso e Anas, su richiesta del ministero delle infrastrutture e dei trasporti, provvederà a fornire tutte le informazioni conseguenti sulla viabilità.

"Un crollo che solo per un caso fortuito, l'assenza di traffico data dalla chiusura per l'emergenza Coronavirus, non si è trasformato in una tragedia. Però deve essere chiaro, ancora una volta che quando le Province dicono a gran voce, e dati alla mano, che il Paese ha bisogno urgente di manutenzione non è per fare allarmismo ma perché la presenza sul territorio ci consente di avere un quadro chiaro delle necessità". Lo dichiara il presidente dell'Upi Michele de Pascale

"Se non ci mettiamo SUBITO a lavorare sui cantieri con il piano Shock - presentato ormai da molti mesi - ogni anno andrà peggio. E se non lo facciamo in questa fase di crisi vuol dire che ci vogliamo del male. Apriamo questi benedetti cantieri, subito". Così Matteo Renzi su fb dopo che stamattina è crollato un ponte vicino a Aulla.

"Quanto tempo dovrà ancora passare, e quanti altri crolli dovremo tragicamente ancora vedere, prima che in questo Paese il tema infrastrutture dello Stato venga affrontato con la serietà, le risorse e le competenze necessarie?". E' il commento dell'assessore alle Infrastrutture della Regione Liguria Giacomo Giampedrone stamani via fb sul crollo del ponte sul fiume Magra in provincia di Massa Carrara. "Vicini alla Toscana e agli amici di Aulla. La Protezione Civile della Liguria è totalmente a disposizione per qualsiasi necessità che si dovesse verificare per la gestione di questa nuova emergenza" sottolinea.

La Regione Liguria ha offerto "tutto il supporto possibile" alla Toscana attraverso il polo della protezione civile di Santo Stefano Magra che ha pronta una colonna mobile. La Regione Liguria si attiverà anche per valutare i disagi nello spezzino conseguenti all'interruzione "di un collegamento molto importante per la mobilità in zona".

"In un momento di gravissime difficoltà come quello che stiamo affrontando in tutto il Paese, il crollo del ponte di Albiano è una ferita che assume proporzioni veramente gravi e che ovviamente non interessa la sola Provincia di Massa ma tocca direttamente noi tutti: la rete dei collegamenti in quella porzione di territorio è estremamente connessa con la nostra e serve moltissime aree artigianali e residenziali della nostra Provincia". Lo afferma il presidente della Provincia della Spezia Pierluigi Peracchini. "Sono attualmente in contatto con tutte le Autorità ed esprimo sentimenti di solidarietà all'amico Sindaco di Aulla Roberto Valettini cui assicuro l'immediata e massima collaborazione della nostra Provincia. Tutta la Provincia della Spezia è partecipe allo sgomento per il gravissimo evento. Anche la nostra Polizia Provinciale e i tecnici del nostro settore Viabilità sono a disposizione dei colleghi della Provincia di Massa per il supporto negli interventi del caso"

 

Video

Ultima modifica ilMercoledì, 08 Aprile 2020 14:20

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.