updated 8:22 AM UTC, Aug 17, 2018

Estate 2018; incendi nell'Europa settentrionale e all'interno del Circolo polare artico, visti dallo spazio

  • Scritto da Zonca2018
  • Pubblicato in Attualita
incendi ilcomizio.it incendi

Le condizioni calde e secche da record hanno stimolato focolai di incendi storici nell'Europa settentrionale e all'interno del Circolo polare artico.


Fuochi scandinavi appena visti

 

Scorching, condizioni asciutte stanno stimolando focolai di incendi "storici" in tutta la Svezia. Il 19 luglio 2018, più di 40 incendi hanno devastato il paese, grande spiegamento di vigili del fuoco e centinaia di persone sono state evacuate dalle loro case. Il governo svedese ha richiesto assistenza internazionale - è la seconda volta quest'estate - e ha ricevuto aerei e elicotteri antincendio dall'Italia e dalla Norvegia.

L'immagine a colori naturali sopra è stata acquisita dal Moderate Resolution Imaging Spectroradiometer (MODIS) sul satellite Terra della NASA il 17 luglio 2018. I più grandi incendi erano vicino a Ljusdal, Kårböle, Jämtland e diverse altre grandi città sono state evacuate. Nessun incidente mortale è stato segnalato finora. Il Servizio di Monitoraggio Atmosferico Copernico, ha realizzato un modello di previsione che mostra un aumento dell'inquinamento di polveri sottili sopra le zone colpite dagli incendi di questa settimana.

Gli incendi intensi sono insoliti per questo periodo dell'anno, in quanto le estati svedesi sono normalmente miti. Nel maggio 2018, diverse città hanno vissuto i loro giorni più caldi mai registrati negli ultimi 150 anni. Le temperature si sono poi raffreddate a giugno, ma sono tornate a livelli record a luglio, quando l'agenzia meteorologica nazionale svedese ha emesso un avviso di allerta per temperature estremamente elevate. Allo stesso tempo, in Svezia si sono registrate le precipitazioni più basse di sempre.

Questa è la mappa delle anomalie registrate, mappa che si basa sui dati di MODIS, il satellite della NASA che ha il compito di monitorare le temperature sulla Terra. In questa immagine vengono mostrate le temperature della superficie terrestre dal 1 ° al 15 luglio 2018, rispetto alla media 2000-2015 per lo stesso periodo di due settimane. I colori rossi rappresentano aree più calde della media; il colore blu quelle più fredde della media. Si noti che queste sono le temperature della superficie terrestre, non le temperature dell'aria. Le condizioni calde e secche hanno contribuito a creare il grave rischio di incendio per la Svezia. A partire dal 20 luglio, in Svezia si sono bruciati oltre 10.000 ettari di terra, che è quasi 24 volte maggiore della quantità di terra bruciata in tutto il periodo che va dal 2008 al 2017.

Le alte temperature e gli incendi boschivi colpiscono anche i paesi vicini e fino al nord del circolo polare artico. Le alte temperature di tutti i tempi hanno colpito 14 località in Norvegia, compresa la contea di Troms, dove le temperature hanno raggiunto i 33 ° C (92 ° F). La Finlandia settentrionale il 18 luglio, ha visto temperature di 33 ° C (91 ° F) , mentre gli incendi si sono diffusi anche vicino al confine tra Finlandia e Russia.

L'immagine a colori naturali mostra gli incendi vicino al confine tra Russia e Finlandia. L'immagine è stata acquisita da MODIS sul satellite Aqua della NASA il 20 luglio 2018.

 
Davvero un cambiamento climatico troppo spesso nascosto.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

21°C

Milano

Partly Cloudy

Humidity: 64%

Wind: 0.00 km/h

  • 17 Aug 2018 23°C 14°C
  • 18 Aug 2018 24°C 15°C