updated 11:36 PM UTC, Jan 15, 2018

Salvini: "Contento di Fontana, ci aspettano altri 5 anni. Sinistra divisa in Lombardia? Non contiamo sugli errori altrui"

La prima uscita pubblica del leader leghista con il candidato alla successione di Roberto Maroni come governatore lombardo. L'ex sindaco di Varese chiede unità d'intenti e d'azione alla coalizione di centrodestra. Intanto Giorgio Gori incassa il rifiuto di Liberi e Uguali che correrà in proprio. Ma già si parla di voto disgiunto - (VIDEO)

Movimento 5 Stelle, Di Maio: "Aboliremo 400 leggi. La Fornero? Salvini si è venduto". La nuova proposta: in pensione dopo 41 anni

Intervista al candidato premier pentastellato: "Ecco come vogliamo semplificare la vita di cittadini e imprese: si comincia dallo spesometro e dagli studi di settore". Le sue parole ai microfoni de ilComizio.it - (VIDEO)


"Non ho nessun problema a dire che sono entrato in Parlamento convinto che per ogni problema servisse una legge. Ne esco con la convinzione che questo è un Paese non ostaggio della burocrazia ma delle leggi": lo ha detto il candidato premier del M5S Luigi Di Maio durante un incontro sulla semplificazione amministrativa in cui ha annunciato il lancio del sito Internet leggidaabolire.it "dove tutti potranno proporre una legge da abolire", collegato al progetto di cancellare 400 leggi, ha ribadito, "con unico atto".

"Serve l'abolizione di tante leggi - aggiunge - tra queste c'è sicuramente la legge Fornero e abbiamo visto come Salvini si sia venduto per qualche poltrona e rinneghi l'abolizione di questa legge". "Se Berlusconi ha qualche proposta - ha aggiunto Di Maio sorridendo - può partecipare a leggidaabolire.it".

"Proponiamo e prendiamo un impegno con le imprese per l'abolizione dello spesometro, del split payment, del redditometro e gli studi di settore". "So che i miei avversari diranno che così vogliamo favorire l'evasione fiscale, ma è semplificando che si aumenta il gettito per lo Stato e si riduce la pressione fiscale", ha aggiunto Di Maio.

"Noi presto presenteremo il nostro programma che si chiama "quota 41", si basa su un concetto che tu dopo 41 anni di lavoro devi andare in pensione" senza che ci sia il legame "tra tempo di lavoro e età pensionabile". Il programma del M5S sulle pensioni "sarà presentato nei prossimi giorni", spiega Di Maio che sulla legge Fornero sottolinea: "Va abolita non solo per chi deve andare in pensione ma per tutti i giovani" che ci andranno.

Salvini vede la vittoria ma avverte: "Nel centrodestra Forza Italia e Meloni unici interlocutori. E voglio un patto anti-inciuci". Maroni premier? Ecco cosa ha detto...

La conferenza stampa del leader leghista che ha radunato i suoi dirigenti in vista delle elezioni del 4 marzo. Tra ottimismo e poca voglia di imbarcare riciclati e cavalli di ritorno il Matteo di Milano ci ha riservato anche qualche sorpresa - (VIDEO)


Matteo Salvini esclude categoricamente la possibilità di trattare, in vista delle elezioni del 4 marzo, con altri potenziali alleati che non siano Fi e FdI. "Evito di seguire le vicende di quarte, quinte o seste gambe, perché non è un problema mio. Penso che un governo possa stare anche su tre gambe, i miei interlocutori sono due: chi vuole fare esperimenti di eugenetica, se ne farà carico", ha detto infatti il segretario della Lega.

"Chiederò un impegno anti-inciuci" - La Lega si impegnerà in Parlamento "esclusivamente all'interno del centrodestra". "Anzi, chiederò un impegno anti-inciucio a tutti i segretari - ha spiegato -, i principali media tifano per il non risultato, per il grande inciucio, come con Monti. Ma noi comunque siamo autosufficienti".

"Chiamerò personalmente Berlusconi" - Al momento all'interno del centrodestra "non ci sono stati incontri e in agenda non ce ne sono. Oggi chiamerò personalmente Silvio Berlusconi e la settimana prossima parleremo di tutto il resto", ha fatto sapere. Sulla vittoria della Lega alle prossime elezioni il segretario leghista ne è quasi certo: "Vinceremo perché siamo l'unico partito che convoca i propri dirigenti il 3 gennaio".

"Maroni non sarà il candidato premier" - Matteo Salvini ha poi escluso che Berlusconi possa candidare Roberto Maroni come futuro premier. "Maroni era al Consiglio federale con Luca Zaia, lui e Zaia sono e saranno risorse fondamentali per la Lega e non per altri". Salvini, che nel simbolo elettorale ha indicato la sua candidatura a capo del governo, ha sottolineato che Maroni come Zaia è impegnato a "portare a casa" l'accordo con l'esecutivo per l'autonomia di Lombardia e Veneto, dopo i referendum regionali del 22 ottobre. (Fonte Tgcom24)

 

Contrasto alle povertà, ecco il reddito di inclusione: come funziona e chi ne avrà diritto. A Milano ne beneficeranno 5mila famiglie

Presentato a Milano il Rei, il reddito di inclusione voluto dal governo che partirà dal 1° dicembre. Parlano il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, il presidente dell'Inps, Tito Boeri, e l'assessore alle Politiche Sociali della Giunta Sala, Pierfrancesco Majorino - (VIDEO)


Dal 1° dicembre si potrà fare domanda per il Rei (Reddito di inclusione) voluto dal Governo come intervento strutturale di lotta alle povertà. Ieri a Milano il ministro del Lavoro e Politiche sociali, Giuliano Poletti insieme al presidente dell’Inps, Tito Boeri, il Sindaco di Milano, Giuseppe Sala e l’assessore alle Politiche sociali, Pierfrancesco Majorino, ha presentato il provvedimento che avrà carattere nazionale e verrà erogato dal 1° gennaio 2018. A Milano si stima ne beneficeranno oltre 5.000 famiglie, un numero triplicato rispetto a quante sono state aiutate con il Sia, Sostegno di inclusione, che ha preceduto il Rei in forma sperimentale.

Il Rei, rivolto a nuclei con Isee fino a 6.000 euro, permetterà di rivolgersi a una platea più ampia di persone colpite dalla crisi, consentendo di agganciarle e inserirle in un progetto di attivazione sociale e lavorativa per migliorarne le condizioni di vita.

“In questi anni – spiega l’assessore alle Politiche sociali, Pierfrancesco Majorino – abbiamo più volte sollecitato un intervento da parte del Governo affinché si introducesse una misura nazionale di contrasto alle povertà nel nostro Paese colpevole, in questo ambito, di un grave ritardo. Oggi con la introduzione del Rei – ha proseguito l’assessore – siamo di fronte a un fatto decisivo e cruciale anche per Milano, che in questi anni ha fatto da supporto utilizzando risorse proprie. In sei anni siamo passati da 18 a 38 milioni di euro impiegati per il sostegno al reddito di anziani, famiglie, persone con disabilità e adulti in povertà perché lasciati fuori dal mercato del lavoro. Con il Rei stimiamo di poter raggiungere circa 5.000 beneficiari. Questo non sarà però solo un contributo per uscire dalla difficoltà quotidiana ma soprattutto uno strumento per uscire dalla povertà stringendo con noi un patto per ritrovare l'autonomia. Non un ricatto sulla base di un contributo ricevuto, ma una alleanza per non averne più bisogno”.

Il Rei è una misura destinata alle famiglie con un Isee fino a 6.000 euro; l’importo varia in base al numero dei componenti il nucleo familiare e dipende da eventuali altre prestazioni assistenziali e dalle altre risorse di cui il nucleo familiare dispone. Verrà erogato dal 1° gennaio 2018 e sostituirà il Sia (Sostegno per l'inclusione attiva) e l'AsdiI (Assegno di disoccupazione). Il Rei si compone di due parti: un beneficio economico, erogato mensilmente attraverso una carta di pagamento elettronica (Carta REI); un progetto personalizzato di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa volto al superamento della condizione di povertà, predisposto sotto la regia dei servizi sociali del Comune.

Il beneficio viene concesso per un periodo massimo di 18 mesi e se necessario potrà essere rinnovato per ulteriori 12 mesi.

Per accedere al Rei occorre avere un Isee in corso di validità e presentare presso il Comune di residenza le domande. Per i residenti nel Comune di Milano i moduli di domanda potranno essere ritirati e presentati presso i 148 CAF- centri di assistenza fiscale convenzionati.

Dal 1° dicembre i moduli saranno inoltre reperibili presso le sedi dei servizi sociali territoriali.

Il Comune di Milano ha messo a bilancio per il 2017 38,4 milioni di euro in contributi di sostegno al reddito così ripartiti:

Al sostegno al reddito e alle misure contro la povertà quest’anno il Comune ha destinato 38.467.650 di euro (più del doppio rispetto al 2011 quando a bilancio erano 18 milioni). Integrano il reddito di anziani, famiglie con minori e famiglie affidatarie; persone con disabilità; giovani coppie e adulti in difficoltà.

A questi contributi l’Amministrazione affianca l’erogazione delle Bebè Card – Reddito di Maternità destinata al sostegno delle famiglie (con Isee fino a 17.000 euro) dove è appena nato un bambino e il Baf (buono di assistenza familiare) per l’impiego di una assistente domiciliare (badante o baby-sitter) rivolto sempre a famiglie con un Isee fino a 17.000 euro.

Ostia, sul caso Spada CasaPound dice basta: "I nostri voti frutto del lavoro tra la gente. Ecco tutta la verità, vogliamo che la magistratura indaghi"

La conferenza stampa integrale del movimento della Tartaruga svoltasi nella sede centrale romana di via Napoleone III. Simone Di Stefano, Luca Marsella e Carlotta Chiaraluce hanno illustrato la propria posizione e risposto punto su punto alle domande di una platea di giornalisti decisamente nutrita. Un contributo importante per capire qualcosa di più su una vicenda sulla quale si è scritto e detto molto, spesso con poco equilibrio - (VIDEO)

Voto in Sicilia, Salvini rivela: "De Luca si era offerto anche a noi. Abbiamo fatto bene a dire di no a chi ci prometteva pacchetti di voti. Tutti facciano attenzione"

Cateno De Luca, il consigliere dell'Udc eletto in Sicilia che è stato arrestato per evasione fiscale, "si era proposto anche a noi, è gli abbiamo detto di no". Lo ha rivelato il segretario della Lega, Matteo Salvini, a margine di una conferenza stampa alla Camera dei Deputati commentando il voto regionale siciliano e le relative vicende giudiziarie. "Abbiamo fatto più che bene - ha aggiunto - a dire dei no a qualcuno che si proponeva per le nostre candidature, offrendo un sostegno che la cronaca di oggi ci dice abbiamo fatto bene a rifiutare" - (VIDEO)

Case popolari in Lombardia: parte la sperimentazione del nuovo regolamento di assegnazione. Tutto quello che c'è da sapere

La delibera spiegata dal vicepresidente della Regione e assessore alla Casa, Housing sociale, Expo e Internazionalizzazione delle imprese, Fabrizio Sala, nella conferenza stampa al termine della Giunta - (VIDEO)


"Abbiamo approvato la delibera con la quale inizierà, da domani, la sperimentazione del nuovo regolamento di assegnazione delle case popolari che, lo ricordiamo, prevede, oltre a un minimo di 5 anni di residenza, delle categorie di accesso ben precise secondo il criterio del mix abitativo. Posto che il 20% del totale sarà destinato a persone in stato di povertà assoluta, fatto 100 il resto, il 30% sarà destinato agli anziani, il 20% a famiglie monoparentali, il 15% a disabili, il 20% a famiglie di nuova formazione e il 10% alle forze di polizia. Un ulteriore 5% verrà destinato ad altre categorie di rilevanza sociale individuate dai Piani di Zona". Lo ha annunciato il vicepresidente di Regione Lombardia e assessore alla Casa, Housing sociale, Expo e Internazionalizzazione delle imprese Fabrizio Sala nel corso della conferenza stampa al termine della Giunta regionale.

TEST SU TRE AMBITI: CINISELLO, MONZA E SESTO SAN GIOVANNI - "Per la sperimentazione - ha spiegato il vice presidente - abbiamo individuato tre Ambiti: quello di Cinisello Balsamo, che include anche Bresso, Cormano e Cusano Milanino; quello di Monza, che include Brugherio e Villasanta; quello di Sesto San Giovanni, che include anche Cologno Monzese. In questi comuni dal 2 di novembre entrerà in vigore il regolamento, ci sarà poi la verifica di tutte le autocertificazioni fornite dai richiedente e infine a gennaio ci saranno le prime assegnazioni col nuovo regolamento".

SE TUTTO OK APPLICAZIONE IN TUTTA LA REGIONE DALL'8 FEBBRAIO 2018 - "Se non ci sarà nulla da modificare in seguito alla sperimentazione - ha concluso Sala-, l'8 febbraio 2018 il regolamento sarà in vigore su tutto il territorio regionale".

L'8 novembre la Giornata della Ricerca, Regione Lombardia si mobilita. Parlano gli assessori Del Gobbo e Aprea

Un evento imperdibile per tutte le eccellenze scientifiche della Lombardia e un'occasione di incontro e confronto con eminenti scienziati, imprenditori e mondo della formazione, scolastica e accademica. E' la Giornata della Ricerca e del premio Internazionale 'Lombardia e' Ricerca', in programma il prossimo 8 novembre al Teatro alla Scala di Milano, che e' stata presentata ieri a Palazzo Pirelli dal presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, insieme all'Assessore all'Universita', Ricerca e Open innovation, Luca Del Gobbo, al presidente della Fondazione Umberto Veronesi, Paolo Veronesi, alla giornalista che presentera' l'evento, Eliana Liotta, alla direttrice dell'Ufficio scolastico regionale della Lombardia, Delia Campanelli e all'assessore all'Istruzione, Formazione e Lavoro, Valentina Aprea.

IL PREMIO - Il momento piu' importante della Giornata della Ricerca, l'8 novembre, e' la cerimonia di premiazione del vincitore del Premio Internazionale 'Lombardia e' Ricerca' (istituito con DGR n°6758 del 21 giugno scorso), assegnato ogni anno (a partire da quest'anno) da Regione Lombardia, in collaborazione con la Fondazione Umberto Veronesi, a un ricercatore di fama internazionale (italiano o straniero) che si e' particolarmente distinto nell'attivita' di ricerca scientifica e tecnologica nell'ambito 'Scienze della vita', con specifico riguardo alle ricadute sulla qualita' della vita delle persone.

Il premio consiste in una scultura, che rappresenta il pensiero del professor Veronesi, accompagnata da una pergamena recante la motivazione dell'attribuzione e nell'assegnazione di 1 milione di euro: il 30% dedicato al vincitore (o ai vincitori, fino ad un massimo di 3 per la scoperta selezionata) e il 70% da destinare all'attivita' di ricerca sul territorio lombardo. Il Premio 'Lombardia e' Ricerca', dato il prestigio internazionale e la rilevanza economica, vuole essere il Nobel che la Regione Lombardia dedica al mondo della ricerca e dell'innovazione, valorizzandone il vero punto di forza, il capitale umano.

PERSONAGGIO STRAORDINARIO - Questo evento, ha sottolineato Maroni, vuole celebrare degnamente "un personaggio straordinario quale e' stato Umberto Veronesi. Ricordo, che lui fu anche il presidente della commissione che istituimmo qui per la revisione del sistema sanitario. Da li', e' partita poi tutta l'iniziativa che ha portato all'istituzione della nuova legge sulla Sanita' della Regione. Una collaborazione molto forte e per me anche un rapporto speciale di amicizia".

INVESTIMENTI COSTANTI - Evidenziando che nella giornata dell'8 novembre verranno anche lanciate nuove importanti iniziative dedicate a studenti delle scuole e delle universita', il governatore ha evidenziato l'impegno della Regione verso innovazione e ricerca, che sono "un settore importante, sul quale investiamo molto nell'ottica di visione strategica. Siamo anche particolarmente attivi - ha ricordato - sul piano internazionale. Nel quadro dell'Euroregione delle Alpi, la Lombardia ha ottenuto la presidenza del primo dei nove 'action group', che mira proprio a sviluppare un ecosistema efficace di ricerca e innovazione, a ulteriore conferma di quanto questo ambito sia una nostra vocazione".

PIU' AUTONOMIA - Anche a fronte del risultato del referendum sull'autonomia di domenica scorsa, Maroni ha sottolineato come una delle materie che sara' oggetto di trattativa con il governo centrale sara' "la ricerca scientifica e tecnologica. In particolare, noi siamo interessati a quella che riguarda il benessere e la salute. Abbiamo investito e stiamo investendo molto in questa direzione. Ricordo solo quello sull'ex area Falck di Sesto San Giovanni, dove sorgera' la 'Citta' della ricerca e della salute' e l'impegno insieme al Governo nazionale per Human Technopole sull'ex area Expo".

EMA A MILANO - Infine il presidente lombardo, ha parlato anche della grande aspettativa verso la possibilita' che la sede dell'agenzia europea del farmaco sia assegnata a Milano. "Speriamo che anche a livello europeo si accorgano che siamo un punto di riferimento su questi temi e il prossimo 20 novembre, quando si decidera' sull'assegnazione della sede di Ema, prevalga la forza del nostro dossier di candidatura e non altre logiche. Se sara' cosi', sono convinto che Milano non abbia rivali, perche' la candidatura che abbiamo preparato insieme al Comune e a Palazzo Chigi, e' davvero molto competitiva"

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

1°C

Milano

Partly Cloudy

Humidity: 90%

Wind: 11.27 km/h

  • 16 Jan 2018 5°C 0°C
  • 17 Jan 2018 3°C -1°C