updated 1:17 PM UTC, May 20, 2018

Governo, Di Maio apprezza l'apertura di Martina e chiede uno "sforzo" al Pd: "Un contratto per risolvere i problemi degli italiani o si torna al voto" (VIDEO)

Nuovo giro di consultazioni per il presidente della Camera, Roberto Fico, incaricato dal capo dello Stato di sondare M5S e Pd in vista di un eventuale accordo di governo. Intanto il leader pentastellato, Luigi Di Maio, ha parlato dopo essere salito al Quirinale. Ecco cosa ha detto - (VIDEO)


Si cerca una soluzione per uscire dall'impasse sul governo. Luigi Di Maio, a margine del secondo giro di consultazioni con il presidente della Camera, Roberto Fico, ribadisce che se non c'è un'intesa si torna al voto e chiede uno "sforzo" ai dem. "Vogliamo risolvere problemi che non sono stati risolti per 30 anni. Non siamo autonomi", per questo "pensiamo a un buon contratto di governo al rialzo per risolvere i problemi degli italiani". Un governo di questo tipo, semmai vedrà la luce, "sarà una novità assoluta e non sarà in continuità coi governi del passato" dice Di Maio.

"Voglio dire prima di tutto - esordisce il capo politico del M5S - di uscire dalla logica della Prima e della Seconda Repubblica: tutti parlano di alleanza, qui non si tratta di un'alleanza. Si pensa e si usa ancora un linguaggio completamente sbagliato. Come ho detto inizia la Terza Repubblica in cui al centro si mette il cittadino. Qui le forze politiche fanno un passo indietro e sono i cittadini a fare un passo avanti". "Con il contratto di governo sul modello tedesco ci sarà prima di tutto il cittadino e i suoi bisogni: con un elenco delle cose da fare - spiega - Qui conta solo se ai 10 milioni di poveri sotto la soglia di povertà riusciremo a dare 780 euro al mese per superare quella soglia, il reddito di cittadinanza" o intervenire sulle pensioni.

"A questi italiani interessa avere il reddito di cittadinanza - chiede Di Maio - o preferiscono che due forze politiche continuino a litigare per l’eternità? Questo se sarà, non sarà un governo in continuità con il passato". "Io capisco chi dice tra i nostri 'mai col Pd' e tra i loro 'mai col M5S'. Ma rendiamoci conto - scandisce - che qui il tema non è andare con il Pd come non era andare con la Lega, qui si sta dicendo: fare il reddito di cittadinanza, ridurre le tasse, aiutare le famiglie che fanno figli, tagliare gli sprechi. Senza negare le profonde diversità che abbiamo".

"Certo - aggiunge - bisogna fare uno sforzo nella direzione del cambiamento. E anche al Pd chiedo lo sforzo di non entrare nella logica per cui il Movimento 5 Stelle debba negare le battaglie storiche del passato". "Abbiamo questa opportunità, se non si riescono a fare le cose si torna al voto" ribadisce Di Maio. "Credo - prosegue - che se si ritorna al voto il M5S ne uscirà rafforzato, sono convinto anche per quello che stiamo vedendo nel Paese. Oppure possiamo capitalizzare questo 32% che non è autonomo e metterci a lavorare per il Paese". "Ce la metteremo tutta - sottolinea ancora - noi siamo disponibili a sederci subito al tavolo, a mettere al centro i temi".

E al centro ci sono "i bisogni delle persone senza pensare al tornaconto di partito, senza pensare al tornaconto del Movimento" afferma il capo politico del M5S. "Se volessimo pensare all’interesse di partito - dice Di Maio - faremmo come la Lega, ci metteremmo lì restando fuori da qualsiasi responsabilità di governo. Ma siccome non abbiamo mai pensato a interessi strategici, stiamo mettendo al centro i cittadini".

CONFLITTO D'INTERESSI - Di Maio parla anche di Silvio Berlusconi. "Fa specie - osserva - vedere che Berlusconi utilizzi tv e giornale per mandare velate minacce a Salvini, qualora decidesse di sganciarsi. E' arrivato il momento di metter mano a questo conflitto d'interessi e di dire che un politico non può essere proprietario di mezzi di informazione".

Governo, il Movimento 5 Stelle tiene il punto. Parla Laura Castelli: "Il cambiamento non passa né da Arcore né dalle ammucchiate. Non si torna indietro" (VIDEO)

Intervista alla deputata del M5S, Laura Castelli, che ribadisce i concetti già espressi da Luigi Di Maio: sì a un dialogo con la Lega di Matteo Salvini ma chiusura nei confronti di un centrodestra che abbia Silvio Berlusconi ancora come protagonista. "Proponiamo un contratto di governo con punti chiari per il bene dei cittadini" 

Salvini, un altro gesto a sostegno della sua svolta patriottica: visita il Sacrario militare di Redipuglia e si emoziona. E sul governo dice: "Non ci saranno altri vertici del centrodestra, chiederò un incontro a Di Maio"

Il leader leghista Matteo Salvini, nel suo tour in Friuli-Venezia Giulia, ha fatto una significativa tappa al Sacrario militare di Redipuglia, il monumentale cimitero costruito in epoca fascista che contiene le spoglie di oltre 100.000 soldati italiani caduti durante la Prima guerra mondiale. Quindi su Facebook ha postato una foto scrivendo: "Una preghiera per i ragazzi che sono caduti durante la Prima guerra mondiale per difendere i confini e il futuro dei loro figli". Sullo stallo politico in atto invece ha detto...


L'immagine può contenere: 1 persona, spazio all'aperto

Chiude a un premier 'terzo' ("non ci sono i voti in Parlamento") e fa sapere che, non ci saranno altri vertici del centrodestra ma chiederà un incontro a Di Maio. Matteo Salvini parla a margine della sua visita al sacrario di Redipuglia il giorno dopo la riunione dei leader del centrodestra ad Arcore.

"Premier terzo? Quarto, quinto, dodicesimo, ma chi lo vota? I voti in parlamento da dove arrivano? Dal centrodestra e io immagino dai Cinque stelle, se vogliono ragionare seriamente", ha dichiarato a Udine. "A Di Maio - ha aggiunto - chiedo se vuole ragionare o se preferisce il Pd, perché io ho visto che dice dialogo col Pd e anche con Renzi... auguri".

"Non ci sono altri vertici, non è che possiamo far vertici tutti i giorni. Esiste il telefono fortunatamente, nel 2018". "A Di Maio chiederò un incontro - ha aggiunto - volentieri, sulla disponibilità a venirci incontro per fare. Gli italiani chiedono di fare. Al di là dei veti o delle simpatie, facciamo qualcosa o no? Se la risposta è no, i numeri sono numeri, si torna al voto".

"Ci sono - ha detto ancora - il 51% di possibilità di fare governo tra centrodestra e Cinquestelle". (Fonte: Ansa)

La furia di Silvia Sardone contro Forza Italia: "Non premia il merito. Ha rinunciato a un assessorato pur di non darlo a me, una scelta contro 11.312 elettori. E ora dopo 19 anni..." (VIDEO)

Intervista a Silvia Sardone neoeletta consigliera regionale lombarda, donna più votata alle ultime regionali. Sono parole decisamente dure quelle che riserva a Forza Italia, il partito in cui milita da quando era ragazzina e che l'ha esclusa all'ultimo momento dalla Giunta di Attilio Fontana. Dice che sosterrà comunque il governo della Lombardia e che resterà nel centrodestra, ma il futuro è tutto scrivere....

Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

16°C

Milano

Cloudy

Humidity: 69%

Wind: 11.27 km/h

  • 20 May 2018 17°C 10°C
  • 21 May 2018 18°C 10°C