updated 4:31 PM UTC, Jun 18, 2018
Super User

Super User

AVVOCATI RISPONDONO / Lavoro e casa: "Il Bonus Bebè e il bonus mamma" - "Le spese condominiali" (VIDEO)

"Avvocati rispondono", la trasmissione di pubblica utilità a cura della redazione de ilComizio.it


I nostri 2 avvocati professionisti del diritto, il giuslavorista Davide Pollastro e il civilista Carlo Bortolotti, rispondono alle domande dei telespettatori. In questa puntata si parla di "Bonus Bebè e Bonus mamma"; cos'è, cosa significa e quali sono le norme che lo regolano e di "Le spese condominiali"; vediamo quali sono gli aspetti da conoscere per capire come funzionano.

Milano, Al via il porta a porta del sociale nelle periferie

"Milano è la città in cui ogni cittadino si alza e pensa a quanto può fare per colmare la distanza che c’è tra sé e chi sta più indietro"


Oltre 4.000 tutor per anziani nei quartieri della città e patto contro la povertà con il Terzo settore”. Irrobustire i servizi sociali sul territorio, coordinare le azioni di pubblico e privato, rafforzare la presenza nei condomini con i servizi domiciliari, creare insomma ‘un porta a porta del sociale’. È l’obiettivo che il Comune di Milano si pone per i prossimi anni. Lo ha spiegato l’assessore alle Politiche sociali, Salute e Diritti Pierfrancesco Majorino inaugurando la settima edizione del Forum delle Politiche sociali, un’importante occasione di confronto tra istituzioni, Terzo settore, operatori e cittadini sui principali temi del sociale che animerà la città con dibattiti, incontri e tavoli tematici fino al 27 marzo.
 
Partendo dal presupposto secondo cui “la fragilità e la disabilità non vanno recluse”, ha spiegato Majorino, l’Amministrazione punterà a rafforzare il presidio sociale nei quartieri cercando sempre di più di far sì che le circa 4.000 persone, fra assistenti sociali, custodi sociali, badanti di condominio e volontari che ogni giorno lavorano nei quartieri cittadini compongano una squadra unica di sentinelle che lavorano sinergicamente per combattere la fragilità, materiale e non, nelle periferie. Dovranno rappresentare dei tutor per le persone in difficoltà, a partire dagli anziani. Questa intenzione verrà tradotta in realtà attraverso il nuovo Piano di sviluppo del Welfare, il documento programmatico che racconterà in quale direzione andranno le politiche sociali milanesi nei prossimi anni e che verrà costruito proprio all’interno del Forum, grazie al contributo di diversi tavoli tematici.
 
“Dobbiamo tenere fede - ha spiegato l’assessore Majorino - a una scelta compiuta in questi anni sulla centralità della questione sociale. Dobbiamo correggere gli errori nel processo riorganizzativo e sforzarci di essere più efficaci sul piano della capacità di cercare la domanda inespressa, la fragilità che non sempre si manifesta e che cresce sotto la pelle del tessuto sociale, spesso coltivando una rabbia che se non incontra la cultura dell’ascolto diventa tutto fuorché speranza”.
 
Proprio al fine di combattere rabbia e intolleranza, l’Amministrazione metterà a disposizione 1,5 milioni di euro per promuovere iniziative contro il bullismo e l’omofobia, l’intolleranza e la violenza di genere attraverso interventi a sostegno della socialità.
“Sta prendendo corpo - ha ricordato l’assessore Majorino - la casa rifugio per ragazzi e ragazze omosessuali non accettati dalla famiglia di origine a causa del loro orientamento sessuale che sorgerà in uno stabile confiscato alla mafia”.
La struttura, assegnata lo scorso febbraio alla cooperativa “Lotta contro l’emarginazione” e all’associazione “Cig Arcigay Milano”, potrà ospitare fino a cinque persone.
 
Nel mese di maggio, inoltre, verrà inaugurata, all’interno di un altro bene confiscato alla criminalità organizzata, Casa Chiaravalle, un condominio sociale rivolto alle donne che hanno alle spalle storie di violenza, abuso, tratta o sfruttamento.

“Abbiamo bisogno - ha concluso l’assessore Majorino - di un patto milanese contro la povertà ancora più forte. Costituito anche dal REI, strumento che andrebbe potenziato - ci sono state 9mila domande presentate solo nei CAF milanesi - e reso più veloce. Di questo patto fanno parte anche gli sforzi della società milanese e del terzo settore che da sempre collaborano per fare di Milano la città generosa e inclusiva che ha dimostrato di essere”.

Il patto contro la povertà prende corpo attraverso l’alleanza tra il Comune di Milano e il terzo settore. Ne è un esempio il bando da 20,3 milioni di euro che i soggetti promotori del programma QuBì, tra cui Fondazione Cariplo, vorrebbero lanciare entro aprile per il contrasto alla povertà infantile. Oltre ai fondi messi a disposizione, il Comune lavorerà su una grande campagna di comunicazione  popolare che, attraverso un numero verde e un infopoint, funga da punto informativo e orientamento ai servizi per i più deboli.

 

porta_porta_sociale_periferie

 

“Sulle politiche sociali dobbiamo fare meglio e di più, ma guardiamo anche indietro e ripartiamo dal tanto che abbiamo già fatto. Credo che nessuna città italiana abbia fatto altrettanto, ma i bisogni crescono e quindi siamo chiamati tutti a rilanciare con rinnovato entusiasmo – ha dichiarato il sindaco Giuseppe Sala –. Milano è la città in cui ogni cittadino si alza e pensa a quanto può fare per colmare la distanza che c’è tra sé e chi sta più indietro. E c’è sempre qualcuno che sta più indietro”.

La Palazzina Liberty di Milano e "Le canzoni del Signor Dario Fo"

Oggi Venerdì 23 marzo alle ore 19.00, alla Palazzina Liberty di Milano, tributo al Premio Nobel, con lo spettacolo “Le canzoni del Signor Dario Fo”


Dopo aver intitolato Palazzina Liberty alle figure di Dario Fo e Franca il 13 ottobre 2017 a un anno dalla scomparsa di Fo, l’Assessorato Cultura del Comune di Milano, insieme all’associazione culturale Fort Alamo, dedica un importante tributo al Premio Nobel con lo spettacolo “Le canzoni del Signor Dario Fo”, venerdì 23 marzo 2018, ore 19:00, in largo Marinai d’Italia. 

Protagonisti della serata, un viaggio in chiave jazz nel repertorio musicale di Fo, sono lo chansonnier Giangilberto Monti e il noto jazzista Paolo Tomelleri con Tony Arco alla batteria, Fabrizio Bernasconi alle tastiere, Sergio Farina alla chitarra e Marco Mistrangelo al contrabbasso.

Il critico teatrale Oliviero Ponte di Pino conduce la serata, introdotta dall’assessore alla Cultura Filippo Del Corno. L’ingresso è libero fino a esaurimento dei 190 posti disponibili. La Palazzina Liberty Dario Fo e Franca Rame è situata all'interno del parco in largo Marinai d'Italia 1 ed è servita dai tram 12 e 27, dagli autobus 60 e 73 e dal filobus 92.

 

La "Passione secondo Giovanni", in Duomo nel segno della grande musica, il 28 marzo la grande musica di Bach per la Pasqua

Appuntamento con l’ensemble laBarocca de laVerdi diretta da Ruben Jais alle ore 19:30. Ingresso libero fino a esaurimento posti. (VIDEO)


Un imperdibile appuntamento in Duomo nel segno della grande musica, nella settimana che precede la Pasqua. Dopo il grande successo registrato lo scorso anno in cattedrale con la Passione secondo Matteo, l’orchestra sinfonica di Milano Giuseppe Verdi – laVerdi nella speciale declinazione de laBarocca ed il coro sinfonico di Milano Giuseppe Verdi, diretti rispettivamente da Ruben Jais ed Erina Gambarini, propongono in Duomo la Passione secondo Giovanni di Johann Sebastian Bach BWV 245 per soli, coro e orchestra.

Un concerto di grande suggestione ed importanza culturale, che rinnova una tradizione ormai consolidata in cattedrale, previsto per mercoledì 28 marzo 2018 alle ore 19:30 (con ingresso libero fino a esaurimento posti a partire dalle ore 19:00).

Un’occasione unica, offerta alla città, grazie alla collaborazione tra Veneranda Fabbrica del Duomo, Comune di Milano e laVerdi, per ascoltare una delle pagine più intense della musica sacra di ogni tempo, nel cuore di quel monumento che più d’ogni altro è in città domus e luogo di incontro e di preghiera per tutti coloro che quotidianamente ne vivono la bellezza.

«”Bach è uno splendido ‘architetto della musica’, con un uso ineguagliato del contrappunto, un architetto guidato da un tenace ésprit de géometrie, simbolo di ordine e di saggezza, riflesso di Dio e così la razionalità pura diventa musica nel senso più elevato e puro, bellezza splendente”. L’accostamento tra musica ed architettura, tratteggiato nel 2011 da Benedetto XVI a proposito dello stile bachiano, può apparire singolare. Eppure, esse sono probabilmente le arti che si sposano meglio e che presentano sorprendenti consonanze. Nel solco di queste parole, la scelta di proporre in Duomo la “Passione secondo Giovanni” di Johann Sebastian Bach all’interno della straordinaria partitura architettonica della cattedrale, suona allora particolarmente adatta e ringrazio l’Arciprete Mons. Gianantonio Borgonovo per aver voluto rinnovare questo incontro tra il monumento ed una delle eccellenze culturali della nostra città quali l’orchestra sinfonica di Milano “Giuseppe Verdi”, in preparazione alla Pasqua. Un evento reso possibile anche grazie al sostegno del Comune di Milano con il quale si conferma una collaborazione che ci auguriamo possa rafforzarsi e comprendere altri progetti che la Fabbrica sta portando avanti con entusiasmo e determinazione, quali i molti interventi di restauro e le iniziative culturali» - sono le parole del Presidente della Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano Fedele Confalonieri.
 
«Contribuire all’organizzazione di un evento artistico di tale portata e poterlo offrire alla città in un contesto unico come il Duomo di Milano e alla vigilia di un momento tanto importante quale è la Pasqua è una fortuna che poche amministrazioni, in Italia e all’estero, possono vantare - commenta l’assessore al Turismo del Comune di Milano Roberta Guaineri - Di questo siamo particolarmente orgogliosi, così come della risposta sempre all’altezza che i cittadini e i turisti danno in queste occasioni. Nei secoli la Passione ha ispirato sentimenti ed espressioni artistiche straordinarie, che ritroviamo nell’opera di Bach in programma quest’anno. Ancora una volta, quello del 28 marzo sarà per tutti un appuntamento molto emozionante».
 
Queste le parole di Gianni Cervetti, Presidente de laVerdi: «È ormai il quinto anno consecutivo che, per la settimana Santa, risuonano in Duomo le note immortali della Passione di Bach: un evento nell’evento, di fatto un vero e proprio must del cartellone culturale di Milano. Ma l’occasione, così speciale e significativa, va oltre l’aspetto puramente specifico dell’appuntamento, e investe di emozione e sentimento la comunità cittadina tutta, intesa nella sua simbolica universalità.

La Cattedrale infatti è da sempre il punto d’incontro concreto e immaginifico di ogni milanese: anche l’impegno de laVerdi va sicuramente nella stessa direzione, unendo i propri sforzi e il proprio impegno a quelli della Veneranda Fabbrica e dell’Amministrazione civica».

La Passione secondo Giovanni racconta in modo magistrale la Passione di Cristo attraverso le parole dell’evangelista Giovanni, dall’arresto di Gesù nell’orto del Getsemani fino alla deposizione nel sepolcro. La composizione ha un rapporto intimo con il testo religioso e un’architettura che fa delle simmetrie formali, degli equilibri sonori e della sobrietà del canto i suoi punti di forza, talvolta eguagliati e di rado superati da altri lavori bachiani, sia vocali sia strumentali.

La Passione secondo Giovanni era stata pensata per essere eseguita la prima volta nella chiesa di San Tommaso (Lipsia). In realtà, l'opera venne eseguita per la prima volta nella Nicolaikirche di Lipsia il Venerdì Santo del 7 aprile 1724, il 30 marzo 1725 nella seconda versione nella Chiesa di San Tommaso (Lipsia), il 26 marzo 1728 nella terza versione nella Nicolaikirche e l'8 aprile 1746 nella quarta versione nella Thomaskirche. 

Protagonisti dell’esecuzione saranno Bernhard Berchtold (Evangelista), Camille Poul (Soprano), Pascal Bertin (Alto), Fernando Guimarães (Tenore), Lars Johansson Brissman (Baritono), Simon Schnorr (Baritono) e Lukáš Zeman (Baritono).

Un’opera per riflettere sul più grande mistero della storia umana, lasciandosi guidare dalle armonie e dalle suggestioni suscitate dalla musica di Bach.
 
La partitura bachiana sarà proposta in doppia replica anche all’Auditorium di Milano in Largo G. Mahler nelle date di martedì 27 e venerdì 30 marzo, alle ore 20:00. Per info e prenotazioni sulle date in Auditorium: Auditorium di Milano fondazione Cariplo, orari apertura: mar/dom, ore 10:00/19:00. Tel. 02.83389401/2/3, on line: www.laverdi.org o www.vivaticket.it. Biglietti: per le date di martedì 27 e venerdì 30 marzo all'Auditorium di Milano: a partire da euro 16,00; la rappresentazione di mercoledì 28 marzo in Duomo sarà a ingresso libero, fino a esaurimento posti.

Mercoledì 28 marzo 2018
ore 19:30
Duomo di Milano

LA PASSIONE SECONDO GIOVANNI
di Johann Sebastian Bach
per soli, coro e orchestra (BWV 245)

un evento offerto alla città da
Veneranda Fabbrica del Duomo -  Comune di Milano -  laVerdi

Ensemble laBarocca
Direttore, Ruben Jais

Coro Sinfonico laVerdi
Direttore, Erina Gambarini
Introduce 
Armando Torno

Ingresso libero fino a esaurimento posti a partire dalle ore 19:00

Al fine di agevolare i controlli delle autorità di Pubblica sicurezza ai varchi di accesso, si invitano gli spettatori ad essere collaborativi con le stesse, svuotando le tasche da oggetti metallici e aprendo le borse. Si informa che non è possibile accedere in Cattedrale con caschi, oggetti di vetro e valigie.
Si sconsiglia di portare all’interno della Cattedrale borse voluminose.

L’ensemble strumentale laBarocca nasce nel 2008 dalla volontà del suo direttore Ruben Jais di costituire un gruppo di musicisti specializzati nella prassi esecutiva del periodo barocco per esplorarne i capolavori e portarne alla luce rarità dimenticate. Di anno in anno, insieme all’Ensemble Vocale diretto da Gianluca Capuano, l’Ensemble Strumentale ha potuto arricchire il proprio repertorio, che comprende composizioni del primo barocco (tra cui Selva morale e spirituale, Vespro della Beata Vergine di Monteverdi) estendendosi sino ad opere del classicismo settecentesco. laBarocca collabora regolarmente con artisti di fama internazionale tra cui Stefano Montanari, Carlo Vincenzo Allemano, Benoit Arnould, Cyril Auvity, Randall Bolls, Karina Gauvin, Ugo Guagliardo, David Hansen, Roberta Invernizzi, Stefanie Iranyi, Klaus Kuttler, Clemens Loeschmann, Josè Maria Lo Monaco, Paolo Lopez, Filippo Mineccia, Sonia Prina, Lenneke Ruiten, Makoto Sakurada, Celine Scheen, Maria Grazia Schiavo, Christian Senn, Sonya Yoncheva, Deborah York. Dopo cinque anni d’intensa carriera, nel Novembre e Dicembre 2013, laBarocca è stata impegnata per la sua prima tournée che ha toccato alcune tra le principali città italiane dal Veneto alla Sicilia. Recente è stato il grande successo presso la Wigmore Hall di Londra nel giugno 2017 con un recital di arie inedite di Gluck con Sonia Prina, diretti da Ruben Jais. Nello stesso anno, l’Ensemble laBarocca è stato chiamato a inaugurare il Teatro Gerolamo di Milano con un programma mozartiano dedicato alla città di Milano. L’attenta attività discografica ha portato l’Ensemble a incidere per la casa discografica spagnola Glossa Music un disco monografico dell’arte operistica di Gluck, il quale è stato BBC Monthly Choice nel mese di Luglio 2017 e ha ottenuto una nomination agli ICMA Awards nella sezione Opera Works. Con Glossa inoltre, laBarocca ha iniziato un nuovo progetto discografico che vede la registrazione di tutte le cantate per voce solista di Johann Sebastian Bach.

pasqua_passione_secondo_giovanni

FONTE: (ufficio stampa Comune di Milano)

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

18°C

Milano

Mostly Cloudy

Humidity: 96%

Wind: 6.44 km/h

  • 22 Jun 2018 22°C 12°C
  • 23 Jun 2018 17°C 10°C