updated 12:26 AM UTC, Jan 18, 2018

Dj Fabo, la pm chiede l'assoluzione per Cappato: "Non sono l'avvocato dell'accusa". L'esponente radicale: "L'ho aiutato a morire. Preferisco essere condannato che giudicato irrilevante"

Sara Arduini ha spiegato così la sua posizione così: "Mi rifiuto di essere la parte dell'accusa. Io rappresento lo Stato. E lo Stato è anche Marco Cappato". Lui poi dice: "A un'assoluzione per irrilevanza della mia condotta preferisco una condanna. Perché io ho aiutato una persona a esercitare il proprio diritto di libertà di scelta e quindi a morire" - (VIDEO)


La procura di Milano ha chiesto l'assoluzione di Marco Cappato "perché il fatto non sussiste". Il radicale è imputato a Milano per aiuto al suicidio in relazione alla vicenda di Dj Fabo (Fabiano Antoniani, nella foto Ansa). Il pm Tiziana Siciliano insieme alla collega Sara Arduini hanno chiesto in subordine alla corte d'assise di eccepire l'illegittimità costituzionale dell'articolo 580 del codice penale quello sull'aiuto al suicidio.

"Marco Cappato - ha sostenuto in aula il pm Sara Arduini - non ha avuto alcun ruolo nella fase esecutiva del suicidio assistito di Fabiano Antoniani e non ha nemmeno rafforzato la sua volontà di morire". L'esponente radicale imputato davanti alla corte d'assise per aiuto al suicidio per aver accompagnato  Fabiano Antoniani, Dj Fabo, morto in Svizzera a fine febbraio con il suicidio assistito. 

Dj Fabo, la procura di Milano chiede l'assoluzione per Cappato: "Ha rispettato il desiderio di morire di Fabiano"

Il pm dopo avere ripetuto più volte come fosse "forte e granitica la volontà di Fabiano di morire" in quanto dopo l'incidente stradale era rimasto cieco, paralizzato e senza la speranza di un lieve miglioramento, ha sottolineato più volte che Marco Cappato "non ha in alcun modo rafforzato il proposito suicidiario di Fabo ma lo ha solo rispettato. Anzi lo ha addirittura ritardato cercando di coinvolgerlo nella sua lotta politica per tentare di dargli una nuova prospettiva di vita". I due pm originariamente avevano chiesto l'archiviazione della indagine a carico del rappresentante dell'associazione Luca Coscioni ma poi il gip Luigi Gargiulo aveva imposto l'imputazione coatta e l'esercizio dell'azione penale sostenendo che Cappato andasse accusato di aiuto al suicidio per avere addirittura rafforzato la volontà del proposito di togliersi la vita. (Fonte: Ansa)

Milano, donna sgozzata al parco di Villa Litta: ecco il video dell'assassino. La polizia: "Se lo riconoscete chiamateci"

Il sospetto assassino di Marilena Negri, la donna di 67 anni uccisa con una coltellata al collo all'interno del parco di Villa Litta a Milano, la mattina del 23 novembre, è stato filmato da alcune telecamere. Quella che sembrava solo un'ipotesi è ora confermata dalla decisione della Squadra mobile di diffondere il video che riprende il killer insieme alla foto della catenina indossata dalla vittima. Fornito anche un numero telefonico per le segnalazioni: 349-4566310 - (VIDEO)


Le telecamere hanno filmato il sospetto assassino di Marilena Negri, la donna di 67 anni uccisa con una coltellata al collo all'interno del parco Villa Litta di Milano la mattina del 23 novembre scorso. Quella che sembrava solo un'ipotesi è ora confermata dalla decisione della Squadra mobile di diffondere il video e la foto che immortalano il killer. Un tentativo degli investigatori e della procura per accelerare le indagini con la speranza che qualcuno lo riconosca.

Il presunto assassino di Marilena Negri indossava un giubbotto impermeabile blu e verde col cappuccio calzato e un paio di pantaloni neri, secondo quanto registrato da diverse telecamere raccolte dagli investigatori lungo la strada percorsa dall'uomo. I filmati coprono l'arco temporale tra le 6.40 e le 7, lo ritraggono un centinaio di metri prima di entrare al parco dal lato di via Cialdini, all'interno e all'uscita.

Omicidio al parco Villa Litta, il video del killer. L'appello della polizia: "Se lo riconoscete, telefonateci"

Il volto è nascosto dal cappuccio del suo giubbotto impermeabile. Il sospetto indossa anche scarpe ginniche, pantaloni neri e guanti. L'immagine è sfuocata, il volto non è riconoscibile, ma è perfettamente distinguibile la figura dell'uomo. Gli investigatori hanno riferito che dal modo di camminare l'uomo pare avere qualche problema di deambulazione, perché zoppica leggermente. Mentre si allontana, inoltre, compie degli strani movimenti con le braccia, come se stesse facendo stretching. Più probabile, secondo gli agenti, che si tratti di una simulazione alla vista di una delle telecamere.

La Squadra mobile, in accordo con la procura, ha deciso di diffondere le immagini per aiutare l'individuazione e ha fornito un numero di telefono per le eventuali segnalazioni: 3494566310.

(Fonte Ansa)

 

omicidio milano ×omicidio villa litta ×video assassino villa litta ×killer assassino marilena negri ×donna uccisa ×parco affori ×violenza ×rapina ×criminalità ×polizia ×squadra mobile ×inchiesta ×indagini ×sicurezza milano ×video ×immagini ×foto ×info ×news ×web ×webtv ×tv ×ultima ora ×primo piano ×evidenza ×Donna uccisa in un parco a Milano, spunta il video del sospetto assassino ×Marilena Negri, 67 anni, fu accoltellata a morte il 23 novembre nel parco di Villa Litta Le immagini mostrano un uomo che indossa un giubbotto blu e verde, con il volto nascosto dal cappuccio ×Marilena Negri, video dell'assassino/ Milano, sgozzata al Parco Villa Litta: la ricostruzione dell'omicidio ×Marilena Negri, anziana sgozzata a Milano: diffuso video del presunto assassino al Parco Villa Litta il giorno e nell'ora del delitto Ultime notizie e indizi rivelati dalla Polizia ×La polizia di Milano ha diffuso le immagini dell'omicidio di Marilena Negri, che sarebbe avvenuto il 23 novembre scorso al culmine di una rapina Il malvivente, che gli agenti della Squadra Mobile stanno ancora cercando, avrebbe premuto la lama di un colte ×Le telecamere hanno filmato il sospetto assassino di Marilena Negri, la donna di 67 anni uccisa con una coltellata al collo all'interno del parco Villa Litta di Milano la mattina del 23 novembre scorso Quella che sembrava solo un'ipotesi è ora confermata ×Omicidio al parco Villa Litta, il video del killer L'appello della polizia: ×Ripreso dalle telecamere di sorveglianza il presunto assassino della 67enne Marilena Negri Le immagini diffuse nella speranza che qualcuno lo riconosca e aiuti le indagini La squadra mobile ha diffuso un numero: 349 4566310 ×Le telecamere hanno filmato il sospetto assassino di Marilena Negri, la donna di 67 anni uccisa con una coltellata al collo all'interno del parco Villa Litta di Milano la mattina del 23 novembre Quella che sembrava solo un'ipotesi è ora confermata dalla d ×

Fontana rettifica le sue parole sull'immigrazione e spegne le polemiche: "E' stato un lapsus, intendevo dire che l'accoglienza deve rispettare la nostra storia e la nostra società"

"È stato un lapsus, un errore espressivo, intendevo dire che dobbiamo riorganizzare un'accoglienza diversa che rispetti la nostra storia, la nostra società", ha rettificato così Attilio Fontana, candidato leghista del centrodestra al presidenza di Regione Lombardia, le espressioni infelici inserite in un suo intervento radiofonico sul tema dell'immigrazione - (VIDEO)

"Je suis Chapron", un arbitro, un mito. Il tackle di Nantes è già nella storia e ce lo rende simpatico. Intanto però viene sospeso - IL VIDEO DELLO SGAMBETTO

Attraverso una nota ufficiale, la Federcalcio francese ha deciso di sospendere fino a nuovo avviso Tony Chapron, arbitro protagonista di un curioso episodio durante Nantes-PSG quando, al 90', ha cercato di "falciare" il giocatore di casa Diego Carlos, dopo che quest'ultimo, in maniera fortuita, l'aveva fatto cadere. Cancellata la designazione per la partita infrasettimanale Angers-Troyes e ha deciso di far convocare il fischietto dalla Commissione Disciplinare della LFP. Lui si è giustificato così: "Ho avuto un riflesso sbagliato perché ho sentito dolore". La sua reazione, così insensata e anche insolita per il ruolo ricoperto, è comunque umana; episodi analoghi sono spesso perdonati ai ricchissimi calciatori, ci sia clemenza anche per il povero Tony. Un unico dubbio: avrebbe cercato di colpire anche un uomo del potente club parigino? - (VIDEO)


Un episodio che ha infiammato i social dove tra gli hashtag è spuntato anche #ChapronRouge. E' stato sospeso fino a nuove disposizioni l'arbitro dell'incontro di ieri tra il Psg e il Nantes di Claudio Ranieri che, finito a terra dopo un contatto con Diego Carlos, si è vendicato con un plateale tentativo di sgambetto ai danni del giocatore del Nantes. Tony Chapron è stato convocato dalla commissione disciplinare che affronterà il caso nella riunione settimanale di giovedì. Nel frattemo, salta la gara di mercoledì cui era stato assegnato, Angers-Troyes. Punito per il 'fallo di reazione', alla fine è costretto a chiedere scusa con una nota trasmessa ai media francesi nella quale definisce il suo gesto "maldestro e inappropriato".

E' successo durante l'incontro del Nantes che non riesce a battere il Paris Saint Germain nel posticipo della 207a giornata di Ligue 1. La capolista, vincendo 1-0, porta così a 11 punti il suo vantaggio sulla seconda, il Monaco. Firmata Di Maria la rete decisiva, arrivata già al 12' su assist dell'uruguaiano Cavani. Senza Neymar, i parigini hanno giocato meglio nel primo tempo, soffrendo il tentativo di rimonta del Nantes nella ripresa. Della partita si ricorderà più di ogni altra cosa, però, il comportamento dell'arbitro Chapron. Non per aver annullato per fuorigioco la rete del possibile 1-1 di Sala, ma per il gesto ai danni di Carlos, che lo aveva fatto cadere investendolo durante un'azione di gioco nel recupero.

Non contento, l'arbitro ha quindi estratto il cartellino giallo sul 'colpevole', lo ha espulso per doppia ammonizione - facendolo infuriare e rendendo necessario l'intervento dei compagni per evitare pericolose reazioni - e ha assegnato una punizione al Psg. Social scatenati, e non solo in Francia, con commenti poco lusinghieri per il direttore di gara. Immediata la reazione delle autorità sportive francesi che hanno sospeso il direttore di gara "fino a nuovo ordine".

Tony Chapron è stato convocato dalla commissione disciplinare che affronterà giovedì. Nel frattempo, Chapron salta la gara di mercoledì cui era stato assegnato, Angers-Troyes. Lo si legge in un comunicato della Direction technique de l'arbitrage (Dta) in cui si ricorda anche la posizione dell'arbitro che, travolto dalle polemiche, ha parlato di un gesto involontario nonostante l'evidenza delle immagini. Chapron ha anche preparato una sorta di 'memoria difensiva' da presentare alla commissione ma si è detto subito disponibile a integrare il suo rapporto affinché venga cancellato il cartellino rosso contro Diego Carlos per evitare la squalifica.

Pressato dalle critiche e dall'ironia del web che ne ha fatto il personaggio del giorno, l'arbitro - diventato in meno di 24 ore il più conosciuto di Francia - Chapron si piega e chiede scusa: "Durante la gara sono stato colpito da Diego Carlos - dichiara in una nota. Alla luce delle immagini il suo gesto non mi sembra volontario. Ma in occasione di questo scontro ho avvertito un forte dolore a causa di una recente ferita. In un riflesso sbagliato ho allungato la gamba verso il calciatore". (Fonte: repubblica.it)

  • Pubblicato in Sport

Salvini: "Contento di Fontana, ci aspettano altri 5 anni. Sinistra divisa in Lombardia? Non contiamo sugli errori altrui"

La prima uscita pubblica del leader leghista con il candidato alla successione di Roberto Maroni come governatore lombardo. L'ex sindaco di Varese chiede unità d'intenti e d'azione alla coalizione di centrodestra. Intanto Giorgio Gori incassa il rifiuto di Liberi e Uguali che correrà in proprio. Ma già si parla di voto disgiunto - (VIDEO)

Ecco Attilio Fontana: "Non temo nessuno, ma ci sarà da correre". Un altro leghista di Varese per l'eredità di Maroni, ma l'ha scelto Salvini. Il via libera di Berlusconi: "Sondaggi ok"

La prima intervista al candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Lombardia dopo la rinuncia del governatore uscente a correre per il secondo mandato. Parole moderate, nel suo stile, ma anche nessuna paura dell'avversario Giorgio Gori e di un possibile ricompattamento della sinistra. Intanto gli alleati gli danno il benvenuto: ai microfoni de ilComizio.it anche le parole di Raffaele Cattaneo e Giulio Gallera - (VIDEO)

 

WhatsApp a pagamento dal 13 gennaio? Ecco cosa c'è dietro

“WhatsApp diventerà a pagamento”. Sull’applicazione di messaggistica istantanea è partita nuovamente la catena di Sant’Antonio sull’imminente cambio di gestione di WhatsApp che obbligherà gli utenti a pagare per poter utilizzare il servizio. Un messaggio che periodicamente compare sull’applicazione di messaggistica istantanea e che in breve tempo fa il giro d’Italia. Il messaggio ha cominciato a diffondersi i primi giorni di gennaio e in poco tempo si è diffuso nella maggior parte dei gruppi e delle conversazioni. Il testo del messaggio avverte che WhatsApp diventerà a pagamento dal 13 gennaio 2018 a meno che l’utente non condivida il messaggio con altri 20 utenti. Basterebbe poco per capire che si tratta di una bufala, ma sono molte le persone che hanno creduto al messaggio, tanto che la keyword “WhatsApp a pagamento dal 13 gennaio 2018” è una delle più ricercate sui motori di ricerca... (LEGGI TUTTO)


Attenti a fake news e catene di Sant’Antonio

Quando un’applicazione raggiunge il successo ottenuto da WhatsApp è normale che nascano delle catene di Sant’Antonio. E quella sul pagamento di WhatsApp è un evergreen che esce fuori almeno una volta al mese. E la velocità di propagazione è elevatissima, come accade per le fake news su Facebook e sui social network. Anche perché il modello che è alla base è lo stesso. Il testo del messaggio che annuncia il pagamento di WhatsApp è tanto semplice quanto subdolo: “AVVISO IMPORTANTE A TUTTI GLI UTENTI WHATSAPP | Dopo la nuova vendita del servizio finora gratuito offerto da Whatsapp, il nuovo direttore Yong Lin, durante la conferenza a stampa tenuta stamani 03 Gennaio 2018 a Shangai ha annunciato che da sabato mattina 13 Gennaio 2018 whatsapp diventerà a pagamento! Se hai almeno venti contatti manda questo messaggio a loro. Così risulterà che sei un utilizzatore assiduo e il tuo logo diventerà blu e resterà gratuito (ne hanno parlato al tg). Whatsapp costerà 0,01€ al messaggio. FATE GIRARE”. Per capire che si tratta di una bufala basta effettuare una semplice ricerca online e vedere che il CEO dell’azienda è Jan Koum, uno dei creatori dell’applicazione. Ma l’utilizzo della frase “ne hanno parlato al tg”, non fa altro che aumentare la forza del messaggio.

Come prevenire le catene

Quando si riceve un messaggio del genere, prima di condividerlo con i propri amici è sempre bene verificare l’autenticità. E per farlo bastano pochi minuti: basta visitare il blog di WhatsApp dove vengono annunciate tutte le novità, o quello di Facebook. (Fonte: Libero Tecnologia)

Cagliari-Juve, Var e arbitraggio: a RaiSport volano gli stracci. Lite via Twitter tra Varriale e Mazzocchi

Il giornalista napoletano commenta duramente la direzione di gara di Calvarese che avrebbe favorito i bianconeri evitando l'ausilio della tecnologia a disposizione da questa stagione. Molti utenti si risentono della presa di posizione e il vicedirettore si dissocia pubblicamente sempre attraverso il social media. L'ultimo cinguettio di Enrico che non ci sta: "Io so che la linea della Rai è raccontare sempre la verità. Che è più forte di tutto e di tutti"


"Cagliari-Juve è sembrata una partita del passato quando non c'era Var, non usata inspiegabilmente sul mani in area di Bernardeschi da rigore. Assurdo anche non fischiare la gomitata su Pavoletti. X me Calvarese scandaloso". E' lo sfogo via tweet con cui sabato sera il giornalista Enrico Varriale ha manifestato il suo dissenso nei confronti dell'arbitraggio del match vinto dai bianconeri sul campo della squadra sarda.

Una reazione che ha provocato, a sua volta, la reazione di molti utenti del social: "Chi lavora per una rete pubblica, finanziata dai soldi dei contribuenti, dovrebbe avere almeno il buonsenso di fingere imparzialità" si legge in uno dei tanti commenti. E c'è chi scrive: "In generale, un dipendente (e giornalista) di un ente statale dovrebbe avere sempre etica ed un certo distacco".

E così, tweet dopo tweet, è arrivato anche il commento del vice direttore di Rai Sport, Marco Mazzocchi: "Non è nei poteri di un ViceDirettore (io) censura o sanzione di un collega per l'uso privato che fa di Twitter. Chiaro che sui contenuti che mi avete girato mi dissocio pubblicamente. E specifico che NON RAPPRESENTA LA LINEA DI RAISPORT". (Fonte: Adnkronos)
 
  • Pubblicato in Sport
Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

7°C

Milano

Partly Cloudy

Humidity: 28%

Wind: 6.44 km/h

  • 18 Jan 2018 7°C -2°C
  • 19 Jan 2018 9°C -1°C