updated 4:10 PM UTC, Sep 24, 2018

Pensioni, tasse, lavoro: le prime mosse del governo e i suoi obiettivi

Superamento della legge Fornero, stop all'Ape, Flat Tax, "pace fiscale", taglio delle leggi, centri per l'impiego. Il nuovo esecutivo gialllo-verde guidato dal professor Conte fissa le sue priorità senza dimenticare temi altrettanto urgenti come la sicurezza, l'immigrazione e la giustizia


Lavoro ed economia. Sono questi i primi obiettivi che il premier incaricato Giuseppe Conte dovrà centrare nella partita di governo. Ma sul tavolo restano anche questioni fondamentali come ad esempio quelle legate a sicurezza, pensioni, immigrazione e giustizia. Temi e impegni che andranno affrontati tenendo uno sguardo ai mercati internazionali e all'Europa, senza perdere di vista la bussola rappresentata dal rispetto dei principi costituzionali. Argomenti che verranno affrontati quando, nei prossimi giorni, Conte tornerà al Quirinale per sciogliere la riserva.

PENSIONI - Se Conte scioglierà la riserva tra i primi passi che potrebbe muovere il nuovo governo c'è sicuramente uno dei cavalli di battaglia del programma pentaleghista: il superamento della legge Fornero. Con un eventuale decreto estivo, arriverebbero subito lo stop all'Ape sociale e il via a 'opzione donna'. Per quota 100 (ossia la somma di età e anni di contributi) si dovrebbe attendere la legge di bilancio.

FLAT TAX - La Flat Tax con aliquote al 15 e al 20%, illustrata nel contratto di governo giallo-verde, dovrebbe essere uno dei capisaldi della prossima legge di bilancio, ipotizzando una sua entrata in vigore dal primo gennaio 2019. Al suo fianco dovrebbe arrivare un taglio delle tax expenditures cui verrà chiesto di garantire una buona parte delle coperture per la flat tax.

PACE FISCALE - Si chiama 'pace fiscale' il progetto targato Lega-M5S che consiste in una maxi rottamazione delle cartelle esattoriali. Ora è uno dei pilastri del nuovo governo. Al momento si starebbe valutando attentamente l'impatto che la pace fiscale giallo-verde potrebbe avere sulla definizione agevolata dei ruoli attualmente in corso. E che ha visto l'adesione di 950mila debitori da cui l'erario attende 2 miliardi di euro per il 2018-2019.

TAGLIA LEGGI - Uno dei pilastri di un possibile decreto estivo dovrebbe essere un intervento taglialeggi e un pacchetto di misure sburocratizzazione già abbozzato dallo stesso premier incaricato Conte che proprio per questo motivo era stato inserito nella lista dei ministri in pectore del M5S presentata da Di Maio.

CENTRI PER L'IMPIEGO - Nel pacchetto di misure urgenti da varare eventualmente già nelle prossime settimane è destinata a rientrare anche la riforma dei centri per l'impiego, cara ai 5 Stelle. Misura che dovrebbe andare di pari passo con il rafforzamento della dote attualmente a disposizione del reddito d'inclusione da far scattare con la prossima manovra. (Fonte: Adnkronos)

Salvini, un altro gesto a sostegno della sua svolta patriottica: visita il Sacrario militare di Redipuglia e si emoziona. E sul governo dice: "Non ci saranno altri vertici del centrodestra, chiederò un incontro a Di Maio"

Il leader leghista Matteo Salvini, nel suo tour in Friuli-Venezia Giulia, ha fatto una significativa tappa al Sacrario militare di Redipuglia, il monumentale cimitero costruito in epoca fascista che contiene le spoglie di oltre 100.000 soldati italiani caduti durante la Prima guerra mondiale. Quindi su Facebook ha postato una foto scrivendo: "Una preghiera per i ragazzi che sono caduti durante la Prima guerra mondiale per difendere i confini e il futuro dei loro figli". Sullo stallo politico in atto invece ha detto...


L'immagine può contenere: 1 persona, spazio all'aperto

Chiude a un premier 'terzo' ("non ci sono i voti in Parlamento") e fa sapere che, non ci saranno altri vertici del centrodestra ma chiederà un incontro a Di Maio. Matteo Salvini parla a margine della sua visita al sacrario di Redipuglia il giorno dopo la riunione dei leader del centrodestra ad Arcore.

"Premier terzo? Quarto, quinto, dodicesimo, ma chi lo vota? I voti in parlamento da dove arrivano? Dal centrodestra e io immagino dai Cinque stelle, se vogliono ragionare seriamente", ha dichiarato a Udine. "A Di Maio - ha aggiunto - chiedo se vuole ragionare o se preferisce il Pd, perché io ho visto che dice dialogo col Pd e anche con Renzi... auguri".

"Non ci sono altri vertici, non è che possiamo far vertici tutti i giorni. Esiste il telefono fortunatamente, nel 2018". "A Di Maio chiederò un incontro - ha aggiunto - volentieri, sulla disponibilità a venirci incontro per fare. Gli italiani chiedono di fare. Al di là dei veti o delle simpatie, facciamo qualcosa o no? Se la risposta è no, i numeri sono numeri, si torna al voto".

"Ci sono - ha detto ancora - il 51% di possibilità di fare governo tra centrodestra e Cinquestelle". (Fonte: Ansa)

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

12°C

Milano

Partly Cloudy

Humidity: 52%

Wind: 11.27 km/h

  • 25 Sep 2018 14°C 7°C
  • 26 Sep 2018 14°C 6°C