Android Auto, l’app sarà cancellata dagli smartphone. Ecco cosa cambia: la spiegazione degli esperti

Avantgardia

Le conferme arrivano dagli Stati Uniti: stop all’applicazione sul telefonino, si trasferirà sugli schermi dell’infotainment del veicolo. Come? ci pensa Google. L’articolo che segue dovrebbe fugare tutti i dubbi e le preoccupazioni degli utenti

Di Aurelio Vindigni Ricca (everyeye.it)

Nelle ultime ore avrete letto sulle riviste specializzate che Google ha rimosso l’app Android Auto dai suoi smartphone, azione in realtà annunciata da tempo e ora resa effettiva. Cosa significa tutto questo per noi utenti? Saremo ancora in grado di far funzionare Android Auto sullo schermo della nostra vettura? Rispondiamo a dubbi e domande.

Chiariamo subito che Android Auto come lo abbiamo conosciuto sinora, ovvero sullo schermo dell’infotainment della nostra vettura, continuerà a funzionare come sempre, anzi sarà ancora più ricco e aggiornato (Google aggiorna nel profondo Android Auto). Google ha rimosso l’applicazione per smartphone ma non la funzionalità in sé, che sarà invece mediata da Google Assistant. Di fatto ci avviciniamo all’esperienza che abbiamo sui telefoni Apple, più o meno. Su iPhone non esiste alcuna applicazione di Apple CarPlay, eppure quando si connette il telefono alla propria vettura (con cavo o wireless) la funzione parte in automatico sullo schermo dell’infotainment.

Con Android Auto succederà la stessa cosa, dunque per chi utilizza la funzione direttamente sul display principale del proprio veicolo non cambierà assolutamente nulla. Il problema riguarda chi utilizza l’app Android Auto sul proprio telefono, magari perché la propria vettura non è compatibile con il sistema. Su smartphone non sarà più possibile usufruire della funzione, con l’app che ha già smesso di funzionare. Google aveva già rimosso l’app su alcuni dispositivi con Android 12, ora invece l’applicativo smetterà di funzionare su tutti i telefoni del robottino. L’alternativa è utilizzare l’applicazione di Google Assistant, che ora – come anticipato sopra – include le funzioni di Android Auto, si tratta però di un sistema un po’ farraginoso che richiede continui comandi vocali che non sempre vengono compresi correttamente, dunque vi invitiamo a fare estrema attenzione.

Il mondo della tecnologia è fatto per evolversi di continuo ed è normale che alcune soluzioni più datate o poco pratiche vengano pian piano dismesse; di contro Google ha promesso un Android Auto ancora più ricco di funzioni e con un’interfaccia grafica all’avanguardia – come potete vedere nel video in basso. Chissà che Mountain View non si metta sulla scia di Apple per proporre un sistema “totale”, che riesca a leggere le info dell’auto e a controllare la climatizzazione, la radio e tanto altro (rivoluzione Apple CarPlay nel 2023). In realtà tutto questo esiste già con Android Automotive che abbiamo provato sulla nuova Renault Mégane E-Tech Electric, noi però pensiamo a un Android Auto avanzato che possa partire dal nostro telefono su più vetture, mentre Android Automotive è integrato nel software della vettura. Staremo a vedere cosa ci regalerà Google.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

0

Your Cart