updated 4:05 PM UTC, Dec 15, 2017

Austria scoppio nel gasdotto di Baumgarten: il governo italiano dichiara lo stato di emergenza per il blocco delle forniture di gas

Un'esplosione e un incendio hanno distrutto questa mattina il principale "HUB" austriaco che fornisce gas al nostro paese. Nell'esplosione è rimasta uccisa una persona e ferite almeno altre 18.


Il sito di Baumgarten nell'Austria orientale, vicino alla Slovacchia, è un importante nodo di trasferimento regionale, che preleva gas naturale dalla lontana Russia e lo pompa verso gli stati confinanti, tra cui la Germania e l'Italia, quest'ultima è il principale destinatario. La notizia dell'esplosione ha fatto salire i prezzi del gas in tutta Europa, aumentando i timori per un aumento dei prezzi di offerta che con l'arrivo dell'inverno, avevano già dato segnali di forti aumenti. La Gas Connect Austria, che gestisce il sito, ha detto che l'hub è stato spento e che le fiamme sono sotto controllo, la probabile causa dell'incendio sembra essere un difetto tecnico.

Queste le parole contenute nel sintetico comunicato stampa, "Un'esplosione è avvenuta questa mattina prima delle 9:00 (0800 GMT) nella base della stazione di gas naturale a Baumgarten, l'esplosione ha causato un grave incendio che ora è contenuto in diversi piccoli focolai".

 Le immagini sui social mostrano una colonna di fuoco in lontananza che sorge da un paesaggio piatto, il sito è stato appositamente costruito in una zona isolata lontano dai centri abitati, I vigili del fuoco, la polizia e gli uomini della Gas Connect Austria, riferiscono di molti danni alle strutture. Un portavoce dei vigili del fuoco ha confermato 1 morto e che 18 sono le persone rimaste ferite, una delle quali in modo molto grave.
La Gas Connect Austria ha dichiarato che forniture di gas ai confini meridionali e sudorientali dell'Austria, che sono state colpite dall'esplosione, rimarranno chiuse fino a nuovo avviso. Questi gasdotti forniscono l'Ungheria, la Slovenia e la Croazia, ma come dicevamo il maggior destinatario di Baumgarten è l'Italia.

Questa dipendenza dal gas ha portato il governo a dichiarare lo stato di emergenza, mentre il ministro dell'industria Carlo Calenda ha affermato che il paese ha un "serio" problema di approvvigionamento energetico e che, se l'Italia avesse il Trans Adriatic Pipeline (TAP), non dichiarerebbe lo stato di emergenza. - "Se avessimo già avuto il TAP, non avremmo dovuto dichiarare lo stato di emergenza, il TAP fa parte del Southern Gas Corridor, che è uno dei progetti energetici prioritari per l'Unione europea. Il progetto prevede il trasporto di gas dallo stadio 2 di Shah Deniz dell'Azerbaigian verso i paesi dell'UE." Infatti il progetto prevede che il TAP si colleghi al gasdotto trans anatolico (TANAP) sul confine turco-greco eattraversando la Grecia, l'Albania, il mare Adriatico, arrivi a terra nel sud Italia. Il TAP avrà una lunghezza di 878 chilometri (Grecia 550 chilometri, Albania 215 chilometri, Adriatico 105 chilometri e Italia 8 chilometri).

Le società in partecipazione alla costruzione del TAP sono: la BP (20 percento), la SOCAR (20 percento), la Snam SpA (20 percento), Fluxys (19 percento), Enagás (16 percento) e Axpo (5 percento).

La proclamazione dello stato di emergenza da al governo di Roma il diritto di utilizzare una serie di misure straordinarie come consentire alle centrali elettriche, a carbone e petrolio di attivarsi a pieno regime, con i conseguenti gravi problemi d'inquinamento.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(ultima ora× ultime notizie× news× ultime news× primo piano× evidenza× Gasdotto× stato di emergenza× fornitura gas× Austria, esplosione gasdotto Baumgarten, a rischio forniture gas Italia. Calenda: "Stato di emergenza× Scoppia un gasdotto in Austria, interrotte forniture verso l'Italia Udine × to day× news24× ansa× Baumgarten si trova inoltre al cuore di una rete di gasdotti secondari che portano il gas a Francia, Germania, Europa dell'Est e, grazie alla Trans-Austria gas pipeline (TAG), all'Italia, alla Croazia e alla Slovenia.× L'incidente in una stazione di compressione da cui transita il gas russo destinato all'Italia. Il Ministero dello Sviluppo economico dichiara lo stato d'emergenza. Il ministro sottolinea l'importanza del gasdotto che porterà il combustibile dall'Azerbaigian: "Finché le forniture saranno concentrate dalla Russia× 12 dicembre 2017 In un'esplosione in un impianto di distribuzione di gas a Baumgarten an der March, in Austria, decine di persone sono rimaste ferite e almeno una persona ha perso la vita. Lo scrivono i media austriaci.× Incidente in Austria. Austria, esplosione gasdotto Baumgarten, a rischio forniture gas Italia. Calenda: "Stato emergenza". Il terminal di Baumgarten è uno dei principali hub del gas dell'Europa centrale per il gas che arriva dalla Russia e dalla Norvegia× La causa dell'incidente non è ancora chiara, al momento pensiamo ad un guasto tecnico", spiegano da Gas Connect Austria, sottolineando che "i gestori dei sistemi di trasmissione vicini sono stati informati immediatamente affinché misure possano essere adottate in tempo utile"× Ci sono morti e decine di feriti. È uno dei più importanti punti di distribuzione di gas naturale proveniente dalla Russia e dalla Norvegia.× Stato di emergenza× bloccate le forniture di gas all'Italia× In un'esplosione in un impianto di distribuzione di gas a Baumgarten an der March, in Austria× Il ministero dello Sviluppo economico ha dichiarato lo stato di emergenza per il gas, in seguito a un grave incidente che questa mattina si è verificato in Austria, e che ha comportato l'interruzione dell'erogazione del gas proveniente dalla Russia verso l'Italia× TAP× L'hub, uno dei principali in Europa, rifornisce l'Italia settentrionale: registrati disagi e aumento dei prezzi. Calenda: dichiareremo lo stato di emergenza.× I gasdotti Trans Austria Gas (TAG 1 e TAG 2) trasportano gas naturale dal confine Slovacchia - Austria presso Baumgarten an der March fino a Arnoldstein nel sud dell'Austria, vicino al confine con l'Italia. Il gas naturale proveniente dalla Russia è trasportato e consumato in Italia e Austria× TAP. Trans Adriatic Pipeline (TAP) è il progetto per la realizzazione di un gasdotto che trasporterà gas naturale dalla regione del Mar Caspio in Europa. Collegando il Trans Anatolian Pipeline (TANAP) alla zona di confine tra Grecia e Turchia, attraverserà la Grecia settentrionale, l'Albania e l'Adriatico× Una delegazione del Movimento Cinque Stelle con i senatori Maurizio Buccarella e Daniela Donno, la deputata al Parlamento Europeo Rosa D'Amato, consiglieri comunali salentini e attivisti ha visitato oggi a San Foca il cantiere TAP in località San Basilio, dove sono in corso i lavori della cosiddetta Fase 1× l Gasdotto Trans-Adriatico (conosciuto con l'acronimo inglese di TAP, Trans-Adriatic Pipeline) è un gasdotto in costruzione che dalla frontiera greco-turca attraverserà Grecia e Albania per approdare in Italia, nella provincia di Lecce permettendo l'afflusso di gas naturale proveniente dall'area del Mar Caspio (Azerbaigian)× December 2017, the Municipality of Serres and TAP inaugurated the fully renovated (former) Dorilaiou Street, at the city's central square. Following the ceremony, attendees enjoyed a stroll on the new pedestrian walkway and a ride on the new Dorilaiou Street bike road× tap gasdotto tap italia tap analisi tap significato tap traduzione tap salento tap wikipedia tap check in×)

 

Geminidi o Stelle cadenti: a Dicembre avremo la più grande pioggia di quest'anno

Hai già visto una serie di meteore luminose attraverso il cielo di dicembre? È arrivata l'annuale pioggia di meteoriti Geminidi. È un buon momento per coprirti, uscire e lasciare che l'universo faccia esplodere la tua mente!


"Con i Perseidi di Agosto oscurati dalla brillante luce lunare, i Geminidi saranno la migliore doccia quest'anno", ha detto Bill Cooke dell'Ufficio "Meteoroid" della NASA . - "La fase crescente e calante della Luna non rovinerà lo spettacolo." La pioggia di stelle cadenti raggiungerà il picco tra il 13 e il 14 dicembre con una frequenza molto elevata, circa un minuto la pausa tra un'ondata e l'altra. Le Geminidi possono essere viste anche nelle notti prima e dopo il picco del 14 dicembre, ma appariranno sicuramente meno frequentemente.

"L'attività dei Geminidi è ampia", ha detto Cooke. "Le tracce più visibili, lasciate dai meteoriti che bruciano a contatto con la nostra atmosfera, saranno viste tra le o1:30 della notte tra il 13 e il 14 dicembre e le prime luci dell'alba dello stesso 14 dicembre, con la maggior parte delle meteore visibili quando il radiante è più alto nel cielo."

Informazioni sulla pioggia dei Geminidi
Secondo la NASA i Geminidi sono attivi ogni dicembre, quando la Terra attraversa una massiccia scia di detriti polverosi sparpagliati da un oggetto strano e roccioso chiamato 3200 Phaethon. La polvere brucia quando entra nell'atmosfera terrestre trasformandosi in una raffica di "stelle cadenti". La natura di Phaethon è molto dibattuta, è un asteroide vicino alla Terra o una cometa estinta, a volte chiamata cometa Rock? queste la domanda a cui, in questo particolare periodo astronomico, gli scienziati vogliono dare una risposta. Come bonus aggiuntivo quest'anno, gli astronomi avranno la possibilità di studiare Phaethon a metà dicembre, quando la sua traettoria lo porterà molto vicino alla Terra. 

La pioggia di meteoriche o stelle cadenti, prende normalmente il nome dalla posizione del radiante, di solito una stella o una costellazione vicino a dove appaiono nel cielo notturno. Il radiante Geminid è nella costellazione dei Gemelli. Le Geminidi possono essere viste ad occhio nudo sotto cieli di gran parte del mondo, anche se la vista migliore si avrà nell'emisfero settentrionale.  

Come Osservare le geminidi
Guardare il cielo è facile. Basta allontanarsi da luci brillanti e guardare in qualsiasi direzione! Dai agli occhi il tempo di adattarsi al buio. Le meteore ti appariranno in tutto il cielo. Tuttavia, non tutte le meteore che potresti vedere appartengono alla doccia Geminid. Alcune potrebbero essere sporadici meteoriti di fondo, e alcuni potrebbero  provenire da deboli pioggie attive come Monocerotidi, Sigma Idridi e Comae Berenicidi.

Secondo la Nasa c'è un modo molto semplice per capire se la meteora è realmente una Geminide, -"Quando vedi una meteora, cerca di rintracciarla all'indietro, se finisci nella costellazione dei Gemelli c'è una buona possibilità che tu abbia visto un Geminid." Semplice? SI! Basta sapere dove si trova in quel momento sopra di noi la costellazione dei Gemelli...


La costellazione dei Gemelli si trova tracciando un segmento che parte dalle due stelle del timone e si raccorda alla diagonale del quadrato del Gran Carro. Così facendo si arriva a uno dei Gemelli, Pollùce, che brilla inconfondibile vicino a Càstore. Visibile da novembre a giugno.

E se è nuvoloso? nessun problema, la NASA trasmetterà la pioggia di stelle cadenti in diretta via Ustream a partire dal tramonto (16.35 circa) del 13 dicembre dall'Osservatorio automatico lunare e meteorologico del Marshall Space Flight Center della NASA a Huntsville, in Alabama, attenti però al fuso orario da noi In Italia dovete aggiungere 7 ore. 

 (ultima ora×ultime news×attualità×primo piano×evidenza×video×le Gemidi ecco dove vederle×Dopo la super Luna arrivano le Gemidi×meteoriti×stelle cadenti a dicembre×Le meteore vengono chiamate comunemente "stelle cadenti"×Stelle cadenti di dicembre: come osservare le Geminidi ×Geminidi, le splendide stelle cadenti di dicembre×la notte delle stelle cadenti×stella cadente cos'è stelle cadenti cosa sono stelle cadenti significato×stelle cadenti quando si vedono stelle cadenti desideri vedere una stella cadente porta fortuna×Stelle cadenti in cielo questo weekend×Tornerà anche il primo gennaio del 2018 la superluna che è stata visibile il tre dicembre, l'unica del 2017, e poi ancora il 31 gennaio avremo la cosiddetta "Luna Blu". La superluna è una Luna piena che appare nel cielo e si presenta circa il 7% più grande e il 16% più brillante×Chi dovesse perderla per colpa delle nuvole, potrà rifarsi nella notte di Santa Lucia: erroneamente considerata la più lunga dell'anno, sarà illuminata da una pioggia di stelle cadenti, le Geminidi, paragonabili per quantità e brillantezza alle Perseidi (le «lacrime di San Lorenzo», visibili ad agosto)×video)

 

 

Papa Francesco vuole cambiare, il "Padre Nostro"

Papa Francesco ha suggerito di voler apportare un cambiamento alla preghiera del Signore, ampiamente conosciuta tra i fedeli come il "Padre nostro".


In un'intervista mercoledì il Pontefice ha detto che preferirebbe sostituire la frase "non ci indurre in tentazione", che secondo il papa è troppo forte, con "non lasciarmi cadere in tentazione". Secondo Bergoglio questa traduzione porta a pensare che Dio conduca le persone a peccare, - "Non è una buona traduzione, è meglio dire: "Non lasciarmi cadere nella tentazione" ha detto Papa Francesco. Jorge Mario Bergoglio sollecita quindi una nuova traduzione, come avvenuto in Francia dal 3 dicembre scorso. E come in realtà già fatto dalla nuova versione della Bibbia della Cei, dal 2008 (un'innovazione non ancora recepita nella Messa). La preghiera ha origine dalla lingua di Gesù, l'aramaico, fu poi tradotta in greco antico e infine in latino. 

Il papa all'inizio di questa settimana ha anche fatto un inciso sull'annuncio del presidente Trump, in cui diceva che gli Stati Uniti avrebbero riconosciuto Gerusalemme come capitale di Israele e avrebbero mirato a trasferirvi la propria ambasciata, oggi a Tel Aviv.

Papa Francesco ha detto di essere "profondamente interessato da questa questione, non solo strategica e politica" e ha fatto appello affinché "tutti rispettino lo status quo della città". 

ultima ora × ultime news× ultime notizie× papa Francesco news× papa Francesco × Vaticano× padre nostro× preghiera padre nostro× «questa preghiera contiene tutte le domande possibili, non se ne può concepire una sola che non via sia racchiusa». Eppure, spiega Francesco, «ci vuole coraggio per pregare il Padre nostro». In un mondo «malato di orfanezza», ...× Il testo in italiano della preghiera più nota, il 'Padre Nostro' , potrebbe presto cambiare. A farlo intendere è lo stesso papa Francesco: "Dio che ci induce in tentazione non è una buona traduzione. × Papa Francesco "corregge" il Padre Nostro: «Dio non induce in tentazione». 07/12/2017 E' meglio dire: «Non lasciarmi cadere nella tentazione». Jorge Mario Bergoglio sollecita una nuova traduzione. Come avvenuto in Francia dal 3 dicembre scorso.× video×

 

"AVVOCATI RISPONDONO" SETTIMA PUNTATA

In questa puntata: 1) Avv. Carlo Bortolotti; Morosità delle spese condominiali. Sentiamo come comportarci per non ritrovarci in grossi problemi  2) Avv. Davide Pollastro; L'avvocato d'ufficio e l'avvocato gratuito, chi sono e quali sono le sostanziali differenze tra i due. Ecco cosa è utile sapere... (VIDEO)


Vi aspettiamo con nuove puntate tutti i Martedì alle ore 22.00 su TELEREPORTER ch 13 del Digitale terrestre e tutti i Mercoledì alle ore 22.30 su TeleMilano Ch 12 del Digitale terrestre. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • albo avvocati monza×
  • ordine avvocati milano albo×
  • elenco avvocati milano×
  • albo avvocati milano iscritti×
  • ordine avvocati nazionale×
  • ordine avvocati milano sfera×
  • ordine avvocati milano telefono×
  • avvocato gratis×
  • avvocato Milano×
  • avvocato gratis risponde×
  • avvocato del lavoro×
  • avvocati online×
  • avvocati online gratis×
  • Consulenza legale online immediata. Iscrizione e prima consulenza gratis×
  • L' Avvocato Risponde Online. Consulenze Preventivi Appuntamenti con gli Avvocati×
  • L' Avvocato Risponde Online. Consulenze Preventivi Appuntamenti con gli Avvocati×
  • Il decreto legge fiscale collegato alla manovra e approvato in via definitiva dalla Camera dei deputati elimina l'obbligo per gli avvocati di dotarsi di una polizza infortuni per sè, lasciandolo solo per collaboratori, dipendenti e praticanti×
  • L'avvocato (al femminile avvocata o avvocatessa; a volte usato al maschile anche per riferirsi a donne; dal latino advocatus, propriamente participio passato di advocare, "chiamare presso", nel latino imperiale "chiamare a propria difesa", e con uso assoluto "assumere un avvocato") è un professionista che svolge attività di×
  • Supporto legale d'eccellenza per privati e aziende. Contattaci ora! Supporto cause mediche×
  • ultima ora×
  • ultime notizie×
  • ultime news×
  • pillole×
  • primo piano×
  • evidenza×

 

"SCALE", NASCE A MILANO IL PRIMO NETWORK EUROPEO PER LE STARTUP.

Un progetto che permette  alle giovani aziende di allargare i propri orizzonti di crescita, confrontandosi con i mercati più attivi e sensibili alle innovazioni e alle nuove forme della creatività


Agevolare la nascita di startup orientate ad attività  d’impresa nei mercati europei, favorire la connessione tra i nuovi progetti d’impresa e le grandi corporate oltre a costituire il primo network tra grandi città europee espressamente rivolto al mondo dell’innovazione.

Questo l’obiettivo di SCALE, Startup City Alliance Europe. I contenuti del progetto e il portale internet dedicato sono stati presentati questa mattina all’Urban Center di Milano dall'assessore alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive e Commercio Cristina Tajani con la Camera di Commercio e Assolombarda, insieme ad altri operatori del settore.

“Grazie all’adesione di Milano a questo progetto permettiamo alle giovani  aziende di allargare i propri orizzonti di crescita, confrontandosi con i mercati più attivi e sensibili alle innovazioni e alle nuove forme della creatività – commenta l’assessore alle Politiche per il lavoro e Attività produttive Cristina Tajani -. In un’economia sempre più globalizzata è necessario che le aziende siano in grado, attraverso idee e prodotti, di superare i confini territoriali. Iniziative come questa proseguono e allargano il percorso già portato avanti dall’Amministrazione per favorire la nascita e lo sviluppo di nuove idee imprenditoriali che riescano, nei diversi ambiti, ad affermare il Made in  Italy”.

Il programma SCALE connette oltre venti città europee tra cui Milano, Amsterdam, Barcellona, Berlino, Londra, Madrid e Roma, con l’intento di agevolare la reperibilità d’informazioni per chi vuole fare impresa in Europa, passando da una dimensione locale ad una internazionale. A supportare i giovani imprenditori nell’espansione della loro attività all’estero, oltre alle singole municipalità anche le agenzie per lo sviluppo economico. Un progetto che favorisce la cooperazione tra le varie città e che intende sviluppare un approccio imprenditoriale condiviso, volto a cogliere le opportunità offerte dal mercato unico europeo. Grazie a questa cooperazione tra le varie amministrazioni, i giovani imprenditori potranno partecipare a veri e propri “bootcamps” di due-tre giorni allo scopo di creare una prima rete di contatti utili con i vari interlocutori locali: dalle camere di commercio, alle associazioni di categoria sino agli investitori privati e al sistema di incubatori e coworking presenti in ogni singola città. Tutto questo è anche a portata di  mouse grazie al portale www.startupcityalliance.eu dove gli imprenditori e le giovani startup possono trovare tutte le informazioni per agevolare il loro sbarco nei paesi e nei mercati di riferimento.

La presentazione del progetto Scale è stata anche l’occasione per introdurre, insieme al Consolato Olandese a Milano, le sette startup milanesi, selezionate dal Comune di Milano attraverso bando pubblico, che parteciperanno al primo “bootcamp” che si volgerà ad Amsterdam dal 12 al 14 dicembre. Le aziende potranno quindi contare sul sostegno di entrambe le strutture locali per l’organizzazione degli incontri con investitori, stakeholder ed eventuali clienti ma anche per conoscere la comunità imprenditoriale olandese nel suo insieme, oltre alla possibilità di venire in contatto con makerspaces e la rete di incubatori in sintonia con le  caratteristiche proprie e di mercato delle imprese selezionate al fine di individuare possibili azioni di marketing e relazioni pubbliche.

Milano e Amsterdam sono capitali economiche e finanziarie che ospitano comunità internazionali e che, grazie alle Amministrazioni locali, trovano un punto di raccordo e confronto necessario a favorire lo sviluppo economico e sociale delle due metropoli e dei giovani imprenditori.

Ema ad Amsterdam, facile dire sorteggio burla, ma la realtà dice altro

Mentre in Italia si grida alla beffa del sorteggio, il resto dell'Europa guarda le differenze tra Milano e Amsterdam e ringrazia il fato  per aver fatto la scelta migliore


In questi giorni nel nostro paese se ne sentono di cotte e di crude sulla scelta di Amsterdam come base dell'EMA. Matteo Salvini in un video su facebook "tirano la monetina... (ndr è stato invece un sorteggio) se governiamo noi sapete dove gliela mettiamo? , critica duramente la UE. Anche il sindaco di Milano Beppe Sala e il governatore della Lombardia non si risparmiano: "assurdo essere esclusi così. Eravamo prontissimi la Ue non sa decidere" . Purtroppo le cose non stanno proprio così, le voci che si alzano nel mondo scientifico pensano che questa sia la scelta migliore. 

 

Alla fine, dopo tre turni di votazioni, si è trattato di una proverbiale "coin flip" tra Amsterdam capitale europea per l'innovazione 2016 e Milano hub della moda italiana. L'Agenzia europea per i medicinali (EMA), incaricata della valutazione dei medicinali per uso umano e animale per l'Unione europea, si trasferirà ad Amsterdam dopo essere stata selezionata in un sorteggio di lotte tra quest'ultima e Milano. Il Consiglio europeo ha annunciato il risultato lunedì sera dopo la votazione a Bruxelles. "Non è molto olandese essere orgogliosi dei Paesi Bassi", afferma il farmacologo Adam Cohen, che dirige il Centro per la ricerca sui farmaci umani a Leida, nei Paesi Bassi. "Ma ho sempre pensato che fosse il posto migliore per farlo."

Tra le più importanti agenzie scientifiche dell'Unione europea, l'EMA è stata vista come uno dei maggiori bottini in palio dopo che la decisione del Regno Unito di lasciare l'Unione Europea ha reso insostenibile la sua posizione londinese a più di 2 decenni. Istituito nel 1995, impiega circa 900 persone e ospita decine di migliaia di visitatori per centinaia di riunioni ogni anno.

Diciannove paesi hanno gareggiato per essere la nuova casa dell'EMA, sebbene tre successivamente siano caduti. Le città candidate hanno prodotto video e siti Web lucidi che evidenziano le loro connessioni internazionali, la qualità della vita e le scuole internazionali. Ma, come spesso accade nell'Unione europea, ci si aspetta che anche molti scambi politici di cavalli giochino un ruolo nella decisione finale. Il consiglio ha inoltre votato oggi su una nuova sede per l'Agenzia bancaria europea e nessun paese è stato autorizzato a ospitare entrambe le agenzie.

"Accogliamo con favore la decisione odierna sulla nuova sede di EMA. Ora che finalmente sappiamo dove ci porta il nostro viaggio, possiamo intraprendere azioni concrete per una mossa di successo", ha dichiarato il direttore esecutivo dell'EMA ,Guido Rasi.

"Amsterdam contamina molte delle nostre scatole", ha continuato. "Offre un'eccellente connettività e un edificio che può essere modellato in base alle nostre esigenze. Sono molto grato che gli Stati membri abbiano tenuto conto delle nostre esigenze in materia di continuità operativa e abbiano dato priorità alla protezione della salute pubblica e degli animali.

Il direttore Rasi continua dicendo: "I nostri sondaggi interni hanno dimostrato che una larga maggioranza del personale dell'EMA sarebbe disposta a trasferirsi con l'Agenzia ad Amsterdam, ma anche in questo caso le nostre attività saranno influenzate e dobbiamo ora pianificare questo per evitare la creazione di lacune conoscenza e competenza".

Amsterdam è il luogo ideale per l'EMA in quanto fornisce un ambiente dinamico che consentirà all'agenzia di gestire le sue operazioni in modo fluido ed efficiente. L'ecosistema aziendale dell'area comprende società multinazionali, start-up e istituti di ricerca. L'Unione europea ha riconosciuto la natura innovativa della città, come dicevamo nominando Amsterdam nel 2016 la "Capitale europea dell'innovazione"

 

Amsterdam offre una serie di vantaggi che non possono essere facilmente trovati in altre città europee. La città è un hotspot culturale e ospita una vivace comunità internazionale con un'eccellente qualità di vita. Amsterdam ha una popolazione internazionale e multiculturale, di cui il 19% sono cittadini stranieri e migranti. Più del 90% delle persone ad Amsterdam parla inglese. 

2,3 milioni di abitanti - 180 nazionalità diverse . 15,1 milioni di pernottamenti - 881.000 biciclette utilizzate il 58% ogni giorno - 40 parchi

39.300 € GPD pro capite - 5,5 % Tasso di disoccupazione (media del paese)

Decisamente una qualità della vita migliore e del tutto invidiabile. Purtroppo Milano come tutto il paese è stata duramente colpita dai venti di una crisi economica che ha messo in crisi tutto il suo tessuto sociale... 

Ma allora non servirebbe da parte dei nostri politici un po di sana autocritica che porti a una consapevolezza, da noi è tutto da rifare! (o quasi!) Forse così, anche il nostro bel paese potrà tornare ad essere una nazione che guarda prima i suoi cittadini, garantendo loro un buona qualità della vita.

Guardate i video di presentazione e fate le vostre considerazioni...

 

 

Berlusconi: non si può continuare a vivere con 500 € di pensione minima

"Se vinceremo istituiremo il ministero per la terza età, portando le pensioni minime a 1.000 €, nessuno può vivere in modo dignitoso con soli 500 € al mese"


Sivio Berlusconi torna ufficialmente in campo e lo fa con un video-messaggio alla Federanziani: "E' inaccettabile che tanti anziani non abbiano i soldi per curarsi, bisogna aumentare le pensioni minime ad almeno mile euro al mese per tredici mensilità, questo sarà uno dei primi provvedimenti dell'agenda di governo e creeremo un ministero della terza età". Sul tema anche un duro attacco al governo che secondo il Leader di Forza Italia, in questi anni ha abbandonato le giuste politiche per la terza età. "Con gli anziani lo Stato si comporta in modo profondamente ingrato e ingiusto, credo che nessuno possa vivere dignitosamente con 500 euro al mese. Dare voce agli anziani significa dare voce alla parte più saggia del Paese. Tutti hanno il diritto di poter invecchiare in salute e sicurezza economica" poi Berlusconi aggiunge; "Io ho promosso alcuni studi universitari al San Raffaele e secondo i ricercatori l'obiettivo a portata di mano è quello di accrescere la prospettiva di vita fino a 125 anni. La moderna medicina e gli studi hanno in questi anni fatto passi da gigante aprendo prospettive affascinanti, ma anche diversi problemi, perché le persone devono poter invecchiare in salute e anche in sicurezza economica. Invece nel 2016 tre milioni di anziani hanno dovuto rinunciare alle cure perché troppo costose".

"Flying Car" il progetto "Macchine Volanti" di Uber Teams con la NASA

Se tutto andrà secondo i piani le "macchine volanti" progettate e pianificate da Uber percorreranno i cieli affollati delle città campione e il tutto con l'aiuto della NASA. (VIDEO)


Secondo USA Today, l'agenzia spaziale ha firmato un accordo con la Uber per contribuire allo sviluppo di un sistema di controllo del traffico aereo con il progetto "auto volanti", che prende il nome di Uber Elevate o UberAir.

"UberAir ogni giorno effettuerà molti più voli nei cieli città campione, più di quanto non sia mai stato fatto prima", ha detto Jeff Holden, Chief Product Officer di Uber, in una dichiarazione rilasciata a USA Today. "Fare questo in modo sicuro ed efficiente richiederà anche un cambiamento fondamentale nelle tecnologie di gestione dello spazio aereo".
La NASA ha già lavorato per sviluppare tali tecnologie e contribuire a rendere la "mobilità aerea urbana" (UAM) una realtà.

La direzione della missione di ricerca aeronautica della NASA (ARMD) conduce ricerche basate su un piano di implementazione strategica deliberato e ben coordinato. Questo piano è stato ampliato per includere la ricerca in un'area emergente così rapidamente che non è ancora stata creata nessuna pagina su Wikipedia.

 

È la Urban Air Mobility o UAM.  

 

La definizione di UAM è un sistema sicuro ed efficiente per il trasporto aereo passeggeri e merci all'interno di un'area urbana, comprensivo di piccoli servizi di consegna e altri diversi servizi di Unmanned Aerial Systems (UAS) droni urbani, che supporta un mix di tecnologie sviluppate per essere eseguite senza l'ausilio del pilota umano. 

Diverse aziende, sia grandi che piccole, stanno iniziando a sviluppare l'infrastruttura per rendere UAM una realtà e stanno pianificando per farlo molto prima di quanto si possa pensare.

 

L'ufficio stampa della Nasa dichiara, "Fortunatamente, siamo pronti a soddisfare la crescente enfasi su UAM grazie ai nostri decenni di lavoro di successo nel miglioramento della gestione del traffico aereo e, più recentemente, negli ultimi sei anni di lavoro su come integrare in modo sicuro gli UAS, più comunemente noti come droni, in lo spazio aereo nazionale su una base sistematica. Abbiamo creato partnership efficaci con l'industria, il mondo accademico e la Federal Aviation Administration (FAA) per identificare e cercare soluzioni alle sfide uniche per ospitare aeromobili a pilotaggio remoto". 

"La NASA ha le conoscenze e le competenze per aiutare a rendere possibile la mobilità aerea urbana", ha dichiarato Jaiwon Shin, amministratore delegato della NASA per l'aeronautica civile. "Intendiamo condurre la ricerca e lo sviluppo per testare i concetti e le tecnologie che stabiliscono la fattibilità e aiutano a stabilire i requisiti. Tali requisiti servono quindi a migliorare l'uso di veicoli autonomi con propulsione elettrica e a gestire le operazioni di spazio aereo ad alta densità in un ambiente urbano sicuro, efficiente ed economicamente sostenibile".  

636.456.565.304,136975 millions-Uber-Elevate --- eVTOL-Comune-Riferimento-Model-.jpg

 Le sfide UAM richiedono collaborazione

 Tra gli ostacoli alle operazioni di mobilità aerea urbana figurano la certificazione di sicurezza dei sistemi di veicoli autonomi, gli impatti del rumore della comunità derivanti dalle operazioni dei veicoli, le protezioni per la sicurezza informatica, l'integrazione sicura dello spazio aereo con le operazioni tradizionali delle compagnie aeree e molti altri fattori. Questi problemi sono strettamente legati agli attuali portafogli di ricerca della NASA.  

Uno dei più importanti problemi di certificazione è quello di garantire che i veicoli siano sicuri sia nel volare e che nell'atterrare, soprattutto in situazioni di emergenza in aree urbane affollate. Un esempio di sfida operativa è garantire che i veicoli, siano integrati in un sistema di traffico aereo in cui parti di tale sistema devono essere completamente automatizzate per gestire l'alta frequenza e la densità delle operazioni previste.

L'accettazione da parte della comunità delle operazioni UAM è un'altra sfida. Anche se la dimostrazione di operazioni sicure e affidabili è di fondamentale importanza, è ugualmente importante che le operazioni dei veicoli non creino impatti acustici inaccettabili dalla comunità e che si inseriscano in modo equilibrato nella vita del territorio e dello  skyline.

 

Concetto di artista della mobilità aerea urbana, che mostra 11 veicoli con passeggeri e 10 veicoli senza passeggeri.
Il concetto di mobilità aerea urbana coinvolge più aeromobili che operano in sicurezza all'interno di una città. (I cerchi gialli sono veicoli con passeggeri, i cerchi rosa sono veicoli senza passeggeri.)
Crediti: NASA

"L'industria sta lavorando duramente per sviluppare questi mercati, ma quanto ci vorrà? E quanto sono grandi le sfide da superare? Le informazioni che raccoglieranno aiuteranno a decidere quanto velocemente e come utilizzare al meglio tutte le risorse impegnate.

Uber ha già una miriade di problemi e deve fare i conti anche con una cultura aziendale da rivedere e con alcune amministrazioni locali ancora molto ostili alla grande azienda.vMa la società vuole comunque andare avanti con i piani per fare una Blade Runner city, per ora solo in versione trasporto. Il progetto auto volanti dovrà diventare una realtà entro il 2020

 Risultati immagini per Uber Teams with NASA on 'Flying Car' Project

Jeff Holden (Uber Chief Product Officer), prevede di annunciare in una "web conference" durante il vertice di Lisbona di Mercoledì,  che Los Angeles si unirà Dallas come le prime due città campione, disposte ad ospitare una sperimentazione che prevede una rete di veicoli operanti nel tessuto urbano. Il progetto prevede che i residenti di Los Angeles arriveranno a fare "un uso pesante" del servizio per le Olimpiadi che si terranno nel 2028.

Holden ha anche detto che Uber ha firmato un accordo con la NASA, per aiutare a sviluppare una rete specializzata di controllo del traffico aereo che mantenga una traccia live di tutti i nuovi veivoli.

In una intervista l'AD di UberAir ha detto, "La tecnologia permetterà ai residenti di Los Angeles di volare letteralmente sopra il caotico traffico della città, dando loro del nuovo tempo, da utilizzare in modi più creativi. Ci aspettiamo UberAir eseguirà decine di migliaia di voli ogni giorno in tutta la città."

UberAir potrebbe ridurre i tempi di viaggio per i pendolari di Los Angeles

 

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

1°C

Milano

Clear

Humidity: 35%

Wind: 11.27 km/h

  • 18 Dec 2017 1°C -3°C
  • 19 Dec 2017 2°C -4°C