Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 993

updated 4:05 PM UTC, Dec 15, 2017

Milano, prigionieri in casa all'ottavo piano

Aggiustare un ascensore? Nel 2017 ci vuole più di un mese...

Può succedere anche questo nel 21° secolo. L'ascensore si rompe e la risposta dell'azienda è un cartello che invita ad aspettare... almeno un mese.

Via Rizzoli 17, periferia est di Milano, uno dei classici palazzoni di almeno 8 piani che riempiono questa parte della città di proprietà del Comune e gestito da MM casa. Non una casa popolare dunque ma problemi e disservizi sembrano invece farlo precipitare proprio in questa categoria. 

L'ultimo riguarda l'ascensore, dettaglio non da poco in un edificio dei questa altezza. E' guasto già da 4 giorni e gli inquilini sono in grosse difficoltà. L'azienda di manutenzione, la Padana ascensori, ha appeso un cartello avvisando che verrà aggiustato ma solo dopo un mese. Un'attesa davvero troppo lunga per non protestare ufficialmente.

All'ultimo piano una famiglia con 4 bimbi, di cui uno disabile, è praticamente bloccata in casa, ma è solo il caso più eclatante delle difficoltà dell'intero stabile abitato anche da anziani con difficoltà deambulatorie.

La speranza dei condomini è che la riparazione possa essere anticipata e per questo hanno scelto di rivolgersi a ilComizio.it per raccontare la loro storia.

 

Tariffe: il Parlamento prova a fermare i furbetti del telefonino

La commissione telecomunicazioni segue l'Agcom e prova a fermare l'ultima invenzione del settore per spillare più soldi ai consumatori, la fatturazione ogni 4 settimane.

Meglio tardi che mai si potrebbe dire, ma finalmente anche in Parlamento qualcosa si muove in difesa dei consumatori, in balia dei giganti delle telecomunicazioni.

Oggi infatti la Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni della Camera dei Deputati ha dato il via libera all'unanimità alla risoluzione che impegna il Governo "ad assumere iniziative normative, nell'ambito della manovra di bilancio per il 2018, per impedire che gli operatori telefonici e di telecomunicazione adottino una cadenza di fatturazione che non abbia come base il mese o un suo multiplo'.

Ad annunciarlo in una nota lo stesso Michele Meta, presidente della Commissione che ha aggiunto: "Si tratta di un messaggio chiaro ai furbetti del telefonino, che  continuano a fare orecchie da mercante, e in difesa dei consumatori italiani nonostante la delibera dell'Agcom'.

Per ora certo rimangono solo parole, aspettando che si tramutino in fatti senza però i classici tempi biblici della burocrazia italiana. Il tema d'altronde è sotto gli occhi di tutti. I vari operatori telefonici si sono inventati la fatturazione con cadenza ogni 4 settimane invece che mensile, trucco perfetto per incassare tredici mensilità aumentando di fatto i propri prezzi senza dirlo chiaramente.

Le aziende di telecomunicazione intanto stanno prendendo tempo, in attesa che il Tar del Lazio accetti il ricorso: a loro discolpa affermano che i clienti sono stati opportunamente informati delle variazioni, ribadendo tra l’altro che la delibera dell’Agcom andrebbe contro la libertà d’impresa.

“Se la pratica non verrà fermata in tempo c’è il rischio che altri settori la mutuino in fretta, perché la furbizia è purtroppo contagiosa”, ha ribadito Meta. “Chi vuole aumentare le proprie tariffe lo faccia dunque alla luce del sole, sottoponendosi al giudizio del mercato, e non tramite accorgimenti ingannevoli che finiscono per danneggiare soprattutto i consumatori più indifesi”.

Non ci resta che aspettare fiduciosi.

D'Alema insulta Damilano in tv: "Stupido e bugiardo". Colpa del paragone con Renzi: "Nel '98 disse a Prodi: Romano stai sereno..."

L'ex premier infuriato col vicedirettore dell'Espresso che a Piazza Pulita su La7, aveva accostato la mossa del segretario del Pd con Enrico Letta a quanto avvenne 19 anni fa col governo del Professore. Poi le scuse, in verità un po' blande, del politico: "Mi spiace di averla trattata in modo rude e inappropriato ma lei è un conservatore di leggende del passato" - (VIDEO)


 

Papa a Milano, a poche ore dall'arrivo del Pontefice già 700mila iscritti alla Messa

Mentre restano aperte le iscrizioni on line, sono già 700mila i fedeli che si sono registrati per la Messa con papa Francesco sabato 25 marzo. 600mila lo hanno fatto, presentandosi in parrocchia, 100mila utilizzando il sito internet www.papamilano2017.it e l’App Papa a Milano 2017.


L’iscrizione attraverso le parrocchie, oltre a facilitare l’organizzazione, consentendo di prevedere ed organizzare i flussi, ci ha permesso di dare una risposta preventiva anche al tema della sicurezza, questione sensibile per un evento di tali proporzioni», ha spiegato mons. Bruno Marinoni, vicario episcopale per gli Affari Generali. Gruppi di fedeli arriveranno da tutta la Diocesi: dalle località più remote, come da quelle più vicine all’evento. Ad esempio, in 71 si muoveranno dalla parrocchia di San Martino, comune di Perledo, scendendo dalla cima al lago di Lecco. In 2.900, invece si sposteranno da Brugherio. Ed è già diventato un caso Vedano al Lambro dove sabato 3.500 persone (quasi un abitante su due) varcherà i cancelli del Parco già dalla mattina per attendere il Santo Padre. Tuttavia, l’entusiasmo per la artecipazione è andata ben oltre i confini diocesani. Alcune decine di migliaia di fedeli arriveranno dalle altre diocesi lombarde (Bergamo, Brescia, Como, Crema, Cremona, Lodi, Mantova, Pavia, Vigevano). Attesi anche gruppi da fuori regione: da Trento, Piacenza, Tortona, Alessandria. Tra i fedeli che verranno alla Messa ci saranno anche 500 militari con le loro famiglie (complessivamente 1.700 persone), dei corpi della Guardia di Finanza, dei Carabinieri, dell’Esercito e dell’Aeronautica. Saranno 230 i pellegrini che verranno a piedi al Parco di Monza, passando per i santuari della Madonna del Borgo a Lissone e della Madonna della Misericordia di Vedano al Lambro, due dei 50 santuari mariani che compongono il cammino di Sant’Agostino, uno degli itinerari spirituali più noti della Lombardia. Significativa anche la presenza delle scuole: Oltre un centinaio i gruppi degli istituti medi-superiori (ogni gruppo conta fino a 50 persone). Mille gli studenti dell’Università Cattolica.

Chi  non avrà possibilità di assistere dal vivo alla grande manifestazione  di papa Francesco potrà comunque farlo sui nuovi mezzi di comunicazione web. La copertura dell'evento sarà garantita da diverse dirette live sreaming, che avranno come regia il portale Avvenire. Oppure seguire i mezzi di comunicazione ufficiali della Conferenza episcopale, più precisamente Radio In Blu e Tv2000 oppure sul sito dedicato all'avenimento, www.papamilano2017.it.

 

 

Donald Trump perde il responsabile alla Sicurezza Nazionale: Michael Flynn si dimette

Donald Trump perde il primo importante membro del suo governo: il responsabile alla Sicurezza Nazionale Michael Flynn si dimette, dopo essere stato violentemente oggetto di critiche a causa dei contatti controversi con Mosca.


Il consigliere per la sicurezza nazionale di presidente degli Stati Uniti Donald Trump, l'ex generale Michael Flynn, si è dimesso. Avvenimento confermato dalla Casa Bianca . Flynn inciampato su una conversazione che aveva avuto con un rappresentante del governo Russio, prima dell'inizio della nuova amministrazione Trump sulla questione delle sanzioni alla Russia, conversazione da lui più volte smentite. Così Trump a meno di quattro settimane dalla sua elezione perde la prima figura del suo governo. Nelle sue dimissioni Flynn conferma di aver avuto diverse conversazioni telefoniche con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti dopo la vittoria elettorale di Trumps e di aver sempre informato il vice presidente di tutte le sue attività nei confronti dell'antagonista Russo. Il quotidiano Washington Post scrive che il Dipartimento di Giustizia avrebbe avvertito Trump già a fine Gennaio, confermando i particolari rapporti tra Flyn e i diplomatici russi e che questi rapporti avrebbero potuto influire nel rapporto tra il lavoro svolto da Flyn e la governance della Casa Bianca. Il presidente USA aveva volutamente vissuto in disparte questa situazione senza dare giudizi sull'operato di Flynt e senza dare il sostegno che tutti si sarebbero aspettati, alla sua prima carica istituzionale. Chi invece si è sbilanciato è Stephen Miller, primo consigliere di Donald Trump che con un post sui social,  dichiara che Flynn gode e continuerà a godere della fiducia del presidente, allegando a questo post la lettera di dimissioni di Flynn.

 

                                                                   Zeke Miller twitter

Flynn era stato più volte contstato anche nella precedente legislatura per aver avuto strette relazioni con l'ambasciatore russo negli USA, in particolare gli viene contestata una sua telefonata con il diplomatico russo proprio pochi istanti dopo la firma di Obama al decreto, con cui si imponevano nuove sanzioni contro la Russia. La difesa ha sempre dichiarato che questa conversazione non riguardava le sanzioni, ma era volta a migliorare i rapporti tra le due super potenze anche nella lotta contro le milizie dello "Stato Islamico". Questa predisposizione verso la Russia ha portato Flynn a diventare uno dei principali sostenitori di Trump, durante la sua campagna elettorale, fino a portarlo a ricoprire una delle cariche più importanti del governo americano. Il successore e attuale consigliere per la sicurezza nazionale sarà, secondo la Casa Bianca, l'ex generale Keith Kellogg, 72 anni, veterano decorato della guerra del Vietnam. Kellogg era già un membro del team che aveva portato Trump al governo del paese. 

  • Pubblicato in Esteri

USA:La diga di Oroville collassa e riversa le acque verso valle, 22.000 persone evacuate (VIDEO SPETTACOLARE)

USA:IL GOVERNATORE JERRY BROWN HA INTRODOTTO LO STATO DI EMERGENZA IN TRE CONTEE - SUTTER, YUBA E BUTTE. A causa delle forti piogge e di un guasto alla grande diga, a Oroville, in California, fatti evacuare i circa 200.000 residenti. Guarda le spettacolari immagini LIVE!


Nelle ultime ore il livello dell'acqua è sceso dietro diga più alta degli Stati Uniti, riducendo il rischio di un crollo catastrofico che in qualche modo anche i timori che hanno spinto l'evacuazione di circa 200.000 persone a valle della diga.

I funzionari del Dipartimento di risorse idriche della California sono partiti per ispezionare una grossa cicatrice di erosione sul canale di scarico presso la diga sul lago di Oroville, circa 150 miglia a nord-est di San Francisco.

Le autorità hanno ordinato l'evacuazione Domenica per tutti coloro che vivono al di sotto del lago. La preoccupazione parte dalla paura che il canale di scarico aperto per abassare il livello delle acque, possa collassare scaraventando un muro d'acqua di 30 piedi a valle. I funzionari temevano che la grossa cicatrice potesse minare le caratteristiche di sicurezza della diga, causando la distruzione di un'intera valle.

Un cambiamento delle condizioni del tempo e la diminuzione delle piogge sulle montagne della California potrebbe dare la possibilità agli ingenieri di tentare una riparazione, che scongiurerebbe la sciagura.

La diga è la più grande negli Stati Uniti e la struttura si trova vicino alla città di Oroville, la popolazione 16.000.

  • Pubblicato in Esteri

Debiti Aler, una voragine da mezzo miliardo. Parte un esposto alla Corte dei Conti

Si è tenuta oggi una conferenza stampa nella sede dei gruppi del Comune di Milano del consigliere comunale Aldo Ugliano e la consigliera del Municipio 5 Michela Fiore (Sinistra X Milano), che hanno presentato il documento, preparato insieme a comitati di quartiere e associazioni. Citati anche i dati da una relazione della Commissione d’Inchiesta sui fatti economici e gestionali dell'ente che gestisce le case popolari, chiesta nel 2014 dalla stessa Regione Lombardia. Le interviste de ilComizio.it - (VIDEO)


Si è svolto oggi nella Sala riunioni dei Gruppi consiliari del Comune di Milano, in via Tommaso Marino, un incontro dal titolo "Aler: un crack in cerca di autori". Nel corso della conferenza stampa, cui hanno partecipato il consigliere comunale Aldo Ugliano (Pd) e la consigliera di zona 5 Michela Fiore (Sinistra X Milano), è stato presentato il testo dell'esposto alla Corte dei Conti in merito alla grave situazione finanziaria dell'Aler, sottoscritto dai Comitati Inquilini e di Autogestione. Ne è emerso che sulle casse dell'Azienda Lombarda Edilizia Residenziale pesa un'esposizione di circa mezzo miliardo di euro. "Di tutto il debito, 300 milioni sono ascrivibili a una lunga serie di problemi, ma vi invitiamo a guardare agli altri 200", ha dichiarato Ugliano esponendo il documento. La situazione di deficit, infatti, a quanto afferma della Commissione d'inchiesta istituita ad hoc , non dipende soltanto dai fattori esterni, ma è causata in buona parte da inefficienze gestionali da parte di Aler Milano. Secondo il documento, ci sono sì 67 milioni di euro di debito legati a varie forme di morosità contrattuale da parte di famiglie con basso reddito, ma anche 48 milioni di euro ascrivibili a 2800 assegnatari che non hanno dichiarato un reddito — non si sa bene perché costoro non paghino affitti. “È stato fatto il possibile per verificare il perché queste persone non hanno corrisposto quanto dovuto? È stato fatto il possibile per recuperare questi soldi?", si è chiesto il consigliere comunale del Pd.

Forlì, arriva Saviano e scoppia la polemica: "Preside obbliga gli studenti a comprare il suo libro". Salvini e Gasparri attaccano; lo scrittore smentisce: "Una bufala di giornali beceri"

Rissa mediatica per la presentazione de "La paranza dei bambini". Il caso è scoppiato su Facebook dove è stata postata la circolare diramata dal dirigente del Liceo Classico "Morgagni" della cittadina romagnola, che fornisce la sua versione all'Ansa: "Evento organizzato con un libraio. Ai ragazzi 2 euro di sconto". L'episodio finisce per contrapporre nuovamente il romanziere campano ad una parte del mondo politico. L'autore di Gomorra se la prende con il Giornale: "Un tempo stampa berlusconiana, ora solo..."


Roberto Saviano il 15 marzo presenterà a Forlì l'ultimo libro "La paranza dei bambini". Il dirigente del Liceo Classico "G.B.Morgagni", Marco Molinelli, diffonde una circolare: per partecipare all'incontro, gli studenti delle quarte e quinte classi dovranno acquistare il libro a 16 euro. Subito scoppia la polemica. Il vicepresidente del Senato Maurizio Gasparri (FI) su Twitter parla di "vergogna" e annuncia un'interrogazione al ministro dell'Istruzione Valeria Fedeli. Il leader della Lega Matteo Salvini twitta: "Arriva #Saviano e vuoi incontrarlo con la scuola? Studenti di Forlì obbligati dal preside a comprare il suo libro". Sul sito del liceo si legge che è 'un'importante occasione per incontrare uno degli scrittori più famosi"; l'adesione "deve riguardare l' intera classe con l'acquisto da parte degli studenti del romanzo". Entro il 18 gennaio le adesioni che riguardano anche il liceo scientifico, dopo di che "l'ufficio stampa di Saviano contatterà l'amministrazione comunale per reperire spazi idonei".

Saviano, obbligo acquisto mio libro da studenti è bufala  - "Mi hanno chiesto disponibilità a incontrare gli studenti delle scuole superiori e io, come faccio da anni, ho accettato. Ora in rete circola la bufala sull'acquisto obbligatorio di copie del mio libro. Non esiste. Nessun obbligo. Da dieci anni vado nelle scuole e i miei scritti mi fa piacere che vengano letti anche fotocopiati o in copie che passano di mano in mano". Lo scrive Roberto Saviano su Facebook. "Ad attaccare il mio lavoro sono giornali un tempo definibili berlusconiani ora solo beceri - prosegue Saviano, richiamando un articolo de IlGiornale.it - hanno raccolto firme contro di me, al tempo di Vieni via con me, per aver raccontato le mafie al Nord quindi sono rotto alle critiche strumentali, ma lordare l'interesse dei ragazzi per la lettura è una bassezza cui mai avrei pensato di assistere. Pazienza, ecco come vorrebbero vedere gli italiani: incazzati, livorosi e ignoranti come loro".

Preside, evento organizzato con un libraio - "La circolare è sintetica, e non dice molte cose: le dico a voce. Ad esempio che da anni, con un libraio, come scuola di cui di recente sono diventato preside organizziamo incontri con gli autori. Anche con Saviano la modalità è la stessa. Ogni singola classe sceglie se aderire. Chi aderisce deve leggere il libro, che va acquistato anche perché con l'acquisto si riescono a coprire le spese di organizzazione e di eventuale ospitalità dello scrittore". Così il preside del liceo classico Morgagni di Forli, Marco Molinelli, raggiunto dall'ANSA al telefono risponde alla polemica che è esplosa anche via twitter per la sua circolare agli studenti. "E' un'iniziativa che va avanti da tempo, da Bologna ad Urbino coinvolge una cinquantina di scuole. E' la rassegna Rapsodia, scrittori nelle scuole - ha spiegato - ed è sempre stata accolta bene da studenti e famiglie. Nessuna polemica, che io abbia saputo di persona, è stata fatta, né in precedenza né in occasione della circolare relativa a Roberto Saviano. L'acquisto serve agli studenti per leggere il libro, e dunque saper confrontarsi con lo scrittore, e per coprire le spese di ospitalità. Agli studenti va assicurato il massimo sconto possibile per legge, 2 euro nel caso di Saviano, sui 18 del volume. Ogni consiglio di classe decide se aderire o meno. Ma il libro va letto, per preparare gli eventi. E' promozione di cultura, no? Nel 2013 al Morgagni abbiamo ospitato Marcello Fois, nel 2014 Paola Mastrocola, nel 2015 Michela Murgia, nel 2016 Fulvio Ervas e Anilda Ibrahimi. Ora tocca a Saviano". Il preside dice che i contatti con l'ufficio stampa dell'autore di Gomorra sono stati tenuti da altri docenti e di non conoscere i dettagli, ma è chiaro che "una volta dato il numero di adesioni sarebbe stato concordato con loro e con il Comune un luogo adatto a ospitare l'appuntamento".

(Fonte: Ansa)

 

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

1°C

Milano

Clear

Humidity: 35%

Wind: 11.27 km/h

  • 18 Dec 2017 1°C -3°C
  • 19 Dec 2017 2°C -4°C