Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 993

updated 4:31 PM UTC, Jun 18, 2018

Salvini imbestialito con Maroni: "Se lasci la Lombardia...". Cosa succede nella Lega? Intanto Berlusconi ne approfitta e l'annuncio di Fontana slitta

Nervi tesi nel Carroccio. "Se lasci il tuo incarico in Regione Lombardia, che vale molto di più di tanti ministeri, evidentemente in politica non puoi più fare altro". Lo ha dichiarato il segretario della Lega, Matteo Salvini, commentando ai microfoni di Radio 24 il passo indietro di Roberto Maroni che ha deciso di non ricandidarsi alla guida della Regione. "Mi pare addirittura ovvio - ha continuato Salvini - la Lombardia è il terzo motore d'Europa, conta più di 10 milioni di abitanti, è la capitale italiana dell’impresa, dell’innovazione, della ricerca. Quindi è chiaro che se sei soddisfatto e ti senti arrivato per quello che hai fatto, evidentemente non puoi fare altro"


"Continuo a ricevere centinaia di messaggi di persone che mi ringraziano per quello che ho fatto alla guida della Regione Lombardia. Sono felice e lusingato, mando a tutti un abbraccio commosso. Ora per me inizia una vita nuova", scrive su Facebook il governatore della Lombardia, Roberto Maroni, dopo la decisione, annunciata ufficialmente ieri, di non ricandidarsi alla presidenza della Regione.

Scelta che Matteo Salvini non sembra aver preso benissimo."Se lasci il tuo incarico in Regione Lombardia che vale molto di più di tanti ministeri evidentemente in politica non puoi più fare altro", ha detto il segretario della Lega, commentando il passo indietro del "Bobo" ai microfoni di Radio 24.

"Lo escludo nella maniera più assoluta: se ha questi motivi personali, queste ragioni famigliari che lo hanno spinto a scegliere di non candidarsi è impensabile che si possano ipotizzare per lui dei ruoli politici e tanto meno nel governo futuro", ha aggiunto Silvio Berlusconi a Radio Capital rispondendo alla domanda su un eventuale ruolo di Roberto Maroni in un prossimo governo. "È una invenzione pura, non ho mai pensato una cosa del genere, posso escluderlo nella maniera più assoluta", aggiunge il leader di FI a proposito delle voci di un accordo tra lui e Maroni in questo senso.

"Per la Lombardia stiamo valutando la proposta della Lega dell'avvocato Attilio Fontana. Da Sindaco di Varese si è dimostrato un amministratore valido e apprezzato. Stiamo attendendo i sondaggi sul confronto tra Gori/Fontana o Gelmini/Gori", dice Silvio Berlusconi nella stessa intervista.

Gentiloni a Milano, incontri con Sala e Maroni: gli impegni del governo e i temi sul tavolo

Il presidente del Consiglio conferma dopo aver visto il sindaco: avanti con Ema, Human Technpole, e innovazione. Col governatore lombardo che si è detto "moderatamente soddisfatto" ha parlato di Election Day, in riferimento al referendum regionale sull'autonomia, e di ticket sanitari - (VIDEO)


Il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, conferma tutti gli impegni del Governo su Milano: Ema, Human Technpole, innovazione. Lo ha detto lui stesso dopo aver incontrato a Palazzo Marino il sindaco, Giuseppe Sala. Quella per portare l'Ema a Milano, ha detto, "non sarà una partita semplice, ma la città ha le carte in regola: il sistema Paese ci sarà e il governo lavorerà per questo obiettivo, ventre a terra". Gentiloni ha spiegato che la sfida per avere l'Ema a Milano partirà dopo che "a metà marzo la Gran Bretagna avrà attivato" la procedura per la Brexit. Il premier, accompagnato dal sindaco Sala, ha quindi pranzato a un centro socio ricreativo con anziani, clochard e immigrati.

Mentre è durato circa un'ora l'incontro tra il presidente del Consiglio e il governatore della Regione Lombardia, Roberto Maroni. Subito dopo il premier si è recato in visita ai nuovi uffici di Microsoft a Milano. Un breve saluto con i dipendenti e i ricercatori e un sopralluogo nella struttura del colosso informatico, durato circa venti minuti.

 "Sono moderatamente soddisfatto dell'incontro con il presidente del Consiglio, con cui ho parlato di alcune questioni, tra cui l'Election Day e i ticket", ha dichiarato Maroni. Quanto all'Election Day per il referendum di autonomia con le elezioni amministrative "gli ho spiegato le ragioni che ci consentirebbero un risparmio di risorse e che non ci sono problemi tecnici, perché li abbiamo risolti tutti con il Ministero dell'Interno - ha spiegato Maroni -: non mi ha detto 'sì', non mi ha neppure detto 'no'. Si è riservato di fare una verifica tornando a Roma, quindi aspettiamo qualche giorno, che significa la fine di questa settimana. Se non arriverà una risposta positiva, prenderemo atto che non c'è questa possibilità, purtroppo".

"Ho fatto presente al presidente Gentiloni che la nostra decisione di dimezzare i ticket è stata assunta a pareggio di bilancio, perché c'è formalmente una norma che prevede che ci sia invarianza di gettito, cioè che io abbasso per qualcuno e devo alzare per qualcun altro. Ma gli abbiamo detto che siamo così virtuosi da poter abbassare per tutti".

MODELLO DA ESPORTARE - "Invarianza di gettito vuol dire per me pareggio di bilancio - ha spiegato il governatore -, quindi è un modello di virtuosità, quello che noi proponiamo, che può servire ad abbassare la pressione fiscale".

COMPENSAZIONE CON RIDUZIONE SPESA - "La compensazione del mancato gettito - ha chiarito Maroni - non la ottengo alzando i ticket per qualcun altro, ma riducendo la spesa: lavorando sulla
migliore organizzazione del Sistema sanitario, ed è quello che viene fatto in Lombardia".

PRENDEREMO IMMEDIATI CONTATTI COL MEF - "Ho quindi proposto al presidente di fare per i ticket quello che abbiamo fatto per la Riforma della sanità - ha concluso Maroni -: un tavolo tecnico,
valutando questa come una sperimentazione, se funziona, viene accolta ed estesa a tutti. Il presidente si e' detto interessato e disponibile, per cui prenderemo immediati contatti con il Mef e li incontreremo nel prossimi giorni. Se ci sarà il via libera, faremo un tavolo tecnico, il Governo ritirerà l'impugnativa davanti alla Corte costituzionale e lavoreremo a un modello di
virtuosità che poi si potrà estendere anche ad altri. E' iniziata un'interlocuzione che potrebbe portare a risultati positivi". 

"Non accadrà proprio niente: in via cautelare, in sede di autotutela, abbiamo dovuto sospendere la misura, perché, in presenza di una impugnativa, se la Corte Costituzionale, tra un anno o due decidera' che è incostituzionale con effetto ex tunc, cioé dall'impugnativa del Governo, noi saremmo chiamati a restituire tutte le somme", ha
risposto, invece, a una domanda su cosa accadrà rispetto allo sconto per i superticket da domani. "Se nei prossimi giorni si aprira' il tavolo tecnico e il Governo ci annuncerà che ritira l'impugnativa - ha concluso il presidente lombardo -, allora riprenderemo. In attesa di questo la delibera è stata sospesa necessariamente". 

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

20°C

Milano

Sunny

Humidity: 70%

Wind: 6.44 km/h

  • 19 Jun 2018 23°C 13°C
  • 20 Jun 2018 22°C 16°C