updated 4:05 PM UTC, Dec 15, 2017

Cremona anticipa la magia del Natale con la Festa del Torrone. Nove giorni dedicati al dolce lombardo più tipico insieme al panettone

Dal 18 al 26 novembre parte l'atteso appuntamento col gusto e la cultura: un'ottantina di stand e nove giorni di eventi. La manifestazione simbolo della città d'arte lombarda quest'anno si inserisce nel contesto delle celebrazioni monteverdiane, organizzate in occasione dei 450 anni dalla nascita del grande compositore Claudio Monteverdi - (VIDEO)


Risultati immagini per festa del torrone cremona

Duecentocinquanta appuntamenti, con laboratori, animazioni, spettacoli itineranti, cibo e tanta tradizione. È la ‘Festa del Torrone’ che si svolgerà dal 18 al 26 novembre a Cremona e che oggi, 7 novembre, è stata presentata a Palazzo Pirelli, presenti il Presidente del Consiglio regionale Raffaele Cattaneo, l’Assessore alle Culture e Identità Cristina Capellini e il consigliere regionale Carlo Malvezzi, Forza Italia. 

La manifestazione è un vero e proprio viaggio nel tempo, tra storia, dolcezze, arte e golosità. E forte identità territoriale.

Ha sottolineato il Presidente Raffaele Cattaneo: "Ormai il torrone è un dolce talmente tipico che rappresenta la Lombardia nel mondo perché di fatto è espressione di dolcezza e forza, che sono un po’ le caratteristiche dei nostri territori e che nel dolce di Cremona sono ben rappresentate". Cattaneo ha poi preso spunto dalla discussione in Aula sulla Risoluzione sulle richieste di maggiore autonomia da presentare al Governo, sull’onda dei risultati del Referendum dello scorso ottobre, per sottolineare che così come è importante in pasticceria miscelare gli ingredienti per arrivare a un prodotto unico finito che esalti i vari sapori, così deve avvenire anche in ambito istituzionale, dove l’unità nelle diversità ci permette di avere un’unica realtà ma con la valorizzazione delle espressioni dei territori stessi che la compongono.

Anche il Presidente della Commissione Affari istituzionali Carlo Malvezzi ha sottolineato l’importanza della manifestazione perché rappresenta un’occasione straordinaria per parlare di un’eccellenza lombarda e cremonese come il torrone. Un dolce che grazie alla forza degli artigiani locali non si è perso nel tempo ma è stato riscoperto, tanto che oggi non è più solo una presenza legata alle tavole di Natale ma è diventato un dolce adatto a tutte le stagioni perché viene abbinato a diverse pietanze.

L’Assessore Cristina Cappellini ha evidenziato l’impegno di Regione Lombardia nel promuovere eventi come la Festa del Torrone di Cremona perché rappresentano la valorizzazione delle eccellenze della nostra regione e delle nostre tradizioni.

Risultati immagini per festa del torrone cremona

La manifestazione che si aprirà il 18 novembre a Cremona conta tantissimi eventi.

Non mancherà l’immancabile rievocazione storica del matrimonio tra Francesco Sforza e Bianca Maria Visconti, domenica 19 novembre, nella fascinosa cornice di Piazza del Comune, seguito dalla sfilata per le vie del centro storico della città tra le acrobazie degli sbandieratori, musicisti e le splendide figure delle dame e dei cavalieri.

E verranno esposte le costruzioni giganti in torrone.

L’edizione di quest’anno vedrà anche la partecipazione del noto maestro pasticcere Ernst Knam.

Nel 2016 la manifestazione ha chiuso con 300mila presenze, 70 tonnellate di torrone venduto, oltre 300 pullman arrivati in città, 400 camper da tutta Italia, ristoranti e locali della città assediati dai visitatori.

Alla presentazione era presente tra gli altri anche l’Assessore cremonese alla Città Vivibile e alla Rigenerazione urbana Barbara Manfredini.

  • Pubblicato in Cultura

Le canzoni di Lucio Battisti rischiano di finire all'asta: il figlio dà battaglia

Luca, erede del grande cantante, è pronto a difendere brani come "Emozioni", "I giardini di Marzo" e "Il mio canto libero", che rischiano di finire all'asta entro l'anno dopo che la Edizioni Musicali Acqua Azzurra S.r.L, detentrice del catalogo di Battisti, è stata messa in liquidazione. Così, ha scelto le vie legali - (VIDEO)


Luca Battisti, figlio di Lucio Battisti, è determinato a difendere con le unghie e con i denti le opere musicali di suo padre. Dopo la sentenza del Tribunale di Milano del luglio 2016 che ha condannato la Edizioni Musicali Acqua Azzurra S.r.l. a pagare a Mogol la somma di 2,8 milioni di euro a titolo di risarcimento del danno, per essersi resa inadempiente ai contratti di edizione musicale sottoscritti dal noto paroliere insieme a Lucio Battisti, la società è stata messa in liquidazione e adesso le opere musicali di Lucio Battisti – da “Emozioni” a “Mi ritorni in mente”; da “Acqua azzurra, acqua chiara” a “I giardini di marzo”; da “Dieci ragazze” a “Il mio canto libero” - sono state messe all’asta dai liquidatori. Il catalogo editoriale della Edizioni Musicali Acqua Azzurra S.r.l. fa gola a molti.

In questi mesi, le principali publishing operanti sul mercato italiano – a partire dalla Sugarmusic S.r.l. di Caterina Caselli, passando per la Universal Music Publishing Ricordi S.r.l., la Emi Music Publishing Italia S.r.l., la Sony Publishing Italy S.r.l. e la Edizioni Curci S.r.l. - si sono già fatte avanti nel tentativo di accaparrarsi uno dei cataloghi editoriali più preziosi in circolazione, facendo pervenire ai liquidatori delle manifestazioni di interesse all’acquisto delle opere musicali di Lucio Battisti.

“La legge sul diritto d’autore - spiega l’avvocato Simone Veneziano, legale di Luca Battisti - prevede che nelle composizioni musicali con parole l’esercizio dei diritti di utilizzazione economica spetta all’autore della parte musicale. Nelle opere musicali frutto del sodalizio artistico tra Mogol e Lucio Battisti l’esercizio dei diritti di utilizzazione economica spetta dunque a Lucio Battisti e, dopo la sua morte, ai suoi eredi. Ne discende che, in caso di accoglimento della domanda giudiziale di Luca Battisti di risoluzione dei contratti di edizione musicale sottoscritti da Mogol e Lucio Battisti per inadempimento della Edizioni Musicali Acqua Azzurra S.r.l. - accoglimento da ritenersi altamente probabile, essendo l’inadempimento di quei contratti già stato accertato dal Tribunale di Milano - la gestione delle opere musicali di Lucio Battisti tornerebbe saldamente nelle mani dei suoi eredi”.

Intanto, in attesa che il giudice si pronunci, Luca Battisti ha diffidato i liquidatori ad astenersi dal disporre in favore di chiunque del catalogo editoriale della Edizioni Musicali Acqua Azzurra S.r.l. Il sipario sulle opere musicali di Lucio Battisti non è ancora calato.

  • Pubblicato in Cultura

Arriva la Milano Music Week, Niccolò Fabi apre la prima edizione

Dal 20 al 26 novembre una settimana di concerti, dj set, incontri e dibattiti Tra i primi nomi confermati: oltre a Fabi, Caparezza, il trio Nek, Francesco Renga, Max Pezzali (presenti per un incontro aperto), PFM, Nesli, Mauro Pagani, Eugenio Finardi, Le Vibrazioni e molti altri. Alla presentazione le nostre interviste al sindaco Sala, all'assessore Del Corno e al curatore Luca De Gennaro - (VIDEO)


MILANO MUSIC WEEK 1 edizione | Milano, 20-26 novembre 2017 Un programma di appuntamenti dedicati alla musica pop lungo una settimana

Si terrà a Milano dal 20 al 26 novembre la prima edizione della Milano Music Week, nuovo appuntamento per il mondo della musica italiana. L’iniziativa promossa e coordinata dal Comune di Milano insieme a SIAE (Società Italiana degli Autori ed Editori), FIMI (Federazione Industria Musicale Italiana), Assomusica (Associazione Italiana Organizzatori e Produttori Spettacoli di Musica dal Vivo) e NUOVOIMAIE (Nuovo Istituto Mutualistico Artisti Interpreti o Esecutori), e con il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, vuole potenziare e confermare la vocazione internazionale del tessuto artistico e produttivo milanese.

Una grande festa che per un’intera settimana travolgerà la città con moltissimi eventi in cui la musica sarà assoluta protagonista: concerti e dj set, dibattiti e incontri, mostre e laboratori che coinvolgeranno tutti gli operatori in ambito musicale (l’industria discografica, i locali, i centri di formazione, gli artisti, i promoter, gli autori).

Ad inaugurare il programma di appuntamenti della Milano Music Week sarà Niccolò Fabi, uno dei più apprezzati cantautori italiani, protagonista di una puntata di VH1 Storytellers, format internazionale di Viacom International e VH1 ed evento principale della “opening night” al Teatro Dal Verme. Il cantautore romano celebra vent’anni di successi con la raccolta Diventi Inventi 1997 – 2017, in uscita il 13 Ottobre, e con un unico grande concerto al PalaLottomatica di Roma il 26 Novembre. La serata inaugurale della Milano Music Week sarà dunque un evento eccezionale durante il quale Niccolò ripercorrerà in versione intima e acustica due decenni di grandi canzoni.

Un evento importante per il capoluogo lombardo, che conferma il ruolo di Milano come centro nevralgico e città trainante per la vitalità dello spettacolo e in particolare della musica in Italia. La Lombardia, infatti, detiene il primato di regione regina della musica, con il 20,1% delle imprese del settore in Italia: solo nel 2016 sono stati 142.000 gli spettacoli in tutta la regione, che hanno registrato 6 milioni di ingressi e 8 milioni di presenze, per un volume d’affari pari a 200 milioni circa. Ma è proprio la città di Milano il principale polo lombardo in ambito musicale: 300 eventi mensili in media, un indotto per i concerti pari a circa 8 milioni al mese, 928 imprese in costante aumento (il 9,3% del totale nazionale) e quasi 7000 addetti che operano nel settore (pari al 13,9% degli addetti a livello nazionale).

Numeri importanti che attestano la centralità di Milano non solo come motore per la vitalità culturale, ma anche per il volume d’affari e la spinta occupazionale nella filiera musicale per l’intero Paese. Un nuovo appuntamento che, oltre ad accrescere il valore dell’offerta culturale, costituisce il primo tassello per fare di Milano una Music City, creando nuove opportunità anche per l’economia della città, come già accaduto all’estero.

Curatore artistico della Milano Music Week sarà Luca De Gennaro, Vice President Of Talent And Music di Viacom per Sud Europa, Medio Oriente e Africa, che ha aderito al progetto con grande entusiasmo: “Sarà una settimana dedicata alla musica come esperienza completa, intesa non solo come intrattenimento ma anche come creazione, racconto, lavoro. Una piattaforma per fare conoscere giovani artisti e nuove produzioni”.

La prima edizione della Milano Music Week ha già coinvolto le realtà cittadine più attive che producono, promuovono e ospitano eventi musicali: sono fino ad oggi 50 le adesioni raccolte tra associazioni, etichette e promoter, 60 gli artisti che hanno confermato la loro partecipazione e 41 le locationdove si terranno gli eventi.

Ancora una volta Milano, capitale della musica, risponde con grande entusiasmo alle sollecitazioni del pubblico e del territorio, proponendo un’offerta culturale di qualità che riesce a crescere ogni anno di più. Ma la chiamata è  ancora aperta e nelle prossime settimane il programma si arricchirà della partecipazione di altri attori, operatori, musicisti e locali.

Milano Music Week avrà come centro nevralgico, presso BASE Milano (in via Bergognone 34), Linecheck – Music Meeting and Festival, che ospiterà contenuti speciali, incontri riservati agli operatori, show case e concerti: un momento professionale pensato per l’industria musicale nazionale e internazionale. Tra i nomi presentati nel programma di Linecheck: la band svedese dei Little Dragon nella loro unica data italiana, il cantautore statunitense Perfume Genius, Iosonouncane che duetterà con Paolo Angeli in un progetto speciale, il duo electropop degli Yombe, il techno artista francese Jacques, il multistrumentista e compositore iraniano Ash Koosha, Thundercat nella sua unica data italiana (in collaborazione con Jazz:Re:Found) e l’hip-hop di Freddie Gibbs.

Main partner della manifestazione sono MTV, principale brand di intrattenimento per ragazzi in esclusiva su Sky (canale 133), e VH1 (canale 67 del ddt), canale musicale dedicato a tutti gli appassionati di musica, entrambi sono brand di Viacom International Media Networks Italia azienda guidata da Andrea Castellari. Partner della Milano Music Week sono: PMI, l’Associazione che raccoglie gli imprenditori italiani della musica decisi a sostenere i diritti della produzione indipendente; SCF, società italiana che gestisce la raccolta e la distribuzione dei compensi, dovuti ad artisti e produttori discografici, per l’utilizzo in pubblico di musica registrata, come stabilito dalle direttive dell’Unione Europea e dalla legge sul diritto d’autore; Doc Servizi, cooperativa di spettacolo con sedi in tutta Italia che valorizza, promuove e regolarizza il lavoro dei professionisti del settore. Educational partner della manifestazione sono: CPM Music Institute, istituto formativo in ambito musicale; SAE Institute, network di formazione dedicato ai creative media; ALMED, alta scuola in media, comunicazione e spettacolo dell’Università Cattolica del Sacro Cuore.

Da questi giorni è disponibile la MilanoCard MMW Special Edition (www.milanocard.it/musicweek) che, oltre ai servizi standard inclusi in ogni card, offre gratuità o riduzioni agli eventi che si svolgono durante la Milano Music Week. Insieme alla Card sarà inoltre possibile ritirare un braccialetto che permetterà di usufruire dei benefit relativi alla Milano Music Week.

 

  • Pubblicato in Cultura

CasaPound, quel "disperato amore" che punta al Parlamento. Parla Gianluca Iannone

Probabilmente qualcuno non ha gradito la nostra intervista a Gianluca Iannone, presidente del movimento CasaPound Italia, e ha pensato bene di compiere un selvaggio attacco hacker al nostro portale che ne ha riportato un danno rilevante. Bene, ilComizio.it non si chiama "La voce di tutti" per caso; la nostra volontà è e rimane quella di ospitare le più diverse posizioni politiche e culturali, a prescindere dall'orientamento personale di quanti con noi lavorano. Ritenendo miserabile il comportamento di chi pensa che una vile azione di boicottaggio informatico sia sufficiente a mettere a tacere il nostro desiderio di far conoscere la realtà in tutti i suoi aspetti, ripubblichiamo il pezzo, con tanti saluti agli intolleranti di ogni razza e colore


Gianluca Iannone, presidente di CasaPound Italia, il vostro movimento sta facendo molto parlare molto di sé. Il nome di CasaPound è presente sempre più spesso sui giornali e nell’agone politico; avete raggiunto risultati elettorali importanti, quantomeno a livello amministrativo, e spesso vi trovate al centro di polemiche con chi, nel campo antifascista,  vi condanna per la vostra matrice storica. Noi non ci accontentiamo delle etichette e degli schemi preconfezionati e vorremmo invece capire meglio che cos’è Casa Pound, il mondo che rappresenta, come agisce, che rapporto ha con la società e con l’elettorato. Ci aiuti.

CasaPound nasce a Roma nel dicembre del 2003 e diventa un movimento politico nazionale nel giugno del 2008 e si articola su vari punti che sono la solidarietà, lo sport, la cultura e ovviamente la politica, che vuol dire semplicemente interesse della polis, della città. Noi ci candidiamo alle elezioni ottenendo ottimi risultati, superando in media l’1% che, per un movimento come il nostro, è “tanta roba”. Alle ultime amministrative in una città importante come Lucca, nel cuore della Toscana, abbiamo raggiunto l’8% , a Todi il 5%, a Frosinone il 2,5%. In tutte le altre città abbiamo superato il fatidico “uno virgola”, pertanto nessuno può più considerarci irrilevanti. Ovviamente veniamo attaccati dai vari schieramenti, non solo a sinistra, proprio perché siamo contrari al tipo di politica dominante. La differenza fra noi e un Salvini o un Berlusconi è appunto di non essere, di non voler essere complici della mattanza di questa terra chiamata Italia e, quindi, procediamo spediti verso i nostri obiettivi.

Ecco, appunto, parliamo della vostra diversità dalle altre forze che non sono di sinistra, in particolare il centrodestra del trio Berlusconi-Salvini- Meloni, soggetti che, con sfumature varie, stanno puntando su una proposta sovranista e apparentemente a tutela degli interessi nazionali, temi vostri insomma. In qualche modo addirittura il Movimento 5 Stelle, pur a fasi alterne, spesso interpreta questo tipo di sentimenti

Sì, sì. Grillo dice una cosa e i suoi eletti fanno l’opposto, perché io ricordo che il reato di clandestinità è stato abolito anche grazie ai 5 Stelle. Quindi è inutile che poi Grillo dica ‘basta immigrazione’ se, poi, i suoi deputati e i suoi senatori fanno l’opposto.

Però capiscono che lo ius soli non è molto popolare…

“Sì, pubblicamente dicono di no, però,  sotto sotto si sa che auspicano l’approvazione dello ius soli a cui invece noi siamo contrari con tutte le nostre forze e lo abbiamo dimostrato coi fatti. Parlerei di bipolarismo, ma non a livello politico, io dico proprio a livello umano: tutti dicono una cosa, poi ne fanno un’altra, tra incoerenza e schizofrenia. Pendiamo la Meloni: ha votato più di 40 provvedimenti del Governo Monti, tra cui la Legge Fornero e la scelta di rimandare i nostri Marò nelle carceri indiane per poi, una volta passata all’opposizione, chiedere la loro liberazione. Ecco questo è il teatrino delle miserie umane della politica italiana. Purtroppo ci hanno abituato a tutto e al contrario di tutto. Adesso addirittura Alfano ritorna nel centrodestra con Berlusconi e sarà divertente vedere Salvini insieme a uno che fino all’altro ieri lo attaccava pesantemente. Questo accade perché parliamo di forze politiche che non hanno a cuore il riscatto nazionale, ma che puntano solo al potere, a entrare nei consigli di amministrazione, nelle gestioni delle municipalizzate in tutta Italia.

Quindi, in ragione di questa vostra diversità dal teatrino delle miserie, avete fatto una scelta politica anche in chiave elettorale del tutto autonoma?

Esattamente. Per un certo periodo siamo stati vicini alla Lega Nord, in quanto dopo aver abbandonato il secessionismo padano aveva iniziato a dire quello che Casa Pound diceva da sempre. Abbiamo tenuto insieme due cortei, a Milano e a Roma. Dopodiché Salvini ha aperto alla Meloni e insieme hanno fatto un bel comizio ‘vecchio stile’ a Bologna con il vecchio Berlusconi e noi in quel momento abbiamo detto ‘basta’. Le nostre strade si sono separate perché, ovviamente, la riedizione di quel centrodestra così sterile, così privo di visione, di futuro, non poteva vederci complici.

Vi presenterete da soli anche alle elezioni politiche?

Soprattutto alle politiche, anche perché se resta la soglia di sbarramento del 3%, abbiamo ottime possibilità di raggiungere l’obiettivo di entrare in Parlamento. Ma anche se fosse al 25% noi andremmo da soli….

Una questione di principio ormai

“Sì, vogliamo comunque lasciare un segno; se ci rendessimo complici del teatrino di cui parlavamo, poi non potremmo neanche più dire la nostra”

Lei converrà, però, che i vostri concorrenti “sovranisti” hanno una visibilità mediatica superiore alla vostra

Questo è chiaro, ma proprio perché sono complici di questo sistema di cose, che i media decidono  chi va a parlare in televisione e chi no. La Meloni e Salvini vengono invitati perché sono funzionali e non nemici di questa situazione. Noi si siamo i veri nemici della sostituzione del nostro popolo, per questo non ci fanno parlare.

Come pensate di sopperire alla mancanza di visibilità da parte degli organi di informazione più importanti?  Voi avete una vostra azione comunicativa sia nel rapporto diretto con i cittadini sia sul terreno web/social. Vantate un bel giornale on-line di riferimento, il Primato Nazionale, diretto da un giovane intellettuale della vostra area, che è responsabile culturale di CasaPound, Adriano Scianca, un altro che ci pare ignorato a torto dalla tv. E’ questa la strada?

 E’ evidente che noi viviamo questo tipo di isolamento a livello mediatico, però sappiamo fare di necessità virtù. Creiamo nuove forme di comunicazione, ‘prendiamo la parola’ riempiendo le città di manifesti o di striscioni, e i media sono costretti a citarci. Poi c’è una grande fortuna in quest’epoca buia che si chiama “Facebook” e, quindi, la nostra riusciamo a dirla e raggiungere gran parte, se non la totalità, degli aventi diritto al voto in questa Nazione. E’ chiaro che servirebbe un maggiore coraggio, una maggiore libertà da parte delle televisioni, dei media tutti, però sappiamo che questo è quasi impossibile, visto che la maggior parte dei quotidiani sono legati a quei centri di potere che noi combattiamo. Ad esempio l’Espresso appartiene al Gruppo De Benedetti. Il figlio di De Benedetti è il detentore della sigla “Save the Children”, che è una delle ong che opera nel Mar Mediterraneo, conducendo operazioni schiaviste, portando alla sostituzione di popolo, prendendo anche dei soldi, in Italia. Quindi, è chiaro che noi subiamo attacchi dal Gruppo De Benedetti, perché noi siamo fermamente contro l’immigrazione.

La partita oggi non è solo nazionale, è globale, in particolare europea. Probabilmente la vera sfida a livello civile, economico, politico si gioca in Europa. Voi siete molto attenti al Vecchio Continente che richiamate sempre con forza. C’è la critica naturale nei confronti delle burocrazie di Bruxelles, ma anche un legame con altre realtà simili alla vostra in ambito europeo. E’ con loro che volete “insorgere contro il fatalismo”, come dite?

Certo, perché il male che attanaglia tutti i popoli è lo stesso, quindi realtà simili, ispirate o molto vicine a Casa Pound si trovano in Francia, in Spagna, in Grecia e in molti altri Paesi d’Europa, perché le tematiche sono le stesse, come l’abbandono delle priorità di una Nazione a fronte di un’invasione controllata da centri di potere. Comunque, la nostra è una visione ‘europeista’, ma questa Unione Europea non ha nulla a che vedere con la nostra Europa.

In politica estera voi avete delle posizioni piuttosto nette anche per quanto riguarda gli scenari mediorientali e la lotta al terrorismo. Avete un aperto sostegno nei confronti del presidente siriano Bashar al Assad, che le cancellerie e la stampa occidentale descrivono come un feroce  tiranno, ma che combatte l’Isis insieme alla Russia. In Siria siete intervenuti direttamente attraverso associazioni di volontari a voi collegate, per portare aiuti.  Come leggete questa situazione così complicata e drammatica?

La situazione purtroppo è simile a quella che ha vissuto l’Italia nel  1943. Viene rappresentato il dittatore che affama il popolo, una persona cattiva, che deve essere abbattuta in nome della ‘democrazia’; in realtà si tratta di vile demagogia condita da grande ignoranza. Ci tocca ascoltare fino allo sfinimento sempre la solita filastrocca.  Assad è il legittimo Presidente della Siria ed è un uomo di popolo, uno che - tanto per dire - corre da solo, con la sua auto, inseguito disperatamente dalla scorta, quando vengono bombardate dai terroristi le case della sua gente, altro che le falsità sui civili che ci raccontano. In Siria oggi c’è un altissimo tasso di istruzione,  come eccellente è il livello della Sanità. E’ tutto statale. Parliamo soprattutto di un Paese rigorosamente laico, e, quindi, è nemico naturale di strutture medievali tipo Arabia Saudita e affini, che sono poi quelle Nazioni che finanziano il terrorismo internazionale e che vogliono, appunto, far cadere il modello di Assad, così come fecero con Saddam Hussein. Quindi noi siamo presenti in loco con la nostra onlus, che si chiama “SOL.ID”. Abbiamo portato medici e medicinali. Abbiamo consegnato anche due ambulanze e i nostri volontari sono stati accolti dai ministri siriani, sono stati intervistati dalla televisione. Tutto ciò dimostra che, nonostante in Italia ci siano dei governanti totalmente inadeguati e fuori posto, c’è un popolo che nella Siria trova un partner ideale, così come è sempre stata la Siria nei nostri confronti

In Italia invece come combattereste voi il terrorismo di matrice islamica

Innanzitutto bloccando immediatamente le frontiere, mettendo dei blocchi navali e facendo un controllo capillare su tutte le persone provenienti da certi Paesi presenti sul territorio nazionale; verificheremmo che tipo di referenze hanno, in che tipo di contesto vivono, se hanno dei precedenti e di che tipo . Insomma non daremmo tregua a chi rappresentasse una minaccia anche solo potenziale per la nostra gente. Oggi invece viviamo in una condizione assurda. Improvvisamente si sono accorti che le cosiddette ong sono un problema;  stanno ridiscutendo le autorizzazioni e forse ne saranno concesse soltanto a 12 anziché a 100. C’è gente che viene da tutta Europa per favorire gli sbarchi. E ci sono  ong che non firmano accordi governativi perché si rifiutano di far salire la polizia a bordo delle loro imbarcazioni. E’ evidente che hanno qualcosa da nascondere e oggi se ne accorgono (quasi) tutti

Parlando sempre di terrorismo e di Islam, la vostra interpretazione del fenomeno è un po’ diversa da quella, ad esempio, della Lega o di una parte della destra, che tende a semplificare un po’ troppo il problema. Escludendo che voi siate più moderati, siete più raffinati nel ragionamento?

Certo. E’ un aspetto che tengo a precisare bene: noi non vogliamo cadere nell’errore dello scontro di civiltà. Non abbiamo intenzione di applicare l’equazione islamico-terrorista; se uno vuole pregare Allah, ma rispetta la nostra cultura non è un nemico della Nazione.  Il problema è quello di un fenomeno, l’immigrazione, che deve essere gestito e controllato in tutt’altro modo, sia a livello etnico sia a livello religioso. Tornando alla Siria, Assad è musulmano; è musulmano come lo sono i suoi soldati che combattono la barbarie dello Stato Islamico.

A proposito, in materia di religione come vi ponete per quanto vi riguarda?

All’interno di CasaPound c’è libertà di culto. In questo ci ispiriamo molto all’impostazione di Roma Antica. Al primo posto c’è la Nazione, quindi si tollera tutto ciò che non è in contrasto con essa. Si può essere cattolici, musulmani, buddisti, politeisti, atei, insomma non è quello il punto centrale. Qui rappresentiamo una grossa differenza rispetto a tutti gli altri movimenti che sommariamente possiamo definire ‘di destra’, o alla stessa Lega, perché loro puntano a semplificazioni  e  letture facili quanto grezze dell’argomento perché pensano di trarne così un maggiore consenso in termini di identità e consenso, ma alla lunga una simile impostazione porterà solo ulteriori problemi.

Senta Iannone per concludere la nostra chiacchierata, alleggerendo un po’, ma non più di tanto, parliamo di musica. Lei, con il nome d’arte di Sine Vox, è la storica voce e anima degli ZetaZeroAlfa, band pressoché ufficiale di CasaPound e di riferimento per tutto il vostro ambiente umano e politico. E’ uscito pochi mesi fa il vostro nuovo album, ben sette anni dopo il precedente…

 C’abbiamo avuto tanto da fare,  Ce la siamo presa comoda… :)

S’intitola “Morimondo”, come un Paese alle porte di Milano dove sorge una storica Abbazia. C’è qualche relazione?

Sì, anche. Ci trovavamo nella zona, di passaggio in macchina,  e abbiamo visto un cartello con scritto ‘Morimondo’. Ci ha colpito il fatto che l’insegna stradale fosse crivellato di colpi d’arma da fuoco;  insomma siamo rimasti molto sorpresi perché è una cosa più da sud Italia che da Lombardia. Siccome eravamo di fretta ci siamo detti ‘Vabbeh torniamo domani, così facciamo una bella foto’.  Tornati il giorno dopo non c’erano più né il cartello né i segni degli spari. Da lì sono andato ad approfondire il significato della parola ‘morimondo’, che vuol dire ‘la montagna che sovrasta la palude’. In questo ho rivisto molto CasaPound, quindi il nome mi è sembrato perfetto. E poi ha questo suono, questa sonorità, ‘morimondo’,  che sembra un po’ una filastrocca, un po’ una promessa, un po’ una minaccia, un po’ qualcosa che sta per avvenire, che sembra un suggerire:  ‘morisse il mondo, farò quella cosa’.

Morimondo” è anche il titolo di una delle canzoni che si trovano nel cd. Parla di libertà. Un brano molto intenso con simboli, figure, messaggi, piuttosto complessi, come sofisticati sono anche altri pezzi, anche sotto l’aspetto musicale. Ci aiuti a capire.

Ci sono un po’ di esempi. Le due canzoni, secondo me più importanti nell’album, sono appunto ‘Morimondo’ e ‘A difesa della Torre’.  Protagonisti sono i due elementi fondamentali nel gioco degli scacchi, il cavallo e la torre (quelli bravi dicono che le partite a scacchi si vincono con questi due elementi). Ecco il significato: la torre come difesa e il cavallo come elemento di sorpresa, di sgomento, che è quello dell’attacco. Fatto sta che negli scacchi l’unico elemento che salta gli altri pezzi è appunto il cavallo. E il cavallo, secondo la cultura orientale, è appunto l’imprevisto,  perché corre dritto, poi, improvvisamente, decide e svolta. L’anno del cavallo, due anni fa, è stato l’anno appunto dei grandi imprevisti, dei grandi cambiamenti. Quindi c’è questo dualismo sul fatto che, mentre la torre si muove in verticale e in orizzontale, quindi in modo molto netto, chiaro, e rappresenta appunto la difesa, perché è l’elemento che si muove quasi per ultimo ed è quello sempre più vicino al Re; il cavallo è, appunto, l’attacco. Quindi, in ‘Morimondo’ si paragona il destino, il proprio destino, a quello del cavallo, un destino che è tutto ancora da scoprire, che non sappiamo dove ci porterà, ma sappiamo che tutti quanti noi abbiamo questo forte istinto verso la libertà. Che poi la libertà non è una catena spezzata, ma è l’anello stesso della catena che ti lega ai tuoi simili, ai tuoi camerati e, di fatto, nella canzone vengono nominate tutte cose che sono nostre o che abbiamo fatto o che abbiamo alla nostra portata. E, quindi, parliamo di libertà non come di qualcosa di inarrivabile, perché, di fatto, tutto quello che noi abbiamo fatto e che facciamo oggi è proprio in nome di quella libertà che ci siamo conquistati e che non siamo disposti a cedere minimamente

Se dovesse scegliere una canzone “manifesto” di ZetaZeroAlfa, di CasaPound, del vostro mondo,  quale indicherebbe?

Credo che ‘Disperato Amore’ sia la canzone che ha creato più emozione ed è forse proprio quella la più rappresentativa di CasaPound.  Anche perché riprende una storia a noi cara, quella delle squadre d’azione; una si chiamava ‘La Disperata’, proprio perché il loro amore per la Patria era veramente disperato. La canzone racconta quel momento lì, il momento in cui tu torni, dopo la guerra finita (il primo conflitto mondiale, ndr) , e trovi una Nazione allo sbando, il biennio rosso, con le violenze dei rossi, con le angherie, con un governo che comunque non era all’altezza delle aspettative della Nazione. C’è l’idea di un Risorgimento mai sviluppato fino in fondo. Per questo sono convinto sia il pezzo che meglio rappresenta tutto il Movimento, anche perché è quello che ogni volta che la suoniamo dal vivo cambia proprio l’atmosfera, si instaura qualcosa di magico attorno a noi.

Un “disperato amore” da fascisti, anche perché spesso siete incompresi, se qualcuno vi riserva tanto odio. Vi ispirate ancora a quella storia incuranti delle condanne che vi piovono addosso?

Certo, e poi, al di là dei sentimenti, se l’Italia è diventata una potenza economica e industriale all’avanguardia è stato grazie al fascismo e chi nega una realtà storica così palese è sicuramente persona in cattiva fede.

Ma, a parte le polemiche sul passato, cosa pensate di quanti vi giudicano e vi etichettano senza conoscervi davvero?

Che tanto prima o poi ci conosceranno tutti…

  • Pubblicato in Politica
Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

-2°C

Milano

Mostly Cloudy

Humidity: 64%

Wind: 6.44 km/h

  • 18 Dec 2017 2°C -3°C
  • 19 Dec 2017 2°C -4°C