updated 2:32 PM UTC, Jul 21, 2018

Capodanno a Milano, 20.000 in coda ai Civici Musei

In 17.000 hanno visitato i Musei Civici aperti gratuitamente  in occasione di “Domenica al Museo”. In più di 3.000 a Palazzo Marino per il capolavoro di Piero della Francesca.


Milano 1 gennaio 2017 - Successo di pubblico oggi per la Madonna della Misericordia, lo splendido capolavoro di Piero della Francesca, allestito per le feste natalizie nella Sala Alessi di Palazzo Marino. I visitatori, numerosi già dalla prima mattina si sono messi in fila per ammirare la pala dipinta del maestro rinascimentale facendo registrare più di tremila ingressi. L’opera sarà visibile a Milano fino all’8 gennaio 2017, con ingresso gratuito, tutti i giorni, dalle 9.30 alle 20.

Nel primo giorno dell’anno dedicato alla cultura anche i Musei Civici, per l’occasione aperti gratuitamente dalle 14.30 alle 19.30, hanno avuto una grande affluenza di visitatori: in 17.000 sono entrati al Castello Sforzesco, Museo di Storia Naturale, Acquario Civico, Galleria d’Arte Moderna e Museo delle Culture. 

Sempre a Palazzo Marino, ma nel cortile d’onore, centinaia di persone hanno potuto vedere il presepe monumentale dei Sassi di Matera del maestro Francesco Artese.

Moltissime le persone in fila anche per vedere la mostra Bellotto e Canaletto. Lo stupore e la luce, in corso alle Gallerie d’Italia Piazza Scala, polo museale di Intesa Sanpaolo a Milano.

La prima grande mostra che Milano dedica al genio pittorico e all’intelligenza creativa di Antonio Canal, detto “il Canaletto” (Venezia 1697-1768) e di suo nipote Bernardo Bellotto (Venezia 1722 - Varsavia 1780), è aperta al pubblico fino al 5 marzo 2017.

In mostra circa 100 opere, tra dipinti, disegni e incisioni, un terzo delle quali mai prima d’oggi esposto in Italia, che illustrano uno dei più affascinanti episodi della pittura europea, il vedutismo veneziano, attraverso l’opera dei due artisti che, legati da vincolo di sangue (Canaletto e Bellotto erano rispettivamente zio e nipote), seppero trasformare questo peculiare genere nella corrente d’avanguardia che tanto caratterizzò il Settecento.

Ludopatia, Regione Lombardia cala l'asso: "Non giocarti gli affetti"

La battaglia dell'amministrazione contro la dipendenza da gioco d'azzardo. A gennaio un nuovo bando da 2 milioni per i Comuni, scuole coinvolte nella prevenzione. Parla l'assessore Viviana Beccalossi - (VIDEO)

 


 

L'assessore regionale al Territorio, Urbanistica, Difesa del Suolo e Città metropolitana Viviana Beccalossi ha lanciato oggi insieme al presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni la campagna contro il gioco d'azzardo "Non giocarti gli affetti".
Per questo a fine gennaio sarà pronto il nuovo bando che metterà a disposizione dei Comuni lombardi 2 milioni di euro di fondi regionali per sostenere altri progetti. L'assessore Beccalossi ha ricordato che nello scorso biennio sono già stati stanziati 3 milioni di euro per la realizzazione di 68 progetti in grado di coinvolgere oltre 1500 soggetti, per lo più associazioni, e 600 comuni. "Inoltre - ha aggiunto - ho già incontrato il direttore scolastico della Lombardia, Delia Campanelli, con la quale si è deciso di sottoscrivere un accordo attraverso il quale entreremo nelle scuole per porre in essere azioni di prevenzione".
Continua anche la campagna di sensibilizzazione insieme a Trenord prevede, fra l'altro, la distribuzione di 10.000 cartoline presso le biglietterie e un video informativo da 30 secondi che verrà trasmesso in rotazione sui canali del circuito Trenord.
"Sono state inoltre stampate 180.000 cartoline - ha spiegato Viviana Beccalossi - che che verranno distribuite in 330 locali pubblici di tutta la Lombardia. La campagna prevede, oltre a queste azioni di sensibilizzazione per i cittadini, anche un'iniziativa con un taglio diverso, dedicata agli esercenti.
Sono state realizzate 100.000 brochure, di cui 15.000 in lingua cinese, contenenti i principali punti normativi previsti dalla Legge regionale e i relativi regolamenti da seguire".

La Cina prevede di atterrare con sonde sul "Far Side of Luna" entro il 2018

La Cina si propone di utilizzare lo spazio per scopi pacifici, per garantire la sicurezza nazionale e di effettuare esperimenti all'avanguardia per la ricerca scientifica. - (VIDEO)


Per esplorare il vasto cosmo, sviluppare l'industria spaziale, la Cina vuole diventare in pochi anni una potenza spaziale che possa continuare la sua corsa verso il futuro sempre più prossimo. Questi i fondamenti di una strategia spaziale del paese per i prossimi cinque anni. Un un dossier diffuso alla stampa, si dice che la Cina si propone di utilizzare lo spazio per scopi pacifici e per garantire la sicurezza nazionale, e di effettuare esperimenti d'avanguardia rivolti alla ricerca scientifica.
Il white paper pubblicato dall'Ufficio informazioni della Cina pone in primo piano le crescenti ambizioni del delicato programma spaziale in uno stadio già avanzando. Anche se questa white paper non ne parla, obiettivo finale della Cina è raggiungere il lato oscuro della luna e diventare la prima nazione al mondo a farvi camminare un astronauta, così da poter affiancare gli Stati Uniti e la Russia nel panorama delle scoperte spaziali.

Mentre la Russia e gli Stati Uniti hanno più esperienza ed equipaggi pronti a viaggiare nello spazio, il programma sostenuto dai militari della Cina ha fatto notevoli progressi in un tempo relativamente breve, ma non ha ancora equipaggi pronti per un volo in solitario.

Il mese scorso, due astronauti sono rientrati da un soggiorno di un mese a bordo della stazione spaziale sperimentale Cina Tiangong 2, questo è il sesto e più lungo periodo di permanenza nello spazio per un equipaggio cinese nella storia del paese.
Il white paper ha ribadito e esplicato i piani della Cina per lanciare la sua prima sonda su Marte entro il 2020, dicendo questa avrebbe il compito esplorare e riportare i campioni del pianeta rosso. Si legge testualmente:-[b]"Una missione con il compito di esplorare il sistema di Giove e ampliare la ricerca condotta sulle grandi questioni scientifiche come l'origine e l'evoluzione del sistema solare, compresa la ricerca di vita extraterrestre"[/b].<br/>Fonte: (gadgets.ndtv)

Terrorismo, Salvini: "In Italia un governo di imbecilli o di complici"

Il presidio della Lega a Sesto San Giovanni dove è stato ucciso il killer di Berlino tornato nel nostro Paese da dove era partito: "Un popolo che si vergogna della propria storia è destinato a essere invaso" - (VIDEO)


"L'Italia politicamente è il ventre molle dell'Europa dove un mix di politica, associazioni e false cooperative permette a centinaia di migliaia di persone di fare quello che vogliono. E di terroristi ne bastano pochi. Su cinquecentomila sbarcati in tre anni, che garanzie abbiamo che in altre città non ci siano terroristi come quello? Nessuno". Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini, che ha risposto alle domande dei giornalisti alla manifestazione organizzata dal Carroccio davanti alla stazione di Sesto San Giovanni, nel luogo dove è stato ucciso l'autore dell'attentato di Berlino. "Da italiano - ha detto Salvini - sono stufo di minuti di silenzio, di gessetti per terra, di profili Facebook nel nome della pace e dell'amore, qui c'è da difendere il futuro e la sicurezza dei nostri figli. Non è possibile - ha aggiunto - che l'Italia sia una terra dove terroristi e delinquenti di ogni genere entrano senza nessun problema. Che lo stragista di Berlino passeggiasse alle tre di notte a Sesto San Giovanni qualche problema al Paese Italia lo deve porre". Per questo, "occorre chiudere e ripristinare i controlli alle frontiere. Non vorrei - ha concluso il leader leghista - aspettare altre stragi perché l'Italia e l'Europa si svegliasse": "Di terroristi ne bastano pochi".

Non paghi il bollo? Attento, ti "cancellano" l'auto!

Rispoleverata una vecchia procedura. Se non si versa il dovuto per tre anni e si ignora l'invito, scatta il ritiro della carta circolazione, della targa e la radiazione del veicolo dal PRA


Cari automobilisti, sarà meglio ricordarsi di pagare il bollo. Il fisco ha infatti rispolverato una vecchia procedura che potrebbe portarvi via l'automobile. Per i veicoli sui quali non sia stato pagato il bollo auto per almeno tre anni consecutivi la sanzione prevista è infatti la radiazione d'ufficio. Una sanzione - spiega il portale di informazione giuridica studiocataldi.it - che sempre più Regioni stanno adottando per combattere l'evasione dal pagamento della tassa automobilistica. Ciò significa, in sostanza, che in caso di mancato pagamento e disinteressatisi dell'avviso inviato dall'amministrazione, dopo 30 giorni intervengono le forze dell'ordine. Ciò determina il ritiro della carta circolazione, della targa e cancellazione del veicolo dal PRA. (Pubblico Registro Automobilistico) Destinatari del provvedimento si stima potrebbero essere oltre 420mila veicoli, circa l'1% di quelli circolanti nazionali. Un dato rilevante visto che i veicoli sono solo quelli delle sole Regioni che hanno avviato l'operazione: Lazio, Lombardia e Puglia. L'unica strada per contestare l'operazione - spiegano gli esperti di HTTP://studiocataldi.it - è quella di ricorso in opposizione al provvedimento di cancellazione che, come precisato dallo stesso art. 96, secondo comma, del Codice della Strada, è ammesso entro trenta giorni al Ministro delle Finanze.
(Adnkronos)

"Russland doping": Un complotto istituzionale

Funzionari russi responsabili della lotta contro il doping per la prima volta hanno riconosciuto l'esistenza di un sistema di doping diffuso in Russia, negando il coinvolgimento dello Stato.


Ultime News Doping in Russia:

Alti dirigenti russi, facenti parte della task force creata dal governo russo per coordinare la lotta contro il doping in atto da alcuni mesi, per la prima volta hanno riconosciuto l'esistenza di un sistema di doping diffuso nel proprio paese negando però il coinvolgimento dello Stato, quindi di nessun membro del governo di Putin.
Questa affermazione apre una nuova crepa nella strategia di difesa russa nel grande caso che coinvolgeva la gran parte degli atleti russi trovati positivi ai test antidoping nelle ultime manifestazioni sportive a livello mondiale. I funzionari russi incaricati di attivare una seria lotta contro il doping nel loro paese, hanno ammesso per la prima volta l'esistenza di un sistema di doping diffuso. Anna Antseliovich, direttore esecutivo della Anti-Doping Agency russa, in una intervista con il New York Times ha anche usato un termine molto forte per definire la situazione che si era creata indicandola come "cospirazione aziendale e istituzionale". Ma è stata anche molto  attenta a respingere l'accusa che lo stesso stato russo fosse il principale artefice dello sviluppo di questo sistema, assicurando che i suoi leader non ne sono coinvolti.
Una "cospirazione istituzionale" in cui lo Stato non ha partecipato.
Nella sua seconda relazione all'Agenzia mondiale antidoping (WADA) e pubblicata all'inizio di dicembre, l'avvocato canadese Richard McLaren, principale accusatore del " Russaland Doping" chiede che lo stato russo sia condannato perchè il sistema adottato si era talmente radicalizzato che si poteva idealmente identificare come un "crimine verso lo sport", accusa che la Russia respinge con forza. La relazione di McLaren sottolinea l'esistenza di "un complotto istituzionale", istituito con la partecipazione del Ministero dello Sport, dell'agenzia anti-doping (Rusada) e del laboratorio nazionale per il doping russo, a fianco del FSB (servizi segreti), che coinvolgeva più di 1.000 atleti in 30 discipline sportive.
Sempre nella relazione di McLaren si cita testualmente: - "Una sistematica manipolazione dei campioni di sangue e del DNA, in particolare alle Olimpiadi nel 2012 e nel 2014".
La truffa sportiva si pensa sia stata praticata durante il periodo che va dal 2011 al 2015 "Questa gestione sistematica e centralizzata dei controlli antidoping si è evoluta e raffinata per arrivare al suo apice durante le Olimpiadi di Londra nel 2012, le Universiadi del 2013, i campionati del mondo di atletica leggera 2013 a Mosca e i Giochi invernali a Sochi nel 2014 ", spiega il signor McLaren.
Ministro dello sport russo Vitaly Mutko afferma che le accuse di "cospirazione istituzionale" non sono supportate da prove. Comunque queste accuse sono state un duro colpo per lo sport russo, che stava ancora cercando di limitare i danni causati dalla prima relazione McLaren che ha portato all'esclusione degli atleti russi nelle competizioni internazionali. I sospetti volti ai russi colpiscono molti sport. Il caso  che ha scosso anche le Olimpiadi di Rio de Janeiro (Brasile), continua a fare danni e a macchiare l'immagine dell'intero apparato sportivo russo tanto che questo inverno sono state cancellate dal calendario sportivo tutte le gare di  biathlon, di pattinaggio e di sci di fondo. In Russi si prevede un triste inverno sportivo.

FONTE: (sport24.lefigaro.fr)

  • Pubblicato in Esteri

Il Capodanno con "Colazione al Museo" in terra Etrusca

Al MAEC, Museo dell’Accademia Etrusca e della Città di Cortona (AR), si propone per la mattina di Capodanno la tradizionale “Colazione al Museo”, giunta alla sua nona edizione. (VIDEO)


Ultime Notizie Enogastronomia:

Il Museo di Cortona ritiene fondamentale rimanere aperto il giorno di Capodanno, quando la maggior parte dei musei - anche nazionali - resta chiuso, per dar vita a un’iniziativa di livello tale da attirare da ogni parte d’Italia visitatori che scelgono di passare le vacanze di fine anno nella cittadina etrusca anche per partecipare all'evento. Tema di questa edizione: L'Eleganza, L'Eccellenza, il Benessere. Le sale del MAEC saranno elegantemente allestite con bei tovagliati, raffinate composizioni e importanti candelabri; le tavole riccamente imbandite coi prelibati prodotti enogastronomici che caratterizzano Toscana. La mattina di Capodanno le eccellenze toscane verranno proposte tutte insieme in degustazione per un incredibile brunch di Capodanno: la Chianina, la Cinta senese, il Tartufo Bianco delle Crete Senesi, il Pecorino DOP; la Finocchiona DOP,  il Pane Toscano DOP,  l’alta Pasticceria con cornetti caldi e torte del buon augurio, i grandi Vini di Cortona con la strada dei Vini, la Caffetteria Pascucci, Latte e prodotti  Mukki dei migliori allevamenti Toscani. Obiettivo non secondario della Colazione al Museo, dunque, è dunque quello di divulgare la conoscenza dei prodotti regionali di qualità e favorire lo sviluppo di relazioni tra produzione, distribuzione al dettaglio e filiera corta. Segno evidente del rapporto che il Museo ha consolidato nel tempo con il territorio è la partecipazione attiva degli operatori economici aderenti alla rete Amici del MAEC, attraverso la degustazione delle proprie specialità gastronomiche. Il successo di questa iniziativa è dovuto proprio alla capacità di fare rete tra la valorizzazione del territorio, i beni culturali, le eccellenze enogastronomiche ed artigianali.Il MAEC esporrà anche in esclusiva due antichi documenti legati al vescovo cortonese Giovanni Sernini e alla sua famiglia: la preziosa pergamena contenente la Bolla dell'imperatore Massimiliano d'Asburgo per la concessione del diploma di Conte Palatino e di Nobile del Sacro Romano Impero a Giovanni Sernini a seguito del suo impegno, nel 1518, come legato pontificio in Germania  nella mediazione con il mondo nordico influenzato dallo scisma di Lutero. La pergamena, insieme al grande sigillo imperiale che l’accompagnava, è stata donata da Marcella Sernini Cucciatti all'Accademia Etrusca di Cortona la scorsa estate. Il libro d'oro del Patriziato di Cortona con lo stemma della nobile famiglia dei Sernini Cucciatti. Visto il successo riscosso nella scorsa edizione, anche l'1 di gennaio 2017 sarà riproposta in esclusiva la visita guidata all'antica Biblioteca dell'Accademia Etrusca, normalmente chiusa al pubblico. Alle 11,30 le sale saranno pervase dalla magia del Gospel con l’intervento del coro Serenity Singers, a cui seguirà l’ormai consueto  taglio della Torta Maec. Un occasione unica per iniziare il nuovo anno in eleganza, degustando le eccellenze del territorio  in un ambiente unico e raffinato. La Colazione al Museo sostiene l'associazione “I love Norcia”.
 
Prevendita biglietti Terretrusche a Cortona, tel  0575605287 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.<br/> FONTE: (newsageagro.it)

  • Pubblicato in Cultura

Lavoro: "L'avvocato risponde" - Tredicesima puntata

" Le nuove regole sul licenziamento" Il giuslavorista Davide Pollastro risponde ai quesiti dei nostri lettori e affronta i problemi che riguardano il tema occupazionale - (VIDEO)


Il giuslavorista Davide Pollastro fornisce pareri, consigli e valutazioni qualificate a chi gli sottopone le domande sui propri casi lavorativi personali.
In questa puntata si spiegano le nuove norme che regolano il licenziamento.
Questa la nostra nuova rubrica "L'avvocato risponde", dedicata ai problemi del mondo del lavoro.

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

23°C

Milano

Mostly Cloudy

Humidity: 63%

Wind: 11.27 km/h

  • 22 Jul 2018 23°C 11°C
  • 23 Jul 2018 23°C 13°C