updated 8:08 PM UTC, Sep 25, 2018

La sindaca di Barcellona: "Sono bisessuale, ho amato una ragazza italiana". Ecco chi è Ada Colau

Ada Colau, 43 anni, sindaca di Barcellona Ada Colau ha fatto outing spiegando di essere bisessuale e di avere avuto un'intensa relazione sentimentale con una studentessa italiana. "Quando ho vissuto a Milano per l'Erasmus, a 21 anni, ho avuto prima un fidanzato, Paolo, e poi una fidanzata, Elena. La storia con lei è durata due anni ed è stata molto importante per me. E' stata la sola donna di cui mi sia innamorata", ha detto in un'intervista a Telecinco. La politica catalana vive oggi con Adrià Alemany, uomo forte del suo partito, Barcelona en Comù (vicino a Podemos) con il quale ha avuto due figli. "Sono una donna libera in un paese libero, ha spiegato, nessuno può mettere in questione le mie scelte di vita". L'alcaldesa ha anche rivelato di avere subito un tentativo di violenza sessuale quando aveva 16 anni


Ada Coalu ha fatto recentemente parlare di sé dividendo l'opinione pubblica catalana, spagnola e internazionale per prese di posizione, esternazioni e atteggiamenti piuttosto controversi. Si ricorda la sua polemica contro i turisti, considerati troppo numerosi e poco desiderabili nonostante abbiano fatto, come è noto, la fortuna economica della città. Forte la sua passione invece per le politiche di accoglienza nei confronti di migranti, richiedenti asilo e rifugiati di ogni provenienza: "È molto importante che in un'Europa incerta dove cresce la xenofobia, Barcellona diventi la capitale della speranza", aveva detto a margine della celebre marcia che fu poi replicata a Milano. Ma il momento che fece piovere su di lei le critiche maggiori fu quando venne immortalata, a differenza delle altre autorità presenti, sorridente e serafica durante i funerali delle vittime dell'attentato della Rambla costato la vita a 14 persone lo scorso 17 agosto. Polemiche e moti di indignazione accompagnarono il personalissimo comportamento della signora Ada, così poco in linea con il momento di cordoglio. 

 

 

 

 

 

ultima ora ×primo piano ×evidenza ×il comizio ×ilcomizioit ×Barcellona ×catalogna ×catalunya ×outing ×ada colau ×sindaca alcaldesa ×bisessuale ×bisex ×sex ×sesso ×gay ×omosessualità ×omosex ×omofobia ×tolleranza ×accoglienza ×diritti ×pride ×sindaca di barcellona ride×Sindaca Barcelona rivela,sono bisessuale - Europa×Il coming out di Ada Colau, la sindaca di Barcellona: «Sono felice con mio marito ma ho amato a lungo Elena×Ada Colau, da occupante di case a sindaca di Barcellona×Ada Colau, 41 anni, ha la politica nel dna. Sente le ingiustizie, le vive, le capta e lotta per contrastarle. Da anni è nei movimenti×Ada Colau, la sindaca di Barcellona che odia i turisti, ama i profughi e si è rifiutata di far mettere i blocchi all'ingresso della Rambla×La nuova sindaca di Barcellona Ada Colau, 41 anni, laureata in filosofia, ha un passato come leader dei movimenti di lotta per la casa e fino a qualche tempo fa era considerata dai popolari al governo “una pericolosa attivista”×Referendum in Catalogna, la sindaca di Barcellona tenta la mediazione. Timori di scontri in Catalogna tra polizia e militanti×sindaco di barcellona parla italiano sindaca barcellona parla italiano ada colau barcelona ada colau parla italiano ada colau tina ballano ada colau curriculum ada colau origini barcelona en comú ×Ada Colau, 42 anni. Attivista politica nel movimento della lotta contro gli sfratti è stata eletta un anno fa sindaca di Barcellona. Il suo gruppo politico, 'Barcelona en comù', alleato con Podemos ha di nuovo vinto in Catalogna le elezioni politiche del 26 giugno, in controtendenza rispetto al quadro nazionale×L'attacco terroristico a Barcellona ha fatto conoscere all'Europa la figura della sindaca della città catalana, Ada Colau, militante nel movimento di sinistra Podemos e volto simbolico della reazione catalana.×Siamo a Barcellona, dove i reali di Spagna, Felipe e la regina Letizia, commemoravano i morti della strage jihadista sulla Rambla. E queste immagini, ora, stanno rimbalzando in rete. Perché? Tutto "merito" del sindaco di Barcellona, Ada Colau×"Questa città ama la diversità e vuole essere una città di pace. Ora più che mai dobbiamo stare assieme". Lo dice parlando in italiano la sindaca di Barcellona, Ada Colau×La sindaca di Barcellona Ada Colau ha fatto 'outing' spiegando di essere bisessuale e di avere avuto fra l'altro da giovane una intensa relazione sentimentale con una studentessa Erasmus italiana×Ada Colau sindaco di Barcellona eletta due anni fa con una civica sostenuta da Podemos,×y66

 

La Catalogna insiste per l'indipendenza e le banche se ne vanno: "Vogliamo proteggere clienti e azionisti"

Banco Sabadell, la quinta banca spagnola e seconda catalana, sta valutando se trasferire il domicilio sociale a Madrid, Alicante oppure Oviedo. Mentre il primo istituto della regione, CaixaBank sta invece pensando un trasferimento della sede sociale alle Baleari nel caso di una dichiarazione d'indipendenza che provochi incertezza giuridica. Intanto i Mossos d'Esquadra si dividono; molti agenti sarebbero indignati per l'ammutinamento voluto dai vertici e avrebbero chiesto il trasferimento alla Guardia Civil o alla polizia nazionale


Risultati immagini per caixabank

La sfida indipendentista catalana provoca le prime conseguenze nel mondo finanziario. Una delle maggiori banche catalane, Banco Sabadell, ha convocato per questo pomeriggio una riunione per formalizzare il trasferimento della sede legale in un'altra regione spagnola, mentre CaixaBank, prima banca della Catalogna, riunisce oggi i vertici per valutare le diverse opzioni.

A quanto scrivono i media spagnoli, il consiglio di amministrazione di Banco Sabadell, la quinta banca spagnola, sta valutando se trasferire il domicilio sociale a Madrid, Alicante oppure Oviedo. In tal modo, anche se i servizi centrali rimarranno a Barcellona, verranno assicurati la sicurezza giuridica, i fondi della Banca Centrale Europea e la protezione per i correntisti assicurata dal Fondo Garanzia dei Depositi.

Banco Sabadell gana 450,6 millones hasta junio, casi un 6 % más

"Si tratta di una decisione tecnica e non politica - ha affermato una fonte della Banca a 'El Mundo' - l'obiettivo è proteggere i nostri clienti e azionisti". Ancora prima di essere formalizzata, la decisione è piaciuta ai mercati: la banca aveva perso il 5% ieri in Borsa, me è risalita del 3% dopo che la notizia è trapelata sui media.

CaixaBank sta invece pensando un trasferimento della sede sociale alle Baleari nel caso di una dichiarazione d'indipendenza che provochi incertezza giuridica.


Immagine correlata

"Abbiamo ricevuto tanti messaggi di Mossos d'Esquadra che si vergognano dell'atteggiamento dei loro superiori. Molti di essi non vogliono continuare a far parte di quel corpo di polizia". Sono le parole - riportate da El Confidencial - di Juan Fernandez, portavoce dell'AUGC (Asociación Unificada de Guardias Civiles), secondo cui un gruppo consistente di Mossos starebbe chiedendo il trasferimento alla Guardia Civil o alla Polizia Nazionale. Tra gli agenti del corpo di polizia catalano, starebbe infatti prendendo corpo un sentimento di forte indignazione per il comportamento tenuto da alcuni dei loro colleghi nei giorni prima del referendum sull' indipendenza e, in particolare, per la passività e l'inerzia mostrate il 1° ottobre.

Nelle ultime ore l'AUGC sarebbe venuta a conoscenza delle "confessioni" di numerosi Mossos (si parla di un terzo di essi) che non condividono le idee degli indipendentisti e non si riconoscono nei principi che ispirano anche molti dei loro colleghi. A fronte di tutto ciò, ieri l'AUGC avrebbe chiesto ufficialmente al ministro dell'Interno Juan Ignacio Zoido di garantire una "via di fuga" a tutti quei Mossos che desiderano passare alla Guardia Civil o alla Polizia Nazionale. "Esattamente come molti agenti della Gurdia Civil o della Polizia Nazionale sono stati integrati nei Mossos d'Esquadra quando questo corpo è stato costituito - ha detto Juan Fernandez - ora pensiamo sia logico intraprendere la strada opposta".

Risultati immagini per guardia civil
"Bisognerà trovare il modo per far integrare ed adattare questi agenti". I Mossos che desiderano abbandonare il corpo di polizia catalano, avrebbero la garanzia di entrare a far parte di uno degli altri due corpi e, sulla base di un concorso per merito, di competere con i loro nuovi compagni per le diverse posizioni libere. "Queste truppe si adatterebbero rapidamente perché la Polizia e la Guardia Civil hanno la necessità di ampliare le loro dotazioni in Catalogna. - sostiene Fernandez - Dopo il comportamento tenuto dai Mossos il 1° ottobre, lo Stato ha bisogno di agenti dei quali si possa fidare". Per i Mossos, l'unico problema di questo trasferimento, che rappresenterebbe uno schiaffo a Puigdemont, sarebbe quello di passare da uno stipendio che arriva anche a superare i 2.000 euro, ad uno che a malapena supera i 1.500. "Coloro che entreranno nella Guardia Civil devono essere a conoscenza del fatto che le condizioni di lavoro sono pessime".

Mas Mossos d'Esquadra

Da parte dei Mossos, l'ipotesi del trasferimento viene presa "con ironia". "L'agente che ha chiesto di passare alla Guardia Civil, lo ha fatto perché ha 56 o 57 anni e vede questo passaggio come un piano eccellente per il pensionamento - spiega a El Confidencial Josep Miquel Milagros , vice presidente della Unione della polizia autonoma catalana (USPAC) - Così facendo, potrebbe contare sul denaro accumulato durante il servizio nei Mossos ed evitare di andare in pensione a 65 anni". Millagros assicura che oltre l'80% degli agenti catalani appoggia pienamente la linea tenuta durante il referendum. "Questo non vuol dire che stiamo con Trapero, noi stiamo con i Mossos d'Esquadra".

(Fonte: Adnkronos)

  • Pubblicato in Esteri

Non per farmi i fatti vostri, ma che cos'è la democrazia?

Il caso del referendum per l'indipendenza della Catalogna impone riflessioni, insieme a vecchi e nuovi interrogativi. Un nostro lettore ci scrive prendendo spunto dai fatti spagnoli e richiamando l'attenzione su temi fondamentali per la convivenza civile nella politica di oggi. Una questione complicata che comporta ulteriori punti di domanda


Caro Comizio, gentile direttore,

ho visto ore di dirette tv, letto giornali e siti web sul referendum catalano. Ho sentito riecheggiare più volte la parola "democrazia", tra chi l'avrebbe richiesta, chi l'avrebbe difesa, chi l'avrebbe calpestata etc etc. Alla fine ho capito che i grandi media stanno con gli indipendentisti della Catalogna e puntano il dito contro il governo centrale spagnolo. Io non so dove stia la ragione, ma qualche dubbio in più sull'idea di "democrazia" mi è venuto. Vorrei avere la vostra opinione.

Alfredo Beltrami

Risultati immagini per catalogna


Caro Alfredo,

è difficile, molto difficile. Non solo dare un'interpretazione della vicenda spagnolo-catalana, che ha una lunga storia e innumerevoli implicazioni di natura, appunto, storica, ma anche politico-economica. E' complicato anche produrre una chiave di lettura del concetto attuale di democrazia, soprattutto se si pensa a che idea ne hanno quanti contribuiscono a formare l'opinione pubblica mainstream.

Vediamo di fare chiarezza. I catalani non si sentono spagnoli e pensano di essere derubati da Madrid; è una posizione legittima, per quanto opinabile. Ora, al netto degli ampi spazi di autonomia federale di cui godono, i cittadini e le istituzioni di quella regione aderirono alle fondamenta dello Stato iberico con entusiasmo numerico superiore a quello degli altri spagnoli. Era la costituzione del 1978, che fu promulgata in sostituzione dell'apparato normativo legato al regime franchista, avversato soprattutto dagli stessi catalani. Quella carta evidentemente era riconosciuta da loro come sufficientemente democratica, di garanzia generale, al di là delle differenze etniche e territoriali, prevedendo diverse forme di ampio autogoverno regionale, in buona misura anche di autodeterminazione. Non prevede però che, motu proprio, una singola regione possa decidere di staccarsi, ancorché previo referendum autoprodotto, dalla nazione spagnola e andarsene per conto suo come se niente fosse, se non in condizioni molto precise che oggi mancano. Vien da sé che se a livello costituzionale un comportamento, un'azione, un processo, non sono contemplati, questi siano illegittimi, illegali.

Che cos'è democratico? Un referendum illegale portato avanti contro il pronunciamento della magistratura e le prescrizioni della polizia mediante occupazioni, blocchi, sfide fisiche alle forze dell'ordine? O lo è la presa di posizione ferma delle istituzioni spagnole (legittime, legittimate e sovrane) nell'impedire una consultazione a tutti gli effetti fuori legge?

Che cos'è antidemocratico? Infischiarsene delle norme e delle sentenze di uno Stato, che nessuno al mondo mette in discussione, con una mobilitazione di massa spinta dalle autorità politiche locali e sostenuta, un po' pericolosamente, dalle forze di polizia regionali? O lo è l'intervento, certo molto intransigente e fisicamente coattivo, di Madrid e della sue guardie? Mi scuso se le mie risposte sono in realtà delle domande. Ma ragionare insieme vuol dire anche uno scambio di punti interrogativi.

E quanti ce ne sono di punti di domanda. Sì, perché ci si dice che votare è sempre democratico. Davvero? E pensare che molti illustri maestri del pensiero ci dissero che forse, data la delicatezza della questione, non era il caso che i britannici tutti, compresi pescatori e ignoranti vari, si esprimessero a proposito della Brexit... Sappiamo poi quanti da qualche anno vanno spiegando agli italiani che non è importante che li governino persone che non sono state "elette" (l'ultimo, nel bene o nel male, fu un certo Silvio). E perché possono affermarlo? Perché, udite udite, così prevede la Costituzione, che esclude l'elezione diretta del premier. E pazienza se gli auspici popolari, giusti o sbagliati che siano, siano rivolti a soluzioni diverse rispetto all'imposizione di Monti, Letta e del vincitore delle primarie del Pd. Mica siamo a Barcellona!

Come se non bastasse, viviamo noi italiani in un Paese in cui figure come un Fiano onorevole Emanuele, affermano di voler difendere la Carta da un improbabile pericolo fascista ricorrendo a una nuova legge liberticida che, non un incallito nostalgico, ma il presidente degli avvocati penalisti ha definito incostituzionale. Curioso no? Ecco, un altro punto di domanda. L'ultimo, il più difficile: che cos'è la democrazia?

Fabio Pasini

 

  • Pubblicato in Esteri

El País stronca il referendum catalano: ecco i 10 falsi miti dell'indipendentismo

Dalla storia alle questioni economiche, dal diritto internazionale alla concezione della democrazia, il quotidiano spagnolo, schierato contro il voto, previsto per domenica 1 ottobre, che ha prodotto uno scontro totale tra Madrid e Barcellona, prova a smontare slogan e parole d'ordine del fronte secessionista


Il País ha elencato e smentito 10 falsi miti sul referendum per l’indipendenza della Catalogna che dovrebbe tenersi domenica 1 ottobre: per esempio che la Spagna rubi i soldi dei catalani, i quali sarebbero più ricchi stando da soli, oppure che la Catalogna indipendente entrerà automaticamente nell’Unione Europea. Il País – che finora ha preso una posizione nettamente contraria al referendum, e vale la pena tenerlo a mente – ha selezionato questi falsi miti dagli slogan e dalla retorica politica usati dai leader indipendentisti catalani negli ultimi anni: alcuni si possono considerare falsi miti non perché c’è la certezza che non si realizzeranno mai, ma perché non c’è certezza che si realizzeranno, come invece sostengono i favorevoli all’indipendenza. Inoltre, questi non sono naturalmente gli unici argomenti dei favorevoli all’indipendenza della Catalogna.

1. La guerra del 1714 fu una guerra di secessione
Gli indipendentisti sostengono che la guerra di successione spagnola che fu combattuta all’inizio del Diciottesimo secolo fu in realtà una guerra di secessione della Catalogna dalla Spagna. Secondo questa interpretazione, la sconfitta dell’esercito catalano segnò la fine delle istituzioni autonome della Catalogna sperimentate durante l’Impero Carolingio e l’inizio di un periodo di sottomissione al potere spagnolo. Le cose però non andarono così, ha scritto il País.

Nel 1700, alla morte di Carlo II, che era senza un diretto discendente, iniziò una guerra per la corona di Spagna: si scontrarono Filippo V di Borbone (nipote del re Luigi XIV di Francia) e l’arciduca Carlo VI d’Asburgo. Fu una guerra europea che divenne anche una guerra civile: il regno di Castiglia appoggiava i Borbone, mentre il principato di Catalogna stava dalla parte degli Asburgo. Vinsero i Borbone e la Coronela, l’esercito catalano, fu sconfitto. «Non fu una guerra di una nazione contro l’altra, né d’indipendenza, né di secessione, né patriottica», ha scritto il País, «e le vecchie leggi e antiche Costituzioni catalane furono usate da entrambe le parti come pretesti, slogan, esche e alibi». Fu una guerra tra due case regnanti per ottenere il potere, e basta.

2. La Costituzione del 1978 è ostile ai catalani

Gli indipendentisti catalani sostengono che sia necessario superare la Costituzione del 1978, ovvero la Costituzione adottata in Spagna dopo la fine del periodo storico conosciuto come franchismo, perché sarebbe a loro ostile; inoltre vorrebbero cambiarla tramite una decisione appoggiata dal Parlamento catalano, dove i partiti indipendentisti (Junts pel Sí e CUP) hanno la maggioranza dalle elezioni del 2015.

Il País sostiene che ci siano diverse cose sbagliate e false riguardo a questo punto. Anzitutto ci sarebbe un problema di rappresentatività nel modo tramite il quale gli indipendentisti vorrebbero modificare la Costituzione: gli indipendentisti nell’attuale Parlamento catalano sono stati votati da 1,9 milioni di persone, pari al 47,7 per cento del totale dei votanti; la Costituzione del 1978 fu appoggiata da 2,7 milioni di catalani, pari al 91,09 per cento dei votanti. La Catalogna fu, insieme all’Andalucía, la comunità autonoma spagnola ad appoggiare con la maggioranza più ampia la Costituzione, alla cui scrittura parteciparono tra l’altro catalani molto importanti. Secondo il País, inoltre, il testo votato non si può considerare in nessun modo quello di uno “stato ostile” ai catalani, ma tipico di uno stato profondamente decentralizzato.

3. La Autonomia ha fallito

Gli indipendentisti sostengono che i quasi 40 anni di autogoverno – ovvero la decentralizzazione del potere disegnata con la Costituzione del 1978 – siano stati un fallimento; dicono che oggigiorno sarebbe in corso un nuovo processo di centralizzazione del potere, e che quindi l’autonomia debba essere trasformata in indipendenza.

Il País sostiene che non sia corretto parlare di fallimento. Nel 1979, un anno dopo l’adozione della Costituzione, fu adottato un nuovo Statuto di Autonomia della Catalogna che tra le altre cose stabilì «un sistema di autogoverno senza precedenti nella storia della Spagna»: fu recuperata la lingua catalana, il cui uso era stato vietato durante il franchismo, si fecero passi avanti sulla corresponsabilità fiscale e si ridistribuirono le competenze tra stato e comunità autonoma. Nel 2006 fu approvato un nuovo Statuto di Autonomia, che dava ulteriori poteri alla Catalogna, anche se poi molte sue parti furono dichiarate incostituzionali dal Tribunale costituzionale spagnolo con una sentenza molto contestata. Il País sostiene che nonostante quella sentenza, e nonostante le diverse leggi centralizzatrici introdotte dal Partito Popolare del primo ministro Mariano Rajoy dal 2012 a oggi, il grande livello di autogoverno delle comunità autonome spagnole sia una cosa ormai consolidata: migliorabile, ma comunque notevole se comparato con altri stati del mondo.

4. La Spagna è uno stato autoritario


Gli indipendentisti hanno accusato in diverse occasioni il governo spagnolo di comportarsi in modo autoritario: l’ultima volta è successo meno di una settimana fa, dopo le perquisizioni e gli arresti effettuati dalla Guardia civile spagnola negli edifici del governo catalano a Barcellona, accusato di continuare a organizzare il referendum sull’indipendenza nonostante fosse stato definito illegale dal Tribunale costituzionale spagnolo. L’account Twitter del governo catalano aveva scritto cose tipo: «I cittadini sono convocati per l’1 ottobre per difendere la democrazia da un regime repressivo e intimidatorio»; oppure: «Pensiamo che il governo spagnolo abbia oltrepassato la linea rossa che lo separava dai regimi autoritari e repressivi».

Come scrive il País, non c’è ragione di pensare che la Spagna non sia uno stato democratico. In Spagna esistono lo stato di diritto e la separazione dei poteri; il paese fa parte di tutte le convenzioni internazionali sul rispetto dei diritti umani e le libertà politiche delle Nazioni Unite e dell’Unione Europea; Freedom House ha dato un punteggio di 95/100 al rispetto dei diritti civili e politici in Spagna, lo stesso dato attribuito alla Germania. Né il governo catalano né uno dei gruppi indipendentisti della regione hanno mai fatto ricorso a tribunali internazionali per denunciare delle violazioni dei diritti, né tantomeno lo stato spagnolo è mai stato condannato per questo tipo di violazioni.

5. La Spagna ci ruba i soldi


L’idea che la Spagna “ruba” i soldi della Catalogna, sostanzialmente ridando indietro molti meno soldi di quelli che riceve, risale al 2012, quando fu diffusa dal governo dell’indipendentista Artur Mas. Allora si disse che la Catalogna contribuiva con 16,4 miliardi di euro al bilancio della Spagna, cioè l’8,4 per cento del PIL catalano: troppo, sostenevano gli indipendentisti.

In realtà i numeri diffusi dal governo catalano, scrive il País, si sono poi dimostrati più bassi, soprattutto dopo la crisi economica: non così lontani dalle percentuali trasferite in media da altri territori prosperi verso i governi centrali a capo dei loro stati federali, e nemmeno così lontano dalle stesse proposte catalane. In alcuni periodi storici il contributo della Catalogna al PIL spagnolo è stato anche più basso di quello di altre regioni della Spagna: per esempio, secondo i dati ufficiali diffusi dal governo spagnolo, nel 2014 la Catalogna è stata la seconda comunità autonoma contribuente netta (con il 5 per cento del suo PIL) dietro a Madrid (9,8 per cento). C’è anche da tenere conto che calcolare con precisione quanto torni indietro indirettamente a una regione che ha versato un contributo allo Stato è molto difficile: questo perché per esempio le tasse catalane finanziano il governo centrale, i ministeri e il Parlamento che legiferano anche per la Catalogna, oltre che l’esercito che protegge l’intero paese. Quantificare questa somma di denaro non è per niente facile.

6. Da soli saremo più ricchi


Gli indipendentisti catalani sostengono che da soli, quindi staccati dalla Spagna, sarebbero più ricchi. Già oggi la Catalogna è una delle comunità autonome più ricche del paese, insieme a Madrid, Paesi Baschi e Baleari, e ha un PIL pro-capite simile a quello di alcune tra le regioni più avanzate d’Europa. Una Catalogna indipendente aumenterebbe il suo PIL e migliorerebbe i suoi servizi pensionistici e sociali, sostengono gli indipendentisti.

Il problema, scrive il País, è che questa interpretazione minimizza i costi che deriverebbero dall’indipendenza: «la perdita delle sinergie economiche e degli stimoli intellettuali ottenuti dal fatto di appartenere all’ampio spazio economico europeo» sono difficilmente quantificabili, ma dovrebbero essere presi in considerazione. Il ministero dell’Economia spagnolo ha stimato che l’eventuale secessione ridurrebbe il PIL catalano di una cifra compresa tra il 25 e il 30 per cento rispetto a quello attuale; uno studio del ministero degli Esteri, meno catastrofico, parla di un calo del 19 per cento del PIL. Non è comunque possibile dire cose certe su questo tema.

7. Abbiamo diritto a separarci


Nella “Ley del referéndum de autodeterminación vinculante sobre la independencia de Cataluña”, cioè la legge approvata il 6 settembre dal Parlamento catalano che regola il referendum, c’è scritto che la Catalogna ha il «diritto imprescrittibile e inalienabile all’autodeterminazione», in senso «favorevole all’indipendenza». Non è proprio così.

È vero che il diritto internazionale riconosce il principio di autodeterminazione dei popoli, ma non inteso come diritto alla secessione, quanto piuttosto diritto del popolo, o di una parte di esso, a essere cittadino e potersi realizzare politicamente, a partecipare alla vita democratica delle istituzioni del proprio paese. Il diritto alla secessione viene riconosciuto solo in alcuni specifici casi, per esempio dove c’è un dominio coloniale, un’occupazione militare di una forza straniera e dove vengono compiute gravi e sistematiche violazioni dei diritti umani. Nel resto dei casi il diritto internazionale fa prevalere la “garanzia del confine”, ovvero l’integrità territoriale dello stato, sulle esigenze di autodeterminazione.

La Costituzione spagnola non prevede il diritto alla secessione e un cambiamento dello status quo richiederebbe una riforma costituzionale con procedimento aggravato, quindi con una maggioranza rafforzata, proprio come in Italia. Ci sarebbe anche la possibilità di organizzare direttamente un referendum, ma il voto dovrebbe essere organizzato dal governo spagnolo e il risultato non sarebbe comunque vincolante (si parlerebbe di un referendum consultivo).

8. Non usciremo dall’Unione Europea


Gli indipendentisti sostengono che la Catalogna sicuramente non uscirà dall’Unione Europea, una volta raggiunta l’indipendenza, ma non è una cosa certa o automatica.

Come ha scritto il País, dal 2004 a oggi tutti i presidenti della Commissione europea – Romano Prodi, Jose Manuel Barroso e Jean-Claude Juncker – hanno sostenuto il contrario: se un territorio di uno stato membro smette di esserne parte, perché diventa indipendente, i trattati dell’Unione Europea non potranno continuare ad essere applicati automaticamente a questa parte di territorio. Se vorrà diventare membro dell’Unione Europea, il nuovo stato dovrà fare formale richiesta, secondo quanto prevede l’articolo 49 del Trattato sull’Unione Europea: significa che la sua candidatura dovrà essere accettata da tutti gli attuali stati membri, quindi anche dalla Spagna, che però potrebbe non essere d’accordo in caso di dichiarazione unilaterale di indipendenza della Catalogna.

C’è poi un’altra questione. Per come è fatto oggi il sistema internazionale, uno stato per essere tale deve avere un ampio riconoscimento internazionale (un’entità può definirsi stato in maniera unilaterale, ma se non viene riconosciuto dagli altri non può avviare relazioni diplomatiche, non può entrare a far parte di grandi trattati internazionali, e così via). Come disse lo scorso 25 marzo Artur Mas, ex presidente catalano, «se non ti riconosce nessuno, le indipendenze sono un disastro». Un passaggio fondamentale per ottenere questo riconoscimento è l’ONU. Per ammettere un nuovo stato nell’ONU, questo deve essere raccomandato dal Consiglio di Sicurezza, dove ci sono cinque stati con poteri di veto tra cui la Francia, che non sembra troppo incline a favorire spinte separatiste in un altro paese europeo. La candidatura deve poi essere approvata dai due terzi dell’Assemblea generale, organo che rappresenta tutti gli stati membri dell’ONU. È difficile dire come potrebbe finire tutto questo, visto che ci sono altri stati europei che sono soggetti a spinte indipendentiste e che probabilmente si opporrebbero a un riconoscimento della Catalogna indipendente, per non alimentare gli autonomismi o indipendentismi locali.

9. Il referendum dell’1 ottobre è legale


Il governo catalano sostiene che il referendum dell’1 ottobre sia legale e il vicepresidente catalano Oriol Junqueras ha aggiunto che non è contrario al Codice penale. Ma non è vero, dice il País. La Costituzione affida la competenza esclusiva di indire un referendum di particolare importanza al Parlamento e al governo spagnoli, mentre il referendum dell’1 ottobre è stato convocato unilateralmente dal governo catalano.

Il País aggiunge anche un’altra cosa: sostiene che le due leggi approvate dal Parlamento catalano per realizzare il referendum – quella del 6 settembre e un’altra dell’8 settembre – siano illegali, anzitutto per questioni procedurali: sono state votate dal Parlamento catalano senza la maggioranza dei due terzi richiesta per la modifica dello Statuto di Autonomia della Catalogna, e senza avere ottenuto il parere preventivo del Consell de Garanties Estatutàries, il tribunale costituzionale della Catalogna, l’organo che controlla la legalità delle leggi approvate dalla comunità autonoma. La Ley del referéndum sarebbe illegale anche per il suo contenuto: una legge ordinaria non può infatti autoproclamare che «prevale gerarchicamente» sullo Statuto di Autonomia e sulla Costituzione, e non può stabilire un’autorità elettorale con la sola maggioranza assoluta.

10. Votare è sempre democratico


Uno degli slogan usati nella campagna degli indipendentisti è: «Referendum è democrazia», ma non esiste alcun automatismo che leghi questi due concetti.

Il referendum è stato ampiamente usato in passato dai regimi autoritari, tra cui quello di Franco in Spagna, che nel dicembre 1966 ne fece ricorso per approvare l’allora nuova Costituzione. Inoltre nel programma elettorale di Junts pel Sí, la coalizione al governo in Catalogna, non si parlava di referendum per l’indipendenza: non ci sarebbe nemmeno un mandato elettorale su cui fare leva. Affinché un referendum sia democratico, scrive il País, deve tenersi in un paese democratico rispettando le norme costituzionali di quello stato: una cosa che non sta avvenendo con il referendum sull’indipendenza catalana.

(Fonte: ilpost.it)

 

  • Pubblicato in Esteri

Catalogna, tensione alle stelle: la polizia spagnola compie 14 arresti tra i rappresentanti del governo di Barcellona

La Guardia civil irrompe negli uffici della Generalitat con l'obiettivo di stoppare ogni attività, istituzionale, tecnica e logistica, legata al referendum per l'indipendenza in programma il primo ottobre. Per Madrid la consultazione non si deve tenere, costi quel che costi. Proteste di piazza, ma Rajoy commenta: "Dai giudici l'unica risposta possibile" - (VIDEO)


La polizia spagnola ha arrestato il segretario dell'Economia della Catalogna Josep Maria Jové durante un raid in diversi uffici governativi. Lo riferiscono fonti all'interno del governo regionale parlando di un totale di 14 funzionari e politici finiti in manette La Guardia Civil è entrata negli uffici locali dell'economia, degli interni, degli affari esteri, del welfare, delle telecomunicazioni e delle imposte. Jové è il braccio destro del presidente dell'opposizione della Catalogna Oriol Junqueras.

La mossa, che costituisce una svolta nella strategia di Madrid per impedire il referendum sull'indipendenza del primo ottobre, ha provocato la protesta spontanea di migliaia di persone, che sono scese in piazza in difesa delle istituzioni catalane, bloccando alcune strade del centro di Barcellona. 
Il presidente Carles Puigdemont ha immediatamente convocato una riunione urgente del suo governo. "Stanno attaccando le istituzioni di questo paese, quindi i cittadini. Non lo permetteremo" ha reagito su twitter Junqueras. Il premier spagnolo Mariano Rajoy ha detto che la risposta di Madrid alla sfida dell'indipendenza catalana "non può essere diversa da quella decisa".

Nell'aula del Congresso dei deputati spagnolo a Rajoy si è duramente contrapposto il dirigente della sinistra repubblicana catalana Gabriel Rufian: "Tolga le sue sporche mani dalla Catalogna" gli ha intimato. Il blitz contro le istituzioni catalane ha provocato la dura reazione anche di Podemos: "È una vergogna" ha detto il segretario Pablo Iglesias, "in Spagna tornano a esserci detenuti politici". Il sindaco di Barcellona Ada Colau, eletta con Podemos, ha denunciato "uno scandalo democratico". Continuano inoltre le perquisizioni della polizia spagnola e i sequestri di materiale elettorale per il referendum. Secondo la tv pubblica Tve la polizia spagnola ha sequestrato ieri negli uffici di una società di posta privata 45mila convocazioni inviate per la costituzione dei seggi elettorali. Il ministro delle finanze spagnolo Stobal Montoro intanto ha confermato il blocco delle finanze del governo di Barcellona deciso venerdì dal governo di Madrid.

Centinaia di persone stanno scendendo in strada, in queste ore a Barcellona, in risposta all'appello del presidente del Parlamento catalano Jordi Sanchez, che ha esortato a una manifestazione pacifica davanti al ministero regionale dell'Economia, dopo le perquisizioni negli uffici del governo e l'arresto di 13 funzionari. Lo riferisce La Vanguardia, mentre il premier spagnolo Mariano Rajoy ha chiesto al presidente catalano Carles Puigdemont di fare "marcia indietro" e di "rispettare la legge", rinunciando al referendum sull'indipendenza del primo ottobre. In piazza la folla si sta intanto radunando e canta l'inno catalano "Els Segadors" e grida "Libertà", "Indipendenza" e "Via le forze di occupazione spagnole".

 

  • Pubblicato in Esteri
Sottoscrivi questo feed RSS

FEED RSS

10°C

Milano

Mostly Cloudy

Humidity: 76%

Wind: 0.00 km/h

  • 25 Sep 2018 14°C 7°C
  • 26 Sep 2018 14°C 6°C