updated 8:33 PM UTC, Jul 20, 2018

L'India, antica tradizione sacra e nuova potenza economica: riecco Overland con l'avventura numero 19. Tutti pronti a partire con Filippo Tenti e il suo team (VIDEO)

Cultura, conoscenza, scoperta, avventura. C'è una tv bella da guardare, soprattutto d'estate, quando ci si ferma di più a pensare e magari sognare. Da lunedì 23 luglio su Rai1 arriva "Overland 19: Un'altra via per le Indie", 8 episodi in seconda serata attraverso l'India, tra modernità e tradizione, tra stupore e meraviglia. "Partiti dal Kerala - spiega la produzione - attraverseremo le dune del grande Rajasthan fino alle pendici dell'Himalaya, dove c'è il confine con il Pakistan, senza mancare la sacra Varanasi con i suoi rituali sul Gange, ultima tappa Calcutta dove terminerà la spedizione". (GUARDA IL TRAILER)


Come insegna la storia, chi cerca un’altra via per le Indie si trova davanti a scoperte incredibili. È con questo spirito d’avventura e piacere per la scoperta che parte la spedizione di Overland verso Est, lungo le strade di un’India in grande evoluzione ma ancora legata a riti ancestrali - che si rispecchiano nelle usanze quotidiane, nei modi di vivere, lavorare e comportarsi nella comunità – e fortemente permeata di spiritualità (nel Paese convivono induismo, islamismo, buddismo e cristianesimo). Incorniciata in paesaggi spettacolari che lo spettatore potrà vivere al fianco del team di Overland. Il ricordo della dominazione coloniale inglese, seppur lontano, si manifesta ancora oggi nella lingua parlata predominante, l’Inglese, che spesso si mescola all’Hindi in un fiero “hinglish”, una gioiosa e divertente masala (mescolanza).

Il mix di passato e presente, antico e moderno, caratterizza il Paese a partire dalle donne, avvolte nei loro Sari preziosi, riccamente ricamati e dai colori sgargianti, uno dei pochissimi indumenti ad essere stati tramandati per così tanti secoli. La via per le Indie intrapresa da Overland è un percorso fuori dagli schemi turistici ma appassionante e pieno di vita vissuta intensamente: condurrà lo spettatore dall'estremo sud del Kerala all'estremo nord del pericoloso Kashmir, al confine conteso con il Pakistan. Insieme visiteremo il piccolo ma significativo enclave buddista del Ladakh, dai paesaggi mozzafiato e dalle piste rocambolesche, appena raggiunto dagli spazzaneve, a 4.000 metri di quota.

E ancora le grandi metropoli come Bombay e Delhi, dove la modernità svetta nei grandi raggruppamenti edilizi di recente costruzione, ma anche nelle baraccopoli sorprendentemente pulite, sicure e allegre, a dispetto di quanto spesso si racconti. Il viaggio continua a bordo della carovana di 4 veicoli a trazione integrale che conduce la spedizione, con eccellente sicurezza e comfort, nello spettacolare deserto del Rajastan e lungo le vie che portano a Varanasi e Calcutta, dove ha termine il viaggio esteriore. Quello interiore, ovviamente, continua.

A partire da Lunedi 23 Luglio 2018, per 8 imperdibili puntate da 52' in seconda serata, RAI1 trasmetterà l'affascinante viaggio di "Overland 19: Un’altra via per le Indie ". Anche quest'estate, il pubblico italiano appassionato di viaggio, conoscenza e avventura viaggerà in terre lontane in compagnia di Filippo Tenti e del team di Overland.

Overland 19 è stato reso possibile grazie a Volkswagen Veicoli Commerciali e ai 4 formidabili veicoli con tecnologia 4Motion che ci hanno accompagnato per tutta l’avventura: un Amarok, un Kombi, un Crafter e un California Beach che sono diventati i nostri inseparabili compagni. Grazie anche ad AirIndia che ci ha dato un passaggio dall'Italia mentre i nostri mezzi viaggiavano via nave verso Est, e allo stile di Columbia Sportswear che ha caratterizzato la spedizione. L’arancione della carovana Overland 19 è merito di Wrappingitaly.it Inoltre, Tunap Italia ha garantito lo svolgimento dell'avventura contro il carburante impuro presente in loco. Siamo pronti per la prossima avventura!

(Ufficio Stampa Overland Network)

  • Pubblicato in Cultura

Salvini scatenato dalla villa confiscata alla mafia in Toscana: "Mafiosi e scafisti, siete le stesse merde. Il business è finito". Poi fa il bagno nella piscina del boss (VIDEO)

Diretta Facebook del ministro dell'Interno e leader leghista, Matteo Salvini, dall'azienda agricola Suvignano a Monteroni d'Arbia, in provincia di Siena, confiscata alla mafia nel 2007, per ribadire l'impegno suo e del governo contro la criminalità organizzato. Eccone uno stralcio - (VIDEO)


Salvini "mafiosi e scafisti le stesse merde": il ministro dell'Interno è in Toscana per ribadire l'impegno contro la criminalità organizzata e, nel corso di una diretta su Facebook, è partito all'attacco. Ecco le parole del segretario della Lega: “Sono qui per dimostrare che lo Stato è meglio della mafia. Siamo in una azienda agricola che è stata sequestrata più di venti anni a un boss mafioso e sono qua perché lo Stato deve dimostrare che è più veloce e più bravo della mafia, crea posti di lavoro e deve restituire questo patrimonio ai cittadini. Non ci si possono mettere 24 anni per restituire alla comunità, la villa è stata trasformata in un agriturismo, c’è lo Stato che vince sulla mafia”.

Continua Salvini, sottolineando gli obiettivi del Governo: “Ci sono quindici mila pegni da riutilizzare bene e in fretta, trasformandoli in scuola, asili, case di riposo, commissariati della Polizia di Stato e dei Carabinieri, strutture alberghiere. Qua ci sono turisti che pagano, non i finti profughi che vengono a farsi i bagnetti in piscina che tanto ci sono gli italiani a mantenerli. Il messaggio è chiaro per bastardi mafiosi, camorristi e ‘ndranghetisti: l’Italia non sarà più il vostro Paese. Dedicherò ogni mio energia per combattervi via per via, negozio per negozio, azienda per azienda, quartiere per quartiere, provando anche a sequestrarvi anche le mutande”. 

Salvini ha poi voluto ringraziare tutti coloro che lottano quotidianamente contro la criminalità organizzata: “Rendo onore ai tanti amministratori locali, ai giornalisti, ai giudici e magistrati che stanno rischiando la vita per combattere la mafia con i fatti e non con le parole. L’antimafia dei fatti è quella di Falcone e Borsellino, dei tanti sindaci di Paesi che combattono da soli e che vengono minacciati. La mia prossima missione antimafia sarà in Calabria, otto appartamenti sequestrati alla ‘ndrangheta verranno trasformati in commissariati”.

Infine, l'intreccio tra mafia e immigrazione, con la lotta agli scafisti: “Per le navi che aiutano gli scafisti i porti sono sigillati”, sottolineando che “non si parte e non si muore più: arriva in Italia chi ne ha diritto, per tutti gli altri non si parte e non si arriva. Soldi spesi male quelli dati a scafisti e mafiosi, anche perché se l’immigrazione rende più della droga con me e con questo Governo l’immigrazione smette di essere un affare. E’ finita la pacchia per mafiosi e scafisti: l’Italia è l’ultimo paese dove fare affari” .“Si deve capire che qui è finito il business: mafiosi e scafisti, per me siete le stesse merde. Non so se un ministro lo può dire, ma per me siete le stesse merde e in Italia avete finito di fare affari, per voi la pacchia è finita”.

Salvini fa la parte del leone, Forza Italia tra simpatia e rivalità. Parla il governatore Toti: "I moderati del centrodestra si interroghino sul futuro" (VIDEO)

La nostra intervista al presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, al raduno leghista di Pontida - (VIDEO)


"Un trentennio mi sembra un filo ambizioso, però dico in bocca al lupo". Il giorno dopo Pontida, dove ha partecipato con gli altri governatori del centrodestra, il presidente della Liguria, Giovanni Toti commenta le parole del leader della Lega, Matteo Salvini, secondo il quale la Lega potrà governare per 30 anni.

"È noto che questo governo ha la mia benevolenza ancorché critica - spiega Toti - la Lega è un alleato importante, con molti amici oggi al governo, mentre per i 5 Stelle non è esattamente la stessa cosa. Sono un partito di cui sono fieramente e convintamene all’opposizione che ha un visione dell’Italia e del mondo molto lontana dalla mia». Distanze che, spiega Toti, sono dimostrate anche in queste ore: «Con una parte che chiede l’apertura dei porti, chiusi dal ministro dell’interno, oppure partecipando a manifestazioni che non vedono certamente al centro la famiglia tradizionale così come l’abbiamo sempre intesa nella nostra maggioranza e nei partiti di centrodestra. Qualche discrepanza c’è ma siccome sono italiano, faccio l’amministratore pubblico e tifo per il Paese, mi auguro che questo governo faccia bene, con il timore che qualche promessa di troppo sia stata fatta".

Toti aggiunge: "Credo che il centrodestra abbia maturato gli anticorpi per vedere un governo Lega-5Stelle. È un governo di necessità: dalle urne non è uscita un’altra maggioranza e riportare il Paese a votare, con questa legge elettorale in estate, sarebbe stato sconsiderato e grottesco. Penso che questo doppio binario non incrini l’alleanza di centrodestra". "Forza Italia ha governato con Monti, con Letta, governi in cui la Lega non c’era e oggi la Lega è parte di un governo in cui Fi e altri partiti del centrodestra sono fuori", ha ricordato Toti che ieri era a Pontida con gli altri governatori di centrodestra. Il governatore ha aggiunto: "Ma le regioni le governiamo insieme, i Comuni anche", per questo dice: "Mi sembra naturale andare a portare un saluto a una platea così bella". "Ieri - ha detto Toti - la Lega ha dato sfoggio di grande salute e capacità di mobilitazione, spetta all’ala moderata del centrodestra interrogarsi sul suo futuro, lo chiedo da tempo".

"Mi sembra che l’alleanza di centrodestra sia solida, anche se tutte le alleanze, come tutti gli organismi, devono essere alimentate. Bisogna lavorarci, bisogna farle maturare per farle evolvere verso qualcosa", ha ribadito Toti.

Crisi dei migranti, la missione di Salvini a Tripoli. Cosa ha ottenuto dai libici e cosa no (VIDEO)

Il ministro dell'Interno italiano oggi nella capitale libica: "Hotspot fuori dai confini, a sud del Paese. Dobbiamo bloccare l'intervento dannoso da parte delle navi delle Ong, che sono complici dei trafficanti". Annunciata una conferenza sull'immigrazione a settembre - (VIDEO)


"Hotspot dell'accoglienza in Italia? Sarebbe problema per noi e per la Libia stessa perché i flussi della morte non verrebbero interrotti. Noi abbiamo proposto centri di accoglienza posti ai confini a Sud della Libia per evitare che anche Tripoli diventi un imbuto, come Italia". Il ministro degli Interni Matteo Salvini, di ritorno dalla visita lampo nel paese nordafricano, si dice sicuro di aver trovato sintonia con le autorità libiche e non mostra alcuna preoccupazione per il trattamento dei migranti: "Ho chiesto di visitare un centro di accoglienza per migranti in costruzione, un centro all'avanguardia che potrà ospitare mille persone. Questo per smontare la retorica in base alla quale in Libia si tortura e non si rispettano i diritti umani". A Tripoli, al fianco del suo omologo libico Abdulsalam Ashour, aveva detto: "La Libia rappresenta un'opportunità di sviluppo. Saremo vicini alle autorità libiche anche con i necessari supporti tecnici ed economici per garantire insieme la sicurezza nel Mediterraneo e rafforzare la cooperazione investigativa e più in generale la collaborazione in tema di sicurezza".

"Dobbiamo bloccare l'intervento dannoso da parte delle navi delle Ong, che sono complici dei trafficanti", ha dichiarato poi il vicepremier italiano, appena tornato dalla missione, in conferenza stampa dal Viminale. "I centri di protezione e identificazione" per migranti dovrebbero sorgere in nord Africa, ma dovranno essere dislocati "ai confini esterni della Libia", ha aggiunto il ministro dell'Interno.

"Rifiutiamo categoricamente" la proposta circolata in ambito europeo di realizzare "campi per migranti in Libia: non è consentito dalla legge libica", ha sottolineato da parte sua il vicepresidente libico Ahmed Maitig. "Nella prima metà di settembre terremo una conferenza sull'immigrazione illegale con la visione italiana e libica". "Ci faremo promotori - ha aggiunto da parte sua il titolare del Viminale - in sede europea di tenere questa conferenza in Libia, perché i problemi devono essere affrontati e risolti in Libia non in altre capitali europee".

Salvini ha ricordato il suo "impegno massimo per rinsaldare l'amicizia tra i due Paesi e la collaborazione su tutti i fronti, a partire dall'emergenza immigrazione, ma anche  per realizzare iniziative comuni in materia  economica e culturale". Salvini, che con le massime autorità libiche affronterà la questione migranti, è il primo esponente del governo Conte a visitare il Paese nord africano, che è cruciale per le rotte di chi vuole salpare verso l'Europa. Al ministro libico, Salvini ha ricordato che "nessuno più dell'Italia è impegnato per lo sviluppo e la stabilità della Libia" e ha ribadito che la sua visita "da vice premier a Tripoli è una conferma di questo impegno". (Fonte: repubblica.it)

  • Pubblicato in Esteri

Aiuto, è precipitato il direttore! Giornalista cade in diretta Tv e impreca: "C...o!" (VIDEO)

Capitombolo in diretta sulla tv latinoamericana A2A per il giornalista Bieito Rubido Ramonde. Invitato a intervenire in trasmissione sui temi dell'aborto e della vita, il direttore del giornale spagnolo Abc ha stretto la mano al conduttore per poi risedersi. Purtroppo per lui la sedia si è sposata provocando la rovinosa caduta del giornalista che si è lasciato scappare una tipica imprecazione in castigliano

 

  • Pubblicato in Esteri

Florida, tragedia durante uno spettacolo del Cirque du Soleil: acrobata precipita e muore (VIDEO)

Il trapezista francese Yann Arnaud, 38 anni, si stava esibendo a Tampa in un numero molto spettacolare quando ha perso l'appiglio ed è rovinato al suolo da un altezza considerevole. Trasportato immediatamente in ospedale, per lui non c'è stato niente da fare - (VIDEO)


Un acrobata del Cirque du Soleil è morto dopo essere caduto a terra durante uno spettacolo a Tampa, in Florida. Lo annuncia "con immensa tristezza" la celebre compagnia mondiale di circo con un comunicato pubblicato sui social.

Il trapezista francese Yann Arnaud, 38 anni, si stava esibendo quando è caduto al suolo. "Le procedure d'emergenza sono state immediatamente attivate e Yann è stato trasportato al più vicino ospedale, dove successivamente è morto a causa delle ferite riportate", si legge nella nota. "L'intera famiglia del Cirque du Soleil è scioccata e distrutta da questa tragedia", ha affermato il Ceo della compagnia, Daniel Lamarre, "Yann era con noi da più di 15 anni ed era amato da tutti coloro che hanno avuto la possibilità di conoscerlo".

Il Cirque ha inoltre assicurato la "massima collaborazione alle autorità" che indagano sulle circostanze dell'incidente mentre altri due spettacoli previsti a Tampa sono stati cancellati.

  • Pubblicato in Esteri

Presente e storia, la sfida video di CasaPound: Di Stefano dai nemici cartonati al Sacrario di Redipuglia (VIDEO)

Due clip particolarmente suggestive prodotte da CasaPound Italia in vista del voto del 4 marzo con la voce il volto di Simone di Stefano, segretario e candidato premier delle "tartarughe". In entrambi gli spot si va dall'attualità politica e sociale al richiamo delle radici profonde della storia nazionale con particolare riferimento al sacrificio dei caduti della Prima guerra mondiale

La Boldrini pensa solo a quello: ecco l'antifascismo di cartone (VIDEO)

La formula è quella, ormai abusatissima, di un video stile Bob Dylan di Subterranean Homesick Blues. Laura Boldrini, presidente della Camera uscente e candidata di Liberi e Uguali, si esibisce su una delle sue ormai ossessive tematiche: la denuncia del pericolo fascista con la richiesta di sciogliere movimenti e organizzazioni. Il risultato? Lo lasciamo commentare a chi avrà voglia di guardare il filmato

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

13°C

Milano

Rain

Humidity: 93%

Wind: 22.53 km/h

  • 21 Jul 2018 20°C 12°C
  • 22 Jul 2018 23°C 12°C