updated 4:31 PM UTC, Jun 18, 2018

Governo, Salvini non ci sta e accusa Mattarella: "Uscita dall'euro? Macché, Savona bocciato per le sue idee. Il rispetto vale più di un ministero" (VIDEO)

Intervista al leader della Lega, Matteo Salvini, all'indomani della rottura con il presidente della Repubblica sul nome di Paolo Savona al ministero dell'Economia, che ha portato alla remissione del mandato da parte del premier incaricato Giuseppe Conte - (VIDEO)


Se Fi e Berlusconi votano o si astengono sul governo Cottarelli, "mi pare evidente" che l'alleanza di centrodestra si rompe. Matteo Salvini, ospite a 'Circo Massimo' su Radio Capital, avverte gli alleati dopo la decisione del presidente della Repubblica Sergio Mattarella di convocare oggi al Colle l'ex commissario alla spending review.

"Ieri - dice il leader della Lega - non ho parlato con Berlusconi, ma ho letto il suo comunicato in cui dice 'viva viva i risparmi degli italiani sono in sicurezza'. Se in fondo non ci fosse stata la firma di Berlusconi, sembrava un comunicato di Renzi o Martina. Adesso arriva Cottarelli e vediamo se l'alleanza regge".

"Oggi Mattarella - continua - darà l'incarico a Cottarelli, le Camere sono convocate per domani a questo punto mi piacerebbe capire: chi lo vota Cottarelli? Chi lo sostiene?". "Mattarella - ha continuato Salvini - non ha dato l'incarico al centrodestra, non ha voluto il governo M5S-Lega che aveva la netta maggioranza nel Paese... adesso ci manda il signor Cottarelli che ha lavorato al Fmi, uomo senza una maggioranza, sostenuto forse solo dal Pd che è stato sconfitto alle elezioni. Mi sembra una forzatura".

Salvini torna quindi a respingere l'ipotesi di mettere in stato d'accusa il presidente Mattarella per aver impedito il varo del governo M5s-Lega. "Ci vuole mente fredda, certe cose - sottolinea - non si lanciano sull'onda della rabbia. Io non mi metto a parlare di impeachment che è materia per giuristi e costituzionalisti".

Poi, parlando di una eventuale candidatura di Paolo Savona nelle liste della Lega alle prossime elezioni, aggiunge: "Non candido le persone senza interpellarle. Savona si è messo a disposizione di un progetto e io non uso il suo nome e vanvera". Il leader leghista non butta via il lavoro programmatico fatto con il M5S ma da qui a parlare di alleanza elettorale con Di Maio ce ne corre.

In mattinata, arrivando a Montecitorio Salvini risponde alle domande dei cronisti. Ammette di essere "incaz... nero" ma anche "arrabbiato e deluso". "Mi sento di portare la voce di tantissimi italiani arrabbiati e delusi perché l'arbitro non ha fatto l'arbitro" sottolinea. "Ho riletto e riletto la Costituzione: nessun articolo proibisce a un ministro di voler cambiare le regole europee. A questo punto ce lo dicano: qualsiasi governo deve avere il timbro di Berlino, di Parigi e di Bruxelles, secondo me è una follia".

A chi gli chiede perché non abbia mediato accettando la nomina di Giorgetti al Mef al posto di Savona, Salvini spiega: "La lealtà vale più di una poltrona, Savona era la massima garanzia di riuscire a contrattare condizioni vantaggiose per l'Italia in Europa, più di chiunque altro. Più di me e di Giorgetti sicuramente".

"Né io né lui - prosegue - ci sentivamo in grado di avere lo stesso standing, la stessa forza, la stessa energia, le stesse relazioni del prof. Savona. E non si può dire no a un ministro - si può chiamare Pippo, Pluto, Paperino - perché non ha la condivisione del mondo dei mercati, della finanza, dello spread e delle capitale europee". Per il leader della Lega, dunque, Savona resta "la figura migliore" per "garantire che l'Italia in Europa sarebbe tornata a contare".

Salvini auspica elezioni "il prima possibile", ma glissa sull'ipotesi di un'alleanza con i Cinquestelle in vista del voto: "Mi faccia ragionare a mente fredda... sono ancora troppo incaz... per fare questo tipo di ragionamenti" risponde a un cronista. Nel M5S, però, il leader leghista ammette di aver trovato "persone serie, di buonsenso, che hanno mantenuto la parola data. Non li conoscevo, avevo dei sospetti, invece in queste settimane ho trovato persone serie".

Quanto alla chiamata di Cottarelli, Salvini sostiene di non conoscerlo e di non averlo citato in campagna elettorale. "Ho letto in questi giorni che tutto quello che proponevamo, secondo lui non andava bene - chiosa -. Ho letto il suo curriculum: è il perfetto rappresentante di quel mondo della finanza e dei poteri forti che ha fermato la nascita del governo del cambiamento... auguri a lui e sopratutto agli italiani". (Fonte: Adnkronos)

Governo, è saltato tutto. Lo scontro finale tra Di Maio-Salvini e Mattarella su Savona. La mossa Cottarelli e il nuovo voto che si avvicina. E ora cosa succede?

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, riceve Carlo Cottarelli al Quirinale. Ieri Conte aveva rinunciato all'incarico, ponendo fine all'ipotesi di un governo giallo-verde, dopo il No di Mattarella a Savona ministro dell'Economia, per difendere l'Italia nell'euro.  Salvini: "Mai pensato all'uscita dell'euro, intesa con M5S? Vedremo. Se Cav vota Cottarelli addio alleanza". Di Maio: "prima l'impeachement e poi si torna alle urne". Intanto i mercati "apprezzano" il naufragio del governo gialloverde. Lo spread apre in netto calo a 190 punti, netto rialzo per l'euro a 1,1719 dollari


La domenica più lunga della XVIII legislatura si chiude drammaticamente poco dopo le 20, quando il premier incaricato Giuseppe Conte scioglie negativamente la riserva, rinunciando all'incarico di formare un governo giallo-verde, e il presidente della Repubblica Sergio Mattarella convoca Carlo Cottarelli al Quirinale. L'incontro si terrà oggi alle 11.30.

Dopo solo 96 ore si conclude così l'esperienza di Conte come premier incaricato. "Ho profuso il massimo sforzo, la massima attenzione per adempiere a questo compito" dice il professore Conte dopo circa un'ora di colloquio con il Presidente Mattarella. Ma è ormai chiaro che tutto è saltato: il "governo del cambiamento" non si farà.

 I tentativi di Matteo Salvini e Luigi Di Maio, saliti al Colle prima di Conte per sbloccare l'impasse, falliscono. Il no di Mattarella all'economista euroscettico Paolo Savona al Tesoro è il nodo sul quale si blocca la partita pentaleghista, aprendo una delle crisi istituzionali più gravi della storia della Repubblica. "Ho condiviso e accettato tutte le proposte per i ministri" presentate da Giuseppe Conte, precisa il Capo dello Stato "tranne quella del ministro per l'Economia", la cui designazione "costituisce sempre un messaggio immediato, di fiducia o di allarme, per gli operatori economici e finanziari".

Il presidente Mattarella, che pure ha assicurato di aver "agevolato in ogni modo la nascita del governo" viene minacciato di impeachment. Prima dalla leader di FdI, Giorgia Meloni, poi dal capo grillino, Luigi Di Maio, che attacca Mattarella con una diretta Facebook: "Sono stato un profondo estimatore del Presidente della Repubblica Mattarella ma questa scelta per me è incomprensibile perché ce l'abbiamo messa tutta".

"Diciamocelo chiaramente che è inutile andare a votare - attacca Di Maio -, tanto i governi li decidono le agenzie di rating e le lobby finanziarie e bancarie". Poi conclude: "Non finisce qui". Le intenzioni vengono chiarite poco dopo, quando da Fazio, a 'Che tempo che fa', il leader pentastellato annuncia: "Spero che agli italiani sia data la parola il prima possibile. Dobbiamo discutere la messa in stato d'accusa del Presidente Mattarella".

Dal canto suo, Matteo Salvini, parlando da Spoleto, invoca il ritorno alle urne, scongiurando però l'impeachment del Presidente della Repubblica: "Alla dignità non rinuncio - incalza -. Posso rinunciare alle poltrone ma non posso rinunciare alla coerenza. Ce l'abbiamo messa tutta, ma non saremo mai servi e mai schiavi". "Rabbia? Tanta. Paura? Zero - ammette Salvini -. Cambieremo questo Paese, insieme. Io non mollo amici, conto su di Voi".

Da parte dell'opposizione arrivano invece parole di sostegno nei confronti del Quirinale. Il primo a levare gli scudi è il premier uscente Paolo Gentiloni: "Nervi saldi e solidarietà al Presidente Mattarella - scrive su Twitter -. Ora dobbiamo salvare il nostro grande Paese". Poi è la volta di Matteo Renzi: "Salvini non voleva governare - twitta Renzi - ha fatto promesse irrealizzabili, ha paura delle sue bugie, altro che Flat Tax e Fornero. E quindi ha usato l'alibi di un ministro per far saltare tutto: vecchio stile leghista. Ma minacciare #Mattarella è indegno. Sulle Istituzioni non si scherza".

Anche il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi esprime solidarietà al Presidente: "Invocare l'impeachment è da veri irresponsabili - si legge in una nota di Fi-. il Capo dello Stato va rispettato anche quando non lo si condivide, aspettiamo le decisioni di Mattarella, il Paese ha bisogno di un governo subito, serve stabilita".

La mossa di Mattarella viene annunciata in serata: è la convocazione di Carlo Cottarelli. L'ex commissario alla spending review salirà oggi alle 11:30 al Quirinale. (Fonte: Adnkronos)

Pensioni, tasse, lavoro: le prime mosse del governo e i suoi obiettivi

Superamento della legge Fornero, stop all'Ape, Flat Tax, "pace fiscale", taglio delle leggi, centri per l'impiego. Il nuovo esecutivo gialllo-verde guidato dal professor Conte fissa le sue priorità senza dimenticare temi altrettanto urgenti come la sicurezza, l'immigrazione e la giustizia


Lavoro ed economia. Sono questi i primi obiettivi che il premier incaricato Giuseppe Conte dovrà centrare nella partita di governo. Ma sul tavolo restano anche questioni fondamentali come ad esempio quelle legate a sicurezza, pensioni, immigrazione e giustizia. Temi e impegni che andranno affrontati tenendo uno sguardo ai mercati internazionali e all'Europa, senza perdere di vista la bussola rappresentata dal rispetto dei principi costituzionali. Argomenti che verranno affrontati quando, nei prossimi giorni, Conte tornerà al Quirinale per sciogliere la riserva.

PENSIONI - Se Conte scioglierà la riserva tra i primi passi che potrebbe muovere il nuovo governo c'è sicuramente uno dei cavalli di battaglia del programma pentaleghista: il superamento della legge Fornero. Con un eventuale decreto estivo, arriverebbero subito lo stop all'Ape sociale e il via a 'opzione donna'. Per quota 100 (ossia la somma di età e anni di contributi) si dovrebbe attendere la legge di bilancio.

FLAT TAX - La Flat Tax con aliquote al 15 e al 20%, illustrata nel contratto di governo giallo-verde, dovrebbe essere uno dei capisaldi della prossima legge di bilancio, ipotizzando una sua entrata in vigore dal primo gennaio 2019. Al suo fianco dovrebbe arrivare un taglio delle tax expenditures cui verrà chiesto di garantire una buona parte delle coperture per la flat tax.

PACE FISCALE - Si chiama 'pace fiscale' il progetto targato Lega-M5S che consiste in una maxi rottamazione delle cartelle esattoriali. Ora è uno dei pilastri del nuovo governo. Al momento si starebbe valutando attentamente l'impatto che la pace fiscale giallo-verde potrebbe avere sulla definizione agevolata dei ruoli attualmente in corso. E che ha visto l'adesione di 950mila debitori da cui l'erario attende 2 miliardi di euro per il 2018-2019.

TAGLIA LEGGI - Uno dei pilastri di un possibile decreto estivo dovrebbe essere un intervento taglialeggi e un pacchetto di misure sburocratizzazione già abbozzato dallo stesso premier incaricato Conte che proprio per questo motivo era stato inserito nella lista dei ministri in pectore del M5S presentata da Di Maio.

CENTRI PER L'IMPIEGO - Nel pacchetto di misure urgenti da varare eventualmente già nelle prossime settimane è destinata a rientrare anche la riforma dei centri per l'impiego, cara ai 5 Stelle. Misura che dovrebbe andare di pari passo con il rafforzamento della dote attualmente a disposizione del reddito d'inclusione da far scattare con la prossima manovra. (Fonte: Adnkronos)

Il concerto gratuito di Radio Italia il 16 giugno a Milano: sul palco da Fedez a Mika, da Morandi ad Antonacci, ma quest'anno la novità è lo spazio al rap italiano. La nostra intervista a Mario Volanti (VIDEO)

Nella Sala dell'Orologio di Palazzo Marino a Milano è stato annunciato il cast di RADIO ITALIA LIVE – IL CONCERTO 2018, il più grande evento live di musica italiana, che quest'anno si terrà sabato 16 giugno. L'appuntamento è per le 19.10 in piazza Duomo; presentano la serata Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu; nel backstage con gli artisti ci sarà Marco Maccarini e nel parterre insieme al pubblico e agli ospiti Manola Moslehi. Ma c'è un importante novità. Ai microfoni del Comizio il presidente di Radio Italia Mario Volanti - (VIDEO)


Radio Italia presenta la settima edizione di “Radio Italia Live - Il Concerto” appuntamento speciale con 21 grandi interpreti e autori della musica italiana che si esibiranno accompagnati dall'Orchestra Filarmonica Italiana diretta dal Maestro Bruno Santori.

L’evento, come sempre gratuito e realizzato grazie alla collaborazione con il Comune di Milano si svolgerà nella splendida cornice di Piazza del Duomo, sabato 16 Giugno 2018, a partire dalle ore 19:10 e sarà presentato da LUCA BIZZARRI e PAOLO KESSISOGLU che, da sei anni, accolgono i protagonisti sul palco con simpatia e professionalità, riservando per ognuno di loro un momento dedic ato di intrattenimento. Nel backstage, lo speaker Marco Maccarini incontrerà i protagonisti della kermesse; alla speaker Manola Moslehi il compito di raccogliere le emozioni del pubblico.

radio-talia-live-concerto-2018.jpg
 
I cantanti

Si esibiranno il 16 giugno 2018 a Piazza Duomo, Milano: AnnalisaBiagio AntonacciCaparezzaElisaFabri FibraGiusy FerreriJ-Ax & FedezGianni MorandiThegiornalistiLe Vibrazioni e Il Volo. Come di consueto, tutti gli artisti saranno accompagnati dall'Orchestra Filarmonica Italiana diretta dal Maestro Bruno Santori.

RADIO ITALIA WORLD: anche quest'anno, la serata prevede un momento dedicato all'esibizione di un ospite internazionale. Il protagonista di questo spazio sarà Mika, un artista apprezzato in tutto il mondo che ha venduto più di 10 milioni di dischi e che da tempo è nel cuore degli italiani.

RADIO ITALIA RAP: ci sarà inoltre spazio per il meglio del rap, della trap e dell'hip hop italiano, con le esibizioni di (ordine alfabetico) Achille LauroCapo PlazaGhaliNitro e Tedua. Questo momento verrà trasmesso, per la prima volta, anche su RADIO ITALIA RAP TV (in HD al canale 726 di SKY e 54 di TivùSat).

L’evento sarà trasmesso intergralmente in diretta su Radio Italia, Radio Italia Tv (canale 70 DTT, canale 725 SKY, c anale 35 TivùSat, solo in Svizzera Video Italia HD) e in streaming audio / video su radioitalia.it. Vivrà sulle app gratuite “iRadioItalia ” per iPhone, iPad, Android, Windows Phone e Windows 10.

Inter in Champions, il sindaco Sala guarda al turismo: "Un bene per Milano. E l'anno prossimo..." (VIDEO)

Il primo cittadino milanese, noto tifoso nerazzurro, commenta il raggiungimento del quarto posto in campionato da parte della squadra di Spalletti che vale la qualificazione alla massima competizione calcistica continentale. Una soddisfazione sportiva, ma anche un fatto positivo dal punto di vista dell'indotto. E augura anche al Milan fortune europee in futuro

  • Pubblicato in Sport

Carenza di medici in Lombardia, la Regione investe 6,4 milioni di euro per 55 nuovi specialisti. E non li lascerà "scappare". Parla l'assessore Giulio Gallera

Un nuovo provvedimento per migliorare la Sanità lombarda alle prese con un fabbisogno di personale che si scontra con le risorse messe a disposizione dal Ministero. L'intervista e la conferenza stampa dell'assessore al Welfare della Giunta Fontana, Giulio Gallera - (VIDEO)


"Con un impegno di 6,4 milioni di euro Regione Lombardia copre carenze nazionali per la formazione degli specializzandi in Medicina aggiungendo 55 contratti a quelli che il Ministero destina alla Lombardia. Con questo provvedimento andiamo anche a introdurre alcuni requisiti come l'iscrizione ad uno degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della Regione Lombardia, la residenza in regione da almeno 3 anni, dalla data di scadenza del bando, e l'impegno a prestare l'attivita' lavorativa nelle nostre strutture sanitarie per un periodo di 3 anni". Lo ha annunciato l'assessore al Welfare di Regione Lombardia nel corso della conferenza stampa organizzata per illustrare i provvedimenti adottati oggi dalla Giunta.

CARENZA SPECIALISTI - "Abbiamo inserito questi requisiti - ha sottolineato l'assessore - per far fronte alla forte carenza di specialisti nelle nostre strutture, che rischia di impedirci di continuare a garantire i servizi sanitari in determinati ambiti. Sempre piu' frequentemente, infatti - ha proseguito - i nostri bandi per l'assunzione di specialisti, anche a tempo indeterminato, vanno a vuoto, senza contare che il nostro fabbisogno e' piu' alto delle borse messe a disposizione dal Ministero".

ATENEI E NUMERO CONTRATTI - "In accordo con le Universita' - ha concluso il titolare regionale della Sanita' - abbiamo individuato le aree piu' critiche. Saranno dunque assegnate 6 borse all'ateneo di Brescia , 19 a Milano Unimi, 7 a Milano-Bicocca, 5 al San Raffaele, 10 a Pavia 10, 6 a Varese, e 2 all'Humanitas". "In particolare- ha concluso- , le specializzazioni che hanno ottenuto il maggior numero di contratti finanziati sono medicina d'emergenza-urgenza (8), pediatria(6), ginecologia e ostetricia (6), medicina interna (4) e anestesia e rianimazione (3)".

Estremismo, radicalizzazione, bullismo: la sicurezza in Lombardia inizia nelle scuole. Parla l'assessore Riccardo De Corato (VIDEO)

I progetti regionali per prevenire e contrastare fenomeni violenti con il coinvolgimenti degli studenti. Intervista e conferenza stampa dopo Giunta dell'assessore alla Sicurezza della Regione Lombardia, Riccardo De Corato - (VIDEO)


Realizzare interventi di prevenzione e contrasto a fenomeni di bullismo e cyberbullismo, attraverso il coinvolgimento attivo degli studenti in un 'Hackaton'. E' questo l'obiettivo della prima delle due delibere approvate dalla Giunta regionale su proposta dell'assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato, di concerto con gli assessori all'Istruzione, Formazione e Lavoro Melania Rizzoli e alle Politiche per la Famiglia e Pari Opportunità Silvia Piani. Il progetto sul rispetto in rete, integra la convenzione sottoscritta lo scorso 5 luglio 2017 da Regione Lombardia con l'Ufficio scolastico.

Grazie ad un contributo regionale di 20mila euro, nel corso del 2018, verrà organizzato un 'Hackaton', vale a dire una maratona regionale che sarà affrontata da squadre di studenti ai fini della realizzazione di un prodotto finale, il cui valore formativo è quello di sollecitarli a lavorare in team, ad esercitarsi nel public speaking e a trovare soluzioni su questioni specifiche, con un'attenzione particolare agli aspetti tecnologici e informatici. "L'Usr-ufficio scolastico regionale della Lombardia - spiega De Corato - lavora da anni per contrastare fenomeni di bullismo e creare un sistema che ne possa promuovere il contrasto. I progetti verranno valutati da una Commissione che proclamerà i vincitori". L'Usr utilizzerà lo strumento dell'avviso pubblico per selezionare, entro agosto e sulla base di linee guida condivise, il migliore progetto che dovrà prevedere modalità organizzative, procedure di coinvolgimento delle scuole della Lombardia e contenuti della maratona.

L’educazione al rispetto delle differenze in ambito scolastico è invece al centro dell’altra delibera approvata (in attuazione dell’articolo 6 della Legge regionale 24 del 6 novembre 2017) sulle misure di aiuto e assistenza alle vittime del terrorismo e per la formazione e ricerca nell’ambito della prevenzione di processi di estremismo violento.

“Il progetto – sottolinea l’assessore – prevede che la Regione Lombardia promuova accordi con l’usr e le università lombarde per conoscere e prevenire i fenomeni e i processi di radicalizzazione nell’ottica dell’educazione al rispetto delle differenze”. L’usr “ha proposto una linea progettuale che è stata già condivisa, per creare figure di sistema con competenze didattiche e organizzative specifiche e favorirne una disseminazione sul territorio lombardo per un’educazione alle differenze per contrastare ogni forma di estremismo e radicalizzazione. Analoghi percorsi formativi sono già stati sperimentate sia a livello europeo che in ambito nazionale, nei Comuni di Bologna e Reggio Emilia”. L’obiettivo è quello di selezionare 5 scuole ‘Polo’ che facciano da riferimento per le altre e formare 150 figure di sistema con competenze specifiche. Allo scopo è stato approvato uno stanziamento di 30mila euro.

Milano, in stazione Centrale lo scenario è sempre lo stesso: ennesima rissa tra immigrati sotto gli occhi di turisti e cittadini indignati (VIDEO)

Nelle immagini riprese e postate sulla sua pagina Facebook dal consigliere comunale leghista Massimiliano Bastoni si vede la rissa tra immigrati avvenuta nella serata di ieri in piazza Duca d'Aosta, di fronte all'ingresso della stazione Centrale. Una scena che assomiglia a tante altre cui abbiamo già assistito, nonostante la presenza di nell'area alcuni militari e qualche saltuario blitz di polizia, peraltro criticato dal sindaco Sala e dalla sua giunta

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

18°C

Milano

Cloudy

Humidity: 73%

Wind: 11.27 km/h

  • 20 Jun 2018 23°C 16°C
  • 21 Jun 2018 23°C 15°C