Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 993

updated 4:05 PM UTC, Dec 15, 2017

Cremona anticipa la magia del Natale con la Festa del Torrone. Nove giorni dedicati al dolce lombardo più tipico insieme al panettone

Dal 18 al 26 novembre parte l'atteso appuntamento col gusto e la cultura: un'ottantina di stand e nove giorni di eventi. La manifestazione simbolo della città d'arte lombarda quest'anno si inserisce nel contesto delle celebrazioni monteverdiane, organizzate in occasione dei 450 anni dalla nascita del grande compositore Claudio Monteverdi - (VIDEO)


Risultati immagini per festa del torrone cremona

Duecentocinquanta appuntamenti, con laboratori, animazioni, spettacoli itineranti, cibo e tanta tradizione. È la ‘Festa del Torrone’ che si svolgerà dal 18 al 26 novembre a Cremona e che oggi, 7 novembre, è stata presentata a Palazzo Pirelli, presenti il Presidente del Consiglio regionale Raffaele Cattaneo, l’Assessore alle Culture e Identità Cristina Capellini e il consigliere regionale Carlo Malvezzi, Forza Italia. 

La manifestazione è un vero e proprio viaggio nel tempo, tra storia, dolcezze, arte e golosità. E forte identità territoriale.

Ha sottolineato il Presidente Raffaele Cattaneo: "Ormai il torrone è un dolce talmente tipico che rappresenta la Lombardia nel mondo perché di fatto è espressione di dolcezza e forza, che sono un po’ le caratteristiche dei nostri territori e che nel dolce di Cremona sono ben rappresentate". Cattaneo ha poi preso spunto dalla discussione in Aula sulla Risoluzione sulle richieste di maggiore autonomia da presentare al Governo, sull’onda dei risultati del Referendum dello scorso ottobre, per sottolineare che così come è importante in pasticceria miscelare gli ingredienti per arrivare a un prodotto unico finito che esalti i vari sapori, così deve avvenire anche in ambito istituzionale, dove l’unità nelle diversità ci permette di avere un’unica realtà ma con la valorizzazione delle espressioni dei territori stessi che la compongono.

Anche il Presidente della Commissione Affari istituzionali Carlo Malvezzi ha sottolineato l’importanza della manifestazione perché rappresenta un’occasione straordinaria per parlare di un’eccellenza lombarda e cremonese come il torrone. Un dolce che grazie alla forza degli artigiani locali non si è perso nel tempo ma è stato riscoperto, tanto che oggi non è più solo una presenza legata alle tavole di Natale ma è diventato un dolce adatto a tutte le stagioni perché viene abbinato a diverse pietanze.

L’Assessore Cristina Cappellini ha evidenziato l’impegno di Regione Lombardia nel promuovere eventi come la Festa del Torrone di Cremona perché rappresentano la valorizzazione delle eccellenze della nostra regione e delle nostre tradizioni.

Risultati immagini per festa del torrone cremona

La manifestazione che si aprirà il 18 novembre a Cremona conta tantissimi eventi.

Non mancherà l’immancabile rievocazione storica del matrimonio tra Francesco Sforza e Bianca Maria Visconti, domenica 19 novembre, nella fascinosa cornice di Piazza del Comune, seguito dalla sfilata per le vie del centro storico della città tra le acrobazie degli sbandieratori, musicisti e le splendide figure delle dame e dei cavalieri.

E verranno esposte le costruzioni giganti in torrone.

L’edizione di quest’anno vedrà anche la partecipazione del noto maestro pasticcere Ernst Knam.

Nel 2016 la manifestazione ha chiuso con 300mila presenze, 70 tonnellate di torrone venduto, oltre 300 pullman arrivati in città, 400 camper da tutta Italia, ristoranti e locali della città assediati dai visitatori.

Alla presentazione era presente tra gli altri anche l’Assessore cremonese alla Città Vivibile e alla Rigenerazione urbana Barbara Manfredini.

  • Pubblicato in Cultura

Referendum per l'autonomia in Lombardia e Veneto, parla Cristina Cappellini: "Grazie a Maroni, Zaia e Salvini". E come leader "vota" Matteo

Ai microfoni de ilComizio.it l'assessore regionale delle Culture e Identità parla della consultazione che si terrà il prossimo 22 ottobre. Poi, per quanto riguarda le primarie della Lega del prossimo 7 maggio in vista del congresso del 21, con un post su Facebook annuncia: "Ho sottoscritto con soddisfazione, fiducia e speranza nel futuro la candidatura di Matteo Salvini a Segretario Federale" - (VIDEO)

"Tempo di Libri", Regione Lombardia presente con un suo stand. Parla l'assessore Cristina Cappellini

 

Dal 19 al 23 aprile 2017 è in programma la prima edizione della nuova fiera dell'editoria. Oltre duemila gli autori partecipanti per 720 eventi, 35 mila metri quadrati in due padiglioni della fiera di Rho con 435 espositori. L'intervista all'assessore alle Culture e Identità della Giunta Maroni - (VIDEO)


Regione Lombardia prenderà parte a ‘Tempo di libri’ con un suo stand “in cui ‘racconterà’ tutto l’impegno dell’Ente per la promozione culturale. Lo spazio sarà articolato in diverse attività e proposte che copriranno l’intera gamma della produzione culturale, dando visibilità e spunti di approfondimento sia per la parola scritta che per il linguaggio filmico come pure per l’utilizzo dei social”. Lo annuncia l’assessore lombardo alle Culture, Cristina Cappellini, intervenendo alla conferenza stampa di presentazione della prima edizione della nuova Fiera dell’editoria italiana che dal 19 al 23 aprile sarà allestita nei padiglioni di Fiera Milano Rho.
“Abbiamo appreso con piacere la scelta di Aie di approdare a Milano perché la nostra Regione è ormai Regione leader a livello culturale, a tutti gli effetti. In Lombardia sono attive 352 case editrici, quasi il 20% del totale nazionale, un lombardo su due legge almeno un libro all’anno, quindi un dato del 50% circa rispetto al 42% della media nazionale. I nostri sistemi bibliotecari sono un modello di eccellenza a livello nazionale”.
Diverse le proposte dello stand Regione Lombardia. Appuntamento di punta della rassegna di iniziative regionali sarà ‘Parole in voce’ che, grazie a una collaborazione con il ‘Piccolo Teatro’ di Milano, porterà nello stand della Regione gli allievi della Scuola per attori Luca Ronconi che presenteranno letture di testi classici, moderni e contemporanei, con la partecipazione straordinaria dell’attrice Laura Marinoni sabato 22 aprile alle ore 17.

  • Pubblicato in Cultura

Arriva "Tempo di Libri": Milano capitale della lettura per 5 giorni

Dal 19 al 23 aprile 2017 è in programma la prima edizione della nuova fiera dell'editoria. Oltre duemila gli autori partecipanti per 720 eventi, 35 mila metri quadrati in due padiglioni della fiera di Rho con 435 espositori. Più quindi dei 350 annunciati da Torino, sede del Salone che ha subito lo strappo dell'Aie. Sala: "Nessuna polemica, la sfida è con noi stessi" - (VIDEO)


A Milano è 'Tempo di libri'. Dopo lo strappo degli editori dell'Aie con il Salone del libro di Torino e le polemiche della scorsa estate, arriva dal 19 al 23 aprile la loro nuova fiera che nei numeri è già un successo. Oltre duemila gli autori presenti per 720 eventi, 35 mila metri quadrati in due padiglioni della fiera di Rho con 435 espositori. Più quindi dei 350 annunciati da Torino che comunque, rispetto allo scorso anno, ha aumentato le presenze.

"Questa è la nostra fiera, la fiera degli editori italiani che si raccontano" ha spiegato alla presentazione Renata Gorgani, presidente della Fabbrica del libro, la società creata da Aie con Fiera Milano per realizzare il nuovo salone. Per usare le parole di Michela Murgia, se fosse un ristorante Tempo di libri non si limiterebbe a dare da mangiare, ma farebbe di più, come "attuatore di relazioni". La relazione è con il pubblico che potrà farsi una scaletta degli incontri, declinati con le lettere dell'alfabeto, che preferisce (previsto anche un abbonamento a 25 euro per tutti i cinque giorni), ma anche con la città. Perché oltre alla fiera, che chiude alle 19.30, c'è anche un fuori tempo di libri, sul modello del fuori salone con appuntamenti in tutta Milano: da cene letterarie a meeting di lettori ad alta voce. Non a caso in piazza Duomo sarà montata un'installazione rossa con scritto 'Tempo di libri', e oltre a una campagna di comunicazione canonica, ci saranno 126 mila calamite distribuite come pubblicità in metropolitana.

"Dobbiamo pensare a modi diversi - è convinto l'assessore alla Cultura Filippo Del Corno - per comunicare il piacere della lettura". Gli appuntamenti sono per tutti i gusti: si va dal giallista norvegese Jo Nesbo che, nel suo unico appuntamento in Italia, parlerà con Carlo Lucarelli, allo chef Davide Oldani (700 metri quadrati sono riservati a cucina e alimentazione) passando per Sophie Kinsella che renderà omaggio a Jane Austen, Luis Sepulveda, Michela Murgia e persino Francesco Gabbani, il vincitore di Sanremo che sarà in fiera il giorno inaugurale. Per l'appuntamento Asli Erdogan, appena uscita dal carcere in Turchia dove è in attesa di processo, ha scritto un testo. Non a caso fra gli eventi previsti il 23 aprile c'è un convegno sulla libertà di espressione. Per i settant'anni di Stephen King Filippo Timi leggerà brani di Shining, per i cinquant'anni dalla morte di Totò Diego De Silva e Sergio Rubini interpreteranno un impossibile dialogo/intervista. Insomma non le canoniche presentazioni. "Abbiamo chiesto agli scrittori - ha spiegato la curatrice del programma Chiara Valerio - di parlare delle loro passioni, intenzioni e letture". Un impegno che coinvolge anche la Rai come editore ma anche come servizio pubblico per raccontare cosa succede attraverso tv e radio. "Milano era la scelta giusta" è convinto Federico Motta, presidente dell'associazione degli editori.

Nessuna polemica questa volta con il Salone del Libro. "La sfida - ha detto il sindaco di Milano Giuseppe Sala - è con noi stessi". Insomma non con Torino. Certo, ha ammesso, "forse non ha senso che ci siano due edizioni", però capisce la posizione del sindaco di Torino Chiara Appendino. "Avrei probabilmente resistito e anche io avrei fatto un'altra edizione. Vediamo se ci sono i margini per trovare una formula diversa per il futuro", ha concluso. Con un avviso però: Tempo di libri c'è ed è qui per restare. Con l'appoggio di Comune e Regione tanto che, come ha anticipato l'assessore lombarda alle Culture Cristina Cappellini, lunedì in giunta sarà approvata una delibera per un contributo previsto di 50 mila euro.

  • Pubblicato in Cultura
Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

-2°C

Milano

Mostly Cloudy

Humidity: 64%

Wind: 6.44 km/h

  • 18 Dec 2017 2°C -3°C
  • 19 Dec 2017 2°C -4°C